venerdì 4 maggio 2018

|P_laylist #15|
Prime impressioni su tanti ritorni e troppo altro.

Marzo e Aprile ci hanno scavato la buca e sepolti con nuovi singoli e nuovi album. Talmente tanta nuova musica che non ci bastano due orecchie per ascoltare le novità che vengono lanciate nel panorama musicale internazionale. E maggio non si sta differenziando poi molto, visto che a colpi di teaser e anticipazioni, pare stiano per arrivare altri nuovi brani.
Già solo ieri sono spuntati quattro nuovi titoli da nomi altrettanto attesi.
La prima è Christina Aguilera, che, dopo sei anni dal suo ultimo album Lotus, cambia di nuovo veste e lancia Accelerate con 2 Chainz e Ty Dolla $ign, che anticipa il suo nuovo disco in uscita il 15 Giugno intitolato Liberation.


Accelerate ha fatto discutere già da diversi giorni prima della sua pubblicazione, per via del fatto che sia stata prodotta da Kanye West, che se non seguite, sta dando un po' di matto su Twitter dove ad esempio, appoggia il presidente Trump; ma anche fuori dai social ha, per dirne una, definito come una scelta la schiavitù degli afro americani.
I can't, quindi concentriamoci sulla musica. Il nuovo singolo di Christina Aguilera è effettivamente un po' diverso da quanto mi aspettassi, visto che mette un po' da parte la voce e si dedica ad uno stile che unisce l'hip hop, l'r'n'b, e un po' di ritmi tribali.
Avrei preferito che fosse un po' più corta, e il video ha immagini altamente disturbanti, ma Accelerate superato un primo scoglio di dubbi, mi è entrata in mente, l'ho riascoltata già più e più volte.
Immagino che il resto dell'album sarà diverso, ma intanto Accelerate va in loop nelle mie cuffie.
Christina non è l'unica coinvolta in questo marasma di nuovi brani, c'è anche una sua collega, per restare in tema di grandi voci, che non ha un vero è proprio singolo, ma fa parte della soundtrack  di Deadpool 2 (al cinema il 16 Maggio). Mi riferisco a Ashes di Celine Dion.


Sinceramente, se non l'avete ancora sentita non vi state perdendo molto: è la classica ballatona che Celine Dion ormai propone da anni ed anni ed anni ed anni per i suoi stessi dischi, dove lo sai che prima o poi tira un acuto che ti fa cadere il lampadario della cucina. Nulla di nuovo sotto al sole, anzi Ashes sinceramente mi sembra pure un po' sciapo, e non capisco l'esaltazione generale.
Il video poi è raccapricciante. Lo sappiamo che Deadpool è un personaggio simpaticone, irriverente e sopra le righe, per cui ci sta un effetto un po' grottesco e parodistico, ma questa ballerina con la sua tuta è semplicemente brutta. 
E il filtro bellezza sparato al massimo sulla faccia di Celine è un po' ridicolo. 
E poi parliamone, chi le ha decolorato così tanto le sopracciglia?


Ripeto, non è un singolo ufficiale, ma Ashes non la riascolterò più di un altro paio di volte prima di dimenticarla. 
Sono molto curioso invece del progetto di Sia, la cantante di Everyday is Christmas giusto per riportarvi all'ultima cosa per cui l'abbiamo sentita, che ha unito le forze con Diplo e il cantautore inglese Labirinth (se non avete mai ascoltato Jealous piangendo a dirotto, mi spiace per voi) per formare il progetto LSD. Nulla di illegale, sono solo le iniziali dei loro nomi. 
Pare ci sarà un album, ma intanto, sempre ieri, è uscito il primo singolo, Genius.


Probabilmente non una canzone che ascolterò a manetta mattina e sera (anche perché davvero qualcuno potrebbe pensare sia sotto effetto di qualche stupefacente), ma intanto ho apprezzato che Sia abbia fatto un pezzo un po' diverso dalla sua solita roba elettronica piena di vocals; e secondariamente sono davvero curioso di cosa creeranno per cui mi sembra un terzetto da seguire.
Genius ha comunque qualcosa di ipnotico e credo che più la si ascolti e più si ha voglia di sentirla.
Pensate che abbia finito con le novità?
Ma nemmeno per sbaglio
"Tutti bramiamo qualcosa", è più o meno quello che cantano i Florence and the Machine nel nuovo singolo Hunger, che farà parte dell'album High as Hope.
Ed è vero, tutti abbiamo fame di qualcosa, e non parlo necessariamente di una pizza calda e croccante, mi riferisco a necessità di vita, all'amore, al bisogno di guarire le proprie ferite.


