17 ottobre 2014

The Sessions - Gli appuntamenti (2012)

Il 90% dei film che sto guardando per adesso fanno parte di tutta una serie di consigli ricevuti qui e lì, come se la mia facoltà di discernimento sia andata a farsi una vacanza, cosa del tutto probabile visto che la mia attenzione è puntata altrove.
Questa volta mi è stato consigliato un film tratto da una storia vera, o meglio a un articolo scritto dallo stesso protagonista.


Titolo originale: The Sessions
Paese di produzione: USA
Durata: 98 minuti
Genere: drammatico
Regia: Ben Lewin

Mark O'Brian è uno scrittore rimasto tetraplegico a causa della poliomielite contratta in giovane età. Trascorre le sue giornate in un polmone d'acciaio, un grande macchinario metallico che lo aiuta nella respirazione, e compone perlopiù poesie.
Un giorno viene contattato dalla Pacific News Service per scrivere un articolo su un argomento a lui molto vicino: sesso e disabilità.
Mark infatti, a causa della sua malattia, pur avendo 38 anni, è ancora vergine. Attraverso una delle interviste condotte per il suo articolo, scoprirà che esistono delle professioniste del sesso, le quali si occupano di insegnare i primi passi verso dell'atto sessuale. 
Conoscerà così Cheryl Cohen-Greene, che attraverso sei incontri, insegnerà al protagonista a muoversi e a relazionarsi con il corpo di una donna, non senza problemi.
Guida spirituale in questo percorso sarà padre Brendan a cui Mark rivelerà tutte le sue paure a riguardo, conscio del fatto che non avrà davanti a sé moltissimi anni da vivere e che ancora non ha incontrato l'amore.
Tuttavia gli incontri fra Cheryl e Mark si fermeranno, non senza sofferenza da parte di entrambi, solo a quattro, quando si ritroveranno coinvolti in qualcosa di più che un rapporto professionale, seppur particolare.
Qualche tempo più tardi però, si presenterà a Mark l'occasione per trovare ciò che stava cercando.

Pur prendendo a tema uno dei tabù ancora esistenti, quale la sessualità rapportata alla disabilità, nulla in questo film risulta morboso o fuori luogo.
La nudità, le scene di sesso, seppur istanti e mai volgari, i dialoghi, si svolgono con una delicatezza che rendono il tutto naturale e scorrevole.
Gli attori risultano poi perfetti nei loro panni. John Hawkes, che interpreta Mark è perfetto non solo nella fisicità, ma anche nel non far cadere nel pietismo o nella macchietta il suo personaggio.
Il suo sguardo raccoglie l'esatto incrocio fra la curiosità di un bambino che ancora deve scoprire il mondo, e la saggezza di un adulto che dal mondo non si aspetta più nulla.
Helen Hunt invece interpreta, con la sua bellezza ormai non più freschissima, con eleganza Cheryl: una donna sensuale, ma non sguaiata, in grado di vivere e mostrare il proprio corpo con spontaneità genuina.
Tutto ciò crea una storia commovente ma non banale, in grado di coinvolgere dall'inizio alla fine senza scadere in falsi moralismi e la disabilità finisce per diventare un contorno ad una bellissima storia di vita vera.


Voto 8 e mezzo





15 ottobre 2014

TAG - Serie Tv (con MissPenny09)

La mia tracotante passione per i telefilm non può avere sfogo solo tramite il #backtoseries, chiede molto di più. Così, quando MissPenny09, che sul suo canale Youtube, che dovete visitare o finisce a schifio, non fa video solo sulla cosmesi ma anche su libri e appunto sui telefilm, mi ha chiesto se mi andava di fare con lei questo tag, non ho saputo dire di no.
Ventuno domande, più una aggiunta da me.

1) Qual è la prima serie che hai seguito?
La primissima credo sia stata qualcuna dei primi anni '90, tipo I Robinson o Otto Sotto un tetto. Ricordo un me molto piccolo che si terrorizzava davanti a X- Files, avendo sorelle più grandi che lo guardavano. Ma per seguire con attenzione, dalla prima all'ultima stagione, dovremo aspettare qualche anno con Streghe (Charmed). Avevo sette anni.


