venerdì 13 aprile 2018

|Sotto la copertina|
Due libri su bambini inquietanti, bugiardi e silenziosi

Ci ho pensato, ripensato, rimuginato, ho tergiversato, ed ho continuato a pensarci ma poi mi son detto, vado.
E così nasce oggi Sotto la copertina, lo spazio in cui vi parlerò senza troppe pretese dei libri che porto a letto con me.
Il nome della rubrica è un gioco di parole scemo per riassumere essenzialmente una cosa: sono un lettore che si lascia affascinare dalla copertina dei libri e che si dedica alla lettura, principalmente la sera, quando mi ficco sotto le coperte.
Non sono di quelli che legge cinquanta libri l'anno, o di quelli che fanno a gara a chi ce l'ha più lunga... la lista dei libri da leggere, ma sono anzi un lettore lento, tranquillo, che il più delle volte si muove a naso, ascolta i consigli altrui, e che può impiegare anche molto tempo a terminare un libro.
Leggere per me non è una gara, né con me stesso né con gli altri. Anzi non mi importa affatto come, cosa e quanto leggano gli altri.
La lettura per me è evasione, ispirazione e insegnamento e sono qui per raccontarvi la mia opinione, come per tutto il resto.
Pensavo di parlarvi di due libri che ho terminato già da un po' e che hanno entrambi non solo lo stesso autore, S.K. Tremayne (all'anagrafe Tom Knox), ma anche hanno come protagonisti dei bambini inquietanti.
Lo so cosa starete pensando: il 90% dei bambini sono inquietanti, ma quelli dei thriller psicologici lo sono anche di più.
Il bambino bugiardo, come vi dicevo tempo fa me lo ha suggerito Monica di L'Emporio21, ed  è stato il libro azzeccato che cercavo dopo una pausa dalla lettura. Avevo bisogno di una storia coinvolgente, di restare incollato alle pagine, di una lettura fluida, non troppo complicata ma sicuramente emozionante. E Il bambino bugiardo è stato tutto questo.



Titolo Originale: The Fire Child
Autore: S. K. Tremayne
Editore: Garzanti
Pagine: 317
Data di pubblicazione: 20 aprile 2017
Prezzo: rilegato € 14.37 / ebook € 9,99


S.K. Tremayne ci porta in Cornovaglia, proprio in inverno, quando il clima di quelle zone diventa instabile, irascibile e, a volte, anche pericoloso, e questo ambiente così aspro fa da scena ad una storia  già dall'inizio complicata. Rachel è la seconda moglie di David, che è padre di Jamie, un ragazzino che, poco dopo le loro nozze è diventato stranamente taciturno. Non è facile per Rachel interpretare il bambino e farsi accettare completamente, ma è anche lei una donna con le sue ferite, con una storia alle spalle che l'ha influenzata profondamente. 
Ma non è solo la presenza di Rachel a creare disagio a Jamie, ma pare ci sia un'altra presenza che non vuole lasciare in pace la tranquillità famigliare. Come si suol dire, sembra che i fantasmi del passato non vogliano proprio restare chiusi in soffitta.
E servirà un avvenimento di forte impatto fisico ed emotivo a chiudere definitivamente un capitolo.
Il bambino bugiardo mi è piaciuto proprio per questo: è una storia cupa, misteriosa, a tratti ansiogena, che si anima di colpo e che mi ha spinto a voler sfogliare le pagine molto velocemente per cercare di capire cosa stesse accadendo. Non sempre sono riuscito a capire tutto, sono onesto. Ci sono stati punti un po' troppo oscuri, spiegati forse in modo appositamente obliquo per rendere la storia quasi mistica per certi aspetti. Se posso farvi uno spoiler, vi dico che il titolo risulta fuorviante, visto che di bambini bugiardi non ce ne sono affatto. Il tutto si svolge su un piano emotivo molto forte e ben strutturato dallo scrittore, ma senza risultare pesante o esageratamente mentale. 
La scrittura di S.K. Tremayne è scorrevole, è efficace, non si perde in giri di parole e penso sia adatta a tutti.

