sabato 29 settembre 2018

{Recensioni Film 🎥🎬}
Mamma Mia! e Mamma Mia! Ci Risiamo

Ci sono quei film che mi riprometto di vedere, anche solo per semplice curiosità, per tanto tempo, ma alla fine c'è una novità o una serie tv che riesce a scalzarli fra le priorità in questo senso.
Credo ad esempio fossi l'ultimo rimasto della comunità LGBT, e più in generale fra i pochi, a non aver visto Mamma Mia (2008), pur apprezzando in genere i musical.


Ne avevo visto degli stralci quando era passato in tv, avevo colto il senso generale di come si svolgevano i fatti e di quale impatto potesse avere, ma non mi ci sono mai soffermato, probabilmente perché la storia mi è sempre sembrata troppo lineare persino per una commedia musicale.
Sophie, una giovane ragazza di appena 20 anni, gestisce insieme alla madre Donna un piccolo albergo in Grecia, ed ha tutto sommato una vita serena su questo soleggiato isolotto, ma un dubbio la tormenta. Sophie infatti sta per sposarsi, e proprio per questo importante giorno vorrebbe accanto suo padre, ma c'è un piccolo inconveniente: non sa chi sia. Per caso, da un diario della madre, scopre che suo padre potrebbe essere uno dei ragazzi che Donna frequentava da ragazza, il problema è che sembra aver avuto relazioni con tre uomini diversi più o meno nello stesso periodo.
Perché sì, Donna non si è fatta mancare nulla quando era più giovane, e quindi per Sophie l'unica soluzione è invitare i presunti padri sull'isola e capire con chi dei tre uomini può avere una affinità.
Ritrovandoseli davanti però non sarà comunque una impresa facile.


Dopo aver visto per intero Mamma Mia! ho capito come mai molti adorino questo film. Aver affidato il ruolo principale a Meryl Streep che con la sua energia è trascinante, è stata una scelta perfetta perché comunque risulta credibile. Non sta ferma un minuto, canta, balla e recita come una forsennata e già da sola rende Mamma Mia! un film iconico. Come tutti i musical ovviamente le canzoni sono la forza e sicuramente gli Abba li conosciamo un po' tutti, almeno per una canzone, motivo per cui per restare sulla poltrona senza canticchiare o sculettare un po', devi essere imbalsamato. 


Credo però che tutte le scelte fatte intorno alla storia - che vi ripeto, è difficile che possa lasciarvi a bocca aperta con colpi di scena inattesi - siano quegli elementi che hanno reso questo film così famoso e così apprezzato. Le musiche e le coreografie fanno vivere la scenografia, è come se tutto sia funzionale alla storia, come se tutto si animasse e venisse trascinato da una forza invisibile. Inoltre hanno saputo mantenere una certa teatralità senza però rendere tutto troppo impostato. 
Quindi Mamma Mia! funziona secondo me proprio per le vibrazioni positive che trasmette, per i colori, per l'allegria, per tutto il carrozzone che si porta dietro, per il cast di attori che funzionano alla perfezione nelle loro parti, e anche per i panorami e il sole della Grecia.


Io però non mi sono innamorato di questo film. Per quanto mi abbia fatto piacere vederlo, per quanto non mi sia annoiato visto il ritmo che è sempre incalzante, e abbia sculettato anche io sulla poltrona, per quanto abbia seguito quelle vibes e quello scintillio che Mamma Mia! riesce a trasmette. Però per quanto ci abbia provato, non posso dire che mi abbia segnato emotivamente, che sia riuscito a farmi coinvolgere del tutto dalle ansie, dalla tristezza, dalla gioia dei protagonisti. Ho paura del linciaggio ma Mamma Mia!, nonostante il sorriso che mi ha lasciato alla fine, e nonostante la piacevolezza, non è un film che vedrei e rivedrei fino a consumare il DVD.
Se lo avete già visto, sono sicuro che ne conservate un ricordo positivo o magari siete fra i fans innamorati persi di questa pellicola, se non lo avete visto sono sicuro che vi terrà compagnia senza disturbare troppo chi invece i musical li sopporta meno visto che le canzoni sono ben miscelate al contesto. 

