venerdì 22 ottobre 2021

The White Lotus... parliamone!

È stata da molti soprannominata la serie tv rivelazione dell'estate, arrivata su Sky e in streaming su NOW da agosto, ma in questo mare magnum ho impiegato un po' prima di riuscire a recuperare The White Lotus.


Ci troviamo in un resort di lusso alle Hawaii, il White Lotus appunto, dove danarose famiglie e persone abbienti sperano di vivere una vacanza extra comfort in uno dei paradisi di questa terra. Ma ci saranno alcuni intoppi che coinvolgeranno tutti, inclusi i dipendenti del White Lotus, che non godono ovviamente dei benefici dei loro ospiti, ma che devono arrabattarsi al meglio affinché il soggiorno continui. Ma delle bestie in una gabbia dorata, restano pur sempre delle bestie, ed ognuno dei protagonisti finirà per far esplodere i propri peggiori intenti, debolezze, vizi e anche bassezze


È indubbio che The White Lotus mi abbia intrigato sin da subito, sia per quello che accade nel primo episodio, sia per questo cast ricco che parte da Murray Bartlett (attore quasi feticcio di HBO che è rimasto uguale dai tempi di Looking), a Connie Britton e Jennifer Coolidge. Una coralità che però non si esplica mai del tutto, visto che le vite dei vari personaggi si toccano ma non si intrecciano. Ogni storia e ogni personaggio ha infatti una sua strada, e ogni percorso è intriso di una sorta di cinismo comico, con delle punte più drammatiche e intense. 
The White Lotus è infatti una sorta di ibrido: da un lato non è una commedia, seppur qualche momento comico si intravede. Non è un giallo perché il mistero viene sotterrato da altre situazioni, prima di essere spiegato. Non è nemmeno puramente un dramma, visto che un po' tutti i personaggi sono vittime di loro stesse, del loro modo di vedere il mondo, e quello che succede loro, in parte, ne è la conseguenza.

The White Lotus': cómo una serie para rellenar el verano se ha convertido  en el éxito inesperado de HBO

Vi dicevo che l'incipit di questa serie tv mi aveva attratto, ma mi sono presto incagliato perché purtroppo non ho capito dove volessero andare a parare con The White Lotus.
Non sono così stupido (forse): mi è chiaro il tentativo di critica di una parte della società, soprattutto quella più avvantaggiata della ricca borghesia bianca, ed anche il voler toccare alcuni dei temi che quotidianamente friggono sui social, sui giornali e nella vita di tutti i giorni.
Si toccano argomenti come l'appropriazione culturale, la visione della donna nell'ambito lavorativo e personale, i rapporti di amicizia sbilanciati, il lutto, l'abuso di sostanze stupefacenti, la famiglia, specie quella disfunzionale, e le disparità sociali in genere. 

The White Lotus: la recensione della serie tv di Sky

Il tutto è molto interessante e veritiero, ma ho trovato stridente e costruito il modo in cui sono stati inseriti questi temi in The White Lotus, come se si vedesse tanto chiaramente la mano dello sceneggiatore che cercasse in ogni modo l'occasione per inserirli. Anzi lo dico chiaramente: il lavoro di Mike White, già sceneggiatore di quella che ho definito la peggior serie vista dell'anno, è palese e io stesso forse avrei dovuto capire sin da subito che The White Lotus mi avrebbe in parte deluso. 
Il costante finire in situazioni estremamente grottesche, al limite del verosimile, spesso forzate, e con punte trash, scolla da un maggiore coinvolgimento, e crea secondo me un prodotto ben poco divertente, o amaramente ironico.

