lunedì 4 maggio 2020

|Beauty Cues|
Promossi e bocciati The Ordinary!

Sono passati incredibilmente tre mesi dalla mia ultima review su The Ordinary, ma è arrivato il momento di fare il punto della situazione riguardo agli ultimi prodotti Deciem che sono entrati nella mia routine.



Si tratta di ben quattro sieri viso, motivo per cui non mi soffermerò su grandi introduzioni, che in parte non sono stati onnipresenti nella mia cura della pelle, ma man mano scoprirete anche perché, ed altri che invece potrebbero diventarne parte costante.


The Ordinary Alpha Arbutin 2% + HA



Uno dei sieri The Ordinary che non ho usato appunto quotidianamente, ma più o meno tre o quattro volte la settimana, è stato l'Alpha Arbutin 2% + HA, che in verità ho scelto di provare più per curiosità che per reale necessità.
Come si legge sul sito Deciem
"Alpha Arbutin riduce l'aspetto di macchie e iperpigmentazione. È utilizzato ad un'alta concentrazione del 2% rispetto a una concentrazione standard dell'1% e supportato con una forma di acido ialuronico di nuova generazione per un miglior assorbimento. Alpha Arbutin ha un effetto molto più forte di Arbutin o Beta Arbutin."
Personalmente non ho grandi macchie cutanee da contrastare, ma mi piace incorporare nella skin-care qualunque prodotto che abbia una efficacia illuminante per l'incarnato, aspetto secondo me importante e che mi attira sempre. 



Piccola nota tecnica: l'arbutina è una grande famiglia che riunisce alfa e beta arbutina, e sono tutte sostanze che aiutano a schiarire macchie date dal sole, dalla gravidanza, dall'età e da svariati fattori. L'azione di questa sostanza, in breve, è data dal suo scomporsi in idrochinone, ma se vi steste chiedendo allora perché non usare direttamente questo idrochinone, la risposta è semplice: si tratta di un componente che, ad alte dosi, può essere tossico, al punto che l'unione Europea ne ha vietato l'uso nei cosmetici. Per questo si ripiega sull'arbutina.
Pare che l'alfa arbutina sia la forma più potente della famiglia, ma non ci sono studi certi. In ogni caso, se usata di giorno, deve essere accompagnata da una protezione solare (se no, che senso ha schiarirsi le macchie, ma poi procurarsene altre!?).
Tornando alla Alpha Arbutin 2% + HA di The Ordinary, si presenta come un siero abbastanza gelloso, forse fra i più densi fra quelli che ho provato del brand, ma la consistenza non ne inficia affatto l'uso e la piacevolezza nello stenderlo sulla pelle.



Quella di questo siero è una formulazione molto semplice, senza altre componenti se non appunto l'acido ialuronico, che lo rende un po' idratante e fresco sul viso. Come tutti i prodotti The Ordinary, anche l'Alpha Arbutin non ha profumo, ma io avverto l'odore, seppur delicato e non fastidioso, dei componenti chimici.
Anche con un uso sporadico sono riuscito ad apprezzare questo siero, infatti ho notato che la Alpha Arbutin 2% ha reso il colorito del mio incarnato più uniforme, luminoso, omogeneo.
Per me è un po' l'effetto che ottengo con un buon siero alla vitamina C, ma ho visto che questo prodotto fa la sua parte ed aiuta questo miglioramento.




Il livello di idratazione che dà non è assolutamente sufficiente  da solo per la mia pelle ma, come vi dicevo, è gradevole da usare, e non ha fatto capricci se poi vado a sovrapporci altri sieri o creme. Non l'ho trovato un siero appiccicoso, si assorbe facilmente sulla mia pelle e non lascia patine.
Nonostante quindi non possa dirvi che agisca su macchie cutanee in modo mirato, non ho trovato controindicazioni nella Alpha Arbutin 2% + HA di The Ordinary, anzi se avete iperpigmentazioni il mio consiglio è di darle una chance, specie se la affiancate ad altri prodotti che agiscono sul colorito della pelle. Tra l'altro è uno dei pochi sieri viso Deciem di cui la stessa azienda non segnala conflitti con altri attivi.