Messa così suona bene, ma devo dire che Hunger l'ho apprezzata più riascoltandola che a primo acchito. Ma sono io ad avere un problema con i Florence and the Machine perché ho sempre l'impressione che puntino a quell'indie, concedetemi il termine, snob, di chi vive come se tutto fosse un filtro Instagram dai colori saturi. Non amo questa sorta di fan service, questa languidezza già vista. In questi video ad esempio c'è sempre qualcuno buttato a terra che poi prende esageratamente vita, e alla fine, l'obiettivo di originalità si perde secondo me.
Inoltre il beat di Hunger mi sa di già sentito, sebbene al momento non mi viene in mente dove. Potrei cambiare idea con gli ascolti ma al momento preferisco molto di più a primo impatto quello che era il precedente singolo, Sky full of song.


E lo so che sono pezzi con intenti diversi, e apprezzo il collegamento fra i due video, ma Sky full of song mi arriva più genuinamente e meno volpinamente. In ogni caso sentirò che altro tirano fuori i Florence + The Machine. 
Cambiamo del tutto genere e passiamo a uno che secondo me non sta sbagliando un passo, ovvero Shawn Mendes. Ogni volta che penso che abbia 18 anni resto sempre un po' sorpreso perché Shawn ce la sa.
È vero che il suo stile è molto Millennials e io per lui sono una tardona, ma è anche vero che secondo me per quella che è la sua età e il suo pubblico sta seguendo un percorso azzeccato.
Andiamo in ordine: 22 marzo 2018, esce In My Blood e me ne innamoro. Sonorità pop rock, la fragilità del testo, la sua voce che arriva liscia e delicata, ma che si spezza qui e lì nella sofferenza del brano.


23 Marzo e Shawn pubblica Lost in Japan, un brano un po' più fresco con sonorità incrociate, fra il funk e l'RnB, ma che mi prende un po' meno per questo voler gigioneggiare alla Justin Timbarlake di cui proprio non abbiamo bisogno.


Ieri un altro colpo di coda con Youth in collaborazione con un certo Khalid che non conosco. Con Youth, Shawn segue la strada dell'RnB più netto ma porta delle sonorità radiofoniche e abbastanza estive. Le due voci si sposano bene e la canzone finisce per collocarsi esattamente fra i due brani appena citati secondo il mio ordine di preferenza. 


Shawn Mendes è giovane, probabilmente deve migliorare un po' vocalmente dal vivo, anche se immagino non sia facile avere a che fare col suo timbro arioso e grattato allo stesso tempo, ma lo vedo centrato sul suo percorso e sappiate che il 25 Maggio uscirà il suo album omonimo per cui me ne sentirete ancora parlare. 
Lo so, sto fangirlando per un ragazzetto, ma diamo largo ai giovani e Shawn quando vuoi, sono qui.
Facciamo ancora un passo indietro. 6 Aprile 2018 Calvin Harris e Dua Lipa pubblicano un nuovo singolo in collaborazione: One Kiss.
Pensate abbia fatto le corse per sentirlo? Beh, quasi, ma non ci sono riuscito, dico davvero.
Per tutto un mese in pratica non ho avuto modo, e quando avevo modo me ne scordavo. Poi giusto un paio di giorni fa è uscito il video e finalmente ho centrato l'obiettivo.


Non è esattamente il mio pezzo, non mi strappo i capelli per questi suoni un po' house/dance anni '80 e '90 ma vi preparo psicologicamente perché credo ci bombarderanno tutta l'estate. Il video, caleidoscopico e anche questo dal vago sapore retrò, mi ha fatto un po' sorridere, con Calvin Harris a reggere il bicchiere che pare un cartonato. E Dua Lipa è sempre più bella, ma l'ho preferita in IDGAF.
Sempre il 6 aprile, è stato pubblicato un album che mi son sorprendentemente ritrovato ad ascoltare con piacere, e mi riferisco a Invasion of privacy di Cardi B.