2) Qual è la tua serie anni '90 preferita?
La tata, il seme del trash è sempre stato con me. Poi è venuto Buffy, l'ammazzavampiri e poi Sex and the City, anche se mi ha colpito più tardivamente.


3) Qual è la tua serie anni 2000 preferita?
Brothers and Sisters. Mi piaceva moltissimo anche Alias, e ricordo comprai il Telefilm Magazine che uscì quando è terminato che raccoglieva tutti i riassunti in breve di tutte le stagioni. Non mi spiacevano anche Gossip Girl, peccato che poi le ultime stagioni erano scemate e Gilmore Girls ( Una mamma per amica).



4) Qual è la tua serie preferita in corso?
American Horror Story. La critico spesso, ma chi se ne perde una puntata?! Ho preferito la prima stagione, mentre la seconda e la terza mi sono piaciute/mi hanno deluso in egual modo. La quarta tutta da scrivere. E ci sarà anche una quinta stagione.
Ammetto che comunque se guardo una serie vuol dire che in qualche modo è la mia preferita, altrimenti non ci perderei tempo.



5) Qual è il tuo series creator preferito?
Non sono un esperto ma direi J.J. Abrams, Ryan Murphy e qualcun altro che non conosco ma che dedurrete facilmente dalle serie che mi piacciono.

6) Qual è il series creator che odi di più?
Credo i creatori di Game of Thrones, David Benioff e Daniel Weiss, ovviamente appoggiati da George Martin: sono talmente bravi da risultarmi stronzi ogni volta che mi lasciano come un allocco. Il nostro è un classico rapporto di amore - odio.

7) Qual è la tua Ship preferita?
Scotty e Kevin (Brothers and Sisters) sono forse la ship preferita, non solo per la loro omosessualità, ma perché sembravano una coppia concreta e non stereotipata. Adoravo Phoebe e Cole, da Streghe, ma devo dire che mi ha colpito recentemente Piper e Larry di Orange is the new black. E' una coppia contorta, si amano ma si ritrovano a fronteggiare il fatto che lei vada in galera e tutto il suo passato che ritorna. E non posso non citare Emily Thorne e Daniel Grayson

Insomma, preferisco le coppie brevi e instabili, sarà colpa della sindrome dell'abbandono?

8) Per chi hai una cotta vergognosa?
Ho avuto una cotta per Peter Bishop/Joshua Jackson di Fringe, poi per Klaus Mikaelson/ Joseph Morgan di The Originals. E recentemente una cotta minuscola per Harvey Specter/Gabriel Macht da Suits, per colpa di Clyo. In realtà anche loro mi amano, e molto presto lo scopriranno, lasceranno le loro consorti e verranno a suonarmi alla porta.


9) Qual è il peggior finale di tutti i tempi? E il migliore?
I peggiori credo siano tutti quelli che non hanno un finale, perché magari la serie viene cancellata. E' una cosa che detesto.
Scegliere il migliore invece è difficile. Mi è piaciuto Buffy, ma non mi è spiaciuto anche quello di Will& Grace, un po' dramamtico. Posso dire una cosa? I finale di serie mi fanno schifo un po' tutti.


10) Chi non ha saputo fermarsi?
Supernatural, non ho dubbi. Continuo a seguirlo, i fratelli Winchester meritano, ma 10 stagioni sono un po' tante per sviluppare uno stesso tema.


11) Qual è il miglior episodio pilota?
Non è che ricordi tutti i primi episodi, ma ricordo che mi piacque molto il pilot di Misfits, e anche Pretty Little Liars, salvo poi rivelarsi due trashate. Le apparenze ingannano!