Genere: commedia musicale, sentimentale
Durata: 108 minuti
Regia: Phyllida Lloyd
Uscita in Italia: 3 Ottobre 2008
Paese di produzione: Stati Uniti d'America, Regno Unito, Germania

Voto 6.5

Se dopo 10 anni ho deciso di vedere Mamma Mia! buona parte del merito si deve al sequel anche un po' prequel intitolato Mamma Mia! Ci risiamo (2018).


Ho una mia teoria sui sequel ovvero che possono essere la consacrazione di un successo, a meno che non avvengano in un tempo ragionevole, ovvero entro circa cinque anni dal primo film, o poco più in base ai tempi di lavorazione. Ma 10 anni sono tanti e mi sanno un po' di disperazione.
In Mamma Mia! Ci Risiamo facciamo un salto temporale, e ci ritroviamo a cinque anni più tardi rispetto il primo capitolo (ve l'ho detto che cinque anni sono sufficienti).
Adesso l'albergo sull'isoletta greca è in mano a Sophie, visto che Donna purtroppo è deceduta. La ragazza però non solo vive una relazione complicata con l'uomo che ha sposato e che per lavoro si trova lontano, ma è tesa per via della grande inaugurazione dell'albergo che terrà anche per onorare la madre scomparsa. Ma le cose, come sempre accade nella vita di Sophie a quanto pare, non sembrano andare per il verso giusto, fra ritardi, problemi meteorologici e assenze importanti.
Dall'altro lato c'è un'altra ragazza che sta vivendo la sua vita non senza difficoltà, colpi di testa ed altrettanta agitazione, solo che questa ragazza la conosciamo già, perché siamo negli anni '70 e scopriamo finalmente (???) le vicende di Donna da giovane


Sì, Mamma Mia! Ci risiamo è uno di quei sequel disperati, dove si cerca di ripescare dal passato per tentare il colpaccio ma alla fine il risultato è posticcio. 
Sì, loro provano a ricreare quella energia che vi dicevo, quelle vibrazioni, ma non mi pare ci riescano del tutto, anzi ad essere onesto non ci riescono affatto.
Andiamo per gradi: se in Mammia Mia! la storia era un po' fiacca e se vogliamo prevedibile, in questo secondo capitolo la storia è semplicemente inutile
Tutta la parte che riguarda Sophie e l'inaugurazione dell'albergo non riesce a sostenersi da sola, non ha aspetti che riescano ad attirare l'attenzione, a coinvolgere, e l'unica caratteristica che spicca è la scontatezza. Deve essere quindi affiancata da questo lungo flashback che dovrebbe dare corpo alla narrazione, ma secondo me non ci riesce. 


Le follie della giovane Donna mi sono sembrate esagerate, inverosimili, e anche un po' poco interessanti visto che più o meno possiamo immaginare come sia andata, ma soprattutto sono scollegate da tutto il resto.
Non si capisce chi abbia tirato in scena tutta questa parentesi, chi ci spinga a seguire il viale dei ricordi, ma parte perché così è stato stabilito dall'alto, e non c'è il minimo sforzo nel far collidere passato e presente. 
Più in generale, non c'è alcuno sforzo affinché si cerchi di fare un passo avanti rispetto a Mamma Mia!, ma semplicemente si cerca di ricostruire la stessa energia e il risultato è una minestra riscaldata, ma messa in un altro piatto. 
Mi è mancata anche l'ironia, e non è che nel primo film abbia allenato gli addominali dalle risate ma l'ho trovato spiritoso. In Mamma Mia! Ci Risiamo quel gioco delle parti, del fraintendimento è debole e quindi si perde l'ilarità di tutta la vicenda. 



Ma anche l'emotività non è proprio al centro, perché le situazioni con cui creare empatia sono poche. Nel primo film almeno potevi avvicinarti alle difficoltà di Donna di portare avanti l'albergo e gestire il matrimonio della figlia, alla frustrazione di Sophie di non sapere chi sia suo padre, o persino con l'ansia dei tre padri in incognito. In questo sequel non c'è alcun approfondimento sulle emozioni, sui personaggi, su quello che è il loro presente cinque anni dopo. 
Tutto viene raffazzonato, e messo lì tanto per. La stessa Lily James, per quanto brava, spigliata, fresca e carina, mi è sembrata una scalmanata con tanta faccia tosta a cui accadono una serie di cose. 


