lunedì 4 giugno 2018

Il lato oscuro del blogging: intervista doppia Moz/Pier!

Nell'ormai lontano dicembre del 2012 mi avvicinavo ad un mondo per me del tutto ignoto, ovvero il blogging. Da quel momento ne ho viste di cotte e di crude, imparando, nelle mie possibilità, a gestire uno spazio aperto sul web. In questi anni si sono susseguiti volti, commenti, e-mail, ma anche colleghi blogger nuovi o vecchi che venivano a farmi visita, e che avevo il piacere di scoprire; ci sono stati anche addii e abbandoni, sparizioni e a volte alcuni ritorni più o meno duraturi. 
Il blogging è anche questo: un intreccio di aspetti positivi e negativi, e oggi vorrei raccontarvene alcuni. In realtà, qui da me, non sarò io a parlare del lato oscuro del blogging, ma ospito il mitologico Miki Moz del Moz O' Clock a cui ho posto una serie di domande spinose sulla questione. 


Moz è proprio un veterano del blogging, che porta avanti dal 2006, e mi sembrava la persona perfetta da intervistare, visto che in così tanti anni avrà accumulato più di qualche sassolino nella scarpa.
Ma non finisce qui, perché anche Moz mi ha intervistato su cosa non mi piace di questo mondo e le sue domande le trovate sul suo blog.
E siccome non bastava, abbiamo deciso entrambi di rispondere al domandone del secolo: il blogging è morto?
Iniziamo con le domande che ho posto a Moz!

  • Qual è stato il commento che ti ha dato più fastidio?

Moz: Ci resto male quando mi si attacca su questioni che non ho minimamente contemplato all'interno dell'articolo, e che dunque non mi rispecchiano. 
Non so se accade perché mi si legge in maniera prevenuta, oppure (peggio) perché non riesco a farmi capire, e quindi devo fare mea culpa.
Ultimamente, ad esempio, mi è stato detto che ho evidenti problemi col genere femminile, poiché avrei dichiarato che il cartoon di She-Ra non mi andrebbe bene a causa del fatto che le protagoniste siano tutte donne.
Mi ha infastidito perché, al di là dell'assurdità della cosa (sono fan di Sailor Moon, il che è tutto dire...), nel post in questione non ho mai espresso un pensiero simile. E nemmeno in altri post!

  • Ti sei prefissato qualche obbiettivo col blog che non hai ottenuto?


Moz: Posso ritenermi davvero soddisfatto di come sta andando il blog ma soprattutto della community che si è creata attorno al Moz O'Clock. Mi piacerebbe far crescere ancora di più il mio progetto editoriale/blogghistico e far circolare il mio nome magari su fronti paralleli: questo ancora non avviene, vediamo se saprò riuscirci.
Al di là di ciò, però, trovo fantastico che da un semplice blog si sia creata una rete di contatti che è andata oltre il commento sotto l'articolo.


  • Quale aspetto tecnico di blogger modificheresti?

Moz: Guarda, giusto qualche dettaglio, qualche capriccio. Blogger ha tutto ciò che serve e perdipiù in automatico. Una cosa, però, chiederei a gran voce: reinserire il link al blog di chi diventa nostro follower, e magari non doverlo più copiare/incollare a mano nel nostro blogroll! 

  • Qual è la cosa che meno ti piace di chi ti legge?

Moz: Direi la pratica - in cui, ci tengo a dirlo, sono caduto anche io - di commentare per forza l'ultimo post, l'ultimo aggiornamento, anche quando si tratta di un argomento che non ci interessa
In realtà penso che, qualora si "atterri" in un blog dopo qualche tempo, è bello andare a vedere se il penultimo (o terzultimo, quintultimo...) articolo sia magari più consono ai nostri gusti. Ecco, vorrei attuare questa piccola rivoluzione, iniziando da me stesso.

Risultati immagini per applause gif

  • Ti sei mai pentito di aver pubblicato qualcosa? Hai rimosso quel contenuto?

Moz: Ho rimosso il testo di un solo post, roba del 2007 probabilmente, e me ne sono pentito amaramente
Ecco, di questo mi son pentito, non di averlo pubblicato! 
Da allora, al massimo, pubblico un ulteriore post di spiegazione, se necessario a inquadrare meglio un mio pensiero che l'articolo precedente non è riuscito a chiarire.

  • Cosa proprio non sopporti quando leggi altri blog?


Moz: L'inutile lunghezza di certi post. Da amante della comunicazione, purtroppo faccio automaticamente caso a post troppo lunghi, troppo compatti, privi di spazi o pause, per quanto ben scritti.
Io cerco di essere sempre breve e (cir)conciso!


