lunedì 30 aprile 2018

|Beauty Cues|
Vitamina C nei Cosmetici: cos'è, quali benefici ha e un siero viso da Amazon!

Da un po' di tempo ho spostato la mia attenzione su determinati attivi cosmetici per quanto riguarda la cura della pelle, e il motivo è semplice: oltre alla semplice idratazione il mio intento è quello di "sfamare" la pelle con quante più componenti possibili, specie se vedo particolari benefici.
È per questo che, anche se ad esempio non vedo una straordinaria efficacia in una maschera viso, continuo ad utilizzarla, e anche per questo non credo nell'applicare i prodotti e rimuoverli dopo 5 o 10 minuti, soprattutto con acqua, buttando nello scarico del lavandino tutti i principi attivi che sarebbero dovuti essere sulla mia pelle. Farei meglio a non far nulla a quel punto.
Voglio invece che la pelle assorba quanto più possibile i nutrienti e gli ingredienti (validi) presenti nei cosmetici che utilizzo.
Comunque, dicevo che, in formule e derivati diversi, utilizzo ormai con costanza determinati attivi a cui tengo che siano presenti nella mia cura della pelle e da cui ho visto dei risultati.
Sono ormai miei amici stabili gli alfaidrossiacidi, che ogni anno nella stagione fredda riprendo ad utilizzare; quest'anno in più ho introdotto i retinoidi, per la prima volta nella mia routine, su cui ho fatto un approfondimento e che ho intenzione di prendere ad usare con costanza; da tempi non sospetti invece utilizzo la Vitamina C.
In principio è stato lo Jalus C di Fitocose, ormai quasi tre anni fa, per poi passare alla crema viso Oro di Baobab de L'Erboristica di Athena's. Di mezzo ci saranno stati altri prodotti che nemmeno ricordo ma ad un certo punto ho deciso di fare il salto di qualità (e di percentuale di Vitamina C) con The Ordinary e l'Ascorbyl Glucoside Solution 12%, e ovviamente ho continuato su questa strada.
Vi racconto tutto quello che so sulla Vitamina C, e come mai mi piace così tanto. Ovviamente non sono un chimico, un dermatologo o un dottore, per cui prendete il mio come uno spunto e non un insegnamento. Su internet ci sono tantissimi documenti, anche molto validi su questo ingrediente, per cui potrete fare le vostre considerazioni. 

Cose'è la Vitamina C?


Per Vitamina C si intende l'acido ascorbico (ascorbic acid o L-ascorbic acid  o LAA) che è appunto una vitamina che all'interno del nostro organismo aiuta le proteine a produrre altre molecole importanti come ad esempio il collagene (che nel nostro corpo si trova non solo nella pelle ma anche in tendini, cartilagini, ossa, denti, cornee e tanto altro) ci dà energia e aiuta il sistema immunitario. Il nostro corpo non ne produce moltissima ma la può incamerare dal cibo o dagli integratori che ingeriamo. 
Se si è carenti, l'ultimo problema che ti si porrà davanti sono le rughe, perché prima dovrai affrontare una malattia chiamata scorbuto. 
La funzione più nota della Vitamina C è il suo potere antiossidante, che ci aiuta a contrastare i radicali liberi. Vi basti sapere che tutto il corpo è colpito da radicali liberi, ovvero una molecola che perde un elettrone a causa di reazioni biochimiche o agenti esterni, e che è spinta a rubare questo elettrone ad un'altra molecola. Questo ladrocinio è definito appunto ossidazione e i radicali liberi per questo motivo sono instabili (e anche un po' stronzi).
A parte questa parentesi "Esplorando il corpo umano", visto che non è questa la sede giusta, quello che a noi interessa è che la vitamina C è anche un ingrediente cosmetico valido e comprovato e che a me piace molto. 

Vitamina C nei cosmetici: cosa fa?

La vitamina C può essere inserita in svariati cosmetici, dai sieri alle creme viso, fino alle maschere e i benefici che apporta nella cosmesi, soprattutto nella cura della pelle, sono molteplici e potrei generalmente definirli anti age, proprio perché agisce su tutti quegli aspetti che ci fanno apparire più vecchi. 