Quindi se non amate i musical con situazioni poco realistiche, oltre al fatto che tutti sanno ballare e cantare, potete evitare la visione. Ma soprattutto se odiate i musical con costanti canzoni peggio di una messa cantata, scappate a gambe levate perché Mamma Mia! Ci risiamo sarà il vostro incubo, visto che hanno ficcato quanti più brani possibili, anche in questo caso staccati dalla storia. 
L'unica cosa che posso salvare di questo sequel è la parte finale, quando tutto diventa una grande festa, ed immagino che Ol Parker l'abbia decisa più o meno così:


L'idea iniziale poteva essere carina, ma come molti sequel anche questo purtroppo, per me, non funziona. Perché non basta imbottire un film con scene che si susseguono, ma è importante dare profondità a quello che racconti.
Nonostante non sia stato un fan del primo film come vi dicevo, Mamma Mia! Ci Risiamo non riesce a dar nuova luce alla storia, non riesce a riportare o ricreare la stessa magia, lo stesso spirito ed energia del predecessore, anzi può essere un po' pesante per chi con i musical non ha particolare affinità. 


Titolo originale: Mamma Mia: Here We Go Again!
Genere: commedia musicale, sentimentale
Durata: 114 minuti
Regia: Ol Parker
Uscita in Italia: 6 Settembre 2018
Paese di produzione: Stati Uniti d'America

Voto 5




38 commenti:

E tu cosa ne pensi?

Info Privacy

  1. Non amo i musical, quindi non l'ho guardato, ma sicuramente non sarei stata ferma sulla sedia. Proprio io che canto continuamente e che adoro il ritmo.
    Comunque Meryl Streep una forza della natura.
    Arrivarci alla sua età con quella grinta.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi chiedo se avesse una controfigura XD Secondo me no, però zompetta ovunque senza problemi :D

      Elimina
  2. devo essere sincera il secondo non l'ho visto perchè non ho amato il primo anche se mi piacciono i musicol...ora sono curiosa del secondo ahuahau ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Temo che il secondo allora ti piacerà anche meno 😅

      Elimina
  3. Anni fa, quando è uscito "Mamma mia" , l'ho visto due volte, una di seguito all'altra. Era troppo coinvolgente. Ciaooo

    RispondiElimina
  4. Io il primo l'ho visto innumerevoli volte e l'ho adorato, ma adorando gli Abba non poteva essere altrimenti! La storia invece è banalotta ma per un musical così ci sta.
    Trovo invece ridicolo il sequel, anche io come te sono dell'opinione che 10 sono davvero troppi per un sequel! Il trailer tra l'altro non mi ha incuriosita minimamente, lo guarderò giusto perché mi aspetto un'altra vagonata di canzoni Abba e stop!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che se hai amato il primo, vedere il secondo è un po' un dovere fermo restando che lo approcci tenendo nel cuore il Mamma Mia! originale :D

      Elimina
  5. Il primo, pur non amandolo neanche io, che eppure tra Mouling Rouge e Across the universe ho in questo genere alcuni dei miei film preferiti, è davvero carino, brioso e all'altezza della sua fama. Il secondo lo vedrò senza fretta ai tempi dell'homevideo: mi pareva già una scatola vuota, purtroppo, a scatola chiusa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I due che nomini sono davvero spanne sopra rispetto a Mamma Mia!

      Elimina
  6. Grazie per la recensione, eviterò come la peste il sequel. Avevo visto il primo all'uscita, mi ero divertita ma diciamo chiaramente che si puö fare senza tranquillamente. Forse sarà che non vado pazza per i musical, neanche a teatro? Salvo solo la Streep anche se pure lei, con tutto il suo talento e carisma, mi sembrava un po' too much. É solo la mia opinione, per quel che vale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao e grazie a te! Credo che a livello di musical, sia che piaccia come genere o meno, ci sia di meglio. Anche io l'ho trovata un po' "calcata" la Streep ma è proprio il genere che lo richiede secondo me :).
      Buona domenica!