Proprio la buona impressione de Il bambino bugiardo mi ha spinto a voler approfondire la conoscenza con l'autore, tuttavia il mio entusiasmo si è ridimensionato quando ho letto La gemella silenziosa.
La gemella silenziosa è un romanzo antecedente rispetto a Il bambino bugiardo e non voglio dire che S.K. Tremayne fosse un rincoglionito all'epoca e che sia migliorato di colpo col tempo. Anzi do la colpa a me che ho letto prima il libro successore del predecessore.

 

Titolo Originale: The Ice Twins
Autore: S. K. Tremayne
Editore: Garzanti
Pagine: 320
Data di pubblicazione: 10 settembre 2015
Prezzo: rilegato € 14.37 / ebook € 3,99


Il fatto è che entrambi i romanzi sembrano avere la stessa struttura narrativa, nonostante abbiano tematiche diverse, e personaggi che raccontano storie diverse. 
Capisco che probabilmente lo scrittore abbia voluto creare un filone concettuale, ma così è un po' troppo secondo me.
Un punto in comune che si nota sin da subito anche solo molto superficialmente è l'ambientazione e il clima ostile, nel caso de La gemella silenziosa si tratta di un'isola mal collegata con la terra ferma. E questa somiglianza comporta un po' uno spoiler di un romanzo rispetto all'altro. È come se S.K. Tremayne avesse bisogno dei suoi punti fermi, di determinati archetipi per far partire la storia che vuole raccontare, ma questo comporta praticamente un autogol. Appunto l'ambiente, l'idea di una nuova vita, quindi la speranza che però poi si trasforma in dramma; o ancora, la difficoltà dei rapporti familiari e affettivi sono tutti aspetti che ricorrono a mo' di quasi cartacarbone in entrambi i romanzi.
Ma oltre alla struttura generale, per me la vicenda di Sarah Moorcroft, del marito Angus e delle loro gemelle Lydia e Kirstie mi è sembrata meno solida, con dei buchi narrativi e forzature per far quadrare le cose e che nemmeno il finale riesce a chiarire. Questa prima opera mi è parsa una storia un po' meno psicologica e più fattuale, ma ho trovato un po' troppo esposti i giochi e gli intrecci che lo scrittore mette in atto per confondere il lettore. 
La gemella silenziosa è comunque un libro per me scorrevole sia per narrazione che per stile, che ho terminato anche in questo caso in poco tempo e che come Il bambino bugiardo riesce a coinvolgere, ma in prospettiva con quest'ultimo romanzo, per me risulta uno scalino indietro sotto diversi punti
Detto fra noi, sono contento di averlo preso in e-book.

Spero che questo primo episodio di Sotto la copertina non sia troppa pesante. Se vi va fatemi sapere che ve ne sembra di questo "nuovo" spazio" e anche un po' delle vostre letture.
A presto!




40 commenti:

E tu cosa ne pensi?

Info Privacy

  1. Io dico SIIIIIIIIIIIIIIIII (e mi piace anche il nome della rubrica)
    e non ne sapevo nulla, quindi è stata una sorpresa anche per me! :D
    Però sapevo già la tua opinione su questi romanzi perchè ne abbiamo parlato. OK ho svelato una triste verità non parliamo solo di maschere, cremine e serie TV ma anche di libri ahahahaha
    Che persone ricche di interessi che siamo! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 😂😂😂 C'abbiamo una cultura che scansati!
      Grazie!! 😊🙏🏻

      Elimina
  2. Per me è SI!
    E' sempre un piacere trovare nuovi spunti di lettura ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille! Spero di dare dritte interessanti :D

      Elimina
  3. Bella la nuova rubrica, fantastico Pier, io ti appoggio! Mi piace moltissimo anche il titolo :)
    Non conosco l'autore ma di questi due libri quello che mi ispira di più è Il bambino bugiardo. Proverò a cercarlo magari usato da Libraccio, anche se sto meditando l'acquisto del Kindle perché per alcuni libri si risparmia veramente tanto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille!!
      Sì se non li hai letti Il bambino bugiardo per me è decisamente meglio, e sì anche io ormai vado di e-book o non leggerei più!