The White Lotus: in un resort delle Hawaii va in scena la satira sociale -  TeleNauta.it

La stessa costruzione dei personaggi a mio avviso ha giocato a sfavore della serie. Penso ad esempio alla coppietta fresca di nozze Shane e Rachel: lui ha il tipico atteggiamento da ricco bambinone viziato, roba vista e rivista, ma che comunque ha le sue ragioni nell'imporsi con il direttore del resort Armond (d'altronde chi non vorrebbe ottenere ciò per cui ha pagato?); lei invece, che dovrebbe uscirne come saggia ed equilibrata, non mi è sembrata più matura, visto che si è sposata il ragazzo senza nemmeno conoscerlo bene. Le dinamiche fra i due sono anche poco credibili: siete giovani e ricchi e non siete mai andati in vacanza insieme?

The White Lotus: recensione della serie HBO su Sky - Cinematographe.it

Va peggio forse con lo stesso Armond, la cui escalation viene non solo anticipata dalle sue prime battute, ma risulta anche poco credibile secondo me. E, a proposito di scarsa credibilità, ci serve ancora che Jennifer Coolidge interpreti i panni del donnone svampito, che eccede con l'alcol e dai modi strambi e lunatici? Io non credo.
The White Lotus funziona secondo me grazie ad una regia e delle scelte musicali che sono sintomo della qualità di HBO, all'attesa di scoprire l'intreccio thriller, alla sua durata di sei episodi e ovviamente agli attori che sicuramente portano a casa il loro compito. 
Potrei comunque recuperare la ormai confermata seconda stagione, visto che avrebbe altri personaggi (ad eccezione della Coolidge), storie e ambientazione, in un'ottica più antologica.
A voi è piaciuto The White Lotus? Cosa ci avete letto?


14 commenti:

E tu cosa ne pensi?

Info Privacy

  1. Ero indeciso, ora di più, ma per il momento non è in lista.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Temi anche tu possa essere troppo trash? Conosci lo sceneggiatore?

      Elimina
  2. Sono ferma a metà e non ci ho trovato niente di intrigante, ben costruito, ma una noia pazzesca e personaggi fastidiosi. Non penso di finirla, ormai giace lì abbandonata da più di un mese. LA NOIA! 😅

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensavo addirittura ai primi episodi... non che duri molto in ogni caso 🤣

      Elimina
  3. Ciao Pier, questa serie l'ho vista con piacere, ma non definerei sicuramente la rivelazione dell'anno (che per me è un'altra...) Io ci ho letto qualcosa di interessante, ma come hai ben spiegato tu c'è troppa carne al fuoco e non cucinata benissimo. Secondo il mio parere il filone principale è la questione sociale, ci sono troppi personaggi che predicano bene, ma poi razzolano male, anzi malissimo. La battuta che mi è piaciuta di più è quella che dice la delusa e sconfortata estetista/massaggiatrice olistica alla neo sposina molto confusa :" Ho finito tutti i consigli ". La visione è accompagnata da una colonna musicale davvero bella e per fortuna gli attori sono davvero bravi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Concordo anche io che il tema sotto è alla fine interessante e attuale, fermo restando che di ricchi ipocriti non è che non ne abbiamo mai visti. Vedrai la seconda stagione?

      Elimina
    2. Penso proprio di si ! Ho letto che l'ambienteranno in un altro resort con personaggi diversi, vedremo...

      Elimina
    3. Sì esatto, solo Jennifer Coolidge dovrebbe essere confermata.

      Elimina
  4. Io sono ancora indecisa se vederla o meno, ma per adesso credo che mi concentrerò su altro. Tra l'altro, sto facendo un rewatch di GOT (e poi avrei da vedere le ultime stagioni uscite di Sex education, You, Midnight Mass, ecc.).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wow un rewatch di Game of Thrones richiede davvero tempra! Brava 😄 Piacerebbe anche a me fare qualche rewatch, ma resterei troppo indietro. Fammi sapere che te ne pare di Sex Education se ti va!

      Elimina
  5. Io mi sono fermata alle prime due puntate. Mi ha annoiato e ho smesso. Buona domenica Pier!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che non sei la sola cara Mariella 😄 Bacio, buona domenica!

      Elimina

Vi sono piaciuti