12) Qual è la cancellazione che ti ha spezzato il cuore?
Forse non tutti lo ricorderanno, ma io adoravo Popular, che era una serie dei primi anni 2000, creata da Murphy, che essenzialmente era un teen- drama, ma mi piaceva moltissimo. Io mi sentivo in parte anni luce dai protagonisti, molte volte invece quell'esagerazione faceva riflettere. Lo trasmettevano su Rai2 il sabato nel primo pomeriggio, ma era difficile seguirlo perché lo spostavano sempre. Solo dopo un po' ho coperto che non era andato oltre la seconda stagione.

13) Qual è l'attore che sarà sempre il suo personaggio qualunque altra cosa faccia?
Credo Zachary Quinto che per me resterà per sempre un pazzoide, ma anche Holly Marie Combs, ma anche Tori Spelling, seppur rifattasi tante volte, ma anche Calista Flockhart forever Ally McBeal, ma anche qualcun altro che adesso non ricordo.

14) Qual è la serie che stai aspettando con più trepidazione?
Game of Thrones che ogni volta fa penare un anno prima di ripresentarsi.


15) Qual è la serie che ti ha cambiato la vita?
Credo nessuna, ma giustamente direi, perché sono troppo razionale per farmi influenzare in maniera così forte da una storia inventata.

16) Qual è una serite tv per ridere?
Seguo poche comedy, sono più per il depresso andante. L'unica che mi fa ridere è Devious Maids.
Anche Sex and The City e Will& Grace, ovviamente.


17) Qual è una serie tv per piangere?
Tipo tutte quelle che ho nominato, frigno sempre. Soprattutto The Vampire Diaries, mi fa sentire una dodicenne. Forse perché è un telefilm per dodicenni?


18) Qual è una serie tv per riflettere?

Un po' difficile, credo Brothers and Sisters che metteva in mezzo belle tematiche, ma ce ne sono molte che mi fanno riflettere. Un esempio è Suits, iniziata da poco: io ci ho estrapolato il messaggio che la vita richiede sacrifici, ma anche rischio e una bella botta di chiappa, poi magari mi sono inventato tutto e gli autori non ci hanno nemmeno pensato. O Downton Abbey, che pur essendo ambientata agli inizi del '900, presenta argomenti attualissimi.


19)Hai mai pianto per un episodio?
Ancora? Sì, l'ho detto, frigno, piango, mugolio. Appena muore qualcuno sto lì pronto col fazzoletto. Appena uno viene lasciato, sto lì col fazzoletto. Appena uno si sbuccia un ginocchio, sono lì col fazzoletto.

20) A quale personaggio somigli?
Se intendi fisicamente, ne ho parlato qui . Caratterialmente è difficile. Penso di essere una sorta di Will Truman, con una punta di Kevin Walker, qualcosa anche di Phoebe Halliwell, una goccia di Emily Thorne. Mi ritrovo anche un po' in Stefan Salvatore, tranne per la faccia da papero, e in Hanna Marin, tranne per le extension.



21) Qual è la serie che hai abbandonato?

Ne ho una sfilza. Da Misfits a New Girls a Heroes a Fringe a Once upon a time a Lost e potrei continuare. La ragione è semplice: se scordo di andare a cercarmi le puntate, allora non mi piaci più.

Domanda aggiunta da me, ché ventuno sono poche.

22) Quale serie non riesci a seguire/ non sopporti? Quale fra le recenti serie tv vorresti seguire?
Non sopporto The Mentalist, che Simon Baker meriterà pure ma il suo personaggio mi urta. Mi urtano un po' tutti i vari CSI e NCIS: la noia.

Mi piacerebbe invece seguire Salem e Gotham, ma devo trovarne il tempo.

In teoria dovrei taggare qualcuno, ma non lo faccio perché ammetto che è stato un po' complicato ripescare alcune cose nei cassetti della memoria. Però chi dovesse trovare il tag interessante, può sentirsi nominato. Per qualsiasi cosa, un commento o un suggerimento telefilmico vi aspetto giù nei commenti.

