venerdì 21 gennaio 2022

La mia esperienza di acquisto sul sito di Calliope è andata male... fate attenzione 🚨!

Avete fatto acquisti in questi saldi invernali? Io ero quasi in procinto di saltarli a piè pari, ma poi mi è apparsa una pubblicità del brand di abbigliamento Calliope, che fa parte del gruppo Teddy e mi sono soffermato.
Mi era capitato di sbirciare sul loro sito in passato, ed avevo visto che la sezione uomo si avvicinava abbastanza ai miei gusti. Così, quando ho visto che avevano dei saldi fino al 50% (poi diventati fino al 70%), mi sono lanciato.


Il sito di Calliope non è fra i miei preferiti, perché lo stile editoriale, con le immagini molto grandi, rende la navigazione dispersiva, ma fortunatamente con i filtri e le sottosezioni, ci si muove abbastanza bene e i prodotti hanno delle schede con le descrizioni. Fare un ordine sul sito Calliope è insomma abbastanza semplice, così come creare un profilo, qualora lo si voglia (non è necessario al fine dell'ordine perché si può ordinare anche come ospiti).

Se ci si iscrive, tramite l'app o in negozio è possibile sottoscrivere la Glam Card, una carta fedeltà grazie la quale si accumulano 5 euro bonus ogni 30 euro spesi. Le condizioni di vendita del sito Calliope mi sembrano vicine a quelle di molti altri siti di abbigliamento: ad esempio, le spese di spedizione sono gratuite da 40 euro di merce, mentre al di sotto si paga un extra di 3.99€. Si può ritirare il proprio ordine gratuitamente in uno dei negozi Calliope.
I metodi di pagamenti spaziano dalla carta di credito a Paypal, ed è incluso il contrassegno, con un costo ulteriore di 3.99€. Tutte queste informazioni le trovate chiaramente sul sito quindi non mi ci soffermo. Credo invece possa essere molto più utile la mia esperienza con Calliope perché ho capito che è necessario prestare attenzione quando si acquista (o magari sono stato io sfortunato!).


Ho inoltrato infatti il mio acquisto giorno 5 Gennaio, ed il mio pacco è stato spedito il 7, con corriere Bartolini. Tutti i passaggi vengono notificati tramite e-mail, quindi sapevo esattamente cosa stava accadendo al mio ordine e quando mi sarebbe stato consegnato: giorno 12 gennaio infatti il corriere ha suonato alla mia porta con il mio pacchetto. 
L'impressione generale che ho avuto con la qualità di Calliope, per quanto limitata, è stata discreta: mi è sembrato che si avvicini comunque ai marchi di abbigliamento che hanno più o meno gli stessi prezzi.
Tuttavia nel mio ordine trovo un inghippo: ero sicuro di aver acquistato un semplice pantalone 5 tasche slim fit, ma mi è stato recapitato uno Regular Stretch. Inizio quindi i miei controlli, perché a volte sono molto sbadato: in effetti sul sito il modello era indicato come "slim", pur avendo lo stesso codice del pantalone taglio regolare che avevo ricevuto.


Non per essere puntiglioso, ma i modelli regular mi stanno abbastanza male, e questo in particolare mi stava anche grande, pur essendo della mia taglia, quindi dovevo restituirlo. Prima però ho cercato di contattare il servizio clienti, per capire dove stesse l'errore, facendo presente che c'era disparità fra il modello ricevuto e quanto indicato sul sito. L'operatore del servizio clienti è stato celere e mi ha subito confermato che il problema era quanto scritto sulla descrizione dell'e-commerce, e che quindi effettivamente avevano sbagliato loro.
Da qui si aprono una serie di parentesi poco carine. 
Parto col dirvi che il reso è gratuito entro 30 giorni dall'ordine, sia che lo prenotiate a casa tramite corriere, e in questo caso basta seguire la procedura sul sito Calliope, sia in negozio, dove basta che vi recate con il vostro ordine. Il reso in negozio in realtà non so come funzioni perché, pur avendo un punto vendita abbastanza vicino, ero perplesso sulle modalità, visto che sul sito si legge

"Sarà necessario presentare in cassa un documento d’identità e il riepilogo ordine trovato dentro il pacco."
Ma sul modulo che era all'interno del pacco c'era scritto che era necessario presentare semplicemente l'allegato della mail di spedizione.