È uno di quegli ingredienti che a mio avviso non può mancare, proprio per difendere la pelle dal danno ossidativo che subisce da agenti come l'inquinamento, i raggi UV, il fumo (che comunque sarebbe meglio evitare) e ovviamente il normale invecchiamento. Quindi un modo per prevenire e cercare di curare rughe più o meno profonde e la perdita di elasticità della pelle. 
Ma oltre al potere antiossidante, la vitamina C in un cosmetico apporta diversi vantaggi: 
  • ha una azione schiarente sulle macchie perché inibisce la sintesi della melanina e della cheratina;
  • partecipa alla sintesi del collagene (non ne produce di più ma sappiamo che col tempo  i fibroblasti producono collagene più lentamente e in cellule più piccole);
  • ha un'azione antinfiammatoria;
  • migliora il tono della pelle e le cicatrici da acne.
Su di me, l'uso di prodotti con vitamina C ha apportato un aspetto più sano, più roseo e luminoso della pelle,  e non subisco ad esempio "l'ingrigimento" e l'incarnato spento che molta gente lamenta nella stagione fredda. Inoltre ho notato che anche le macchie post brufolo impiegano meno tempo a sparire.  Non avevo macchie brune prima di iniziare ad usarla, però sulla zona del mento e ai lati del labbro inferiore avevo come un leggero alone più scuro, come se la pelle avesse un'ombra, che ho visto via via sparire. 
In generale la pelle appare anche più liscia. Bisogna ovviamente specificare che serve anche in questo caso un uso costante, non è il rimedio che funziona dalla sera alla mattina

Pro e Contro della Vitamina C

Ascorbyl glucoside.... credo.


L'acido ascorbico è la forma pura di vitamina C più efficace ma presenta non pochi problemi formulativi. Diciamo che c'è proprio un ping pong di pro e contro che circondano questo ingrediente.
La vitamina C ad esempio è idrosolubile ma è affetta proprio dall'ossidazione. A contatto con luce, acqua e aria può ossidare molto facilmente (in genere un prodotto con vitamina C ossidata assume un colore marrone aranciato), e una volta che viene a contatto con la pelle, non solo non funziona più, ma può fare l'effetto opposto ovvero scatena radicali liberi. La soluzione sarebbe formulare i prodotti senza acqua, ma pare sia difficile. 
Inoltre l'ascorbic acid per funzionare ed avere una maggiore stabilità viene formulato con un ph basso intorno al 3.5, da qui è nata la credenza che non debba essere utilizzato di giorno perché può creare fotosensibilità. In realtà sappiamo che, a meno che non vi mettiate al sole come lucertole per ore, l'esfoliazione di questa molecola di vitamina C è minima e non crea danni, anzi protegge dai raggi solari come vi dicevo più su. 
Questo basso PH con cui si lavora l'acido ascorbico, apporta altri problemi nell'uso costante, come ad esempio l'irritazione, quindi un po' come per il retinolo, va introdotto nella skin care routine a basse percentuali, per poi eventualmente crescere. 
Per ovviare ai problemi di stabilità dell'Ascorbic Acid, sono nati tutta una serie di derivati come Ascorbyl Glucoside, Magnesium Ascorbyl Phosphate (MAP), Sodium Ascorbyl Phosphate (SAP) e Ascorbyl Palmitate. Ma ovviamente c'è anche qui una controparte: non essendo in forma pura, questi componenti derivati devono essere convertiti dalla nostra pelle in acido ascorbico, con una probabilità che siano meno efficaci. Inoltre ci sono meno studi a validare questi componenti. Hanno però gradi di irritazione più bassi quindi possono essere usati anche dalle pelli sensibili. 

Vitamina C: come e quando usarla e interazioni con altri prodotti.

Ci sono un po' di miti da sfatare per quanto riguarda l'uso pratico della vitamina C. Intanto come vi dicevo, non ha i poteri esfolianti degli alfaidrossiacidi per cui può essere utilizzata anche di giorno. Sappiamo che l'acido ascorbico ha bisogno di un ph acido per funzionare, mentre i derivati agiscono anche a PH più basici, per cui nel dubbio, se magari avete una pelle incline alle macchie o particolarmente sottile, potreste scegliere appunto i derivati. In ogni caso, applicare la protezione solare è fondamentale, altrimenti l'unica cosa che potete applicare sulla pelle si chiama miracolo.