Ci tengo a ringraziare particolarmente Simona, non solo per l'idea del tag e di collaborare, ma perché quando ti metti in rete, su un social o un blog, apri una finestra su un mondo che non è esattamente bello e piacevole. Poi, per caso, incontri gente con una bella capoccia, persone con le quali scatta quel feeling che ti fa venir voglia anche solo di lasciarsi un saluto fra i commenti, e nasce subito una certa simpatia. 
Simona è una di queste persone per cui sono davvero felice di aver aperto questo spazio. In questi giorni, organizzandoci per questo tag, ci siamo scambiati varie mail che penso abbiano dato a entrambi altri pezzetti delle persone reali che sono dietro a dei nickname, e per me sono dei bei pezzetti.
E poi Simona è una forza della natura: tu la vedi lì in video, bionda con questi occhioni azzurri, poi però scopri che è alta un metro e 80, ha due mani che se ti tira una cinquina ti sgancia una mascella e un caratterino mica da ridere, di quelli che non le mandano a dire e vanno alla sostanza, come piace a me.
Non mi resta che lasciarvi al suo video e spargere baci a profusione. 






10 ottobre 2014

Gli amanti passeggeri (2013)


Titolo originale: Los amantes pasajeros
Paese di produzione: Spagna
Durata: 90 minuti
Genere: commedia
Regia: Pedro Almodóvar

A causa di un problema col carrello di atterraggio, dovuto ad una disattenzione degli addetti, un aereo da Madrid, diretto in Messico, si ritrova a girare in torno in attesa di poter effettuare un atterraggio d'emergenza molto rischioso. 
Tuttavia la situazione è più delicata di quanto ci si possa aspettare: pare infatti che sullo stesso aereo, alcuni anni prima, sempre a causa di un fraintendimento e di un problema di volo, un uomo venne ucciso dai passeggeri.
Dopo aver letteralmente sedato la classe economica, degli steward molto particolari dovranno fronteggiare la business class come meglio possono, composta da una sensitiva, da una escort di lusso, da un agente di sicurezza, da un fuggitivo e un attore playboy. La prima classe si trasformerà così in una sorta di mega confessionale, in cui ognuno tirerà fuori i propri scheletri dall'armadio.

Pur non essendo fra i migliori di Almodóvar, il film resta comunque una commedia piacevole e con alcuni spunti di riflessione. Inoltre, sebbene io non ami le macchiette, in questo caso vengono inserite in un contesto ironico e scherzoso che le rende decisamente più accettabili.
Punto debole resta la trama che poteva essere ricamata e creare più livelli del racconto. In questo modo invece i personaggi, quasi tutti almeno, restano un po' piatti, e li conosciamo solo per quello che ci raccontano loro. 
Altra cosa che non ho apprezzato è il doppiaggio.

Voto 6 e mezzo




08 ottobre 2014

|Beauty Cues|
Pulizia del viso (del momento)

Specificare "del momento" è doveroso considerando che la mia pulizia del viso consta di diversi step a secondo delle necessità, del tempo, della voglia.
Per cui è possibile che una volta io parli di un solo prodotto, e che altre volte ci sia una carrellata di prodotti che nemmeno sui cataloghi IKEA. La mia è una pelle mista, non ho brufoli, salvo qualcosa di sporadico e temporaneo, ma tende a lucidarsi su fronte e naso, e quest'ultimo è costellato di amabili punti neri. Eccheschifo non ce lo metti?

Per adesso devo però ammettere che la mia pelle è in buona salute, e anzi col cambio di stagione si è un leggermente seccata.
Proprio poco tempo fa ho dato fondo alla Mascherita Piperita di Lush, marchio famosissimo verso cui non nutro una grandissima simpatia, ma che mi piace ogni tanto spulciare.
Questa maschera, che si presenta come un fanghetto verde non molto liquido, è molto piacevole per certi aspetti, odiosa per altri. Da un lato è rinfrescante e quindi va a lenire i rossori, oppure i brufoli ponfi pustole crateri che sotto pelle intendono esplodere. Inoltre pulisce a fondo e lascia la pelle liscia.
Dall'altro però, contenendo all'interno i famosi granelli di fagioli Azuki - che io i fagioli non li mangio nemmeno -, succede che ti ritrovi a fare lo scrub due volte: la prima applicando la maschera, la seconda sciacquandola.
Ora, non è che io abbia la pelle sensibile, ma scrubba che ti scrubba la faccia mi cade.
Senza considerare che se non voglio fare la maschera purificante, o non voglio esfoliare, sono più o meno costretto a fare entrambe le cose. Ho risolto prestando attenzione nell'applicarla, ma non è un prodotto delicato e non credo la ricomprerò.