Un misto di rap, hip hop e trap che per adesso va tanto e di cui non capisco nulla. Non lo so se sia la nuova Nicki Minaj né mi interessa perché non la seguo e comunque ha una carriera più prolifica ma, oltre ad adorare Cardi B su Instagram e nelle interviste per il suo modo schietto di esprimersi, con Invasion of Privacy mi ha avvicinato ad un genere che non è il mio abituale. Drip, Bartier Cardi e Be Carful i pezzi che preferisco.
C'è chi dice già che fra un anno Cardi B sarà dimenticata, ma secondo me saprà restare ancora un po' in scena.
Nella categoria "album di compagnia ma niente altro" metto America dei Thirty Seconds To Mars, pubblicato ovviamente il 6 Aprile di quest'anno. 




L'intento era quello di quasi descrivere gli Stati Uniti di oggi, una sorta di soundtrack per un documentario (che esiste e si intitola A Day in the Life of America) immagino anche di critica alla situazione sociopolitica americana; il risultato è però un album annacquato da echi, cori inutili, e un mix di generi e suoni che creano un lavoro a mio avviso impastato e al tempo stesso disomogeneo, in parte acerbo, che forse avrebbe potuto fare una band più giovane e inesperta.
Fanno compagnia i Thirty Seconds To Mars di America, ma senza grandi aspettative.
Per la categoria "Ci hai provato" invece ho due belle signorine. La prima è Ariana Grande che il 20 aprile pubblica il lead single del suo prossimo album, Sweetener e che si intitola No Tears Left to Cry.


Ariana Grande riesce a muoversi abbastanza bene nelle classifiche, le sue canzoni fanno impazzire grandi e piccoli, ed hanno una musicalità radiofonica. È insomma una che ci prova e ci riesce, ma No Tears Left to Cry, nonostante l'abbia ascoltata volentieri più e più volte, non resta secondo me in mente come i singoli precedenti.
Ma anche se la mia opinione è un po' così, sono sicuro che per lei andrà bene. Solo una cosa, Ariana: ti ricordo che eri quasi rimasta calva a furia di tingere i capelli. La decolorazione non è una scelta migliore.

Kylie Minogue fa anche parte della categoria "Ci hai provato" con il suo album Golden, uscito il 6 aprile di quest'anno (giuro che non me lo sto inventando), ma poteva tenere compagnia ai Thirty Seconds To Mars fra gli album che ascolti a tempo perso ma che non ti dicono molto.


Un mix di country, pop con una goccia di dance che poco mi ha emozionato e che forse poco si addice a Kylie. Diciassette brani della versione Deluxe secondo me sono un po' troppi, avrei fatto una pulizia eliminando un po' quei pezzi filler, che riempiono un progetto secondo me poco originale, e anche escludendo a priori i Gente de Zona, che non credo qualcuno sopporti e che non apportano mai nulla di buono. 

Nella categoria "Ok, ma piano" completamente inventata al momento metto invece tre artisti italiani. 
La prima è Carmen Consoli che il 13 Aprile è tornata con un album dal vivo intitolato Eco di sirene.


Una raccolta di 22 brani in cui Carmen ficca anche due inediti insieme ai successi che l'hanno resa famosa. In Eco di sirene, la cantantessa ha spogliato musicalmente i suoi brani più famosi e la ri-registrati in presa diretta creando una sorta di unplugged con voce, chitarra, violoncello e violino. 
Il problema non è il risultato finale, sempre sul filo della critica sociale come è solita fare, godibile come dicono quelli bravi, e interessante, ma sono io che con la Consoli preferisco andarci piano e ascoltarla a piccole dosi. Non male anche Tano (in siciliano) e Uomini topo, i due inediti che ha messo in mezzo a questo progetto.
Così come ho apprezzato ma centellinata, la voce di Maria Antonietta in Deluderti.