INFO BOX
🔎 TheOrdinary.com, Lookfantastic.it, Douglas, Sephora
💸 €8.90
🏋 30ml
🗺 Made in Canada
⏳ 12 Mesi
🔬 //
💓⇒ 🌸🌸🌸🌱

The Ordinary Amino Acids + B5



Mi ha stupito invece fin da subito, questo siero a base di amino acidi e pantenolo, e sinceramente mi chiedo come mai abbia tentennato a provarlo.
Anche in questo caso, The Ordinary ci spiega tutto:
"Questa soluzione concentrata comprende aminoacidi e derivati ​​di aminoacidi, che combinati creano una concentrazione totale del 17% (in peso). Questo assomiglia alla composizione degli aminoacidi presenti nei fattori idratanti naturali della pelle e fornisce un supporto alla barriera cutanea, all'elasticità, all'equilibrio osmotico e contrasta la desquamazione. La formulazione include anche una concentrazione del 5% (in peso) di D-pantenolo, che è una forma di vitamina B5 per fornire idratazione superficiale e sotto la superficie, aiutando nella riparazione della pelle e nelle funzioni anti-irritanti."
In poche parole gli aminoacidi, che altro non sono che proteine, si occupano di migliorare la salute e le funzioni naturali della pelle. Sono elementi naturalmente presenti nella nostra pelle e ci sono diversi aminoacidi, che hanno più o meno compiti diversi. Gli aminoacidi, inoltre, vengono utilizzati per comporre i diversi peptidi. Anche in questo caso non abbiamo tantissimi studi che possano darci info certe, ma pare che alcuni di questi amino acidi aiutino a stimolare il collagene e combattere le rughe, ed altri vanterebbero una efficacia antiossidante.



Nell'Amino Acids + B5 di The Ordinary credo che ci sia una buona percentuale di questi attivi, e sono stati inseriti in una formulazione molto gradevole: è acquosa, ma, nonostante non sia oleosa o spessa, si sente che ha corpo come un siero. Per intenderci, anche sulla pelle non ha quella freschezza e sottigliezza di un siero leggero all'acido ialuronico, ma allo stesso tempo non è pesante.
Vi prego non fatemi continuare con la spiegazione della texture, vi basti sapere che sulla mia pelle, tendente al secco, risulta un pelo appiccicoso, ma nulla che non si risolve con un po' di crema sopra.



Anche prestando attenzione, non sento alcun odore in questo siero, inoltre The Ordinary dice che potrebbe provocare un lieve formicolio, e suggerisce di mischiarlo ad un altro prodotto, ma io non ho mai avvertito questa sensazione.
Quello che ho apprezzato dell'Amino Acids + B5 di The Ordinary è proprio in cui idrata la pelle, proprio bene, a fondo, in maniera duratura. Mi lascia proprio la sensazione di pelle elastica, soda, morbida, anche al tatto è gradevole. Ma soprattutto ho notato che riesce a lenire i rossori e riparare screpolature e secchezza.



Secondo me, se ad esempio trovate i siero a base di acido ialuronico poco soddisfacenti, magari vivete in un clima secco, ventoso, freddo, se fate trattamenti che possono inficiare la barriera cutanea, magari retinolo o acidi esfolianti, credo che l'Amino Acids + B5 sia il prodotto che possa darvi quel supporto di idratazione che vi serve. Mi sembra anche un'ottima alternativa al Natural Moisturizing Factors + HA, una versione liquida diciamo, che se ricordate non mi era piaciuto (qui la review).
Anche in questo caso non ci sono conflitti, e si può usare sera o mattina.

