mercoledì 9 giugno 2021

|#backtoseries|
Le "mini" serie tv da scoprire e la peggiore dell'anno 🤦🏻‍♂️

Quando seguo una serie tv più articolata e lunga, affianco sempre una miniserie o comunque un telefilm dalla durata minore, un po' perché cerco di sfruttare al meglio il tempo, un po' perché, generalmente, sono più leggeri o trattano temi importanti in modo più sciolto e centrato. È il caso di due serie tv in particolare che ho finito di vedere recentemente, ma purtroppo di mezzo c'è un flop così colossale da cui devo, per dovere umano e civile, mettervi in guardia.


Nudes 
Miniserie 
⭐⭐🌠


Apparsa su Raiplay il 20 Aprile, Nudes raccoglie 3 storie diverse, ma legate da un filo conduttore comune il revenge porn fra gli adolescenti. Vittorio, Sofia, Ada sono tutti ragazzi giovanissimi che, da angolazioni diverse, si ritrovano in una situazione più grande di loro. Vittorio infatti dovrà fronteggiare l'accusa di aver condiviso il video di una ragazza coinvolta nel rapporto con un amico; Sofia invece si troverà dall'altro lato, quando a sua insaputa verrà filmata e un suo video verrà condiviso fra i suoi compagni. Una sorte diversa ma altrettanto complicata spetterà ad Ada, che, ingenuamente, si fiderà di un contatto trovato tramite una chat online

Nudes è una serie dalla struttura molto semplice, ma che prende respiro proprio grazie al fatto che racconta tre filoni narrativi che non si toccano ma viaggiano su binari paralleli. È chiaro che il pubblico a cui si riferisce è quello dei più giovani e alle famiglie, e il suo punto di forza credo sia raccontare delle situazioni particolarmente complesse ed attuali, in un modo abbastanza diretto e sufficientemente  realistico. Anche i dialoghi, per esempio, mi sono sembrati abbastanza credibili e senza troppi cliché.


Nudes sa poi spaziare fra diversi argomenti: si parte dal revenge porn raccontato con modi e prospettive diverse, ma si passa a temi più ampi come il valore dell'amicizia e l'importanza del supporto della famiglia, soprattutto per ragazzi a quella età e in situazioni particolari, e l'eccessivo uso di social con tutto ciò che comporta.
Non ci vuole molto a capire che non si parla di un capolavoro della serialità, visto che ad esempio la recitazione e la regia non sono di particolare livello, ma può avere un suo senso per gli adolescenti, anche perché tutto porta ad una strada: se necessario, bisogna saper chiedere aiuto. E per quanto la serie sia limitata a raccontare i fatti più che a voler insegnare come eventualmente evitare certe situazioni, credo possa portare a riflettere sia i più giovani che i più grandi, perché in fondo non c'è età per cascare in certe situazioni. 


Dollface
Prima Stagione 
⭐⭐⭐


Mi sposto su Star, dove il 5 Marzo è arrivata una serie tv che risale al 2019, ma che è stata per me molto piacevole da seguire, ovvero Dollface. Anche in questo caso l'incipit è abbastanza attuale, infatti a chi non è capitato di vedere sparire un'amica o un amico una volta che si fidanza? Ecco, è il caso di Jules che, dopo cinque anni, viene mollata dal ragazzo Jeremy, e così decide di tornare dalle amiche. Ma, ovviamente, non sarà facile riconquistare la fiducia e il grado di affiatamento che aveva con le ragazze prima di allontanarsi. Jules però si dovrà scontrare anche con i problemi a lavoro, i nuovi incontri tramite app di appuntamenti, e imparare a trovare di nuovo se stessa.


Femminile, leggera, spiritosa, un po' fumettosa, ma anche attuale, è così che descriverei DollFace se dovessi usare solo aggettivi. Potrei aggiungere anche snella, visto che gli episodi durano venti minuti circa, ma mi sembra il caso di aggiungere anche qualche parola in più. Credo che Dollface sia giusta nel suo stile e centri il suo intento, unendo appunto situazioni tragicomiche, che fanno spesso sorridere e divertire, ad una scanzonata presa in giro di alcune dinamiche sociali, partendo appunto da quello che dà l'incipit alla serie. Ma il personaggio di Jules ci aiuta a confrontarci anche nei confronti di alcuni stereotipi e pregiudizi, soprattutto sulle donne e sull'amicizia femminile.