Dal cantautorato all'indie italiano il passo non è tanto lungo. Maria Antonietta è in giro da un po', ma credo che abbia anche lei fatto un passo avanti solo ultimamente, o per lo meno, io l'ho notata solo di recente. Deluderti riprende quei suoni anni '60 e '70 che non fanno proprio originalità, e lo stile sempre uguale con cui Maria Antonietta modula la voce, schiacciando un po' il suono, mettendo aria per restare nello stile, cambiando registro quando la tonalità sale un po', nel corso dei 9 brani secondo me la rende un pochino pesante, ma, ripeto, a piccole dosi, l'ho apprezzata e i suoi testi sono da ascoltare con attenzione. 
Sempre a piccole dosi ascolto anche Vivere o Morire di Motta


Diciamo che a Motta va meglio per quanto riguarda il rapporto con le mie orecchie perché spazia un po' fra sonorità leggermente diverse, ci mette le percussioni, i violini, uno stile un po' più orchestrale, passando per l'indie rock, dando un po' più di grinta e di movimento a Vivere o Morire
Un album di emozioni, intimo se vogliamo, sul vivere appunto "come se fosse l'ultima notte insieme", sul lanciarsi senza pensare. Motta può crescere, credo che questo sia il secondo album da solo (prima faceva parte di un gruppo ma non chiedetemi ché non so altro) e penso che ancora abbia altro da raccontare. 

E per concludere la mia P_laylist non può mancare la categoria "Il ritorno che nessuno voleva" con le Lollipop.


Dal successo di Down Down Down a giù nelle classifiche fino al dimenticatoio, la girl band made in Italy ci riprova per la seconda volta con un organico dimezzato. Marcella Ovani, Veronica Rubino e Marta Falcone lanciano Ritmo Tribale mentre Roberta Ruiu resta a casa a lamentarsi che le Lollipop senza di lei non esistono. Più trash di così nemmeno Uomini e Donne
Ritmo Tribale, è un po' un mix dei vecchi successi del gruppo, ma fatto peggio; sembra una canzone scritta per funzionare nelle ricerche su internet, e tentare una paio di passaggi in una qualche radio regionale grazie a frasi in spagnolo messe totalmente a caso. Per il resto non funziona nulla, dalle coreografie del video, al voler scimmiottare uno stile e una produzione di cui chiaramente non possono far parte.
Mi spiace per le Lollipop, ma credo che siano destinate a sparire un'altra volta.

Direi che con la musica di circa un mese a questa parte è tutto.
Voi che state ascoltando al momento?




35 commenti:

E tu cosa ne pensi?

Info Privacy

  1. sono molto indietro con le uscite musicali.. i Florence + The Machine mi piacciono abbastanza (una delle mie canzoni preferite di sempre è la loro) ma vanno un attimo capiti a volte.. curiosa di sentire sicuramente le loro uscite..
    ok mi sono vista il video che hai postato di ritmo tribale, che poi le lollipop io manco so chi siano ma vabbè.. e niente a sto punto mi do anche io alla musica che sicuro esce un video migliore xD

    mallory

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I Florence in effetti devo sempre un po' metabolizzarli, magari cambio idea strada facendo :D
      Il ritorno delle Lollipop proprio non ci serviva! :D

      Elimina
  2. A me manca un sacco la vecchia Christina. Quella col vocione che metà delle cantanti pop si sognano, quella degli YEEEEEAAAAAAAAAA spaccatimpani che ai tempi ci si chiedeva da dove venisse quel vocione. Ecco, a me Accelerate non piace per nulla. A parte un discorso di gusto mio, la trovo una canzone più adatta a Rihanna che a lei. Non ce la vedo, non ce la sento. Il video boh. Mi sa tutto di già visto (mi ricorda sia la Minaj che Miley Cyrus, la colata di miele sulla testa me la ricordo da un servizio fotografico vecchissimo della Bellucci).
    LE LOLLIPOP MIO DIO CON CHE CORAGGIO?!? Ma quanto sono caduti in basso i produttori italiani per rispolverare 'sta gente? Mi fa proprio incavolare, soprattutto considerando che abbiamo un sacco di persone di talenti giovani, che studiano canto e musica e non riescono a farsi notare! Finiscono per suonare in qualche cover band o tributo per poi abbandonare i propri sogni, mentre chi "sceglie" i cantanti da lanciare cerca di far tornare alla ribalta gente che nessuno ha voglia di rivedere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. (ho scritto in un italiano discutibile, confido che si capisca cosa volessi dire hahaha!)