Ci sono comunque due scuole di pensiero a riguardo, indifferentemente dal fattore PH: c'è chi preferisce usarla di giorno, per potenziare l'effetto protettivo della crema solare (come se i raggi UV, prima di arrivare alla nostra pelle, debbano superare due strati protettivi); c'è però chi preferisce usare la vitamina C di sera perché in questo modo pare che la pelle riesca ad incamerarla al meglio e si ha comunque l'azione protettiva per il giorno dopo, senza però che i raggi solari possano farla deperire.
Un'altro mito è l'uso della vitamina C con la Niacinamide, meglio nota come Vitamina B3, che pare avessero, secondo studi passati, l'effetto di annullarsi a vicenda. In realtà ricerche più recenti hanno dimostrato l'opposto ovvero che i due componenti insieme funzionano anche meglio e apportano benefici maggiori. Paula's Choice ad esempio è a favore di questa scuola di pensiero. 
Un altra interazione di cui si è discusso è quella col retinolo (o vitamina A) e appunto l'acido ascorbico. Il problema in questo caso pare essere proprio il PH diverso fra i due componenti, ma altri studi dicono che appunto il ph acido della vitamina C non disattiva il potere del retinolo. C'è però un problema di irritazione che entrambi i prodotti possono creare, quindi è meglio usarli separatamente.
Così come ad esempio alfaidrossiacidi e Vitamina C, per quanto non abbiamo problemi di interazioni fra loro, possono portare secchezza e appunto fenomeni irritativi per cui è meglio usarli alternativamente.

Non so se questa spiegazione è utile e chiara, ma è tutto quello che mi ha spinto a capire, utilizzare e apprezzare vari sieri contente vitamina C. Uno di questi sieri mi è stato regalato dalla mia amica Simona (MissPenny09), quindi quale occasione migliore per parlarne? Certamente questo preambolo vi fa capire che non posso che aver apprezzato il prodotto, ma vediamolo insieme.

Poppy Austin® Vitamin C Serum

Poppy Austin® Vitamin C Serum

Poppy Austin è un brand inglese che produce cosmetici per viso e capelli e che è disponibile anche su Amazon tra l'altro con spedizioni Prime, per cui facilmente reperibile. È un'azienda secondo me interessante, loro si definiscono ecofriendly, cruelty free e vegan e dicono che la loro produzione avviene a mano in piccoli lotti per preservare la qualità e la freschezza del prodotto finito. Inoltre affermano che le loro strutture sono gestite da donne, quindi incentivano il lavoro femminile. Mi ha fatto sorridere il fatto che nella loro storia dicano che i loro flaconi in vetro provengano dalla Sicilia "rurale". 
Se non ho capito male, Poppy Austin in principio produceva solo olio di argan e poi ha ampliato il range di referenze con molti altri prodotti fra cui creme e sieri.

Opinioni Poppy Austin® Vitamin C Serum

Il loro Vitamin C Serum è un siero per il viso al 98% di origine naturale (non bio, attenzione), e all'interno contiene il 18% di Vitamina C (nel derivato di Sodium Ascorbyl Phosphate) più altri ingredienti come la forma botanica di acido ialuronico che mima appunto l'effetto idratante e ammorbidente di questo ingrediente, ma c'è anche olio di jojoba, estratto di centella e di aloe. Ovviamente anche Poppy Austin sottolinea i benefici della vitamina C dicendo 

"Ripara i danni del tempo. Si è dimostrato che il siero della vitamina C stimola la sintesi del collagene, rendendo la pelle più giovane, fresca e vitale. Le sue proprietà antiossidanti possono anche migliorare i danni alla pelle causati dal sole, così come aiutare il tasso di esfoliazione della pelle per una carnagione più luminosa e levigata."
Il prodotto si presenta in modo molto minimal e la cosa mi piace tantissimo: questo siero è contenuto in un flacone con contagocce, e non ha una scatola esterna, ma solo una plastica che lo sigilla; su un piccolo bugiardino c'è l'INCI, la data di scadenza e il modo d'uso.


All'apparenza il Vitamin C Serum Poppy Austin sembra acqua: non ha odore ed è praticamente liquido e trasparente, e leggero sulla pelle. Sin dalla prima applicazione, pur contenendo una percentuale alta di vitamina C, non mi ha dato alcun fastidio né pizzicore, ma dovete ovviamente considerare che, come vi ho detto un milione di righe fa, il prodotto che avevo usato precedentemente conteneva il 12% di vitamina C, quindi una crescita graduale. 
Sul sito si legge che vanno applicate su viso e collo poche gocce di siero e distribuirle picchiettando. Io l'ho usato di giorno, perché la sera ho un altro prodotto alla vitamina C e su di me si assorbe molto in fretta, per circa 10 secondi avverto una leggera sensazione di appiccicoso, ma poi svanisce del tutto e mi lascia la pelle davvero liscia, morbida e tonica