Ho trovato molto carino, anche se un po' incasinato, proprio in questo senso l'episodio in cui vanno ad affrontare i diversi tipi di femminismo, che è un argomento spesso di scontro anche sui social. Dall'altro lato il problema di Dollface credo sia proprio che non c'è una particolare continuità negli episodi in termini generali di qualità: qui e lì gli avvenimenti vengono intercalati dall'immaginazione di Jules, un po' come accadeva in Ally McBeal se come me non siete di primo pelo, e non sono sempre scenette riuscite, né le ho trovate tutte particolarmente comiche. In generale non si parla di personaggi complessi con personalità così fortemente strutturate, perché il primo obbiettivo di Dollface credo sia intrattenere, e lo ha fatto piacevolmente, almeno per quanto mi riguarda.


Enlightened - La nuova me
Prima stagione
🌠


Faccio un salto ancora più indietro negli anni, al 2011 esattamente, quando venne lanciata in America una serie intitolata Enlightened, con protagonista Laura Dern, composta da sole due stagioni e dalla durata di circa 25 minuti ad episodio. Da noi in Italia è invece arrivata solo il 12 maggio di quest'anno, e per varie ragioni sono stato subito incuriosito da questa serie, ma sono stato presto smentito.
Ma andiamo in ordine: Enlightened racconta le vicende di Amy la quale, a seguito di un forte esaurimento sul posto di lavoro, decide di prendersi una pausa, e cercherà di ritornare in carreggiata attraverso un percorso riabilitativo alle Hawaii. Amy riuscirà in seguito a tornare al suo posto di lavoro, ma le verrà dato un altro incarico, decisamente più svalutante, e il rapporto con i colleghi metterà in difficoltà la sua ritrovata stabilità.


Nonostante le stagioni siano due, io mi sono trascinato a fatica solo nella prima, e arrivato alla fine ho capito che dovevo avvisarvi di non perdere nemmeno un secondo a guardare Enlightened, perché è una delle serie più insipide che abbia visto negli ultimi anni. Parte infatti da un assunto a mio avviso sbagliato, visto che da un lato non conosciamo come fosse prima Amy, dall'altro, tornare sullo stesso posto di lavoro, che l'ha fatta star male, non mi sembra proprio da persona "illuminata". C'è inoltre una incongruenza: se consideriamo che prima Amy aveva un ruolo di maggior controllo, ed era a conoscenza di alcune dinamiche fra i suoi colleghi e nel suo luogo di lavoro, non ha senso che voglia ritornarci o eventualmente che si indigni scoprendole come fosse tutto nuovo.


Ma c'è di peggio, perché la protagonista insiste nel voler a tutti i costi riabbracciare i rapporti con le persone con cui ha avuto comunque un forte scontro, e lo fa rendendosi ad ogni costo pesante e antipatica anche a noi che dobbiamo seguire le sue disavventure. Non c'è quindi un grande percorso introspettivo, ma più questo frustrante, continuo sbattere con una realtà a cui Amy non appartiene più e che non vuole più accettarla. Non c'è una scoperta o una riscoperta, ma solo una persona che porta avanti le proprie rinnovate convinzioni e vuole imporle a quello che dovrebbe essere il suo passato.


Sono veramente pochissimi i momenti in cui ci possiamo confrontare con delle riflessioni più interessanti, come quando Amy ci racconta del suo spontaneo paragonarsi agli altri, alle loro vite che viste dall'esterno sembrano perfette. Molto affascinante se consideriamo si tratta di una serie ante-social o quasi. Per il resto però credo che Enlightened - La nuova me sia la peggior serie dell'anno, è fiacca, noiosa, priva di spunti, esente da comicità o qual si voglia range di emozioni, con vicende narrative che non intrigherebbero nemmeno chi non ha mai visto un film o un telefilm in vita sua. Sono rimasto molto stupito nel leggere che nel 2012 venne candidata ai Golden Globes, quando, in realtà non avrebbe nemmeno dovuta essere creata, almeno con questi intenti.


16 commenti:

E tu cosa ne pensi?