INFO BOX
🔎 TheOrdinary.com, Lookfantastic.it, Douglas, Sephora
💸 €6.80
🏋 30ml
🗺 Made in Canada
⏳ 12 Mesi
🔬 //
💓⇒ 🌸🌸🌸🌸🌱


The Ordinary Ethylated Ascorbic Acid 15% Solution



Credo di aver provato, a questo punto, metà del range di prodotti alla Vitamina C che The Ordinary offre, ma mi mancava l'Ethylated Ascorbic Acid 15% Solution. È uno dei prodotti più recenti dell'azienda canadese, e la stessa componente, l'acido ascorbico etilico, è anche'essa una "nuova" scoperta, ma pare abbia molto potenziale.
Tecnicamente si definisce un derivato eterificato dell'acido ascorbico, e pare che sia uno dei più stabili, sia in soluzioni oleose che acquose. Ma quello che più colpisce è che proprio per la sua natura pare abbia un migliore assorbimento, ma soprattutto contiene una maggiore quantità di acido ascorbico rispetto agli altri derivati, una volta metabolizzato dalla pelle.
La stessa Deciem la descrive come
"Una soluzione eccezionalmente stabile di acido ascorbico etilico al 15%, questa formula senza acqua offre un approccio ad azione diretta per ottenere un tono della pelle radioso e sano. A differenza di altri derivati ​​della vitamina C, questa forma etilata agisce direttamente come la vitamina C, ha un peso molecolare più vicino all'attuale vitamina C che consente risultati visibili più rapidi e offre un profilo di stabilità molto migliore rispetto a qualsiasi forma nota ad azione diretta di vitamina C."
L'Ethylated Ascorbic Acid 15% Solution è un prodotto essenziale a base appunto di EAC e di propanediol, che lo rende un siero dalla consistenza oleosa, seppur sia oil-free.



La stessa The Ordinary avverte che può avere una lieve oleosità, ma questa per me non era una novità. La cosa infatti che mi ha stupito è la leggera sensazione di calore che avverto ogni volta che la stendo sul viso. Non mi riferisco ad un effetto delle prime applicazioni, ma qualcosa che avverto sempre, tranne se decido di unire il siero ad una crema. In ogni caso non ho mai avuto reazioni come rossore o irritazioni.
Queste due caratteristiche però vi fanno capire che l'Ethylated Ascorbic Acid Solution non mi sembra fra i prodotti che consiglierei per una pelle grassa, e io stesso non avrei piacere ad utilizzarlo in estate.
Impiega sicuramente qualche minuto ad essere assorbito e mi lascia un finish luminoso alla pelle.



Il problema principale però è che questo prodotto The Ordinary, nonostante non sia difficile combinarlo con altri cosmetici che già uso, non mi ha dato un risultato così eclatante da farmi dire che val la pena superare una texture che risulta gradevole, ma più sul versante pesante e "invernale". Non è un prodotto che potrei portare con me tutto l'anno, e che potrei inserire in qualunque skin care ho già in uso.
Ma soprattutto non ho notato una particolare efficacia schiarente e illuminante che mi spinga a considerare l'Ethylated Ascorbic Acid Solution migliore di altri sieri della sua categoria che ho già provato. Sono sicuro che sia un attivo valido, che porta avanti una azione antiossidante, ma visivamente non mi ha dato grande soddisfazione. Aggiungeteci anche che, rispetto ad altri prodotti The Ordinary, questo è decisamente più caro, e per quasi 20 euro mi aspettavo uno sforzo formulativo maggiore.