      Elimina
  4. Oh, che gran bel titolo per questa nuova rubrica!
    Io purtroppo sono una lettrice sempre in gara con me stessa, che di libri da leggere ne ho sempre di più e di tempo sempre meno, insomma, una dipendenza difficile da gestire.

    Quanto a questi romanzi, non li conoscevo né conoscevo l'autore, ma vista la struttura simile, non saprei a quale approcciarmi nel caso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille!
      Anche io ho molti libri che vorrei leggere eh, solo che mi piace farlo con calma, o comunque ficcarlo fra le altre passioni. Cerco di non prenderle come una challenge se no davvero mi rinchiudono :D

      Direi che Il bambino bugiardo può piacerti :)

      Elimina
  5. A me La gemella silenziosa, invece, era piaciuto parecchio. Ambiguo fino alla fine, sospeso. Di quella suggestione che ti porti un po' addosso.

    Il secondo dell'autore, invece, mi manca, ma ho già puntato l'edizione tascabile in uscita a breve. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora Il bambino bugiardo ti piacerà anche di più :D

      Elimina
  6. Pier, faccio lo sfacciato...a questo punto mi hai messo curiosità.. bambino bugiardo, perché questo titolo? Spoilerizzami con le dovute cautele per non rovinare la sorpresa ad altri lettori che vorranno leggere questo libro :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cerchi sempre lo spoiler eh 😂 in realtà non so perché questo titolo. Il bambino in questione dice solo una bugia e nemmeno così importante nella risoluzione della storia.

      Elimina
  7. Che sia o meno una rubrica fissa mi hai comunque convinto a mettere il libro in wish list.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere perché il bambino bugiardo è molto carino! Sarà una rubrica periodica I'm base alle letture 😊

      Elimina
  8. Idea super questa della rubrica intitolata "Sotto la copertina"!
    Mi inviti a nozze, lo sai :)
    Di questo autore non ho letto nulla, Il bambino bugiardo lo conosco di nome e forse proprio perchè lo hai nominato tu qui sul blog in precedenza... Scusa, ma sono un pò rimbambita ;)
    Certamente se dovessi decidere di conoscere S. K. Tremayne lo farei proprio con Il bambino bugiardo e non con l'altro, a questo punto.
    Un abbraccione, caro Pier in versione topo da biblioteca :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Maris! Ero quasi certo ti sarebbe piaciuto :D
      Sì, l'ho nominato ma a quanto ho visto in giro, è comunque abbastanza famoso :)
      Un abbraccio a te e buon week end!

      Elimina
  9. Io amo leggere, quindi mi fanno molto piacere le recensioni di libri! Prettamente leggo gialli/thriller e, quando inizio con un autore che mi piace, devo leggere tutti i suoi libri! XD Se non leggo mi sento vuota, sul serio, come dici tu leggere è evasione, entrare in un altro mondo, e appena ne finisco uno ne inizio subito un altro perchè non riesco a stare senza, infatti adesso sto leggendo il penultimo libro di Glenn Cooper e ho minimo altri 5 libri in attesa di essere letti!! Si, molto interessante, anche questi libri non sono niente male ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi segno Glenn Cooper di cui non ho letto nulla, ma anche io ho già altre letture da iniziare e terminare :D vedremo quando riesco! Grazie mille, spero di non far passare troppo tempo dal prossimo episodio!

      Elimina
  10. Approvo questa nuova rubrica! Sono sempre alla ricerca di nuovi spunti per le letture serali e del fine settimana.
    Mi sono segnata Il Bambino Bugiardo, le atmosfere cupe mi piacciono assai!
    Al momento sto leggendo Aria Sottile, sono alle prime pagine ma il modo in cui è scritto rende la lettura scorrevole e piacevole!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille :D Anche io letture serali/fine settimana!
      Ho letto che riguarda la tragedia dell'Everest, sono curioso su cosa ne pensi :)
      Buon week end!