Info Privacy

  1. Ma quella è Kat! Già questo è abbastanza per dargli una chance...conosco comunque Nudes, però ancora non so, e l'ultima invece mi terrò tranquillamente a distanza..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È lei! 😄 Anche se la conosco solo per fama, perché non ho mai visto Two Broke Girls

      Elimina
  2. Non sono d'accordo su Enlightened :) di sicuro non è una classica commedia che ti strappa risate a scena aperta (nemmeno la inserirei nella categoria comedy sinceramente) , ha dei momenti drammatici e tocchi poetici che mi hanno colpito e commosso, in più punti ho dovuto interrompere la visione per riprendermi un po', soprattutto nella seconda stagione al centro infila tre episodi sulla depressione, fatica di vivere e la banalità della condizione umana davvero toccanti. A questo punto sono curiosa di sapere cosa ne pensi di Barry, altra dark comedy di Hbo in 2 stagioni che di recente Sky ha passato tutta assieme come Enlightened ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere che ti sia piaciuta perché significa che non hai perso tempo 😄 Alla fine è quello l'importante, trovare qualcosa che ci piaccia. Io non ho percepito molto il risvolto più profondo, se non in un paio di riflessioni, che però mi sono quasi sembrate slegate al resto. Anche secondo me non è comunque una comedy ma al massimo una dramedy.
      Di Barry ho recuperato il trailer ma non credo mi possa piacere, proprio in generale come argomento

      Elimina
  3. Io e i miei pregiudizi verso le serie italiane non ci eravamo avvicinati a Nudes, ma magari, visto che è su Raiplay...
    Grazie invece per avermi ricordato dell'esistenza di Dollface, l'avevo segnata e dimenticata, chissà perché. Magari la recupero appena arriva la seconda confermata stagione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nudes educativa ma non troppo piatta, secondo me come prodotto italiano non è malaccio! Contento di essere stato d'aiuto per Dollface 😄

      Elimina
  4. L'ultima, nonostante tutto, è la sola a ispirarmi un po'. Complice la Dern. Avevo iniziato Nudes, ma mi pareva una di quelle serie progresso da mostrare nelle assemblee di istituto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahaha non posso darti torto, l'impianto generale è sicuramente quello di una serie tv educativa!

      Elimina
  5. Grazie per il consiglio su Enlightened perché ero tentata di guardarla. Ma ora farò a meno. Buon sabato Pier🌻

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mariella! Guarda magari finisce che ti piace com'è stato con Diana qualche commento su. Io credo ci siano serie tv migliori in cui investire il proprio tempo 😄 D'altronde se l'hanno interrotta dopo due stagioni, ci sarà una ragione! Baci e buon fine settimana 🌸

      Elimina
  6. dollface ne ho sentito parlare, la devo recuperare..

    mallory

    RispondiElimina
  7. Dollface mi ispira, sembra troppo carina! Leggendo la trama stava per ispirarmi anche Enlightened, ma dopo la tua opinione mi sa che passo... XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me ti piacerà! Enlightened è stata davvero una perdita di tempo, onestamente con tutte le serie tv e film che possiamo vedere al giorno d'oggi, sarebbe assurdo darle anche solo una chance secondo me.

      Elimina
  8. Pier come riesci a star dietro a tutte queste serie?! Hai il mio plauso davvero. Io ne sto seguendo a stento una (l'ultima stagione di The handmaid's tale) e già faccio fatica a trovare il tempo per farla. Nudes non l'ho mai sentita, ma capisco come possa essere d'aiuto in certe situazioni. Probabilmente mi viene in un qualche modo da empatizzare con i personaggi e la storia, perché mai come questo anno, mi sono accorta (lavorando con i ragazzi) quanto per loro sia difficile chiedere aiuto in certe situazioni e di come siano disagiati gli adolescenti di oggi. Non solo dal punto di vista dell'educazione sessuale e social, ma sotto tanti punti di vista. Me la appunto, per quando avrò tempo a disposizione ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me è una routine: dopo cena, più o meno dalle 21 alle 23, guardo le serie tv, dalle 23 alle 23:30/24 leggo e poi nanna 😄 Ovviamente è molto variabile in base al sonno, e alle cose che ho da fare. Ma, in questo caso, sono le serie stesse più facili da seguire perché durano poco!
      Nudes mi ha ricordato un po' la mia adolescenza, forse è per questo che ti ci senti vicina 😊 Mi dirai se la recuperi!

      Elimina

Vi sono piaciuti