INFO BOX
🔎 TheOrdinary.com, Lookfantastic.it, Douglas, Sephora
💸 €18
🏋 30ml
🗺 Made in Canada
⏳ 12 Mesi
🔬 //
💓⇒ 🌸🌸🌱


The Ordinary Lactic Acid 5% + HA



Mi è invece più ignoto il reparto di peeling chimici che The Ordinary propone, e ho deciso di iniziare la mia conoscenza proprio con il loro Lactic Acid 5%, anche perché non avevo provato ancora un prodotto per il viso che lo contenesse in maniera esclusiva.
L'acido lattico fa parte degli alfaidrossiacidi ma, al contrario dell'acido glicolico, ha una molecola più grande che significa due cose: minor assorbimento e maggiore delicatezza. Quindi porta avanti una azione esfoliante, ma pare abbia anche effetti anti età sulla pelle, seppur i test a disposizione non siano tantissimi, ma è comunque molto apprezzato in quanto ha un buon potere idratante sulla pelle. Quindi è adatto a pelli secche e sensibili.



The Ordinary ha due versione di Lactic Acid, e per entrambe offre questa descrizione
"L'acido lattico è un alfa idrossiacido che esfolia la pelle. Questa formulazione al 5% offre un'esfoliazione molto delicata ed è supportata dall'estratto di peperoncino della Tasmania purificato noto per ridurre i segni di infiammazione e sensibilità spesso associati all'esfoliazione."
Nella formulazione hanno inserito anche acido ialuronico ovviamente e glicerina, che rendono il siero più idratante, ma non ho notato il classico effetto appiccicoso che possono avere certi umettanti. Il Lactic Acid 5% + HA ha una texture leggera e acquosa, che lo rende fresco e gradevole sulla pelle, con un assorbimento rapido e senza tracce. Anche lui non mi ha dato problemi a stratificarlo con altri prodotti della skincare.



In generale mi è sembrato un buon peeling per il viso: sin da subito non sentito pizzicori o rossori, quindi è davvero delicato, ed immagino lo sia anche su pelli meno abituate della mia. The Ordinary suggerisce che può essere diluito con un altro siero o crema (come quasi tutti i loro prodotti in verità), per migliorarne la tollerabilità, ma onestamente non lo trovo necessario. Principalmente apprezzo che mi lascia la pelle morbida, le zone con pellicine e secchezza appaiono più lisce e levigate e in generale ne giova anche il colorito del viso. Ho usato il Lactic Acid 5% due volte la settimana, la sera, e mi è piaciuto come aggiungesse idratazione alla pelle, aspetto che lo rende ancora più valido considerando che l'ho utilizzato per buona parte dell'inverno. Un buon equilibrio insomma fra delicatezza e efficacia.
Son sicuro che la mia pelle possa reggere anche la versione al 10%, ma anche in questo caso non ho trovato aspetti negativi per sconsigliare il Lactic Acid 5% + HA.

INFO BOX
🔎 TheOrdinary.com, Lookfantastic.it, Douglas, Sephora
💸 €6.50
🏋 30ml
🗺 Made in Canada
⏳ 12 Mesi
🔬 //
💓⇒ 🌸🌸🌸🌸


Per il momento la mia parentesi con The Ordinary si conclude, ma come sempre vi lancio la palla per sapere se avete provato questi sieri, soprattutto quello contenente il derivato di Vitamina C, e se magari li avete apprezzati oppure no.

Se vuoi conoscere la mia esperienza con tutti i prodotti The Ordinary che ho utilizzato in tre anni, clicca qui!




16 commenti:

E tu cosa ne pensi?

Info Privacy

  1. Con The Ordinary sono un po' ferma o meglio, ho una wishlist infinita su sephora e altri siti mi annoto tutto ma ancora sono ferma all'aver provato solamente due cose in croce.
    Dell'acido lattico ne ho sempre sentito parlare bene, quindi questa è un'altra riconferma ma ammetto che gli altri non li conoscevo così bene e tra tutti è l'amino Acids + B5 quello che più mi ha incuriosito. Abitualmente uso solo il siero all'acido ialuronico ma questo mi sembra una valida alternativa anche più curiosa e interessante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è tanto da provare in effetti :D Io ho messo un po' un punto per ora, ma c'è ancora qualcosa che voglio provare!
      L'amino acids è effettivamente un po' diverso dai soliti sieri che puntano tutto su acido ialuronico. Secondo me per pelli secche e irritate è decisamente meglio appunto dello ialuronico :)