      Elimina
  7. Ho evitato il primo. Non vedrò il secondo. Salterò anche il terzo ;)

    RispondiElimina
  8. il primo mi piace un sacco visto che quando parte dancing queen il mio cervello va via e la devo cantare ovunque sia (possono testimoniare in molti) non ho visto il secondo proprio perchè ho paura sia una ciofeca sinceramente.. magari in qualche serata di noia ne approfitto..

    mallory

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se hai amato il primo, questo non credo ti farà cambiare idea, ma certamente sarà un po' strano! :D

      Elimina
    2. ho paura sia appunto il primo con qualche scena messa lì random che a sto punto mi chiedo che me lo fai a fare il sequel xD

      Elimina
    3. Diciamo più o meno! Sinceramente tutta la parte della giovane Donna non mi ha lasciato di stucco!

      Elimina
  9. Partiamo dal fatto che amo molto il genere, del resto sono cresciuta a pane e Grease.
    Il primo film l'ho visto in televisione, nemmeno tanto tempo fa.
    Nonostante Meryl Streep.
    Un po' perché non amo le canzoni degli Abba un po' perché mi pareva una storia scontata.
    La visione non ha migliorato le aspettative.
    Nemmeno la grande attrice americana è riuscita a farmi cambiare idea. Il film resta un minore del genere e non credo mi verrà voglia di rivederlo come ho fatto per molti anni.
    Per quel che riguarda il sequel mi intristisce solo l'idea, figurarsi passare due ore seduta a guardarlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensavo che gli Abba non ti dispiacessero! Non so perché ma avevo questa impressione :D

      Elimina
    2. Oddio no, non sono proprio il mio genere...

      Elimina
  10. Il primo l'ho visto sia al cinema che in tv, mi è piaciuto ma, nonostante ami i musical, come te non ne sono rimasta innamorata :)
    Il secondo non l'ho visto ma immaginavo fosse un po' una minestra riscaldata, come la maggior parte dei sequel...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aspetteremo il prossimo musical che ci faccia innamorare :D
      È un peccato, perché poteva funzionare!

      Elimina
  11. Mamma mia avrei voluto vederlo al cinema quando uscì ma era un periodo incasinato e non ci riuscii. Senza fretta attesi di vederlo arrivare in televisione. Trepidante mi misi lì davanti quando capitò e...dovetti stopparlo dopo un'oretta. Mi annoiava da morire, non riuscivo a reggerlo.
    Quindi figurati se mi metto a guardare il secondo, dovrebbero pagarmi.

    RispondiElimina
  12. Il primo mi era piaciuto, lo avevo trovato un buon film per passare qualche ora di relax. Speravo fosse lo stesso per il secondo ma dopo aver letto la tua recensione ho paura che non sarà così...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao :) Secondo me si può impiegare il tempo meglio, ecco tutto :)

      Elimina
  13. Io lo vedrei solo per Cher <3 ma c'è Cher... vero? il sequel dico, perché nonostante io ami la musica come sai e sia una ballerina fallita che comunque zompetta ovunque, maltollero i musical...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, c'è ed è l'unica cosa che merita :D

      Elimina
  14. Insomma, già il genere non mi piace (salvo qualcosina), già il primo non l'ho visto (e gli dai 6.5), questo sequel dici che è noioso con personaggi inverosimili... evito come la peste.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vabbé Moz c'è mai qualcosa che guardo e che ti piace? Dimmi, dimmi!

      Elimina
  15. Il primo anni e anni fa mi piacque abbastanza, visione scorrevole e piacevole. Ma adesso, a distanza di anni, personalmente non l'avrei nemmeno fatto il prequel, tant'è che non sono andata a vederlo e a dirla tutta non ne sono neanche particolarmente attratta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È passato in effetti troppo tempo ed è normale che si perda la voglia di vederlo!

      Elimina
  16. Visto solo il primo.
    L'ho trovato divertente, anche se certamente non può essere definito un capolavoro.
    Meryl Streep può comunque rendere interessante qualsiasi film. Io l'adoro.
    Ciao Pier.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meryl Streep è sicuramente la carta vincente del primo, e la perdente del secondo :)
      Buona serata!

      Elimina

Vi sono piaciuti