      Elimina
    2. Su Christina ho pensato anche io a Rihanna all'inizio, ma poi come dicevo il pezzo mi ha preso. Sono sicuro che qualche altro singolo sarà un po' più "classico".

      Hai ragione per quanto riguarda le Lollipop, scherzi a parte, un progetto così è buttato e potrebbero provare a lanciare qualche novità che può funzionare, invece di qualcosa che si sa ormai è stato davvero superato.

      Elimina
  3. Mi sento vecchia perché non credo di conoscere nessuna di queste canzoni da te citate (anche i nomi ad eccezione della Aguilera e delle Lollipop mi sono nuovi!), poi magari le ho già sentite e semplicemente non sapevo il nome, me le devo sentire con calma.
    Sulle Lollipop che ritornano, niente da dichiarare, sei già stato abbastanza esaustivo tu Pier.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ok non ho resistito e ho ascoltato subito la canzone delle Lollipop. La sensazione di imbarazzo credo mi farà compagnia per il resto della giornata.

      Elimina
    2. Ahahaha mi spiace per il disagio Lollipop ma non potevo non sottolineare la cosa 😁 passato il disagio?

      Elimina
    3. Sì, alla fine ho completamente rimosso, anche perché sono incappata in una canzone con Gianluca Vacchi e tutto il resto a paragone mi è parso bellissimo :D

      Elimina
    4. oddio ci credo che poi ti è parso tutto meglio XD

      Elimina
  4. Ti dirò che ancora non ho ascoltato nemmeno una di queste canzoni XD ma adesso recupero. Io in queste ultime settimane sto in fissa con i Maneskin che ancora non avevo ascoltato, mi piace molto il loro stile! Devo dare un'occhiata alle novità, perchè quando mi fisso con una canzone, non ne esco più! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piace molto anche a me la canzone del Maneskin! Non l'ho nominata solo perché è uscita da un po'

      Elimina
  5. Rivelazione Motta, adorabile Mendes, mentre sempre un atteso ritorno se si parla di Florence. Delle altre, spulcerò e ascolterò meglio. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi aspettavo peggio da Motta, o meglio, essendo un genere che non amo in toto sono sempre un po' prevenuto :)

      Elimina
  6. ho ascoltato diverse canzoni..la più bella è hunger dei florence and machine per me..
    christina aguilera a me piace tanto ma questo singolo è veramente orrendo!
    tanto che non l'ho nemmeno ascoltato tutto!
    sarà purtroppo temo un altro flop..
    le canzoni di Kylie dai sono carine!
    certo è che da can't get out of my head non esce più da 'sti ritmi forzatamente dance!!
    di tutti questi ritorni compresa Christina non sapevo niente.. a parte la prima canzone di shawn mendes.l'unica canzone recente ho ascoltato è janelle monae con 'make me feel'..per me il brano 'spacca'!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo ascoltare ancora la Monae ma confesso che le immagini dal video mi hanno inquietato XD

      Elimina
    2. sì è vero..il video è bruttissimo.
      ascolta ma non guardare.

      Elimina
    3. Sicuramente la cerco su Spotify così evito XD

      Elimina
  7. Per me Celine Dion resterà per sempre la voce del Titanic. Tutto ciò che ha fatto dopo non esiste xD
    A parte gli scherzi, il trucchetto di mettere LSD in qualche titolo (sia come acronimo dei nomi dei 3 cantanti che come messaggio "subliminale" per l'omonima droga) è vecchia! Vecchia quanto i Beatles poichè si dice che la canzone Lucy in the Sky with Diamonds dei Beatles fosse per l'appunto un "inno all' LSD" (la L di Lucy, la S di Sky e la D di Diamonds..) :D
    non so se sia vero, ma guardando l'immagine d'anteprima di Genius con quelle immagini così anni '60 e psichedeliche, sembra quasi un tributo a tale leggenda :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho letto di ispirazioni per LSD, ma sono quasi sicuro che il video sia ispirato ad uno stile che ho già visto altrove (anche se non ti saprei dire dove XD). Se lo vedi lo riconosci!