Prodotto fin troppo delicato è invece la Maschera Scrub di Bottega Verde alla mela verde. Altro prodotto due in uno, ma che in ambo i casi non mi piace.
Come scrub è fin troppo delicato: la parte cremosa è troppo liquida e non tiene insieme i pochi granuli a lungo da poter garantire una pulizia profonda della pelle.
Mentre lasciandola in posa come maschera non ha alcun effetto particolare visto che non si asciuga per purificare, né idrata abbastanza.
Buono il profumo, anche se sa di sintetico. Fortuna che è stato un regalo.

Questi, con alti e bassi, sono stati i miei prodotti del periodo per la pulizia del viso più profonda.
Conoscete i prodotti? Ma soprattutto me lo consigliate uno scrub già bello che pronto?
E cosa avrà usato la nostra Rory?



06 ottobre 2014

{Aggiornamento #27}
Inquinate vene polemiche

Settembre finisce e svanisce l'incanto di un mese dorato in cui tutto sembra essersi fermato.
Che poi non si ferma nulla, siamo sempre tutti di fretta, incazzati e nervosi.
Io non sono da meno, visto che al momento sto dedicandomi ad uno degli sport più estremi del mondo: insegui il relatore.
In verità ho una relatrice carina e gentile, molto bon ton e amante dei colori pastello, ma se deve farti aspettare un'ora per qualche impegno, stai pur certo che ti farà aspettare un'ora, facendoti perdere tempo e non portare a termine altre faccende. [Tratto da "Quello che ho fatto l'altro giorno"]
Sarà una tesi sulle masse, e no, non si parla della mia ciccia, ma delle genti, di come i poteri politici l'abbiano volute controllare e di come l'individuo si perda nelle masse stesse.
Pesante, vè?! 

A proposito, di che parlano le masse per adesso?
Dell'iPhone 6, argomento così mainstream, che io stesso, popparolo per eccellenza stavo per glissare. Invece no.

Mi lascia perplesso il fatto che se gli altri hanno una passione, è illogica e deplorevole, ha talmente tanti risvolti socio-politici che nemmeno l'incontro dei rappresentati della Banca Centrale Europea a Napoli.
Se noi abbiamo una passione, è semplicemente un amabile hobby.
Se noi facciamo pazzie per la nostra passione, tutto normale. Ma gli altri no, sono decerebrati.
"Ma ci dicono che siamo invidiosi perché non ci possiamo permettere il telefono, che facciamo, non rispondiamo?"
No, perché altrimenti cadi nella famosa "excusatio non petita", specie perché chi parla di invidia non sa molte volte argomentare.

E' un po' come con le sentinelle in piedi, che continuano a ripetere quanto sia importante per un bambino crescere con una madre e un padre, ma loro intanto, invece di passare un pomeriggio con i loro di figli, se ne stanno in piedi come tanti allocchi, credendo che la passività esterna possa celare il marcio dentro, e si preoccupano di chi di figli non ne può avere.
Contraddittorio, oltre che pesante come una mazzata sulle palle.