      Elimina
  2. io ho provato 3 prodotti loro e il fondotinta per me è sempre stato un NI tendente al no quindi è un marchio che non compro più ormai..

    mallory

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci può stare che a molti non piaccia, alla fine è un brand come un altro :D

      Elimina
  3. Finalmente ho acquistato anche io i prodotti The Ordinary, ne sto provando quattro, tra cui l'ultimo di cui hai parlato il Lactic Acid 5% + HA e sono s'accordo con quello hai detto e credo che quando lo finirò proverò quello al 10% appunto perchè non penso possa darmi reazioni strane. Per il resto non sono molto esperta di tutte le cose tecniche riguardo ai principi attivi, ma tu come sempre, sei molto chiaro al riguardo! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille :D Contento che sia chiaro perché in effetti a volte temo di perdermi nelle spiegazioni! È vero, secondo me il 10% è perfetto come esfoliante, ma anche al 5, per iniziare va più che bene!

      Elimina
  4. Quello per le macchie dovrei consigliarlo a mia mamma, mentre a me ispira l'Amino Acids :) Mi domando se da Douglas qui hanno questi prodotti, appena si potrà faccio un giro di ispezione :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti non entro da douglas da secoli 😅 Però sul sito non hanno scritto "esclusiva online" o qualcosa del genere... per cui immagino ci siano.

      Elimina
  5. Caro Pier,
    mi sono segnata il siero con gli amminoacidi perché da come ne parli penso che potrei assolutamente apprezzarlo anche io. E poi è il prezzo che ci si può permettere al momento :D
    Un abbraccio e grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sai che, una volta che ho ricontrollato il prezzo dell'Amino Acids mi ha sorpreso? Non lo ricordavo così basso!
      Un abbraccio a te :D

      Elimina
  6. L'Amino Acids è piaciuto tanto anche a me, sono già alla seconda confezione, sulla mia pelle mista riesco a usarlo solo nel periodo invernale (poi diventa troppo pesante) e lo trovo fantastico per contrastare le pellicine e irritazioni causate dal vento freddo quando passo molto tempo all'aperto, ottimo anche come cicatrizzante, mi ha aiutato a riparare più velocemente piccole ferite, graffi, brufoletti rotti, ecc Lascia la pelle molto morbida e liscia al tatto, anch'io non ho sentito alcun pizzicore nonostante abbia la pelle molto sensible. Interessante l'acido lattico e l'uso saltuario e personalzzato che ne fai, vedo che spesso in giro si esagera con i peeling chimici.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non l'ho provato su brufoli da far rimarginare perché in effetti ne ho raramente ma bene a sapersi :D Credo sia proprio un prodotto da avere sempre a disposizione!
      A mio avviso non ha senso usare acidi più di un paio di volte a settimana, salvo magari una pelle molto matura quindi non con un ricambio cellulare più lento...

      Elimina
  7. Sto facendo la lista della spesa per i nuovi sieri da provare e ovviamente dovevo passare da te! Quello agli amminoacidi mi sembra ottimo e voglio provarlo. L'Alpha Arbutin è da sempre tra i miei preferiti. Avevo macchie scure da acne e nel tempo le ha eliminate tutte. Inoltre mi ha aiutato moltissimo ad omogenizzare la pigmentazione sul viso. Davvero ottima e come sempre grazie er il consiglio ❤️

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh ottimo allora! Non mi pare di aver avuto brufoli mentre lo usavo quindi non ho potuto avere un riscontro così diretto, ma un colorito più omogeneo l'ho notato 😊 Grazie ancora a te!

      Elimina
  8. Mi attira veramente molto questo brand *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È un brand da capire, ma che vale la pena esplorare :D

      Elimina

Vi sono piaciuti