Confuso sul da farsi ho seguito la procedura per il ritiro a domicilio, anche questa poco chiara visto che sul sito si legge
"Il corriere passerà automaticamente per il ritiro entro 7 giorni lavorativi"
Quindi per sette giorni lavorativi è necessario aspettarsi il corriere da un momento all'altro? Questo non lo so, perché giorno 12 Gennaio stesso inoltro la procedura di reso, e giorno 13 fortunatamente il corriere è passato a ritirare il pacco. Il corriere mi ha lasciato una etichetta con un codice per il tracking tramite cui potevo sapere quando il mio reso sarebbe arrivato a destinazione. Giorno 17 ricevo non solo la mail della conferma dell'arrivo del mio pacco in sede, ma anche il rimborso tramite il metodo di pagamento che avevo scelto.

Faccio però un passo indietro: vi ricordate che avevo segnalato l'errore del sito al servizio clienti Calliope? Bene, visto che lo sbaglio è stato da parte loro, mi aspettavo un gesto simbolico per scusarsi, che non significa che avrebbero dovuto darmi una fornitura mensile delle loro collezioni, ma bastava anche un rimborso delle spese di spedizione. Faccio notare all'operatore del servizio clienti con la quale mi sono interfacciato che mi sarei aspettato qualcosa in questo senso. 
La sua risposta è che il reso è gratuito.
Quel giorno però avevo la luna storta e quindi ho insistito dicendo che non mi sembrava un atteggiamento apprezzabile da parte di Calliope e a quel punto mi ha dato un codice sconto, che non avevo alcuna intenzione di utilizzare a prescindere.

Ma non finisce qui: infatti nelle ore seguenti la mia segnalazione, il pantalone che ho acquistato aveva ancora la descrizione del modello sbagliata. Solo il giorno dopo ho visto che sul sito avevano modificato la dicitura sul pantalone blu, ma lo stesso modello in colore diverso aveva la descrizione ancora errata, e la situazione è rimasta invariata per almeno un paio di giorni. 
Questo significa che molte persone possono aver acquistato un prodotto non conforme a quanto scritto sul sito.


Ma questa prosopopea non poteva finire bene: proprio prima di iniziare a scrivere questa mia lunga lamentela su Calliope, ho simulato un ordine online, e non solo il bonus che ho guadagnato con il primo ordine grazie alla Glam Card funziona solo su merce non in saldo (sebbene non specificato), ma il coupon che mi ha lasciato il servizio clienti non funziona su niente.
Quindi il mio consiglio se avete intenzione di acquistare dal sito di Calliope è di stare molto attenti alle descrizioni dei prodotti che potrebbero non essere corrette, e siate pronti ad un eventuale reso non semplice qualora vogliate restituire dei capi.


Qual è stata la vostra esperienza con questo negozio?




11 commenti:

E tu cosa ne pensi?

Info Privacy

  1. Hai fatto bene a fargli notare la poca affidabilità delle loro informazioni. Io non amo granché il marchio per cui i loro saldi ammetto di non averli guardati.
    Baci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sembra il minimo, anche perché il reso è sempre un po' scocciante, e immagino che le persone meno pratiche o con meno tempo di me possano avere difficoltà.
      Come mai non ti piace il marchio?
      Baci, buon venerdì!

      Elimina
    2. Guarda non so dirti nello specifico. Qui non sono moltissimi i negozi Calliope ma le poche volte che sono entrata non sono riuscita mai ad uscire con la spesa. Mai qualcosa che mi stupisse o mi venisse voglia di provare :D

      Elimina
    3. Ah ti capisco! A me capita con OVS: ci entro per curiosità e poi esco sempre a meno vuote 😅