      Elimina
  11. Sono sempre stata una lettrice appassionata per cui sono felice per l'inizio di questa nuova rubrica :)
    Ps= io 50 libri in un anno li ho anche letti, ma da qualche tempo non riesco più. Baci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille! Il mio non è un giudizio eh, se si ha tempo e passione in un anno se ne possono leggere centinaia però non fa per me e non giudico chi non fa così :D
      Baci!

      Elimina
  12. ovviamente da divoratrice di libri e soprattutto di questo genere, approvo assolutamente! Non conoscevo questi due e ho già messo in lista Il bambino bugiardo!

    RispondiElimina
  13. Thumbs up per la rubrica letteraria! ^_^

    RispondiElimina
  14. Non conosco lo scrittore, ma le tue recensioni mi hanno incuriosito! Io al contrario ahime' sono un lettore omnivoro...se non mi piaceranno al max li buttero' sotto i copertoni😊

    RispondiElimina
  15. Interessante la trama de ll Bambino Bugiardo, mi inscurisce molto! Ultimamente anche io godo più in una lettura calma e rilassata!
    Ora sto leggendo la autobiografia di Bruce Dickinson, frontman degli Iron Maiden, di cui sono una grande fan! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace molto il fatto che abbiate letture eterogenee :) me ne state suggerendo di diversi tipi. Conosco poco musicalmente gli Iron Maiden, ma le biografie sono sempre interessanti :)

      Elimina
  16. ottima idea questa rubrica,m piace tanto.
    Non ho letto i due libro e devo dire che adesso sono curiosa.
    Concordo con te, anch'io non amo quando uno scrittore resta sempre troppo uguale. Buona domenica Pier ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille 😊 Qui si nota molto diciamo il suo stile e secondo me è una pecca. Ovviamente poi il libro successivo è spesso migliore di una prima pubblicazione e quindi ne risente

      Elimina
  17. Una nuova rubrica da segnarsi!
    Dalle tue recensioni credo che darei una possibilità al primo libro il secondo mi ispira molto meno.
    Buona serata Pier.

    RispondiElimina
  18. Direi che "sotto la copertina" è geniale!!! Condivido il fatto di portarsi a letto i libri, direi che è uno dei momenti della giornata/serata più rilassanti e intriganti, sempre che il libro ti prenda. A me non piacciono molto i romanzi ma ho letto con interesse le tue sensazioni e descrizioni.... Buona serata, anzi buona lettura...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Valentino! Era il nome più azzeccato che mi è venuto in mente :D
      Buona giornata!!

      Elimina
  19. Un grosso si per la nuova rubrica! Mi piace un sacco. Anch'io ho una mezza idea di incrementare il blog con le mie letture. Boh, vedremo.
    Mi è piaciuta anche la premessa. Anche per me la lettura è evasione e "divertimento", quindi non mi interessano le "gare" o altro. Leggo quello che mi pare, quando mi pare e con i miei tempi. Tra i due libri, il bambino bugiardo mi ispira parecchio. Sia l'ambientazione che la storia potrebbero fare al caso mio. La metto in lista insieme agli altri mille libri che voglio leggere :D prima o poi ce la farò!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Eleonora :D Grazie mille! La premessa era doverosa, anche perché non sarà una rubrica molto frequente :)
      Pian piano riusciremo a spuntare tutta la lista di letture :D Un bacio!

      Elimina
  20. Assolutamente si!! Anzi proprio poco tempo fa mi chiedevo perché non avessi anche una rubrica sui libri 😉😊 la gemella silenziosa l'ha letto mia figlia lo scorso anno, lei preferisce storie più dark ma le è piaciuto abbastanza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono forse troppo lento per una rubrica così, ma arriverà presto un altro post a riguardo 😀💝

      Elimina
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Vi sono piaciuti