Non mi soffermo sul potere illuminante perché vale quello che dicevo prima nei benefici generali della vitamina C.
Per la mia pelle normale/secca, manca un pelo di idratazione in più che devo correggere applicando dopo una crema, ma posso dirvi che il Vitamin C di Poppy Austin mi è piaciuto parecchio: è stato il passo avanti che cercavo nell'uso di questo attivo, è un prodotto che si adatta bene in qualsiasi routine viso sia giorno che sera, e a ogni tipo di pelle da solo o appunto con altri prodotti. L'azienda suggerisce persino una crema al retinolo della loro gamma da usare dopo, per restare al discorso che facevo più su. Nonostante sia un prodotto abbastanza delicato, è ovviamente un siero viso che vi suggerisco se avete un po' di abitudine alla vitamina C.

INFO BOX
🔎 Amazon, sito dell'azienda
💸 € 22,49
🏋 60 ml
🗺 UK
⏳ 12 Mesi
🔬Cruelty Free, Vegan
💓⇒ 🌸🌸🌸🌸🌸

Lo so, vi ho sfiancati e forse solo io avrò letto fino a qui, ma spero di avervi dato qualche informazione in più su tutto ciò che riguarda l'acido ascorbico e fatemi sapere se avete qualche prodotto che amate con la Vitamina C.



38 commenti:

E tu cosa ne pensi?

Info Privacy

  1. Mamma mia Pier, bel post super esaustivo! Non sarai un medico ma si vede che ti sei documentato a dovere per parlarci della vitamina C :) Non ho mai provato (che io sappia, magari poi negli inci c'era) cosmetici con essa quindi non so dire se sulla mia pelle possa dare benefici. Inizio comunque ad essere non poco curiosa verso The Ordinary perché ne sento parlare in ogni dove! E costa pure poco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie! Diciamo che usandola da un po' avevo accumulato molte idee da condividere :D
      Presto altri post su The Ordinary, giusto per incentivare XD

      Elimina
  2. Cavolo, io sapevo solo che la vitamina C fosse antiossidante, non sapevo che ci fossero così tante scuole di pensiero al riguardo :) Al momento non mi vengono in mente cosmetici che utilizzo che la contengono, però mi hai fatto ricordare che esiste un siero di Kiehl's che mi piacerebbe provare :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero quel siero di Kiehl's sembra interessante!
      Ci più sono scuole di pensiero perché in effetti ci sono tanti studi... per fortuna :D

      Elimina
  3. Ciao Pier, grazie per il tuo post, hai chiarito ogni dubbio, e visto che è da un po' che vorrei inserire la vitamina c nella mia quotidiana cura della pelle, ne approfitto per chiederti: consigli di partire con the ordinary? O ci sono dei prodotti ancora meno concentrati ma ugualmente stabilizzati come quelli? Mi spaventa un po' il rischio di irritazione, più che altro perché ho delle gote sensibilissime che si macchiano per un nonnulla. grazie di cuore,
    Dina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Dina. Io consiglio di partire con i derivati dell'acido ascorbico a basse percentuali, circa 8/10% per essere comunque efficace. The Ordinary ha in effetti un derivato al 10% ma non so dirti a livello di piacevolezza come sia. Anche Fitocose ha appunto dei sieri e fluidi, non specificano le percentuali ma non credo siano molto alte e comunque sono dei derivati. Al momento non mi vengono in mente altre marche 🤔

      Elimina
  4. Bellissimo e utilissimo post, Pier! Ho in programma di cominciare anch'io ad utilizzarla in forma di cosmetici (al momento la assumo per via orale) e la tua esperienza mi ha chiarito un po' le idee. Dato che io ho un'età diversa dalla tua, penso che quest'autunno parlerò con il mio dermatologo per farmi consigliare qualche prodotto un po' strong. Mi piacerebbe cominciare anche con il retinolo. Quest'anno ne faccio 40 e anche se fino ad ora mi sono difesa bene, è ora di passare a qualcosa di più specifico.
    Mi incuriosisce parecchio anche la linea The Ordinary.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Eleonora :) Non sapevo che ti avvicinassi ai 40! Non li dimostri affatto!
      Che io sappia i dermatologi non possono prescrivere retinolo per un uso che non sia contro l'acne, ma poi se conosci il medico, non credo ci siano problemi :D