      Elimina
  2. Ma lo sai che il sito di Calliope non tanto mi hai mai ispirato fiducia, non so perché.
    Al negozio fisico, stranamente, ho spesso trovato cose carine (soprattutto pantaloni) mentre online sono sempre stata titubante e non ho mai acquistato nulla effettivamente proprio perché avevo paura di non azzeccare taglie e modelli.
    In generale per l'abbigliamento io sono diventata una cliente abituale di Shein ormai, che coniuga la mia povertà (ahahahah) al fatto che mi piacciono le cose strizzose (passami il termine xD) e comunque piuttosto classiche.
    Mi dispiace per la tua disavventura online, tra l'atro è sempre una noia proprio per questo: non avere nessuno di concreto cui rivolgerti.
    La questione del coupon farlocco che ti praticamente ti hanno dato per farti stare buono e che è inutilizzabile...è proprio un colpo basso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Quindi hai trovato differenze fra la merce online e quella in negozio? Io a dire il vero in negozio non ci sono mai stato, ha aperto da poco dalle mie parti ma non ho avuto modo.
      Shein lo conosco per fama 😄
      Il coupon davvero mi ha fatto ridere. Devo ammettere che ho riprovato ad usarlo e il giorno dopo funzionava, però boh mi sono sentito preso in giro onestamente. E comunque il fatto che me lo diano DOPO che io faccio notare il problema...

      Elimina
    2. Diciamo che siccome non sono modaiola non apprezzo capi che non siano proprio semplici: mi piacciono solo i capi aderenti o tendenti a quello, quindi online ho difficoltà ad acquistare.
      Per questo, invece, mi piace Shein: la maggior parte dei capi ha questo stile, c'è tantissima scelta e comunque per quel che spendi vale la pena provare. Ero spaventata dalle taglie però devo dire che fino ad ora non ho mai toppato nulla (sempre S o XS). Sinceramente penso di continuare ad acquistare là.
      L'ultimo ordine che ho fatto qualche mese fa è stato il più bello, ti giuro, 60 euro ed ho comprato una miriade di maglie stupende più una gonna da capogiro 😂
      Insomma, se sei propenso all'acquisto online io te lo consiglio prima o poi :)
      Ps. Non mi pagano per portare loro clienti 😂😂😂

      Elimina
    3. *Qualche giorno fa, non mese. Non fa differenza ma mi piace la precisione delle info 😂

      Elimina
    4. ahahah ti ringrazio, ci darò un'occhiata. Anche io tendo a fidelizzarmi con un brand le cui taglie mi stanno sempre allo stesso modo e come voglio io 😄

      Elimina
  3. Ciao Pier! Ti ho visto tra i miei followers e sono venuta a curiosare anche io sul tuo blog. Oltre a ringraziarti e ricambiare molto volentieri (ti ho anche aggiunto alla mia lista su Fraidycat così non mi perdo nessun aggiornamento!) volevo lasciarti un piccolo contributo a questo tuo post :)
    Ho lavorato per 5 anni nell'assistenza clienti di un'azienda informatica quindi so come funzionano certe dinamiche. L'operatore con cui hai parlato avrà sicuramente indirizzato la tua segnalazione relativa all'errore presente sul sito al reparto tecnico che gestisce il sito stesso... Ahimè, certi piccoli cambiamenti, per i quali basterebbe davvero un paio di minuti d'orologio, vengono spesso relegati tra le cose meno importanti da fare e, di conseguenza, possono rimanere in sospeso anche per qualche giorno! Qui la colpa non è dell'operatore, idem per il codice sconto: di solito in queste grandi realtà vengono preparati da un reparto commerciale e per sistemare la faccenda tu devi chiamare il customer care, che deve segnalare il codice non funzionante al commerciale di turno perchè l'assistenza non può metterci mano. :/ Insomma, ufficio complicazione cose semplici come si suol dire xD
    A buon rileggerci! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Grazie mille per il tuo punto di vista da insider 😄
      L'unica "colpa" (alla fine non è successo nulla di grave, non è morto nessuno) che do all'operatore è avermi costretto ad insistere per un gesto da parte dell'azienda. Poi capisco che il servizio clienti non può occuparsi anche degli aspetti tecnico-grafici del sito, ma appunto se arriva una segnalazione mi aspetto una correzione completa, non a metà. Nel suo insieme (correttezza delle descrizioni, servizio clienti, reso) questo sito può funzionare poco bene e quindi eccoci qua 😄

      Elimina

Vi sono piaciuti