Il non plus ultra è stato il riferimento ai commessi Apple, che, porelli vengono umiliati, costretti a ballare ed applaudire ai clienti, come marionette legate ai fili di una multinazionale.
Ragazzi, ci sono milioni di commesse che ogni giorno fanno mettere i leggings a ragazze XXL dicendo cose tipo
Ma stai troppo bene!
Io mentre accolgo i clienti Apple.
con fare mieloso e un sorrisone.
Si tratta di lavoro, di marketing, di dover vendere, non mi pare ci siano gli estremi per definirla schiavitù, né tanto meno il commesso Apple mi pare più falso del commesso vattelappesca. 
Se in tempo di crisi è così deplorevole fare un ballettino per avere uno stipendio a fine mese, sono già pronto sul cubo.
Altra cosa, e chiudo, non tutti i possessori di un determinato oggetto costoso sono persone vuote che mirano allo status symbol. C'è anche gente che ha un iPhone e poi va ai sit-in, alle manifestazioni, fa la differenziata, salva i cani, aiuta le donne in difficoltà e si batte per i diritti degli omosessuali. [Tratto da "I miei ex".]
Quindi non perdete tempo, invece di strimpellare su una tastiera, andate in piazza a protestare. 

Se proprio vogliamo fare i comunistoidi, perché non parlare della meravigliosa quanto tossica nube che si è elevata a seguito di un incendio alle cisterne della raffineria di Milazzo, in provincia di Messina?
- Oddio Ilary! C'ho n'infarto! Sarà l'età?
- No, Francé so le cotiche che te sei magnato.
Ho come la sensazione che il danno ambientale non coinvolga soltanto gli abitanti di quelle zone, e che non sia nemmeno un problema solo siciliano, ma dell'intero ecosistema.
In fondo siamo tutti sulla stessa petroliera barca.
O, ancora, perché non indignarsi quando un giocatore, in questo caso Francesco Pupo de Roma Totti, compiendo 38 anni viene innalzato a semi divinità in quanto ancora in fulgida attività, come se la gente comune, alla sua età, non si alzasse all'alba, inseguendo un numero indeterminato di mezzi pubblici, per guadagnare un terzo con la magra e evanescente speranza che fra un'altra vita potrà avere una pensione.

Mi indigna una Francesca Pascale che si presenta al Gay Village sbraitando che il Berlu adesso è a favore dei gay, che loro sono una coppia di fatto, e tante cose belle che avrà imparato a memoria mentre un chirurgo le arcuava le sopracciglia.
E c'è pure chi ci crede, e che ritiene che sia meglio di nulla, e che il Cavaliere ha comunque molta influenza.
Io preferivo il nulla, almeno era decisamente più sincero.

"PoPulySt@!!!111!!!!", vé?

Bòn.
Ma voi come state? E' arrivata questa arietta fresca a consolarvi almeno la sera?
Io gioggioneggio di brutto a mettere il cardigan, di cotone ancora, e la copertina a letto, visto che abbiamo toccato i 15 gradi.
L'escursione termica però non mi vuole bene, e infatti sto già mezzo raffreddato. E nemmeno il famoso "periodo delle castagne" che quasi mi lascia lo scalpo esposto alle intemperie. Ne ho scritto un articolo su Odd Mag, se vi va andate a spulciarlo.
Mi sono reso conto che ho un po' abbandonato, per ragioni diverse, alcune rubriche come P_laylist e Cercami tanto che ero in dubbio se sospenderle, ma credo non lo farò. Solo dovrete pazientare.

Non ho però abbandonato le mie amate serie tv.
Siete pronti per la stagione telefilmica autunnale?
Siete pronti a frignare come me ogni qualvolta Damon e Elena si lasciano? O a restare a bocca aperta davanti un outfit horror di Aria? O ancora ad aspettare la volta buona che Emily Thorne strappi i punti di sutura del lifting di Victoria?
Io sono pronto, ho già visto alcune delle prima puntate, ma ho voglia di qualcosa di nuovo, quindi se avete visto qualcosa di interessante, condividete pure.

E nulla, sono stato un po' giù perché ora che George Clooney si è sposato, resto solo io fra gli scapoli d'oro placcato in questo triste mondo. Oltretutto prima o poi mi toccherà convolare legalmente a nozze, ora che l'ONU ha deciso che i diritti degli omosessuali sono equiparati ai diritti umani.
Umano a chi?! Io pensavo che per far valere i miei diritti dovevo chiamare Licia Colò e che sarei dovuto andare in safari a celebrare l'evento. E invece.
Grazie ONU per questa importante risoluzione che ha sconvolto le nostre menti.