      Elimina
  5. Certo che chi dice una cosa e chi ne dice un'altra!! Cmq, anche per me è un ingrediente fondamentale insieme alle ceramidi, all'acido ialuronico, il collagene e i peptidi! Ma io ho anche 43 anni e un'esigenza diversa . Dalla tua, ma la vit c dovrebbero usarla tutti, anche le pelli più giovani! Nel mio blog ho recensito un siero preso su Amazon e proprio alcuni giorni fa la polvere di Vit c di The ordinary e il modo in cui la uso mescolata ad altri due prodotti del brand, se ti va dacci un'occhiata 😉😊 questo di poppy austin mi ha sempre incuriosito, poi mesi fa su Amazon ne ho trovato un altro con tutti gli ingredienti biologici che sto x terminare, buonissimo anche questo ma alla fine secondo me sono tutti molto simili! 😘😘

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti ci sono così tanti studi che si contraddicono tra loro, ma poi secondo me c'è anche un problema ovvero che vengono ancora portati avanti vecchi studi, e quindi non si capisce nulla.
      Sono d'accordo sul fatto che questi ingredienti vadano utilizzati sin da giovanissimi, non dico a 16 anni, ma se si inizia a 23/25 anni male non si fa!
      Anche secondo me questi sieri di Amazon si somigliano un po' tutti, anche solo per il fatto che le percentuali sono tutte le stesse.
      Passo subito da te!

      Elimina
    2. Spero ti possa essere utile perché penso che usata nel coretto modo la polvere di Vit c può sostituire tutti questi sieri ed essere usata in mille altri modi come nelle maschere ad esempio! 😊

      Elimina
    3. Ho intenzione di prenderla presto, quindi qualche parere in più mi interessa sempre :D

      Elimina
    4. Mi piacerebbe che l'azienda in primis desse maggiori informazioni su come usarla, ma x ora non è così. ..

      Elimina
    5. Anche io mi aspettavo maggiori info (in generale su tutti i nuovi prodotti che hanno lanciato) e invece...
      Spero mettano più dettagli, anche perché chi non è pratico può far grossi danni!

      Elimina
  6. Cara il mio Pier Alberto Sfangela XD post perfetto e io credo invece che in molti siano arrivati a leggere fino alla fine.
    Comunque sta cosa della produzione di boccette nella sicilia rurale mi era sfuggita :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi ha fatto molto ridere quando l'ho letto sul loro sito XD
      E se non avessi letto, corretto e commentato tutto, non ti avrei parlato proprio più XD

      Elimina
  7. Non solo tu hai letto fino alla fine, l'ho fatto anche io :)
    Ed ho apprezzato i vari "capitoli" di questa recensione, che ho trovato molto esaustiva.
    Un abbraccio e Buon primo maggio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Sara :D Ho cercato di renderla digeribile!
      Buon primo maggio a te :)

      Elimina
  8. Complimenti, bel post esaustivo e chiarificatore come quello sui retinoidi :) Vorrei tanto usare la vit C ma la mia pelle non sembra apprezzarla particolarmente, mi è piaciuto Jalus C ma credo di aver avuto più effetti positivi dalla niacinamide all'interno che dalla vit c, mentre il prodotto The Ordinary che hai provato anche tu mi irrita, prude e arrossa. Mi hanno consigliato da più parti proprio questo di Poppy Austin (assieme alla loro acqua di rose) ma ho paura di altri effetti indesiderati...ormai fra gli skincare junkies (o nerd?!) c'è una lista di attivi che sembra vada usata a tutti i costi ma credo sia più importante trovare quello che funziona su ognuno di noi senza farsi troppo influenzare ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Silvana! Sono d'accordo con te: se un ingrediente o un prodotto non fa per noi, c'è poco da fare, non c'è "moda" che tenga. Infatti se per te non va bene, fai benissimo ad evitarlo.
      Secondo me se quello di The Ordinary ti arrossa, è meglio che resti sul Sodium ascorbyl phosphate (che è il derivato che contiene lo Jalus C) che magari è più adatto alla tua pelle, ma questo Poppy Austin potrebbe essere una percentuale troppo alta per proseguire.