      Elimina
  8. Comunque Calvin Harris è un figo della miseria, ahahah, figuriamoci vestito da cameriere :D.

    Rimpiango un po' il Calvin dell'inizio, "Feel so close" rimane il capolavoro della sua discografia, ma c'erano pezzi tremendamente potenti come "Drinking in a bottle" che facevano esplodere le casse.

    Poi sì, "One Kiss" è sicuramente un buon mix tra l'house in voga oggi e il sound anni '90. Ma non mi ha preso al primo ascolto.

    Su IDGAF di Dua Lipa la pensiamo all'opposto :D

    Le lollipop arghhhhhhhhhhhhhhhh

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Calvin Harris è effettivamente molto figo per quanto non ami i biondi :D

      Feel so close mi piaceva, per quanto non ami la dance in genere, mentre Drinking in a bottle non la ricordavo proprio!
      Non ti piace IDGAF?
      E che hai contro le Lollipop?

      Elimina
  9. non sapevo niente di alcuni ritorni, ho dato un ascolto a quasi tutto.
    Accelerate l'ho frenata al 2'minuto, non mi piace.
    Ashes è Celine che fa la solita Celine, e va bene, ma il video - concordo - è grottesco!
    Genius non mi pare geniale, stoppata anche quella.
    Quanto a Florence, io al contrario preferisco l'energia di Hunger alla morbidezza di Sky|etc.
    Bella Youth dell'adorabile Shawn!
    Con One Kiss è già estate|2018: per ora mi piace molto, non so se mi piacerà fino ad ottobre :D
    Cardi B forse è troppo|troppo rap per i miei gusti.
    Promuovo Ariana, boccio Kylie e Uomini Topo della Consoli, sorvolo sull'indie italiano che al momento non rientra tra i miei ascolti.
    In Ritmo Tribale mi pare di sentire un filo|tentativo di Bambola, ma il problema è che neppure le Lollipop al completo farebbero una Betta|Lemme. ciao|ciao|ciao! :D
    ah, io per ora sto ascoltanto|amando Dirty Computer di Janelle Monáe :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti consiglio di non stoppare perché son tutti brani che effettivamente prendono con gli ascolti :) Poi certo, se non piacciono non piacciono!
      Devo ancora sentire la Monae, ma non ho ancora avuto tempo, spero presto :)

      Elimina
  10. Adoro quando scrivi " gigioneggiare". Me fai morì.
    Detto questo, ho proprio una gran voglia di nuova musica da inserire nelle playlist. Aria fresca, roba ballabile nel mio caso. Buon week end.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah non ci sono termini più azzeccati secondo me :D
      Buon week end :D

      Elimina
  11. Su ariana concordo, non so, riesco a malapena ad ascoltarla figuriamoci a cantarla, ha lanciato singoli decisamente più belli! Mia figlia la adora, è andata a tutti i suoi concerti (io l'ho accompagnata ad uno e devo ammettere che dal vivo è pazzesca) però quando le ho detto che la canzone non mi piaceva non ha replicato, quindi deduco che non fa impazzire neppure a lei....ovviamente ha già acquistato il singolo, acquisterà l'album e andrà al concerto 😞😞

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che carino questo scambio mamma e figlia :D Hai fatto bene a portarla ai concerti, sono sicuro che Ariana abbia una voce bellissima dal vivo!

      Elimina
  12. Selindiòn è riuscita a catasto?? :o
    Addirittura per Deadpool... allora ci puntano un sacco.
    Guarda, già sono fan del progetto LSD. Meraviglioso anche il video.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dopo il successo del primo, immagino che cerchino di spingere anche il secondo!
      Non immaginavo che LSD ti piacesse ma pure secondo me il video è carinissimo!

      Elimina
  13. Ashes mi ha stufato già al primo ascolto e One Kiss la inserisco nella categoria "Prossimamente in palestra" ^_^ Le Lollipop erano raccapriccianti già quando erano giovani, figurarsi ora che sono tardone :D No ma poi notare la faccia dei camerieri nel video ahahahahah!!! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me un po' tutti i partecipanti non erano consci a che cosa andavano incontro xD

      Elimina
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Vi sono piaciuti