Mi sa che ho la polemica facile oggi per cui la taglio, ma voi non esitate a raccontarmi il vostro Settembre, cosa vi è successo in questi primi giorni ottembrini e a sharare tutto l'amore che mi avete dato in questo periodo.




03 ottobre 2014

7 psicopatici (2012)

Continua la serie di pazzi, serial killer, omicidi e bella gente e così dopo American Psycho ho visto 7 Psicopatici.
Titolo originale: Seven Psychopaths
Paese di produzione: Regno Unito
Durata: 110 min
Genere: commedia nera
Regia: Martin McDonagh


Martin è uno sceneggiatore in piena crisi di ispirazione, vive con la sua fidanzata che quasi lo mantiene. Il suo migliore amico, Billy, invece è un attore scapestrato che non riesce ad ottenere una parte in qualche film, così arrotonda rubando cani, per poi restituirli ai proprietari e intascarne il riscatto. Suo socio in questo traffico canino è Hans, un quacchero di origine polacca, con una storia molto particolare.
Billy ha una trovata per aiutare l'amico in questo periodo di scarsità di idee: mettere un annuncio in cui chiede ad alcuni psicopatici di raccontare la loro storia a Marty. Ma l'attore non solo vuole aiutare l'amico, vuole essere parte della sceneggiatura.
Accade che fra i vari cani rapiti c'è anche quello di un gangster, Charlie, pronto a tutto pur di avere indietro il suo shih tzu. Billy sarà disposto a tutto, invece, pur di non consegnarglielo.
In questa sequela di inseguimenti Marty avrà finalmente la sua storia, ma prima di poterla scrivere dovrà restare vivo.

Benché io abbia di mio un certo umorismo nero, che anzi celo per non beccarmi una denuncia, io non l'ho trovata come una costante nel film. Mi è parso che le parti più drammatiche prendessero il sopravvento sul resto e che la commedia, la parte divertente, seppur cinica e bastarda fosse davvero in piccole parentesi. Inoltre la trama sembra quasi voglia confondere lo spettatore, aggiungendo parti del tutto inutili, ma a conti fatti resta molto lineare.
Non ho capito l'entusiasmo per questo film.

Voto 6 e mezzo



01 ottobre 2014

Corri

Ci sono giorni in cui anche il tempo per respirare si restringe, figurarsi il tempo per pensare.
Eppure le pagine del calendario, una dopo l'altra vengono via, e ti ritrovi in un presente che dovresti aver costruito, ma che invece è solo il frutto di un'alba diventata tramonto una moltitudine di volte.
Con tante lezioni studiate e capite, ma mai messe effettivamente in pratica.
Due anni pieni di vita che diventano un fardello quando non prendi il meglio e abbandoni il resto.
Ma il resto ce lo cuciamo alle tasche e resta lì a darci fastidio. 
Come quando ti sbucci un ginocchio, ma il pantalone non si strappa. Non lo vedi, ma il bruciore ti ricorda che sei inciampato.

E' difficile spiegare cosa sia successo. 
Mi viene in mente la pioggia. Una prima goccia sbatte alla finestra e si divide in piccole gocce, e poi altre ancora, sempre più, esplodendo in milioni di gocce più piccole. 
Anche le onde se ci pensi sono fatte di gocce, ma ti travolgono lo stesso.
E ti ritrovi a galleggiare fra pensieri che avresti dovuto frenare sul nascere, emozioni che avresti dovuto non avere, desideri che somigliano a sogni, e realtà che non somigliano a ciò che conoscevi.

La realtà appunto, ha sempre due facce: la sua, e quella che credi abbia. O che vorresti possa avere.
L'unica cosa che ti resta da fare è aspettare che la corrente si calmi, raggiungere la riva e iniziare a correre.
Ricordati di non rivelare al mare i tuoi segreti, ti trascinerà di nuovo a fondo.
Corri.



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...