      Elimina
    2. Dimenticavo :) volevo segnalarti questo detergente/maschera a base di vit C creato dalla stessa formulatrice del Flash rinse 1 minute facial di Ren, ma in generale il suo intero brand si basa su presupposti molto interessanti, una sorta di The Ordinary "basic ma di lusso" https://lixirskin.co.uk/products/vitamin-c-paste

      Elimina
    3. Ciao Silvana, scusami il ritardo e grazie della segnalazione, il prodotto sembra carino, e appunto una alternativa a Ren, ma sono un po' perplesso proprio sulla comunicazione del prodotto. Loro lo vendono come prodotto a risciacquo dicendo che "non è bene lasciare un acido sulla pelle durante il giorno" (cosa comunque non vera in parte), ma poi loro stessi vendono prodotti a base di alfaidrossiacidi :D

      Elimina
  9. No, non mi hai sfiancata anzi mi hai dato un sacco di informazioni utili e in più passaggi mi hai fatta sorridere :-) Proprio oggi prendendo in mano il siero Ascorbyl Glucoside Solution 12% di The ordinary mi sono detta di dover andare a rileggere il post in cui ne parlavi perché non mi ricordo più come si usa..... Sì sono smemorata e sì sono un caso disperato :-) Tu invece sei SUPER!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha grazie BeLessa per essere passata a farmi visita, per qualsiasi cosa dai dove trovarmi! Un bacione e grazie mille!

      Elimina
  10. Ciao Pier e buon primo maggio (quello che ne rimane!), ho letto con molto interesse questo tuo post, anche perché io sono una grandissima amante della vitamina C, su di me illumina l'incarnato e spegne il grigiore in modo davvero impressionante e per questo l'ho sempre apprezzato, ma tante cose che hai scritto non le sapevo proprio! Spero in un nuovo capitolo, è sempre molto interessante leggere di questi attivi! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sara! Grazie e buon primo maggio (quasi due maggio ;D) a te! Grazie mille, non so se ci saranno altri episodi così approfonditi perché non so quale altro attivo possa farlo! Ma ci penserò grazie :D

      Elimina
  11. Non avevo mai pensato alla vitamina c come un ingrediente cosmetico. Sono sempre stata abituata a sentirne parlare riguardo l'alimentazione (la mamma che regolarmente ti urla dietro: mangialo!! Hai bisogno di vitamine!).
    Non ho mai visto la vitamina c come ingrediente di prodotti che ho usato, o comunque non ci ho mai fatto caso. Trovo che sia un ingrediente interessante, non sapevo avesse questi effetti sulla pelle!
    Baci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E pensa che è fra le vitamine più studiate in cosmetica, con un numero importante di ricerche riguardo l'efficacia :D
      Le mamme hanno sempre ragione :D
      Baci!

      Elimina
  12. Ciao Pier post molto interessante e mi è piaciuto molto,
    io uso un paio di prodotti contenenti retinolo, ma un prodotto con solo Vit C non l'ho ancora provato, vista la mia età e meglio che corra subito a comprarlo!! un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Catia! Grazie mille, secondo me sia retinolo che vitamina C sono due componenti molto utili che possono dare bei risultati nel tempo. Non li mollo più!
      Un bacio a te :)

      Elimina
  13. Che bel post complimenti! Avevo sentito spesso parlare della vitamina c nei cosmetici e ho visto che molti la amano!

    RispondiElimina
  14. Ti faccio i miei complimenti per questo Pier, ho imparato molte nozioni nuove e mi hai incuriosito verso questo ingrediente. Il siero Poppy Austin sembra davvero un prodotto gradevole ma, per iniziare, mi orienterei su The Ordinary :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Linda, diciamo che essendo un prodotto che mi piace ci ho messo passione a scriverne :D

      Elimina
  15. Ho letto pure io fino alla fine :D
    Post interessante, proprio come quello che avevi fatto sul retinolo! Apprezzo questi post informativi, io non ne sarei capace. Mi perdo troppo nei miei giri di parole XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille! Anche per me non è semplicissimo soprattutto non sforare, ma ci provo e mi appassiona :D

      Elimina
  16. Ciao Pier!
    Non ho mai provato cosmetici con la vitamina c (o almeno credo).
    Comunque in questo post ho scoperto molte cose che prima non sapevo, per esempio non avevo idea che avesse un effetto positivo anche sulle cicatrici da acne!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sara! Sì, un po' perché aiuta il collagene, quindi la struttura della pelle, un po' perché è leggermente acida e quindi crea una micro esfoliazione. :)

      Elimina
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Vi sono piaciuti