Il blogging è morto?

Moz: È una litania che sento dal 2006, da quando ho aperto. Semplicemente sono morte alcune forme di blogging; muoiono per evolvere, per cambiare. 
Oggi ci sono i social con la loro velocità; la comunicazione è fatta di nuove app, stories, sondaggi e stickers. Bisogna stare al passo, trovare strade che sappiano coniugare l'eterna efficacia di un blog con la frenesia di un mondo fatto di gente che consuma il pranzo mentre chatta con l'amico del cuore. Io la trovo una sfida interessante: anche per questo il Moz O'Clock, tra qualche giorno, si sdoppierà!

Io ringrazio Moz per essersi prestato all'intervista, ma se volete scoprire le domande che ha fatto a me, se secondo me il blogging è morto, e quali retroscena ho svelato, cliccate qui!

E per voi, il blogging è morto?



180 commenti:

E tu cosa ne pensi?

Info Privacy

  1. "Odio i post troppo lunghi..." mi sa che parla di me :D :D Vado a leggere l'altra parte della medaglia/intervista :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'hai sentito, no!? Ci vuole circoncisi XD

      Elimina
    2. Ahaha, no, non parlo di nessuno in particolare... semplicemente io sono un fan della sintesi XD
      Poi dipende, quando i post sono INUTILMENTE lunghi è brutto... ma non è il tuo caso :D

      Moz-

      Elimina
    3. Infatti, penso che il problema sia la lungaggine accompagnata da vuotezza!

      Elimina
    4. Esatto: ridondanze inutili e via dicendo...

      Moz-

      Elimina
    5. La nostra intervista è stata snella però :D

      Elimina
    6. u.U non so se esser lusingata o vittima di una perculata ma ok :D

      Elimina
    7. ahahaha chiedi a Moz, le risposte sono sue! :D

      Elimina
    8. Nessun perculamento :D

      Moz-

      Elimina
    9. Oppure parli di me quando dici che odi i post troppo lunghi? :(

      Elimina
    10. Ahaha io non amo i post INUTILMENTE lunghi, non i post lunghi XD

      Moz-

      Elimina
    11. Ormai ce l'avranno tutti con te per questa storia XD

      Elimina
    12. Mi sa che sono riuscito a farmi odiare...:D

      Moz-

      Elimina
    13. Moz 6 solo un egocentrico11!!!! Un pallone gonfiato11!!!! u.U

      Elimina
    14. Oddio ho pensato la stessa cosa! Ahahahah il dono della sintesi mi è stato scippato e risulto prolissa anche nei commenti! È una forma di controcorrenza che nuoce solo a me, ovviamente, visto che il mondo sta andando nella direzione del "più corto è, meglio è".
      È più forte di me, non riesco a contenere le parole perchè ho paura di non farmi capire, così faccio post prolissi e sviscero tutto evitando rettifiche aggiuntive. Per non farmi mancare niente ho anche rimosso tutti i social (tranne l'amato twitter). Ma che ci faccio sul web? Datemi una pergamena, piuma e calamaio e sono a posto! ;)

      Elimina
    15. Io ad esempio nel post stesso non dico volutamente tutto-tutto, magari accenno, ma questo solo peché mi piace sviluppare il discorso nei commenti... che ritengo una estensione dell'articolo stesso :)

      Moz-

      Elimina
    16. Io invece sostengo il lungo :D Voglio la completezza, voglio potermi esprimere, voglio arzigogolare con le parole se mi va :D

      Elimina
    17. Meno male che c'è Pier che compensa la bomba a mano sganciata da Miki! :D
      Piace troppo anche a me perdermi negli arzigogoli delle parole quindi farei violenza su me stessa censurandomi.
      Capisco la teoria di Miki di allungare il discorso nei commenti, il mio problema è che ho troppe parole anche per quelli, quindi non mi risparmio! Prima o poi vedrò di limitarmi ma solo perchè so che altrimenti non vengo letta. Il bello che nei miei post metto la tempistica di lettura proprio per vedere i pippozzi che scrivo e cercare di trattenermi, ormai è diventata la mia nuova paranoia! XD

      Elimina
    18. Io penso sempre che chi vuol leggere lo fa comunque. Certo non ammorbare è sempre importante, alternare magari post lunghi e corti, leggeri e seri, ma alla fine che ognuno scriva quanto vuole :D

      Elimina
    19. Sophia, ne approfitto per dirti che sei stata nominata nel mio ultimo post :)

      Ahaha, io sono fedele alla teoria che si può dire tutto con poco... non so se sia vero, o sempre vero, nel caso sbaglio... :)

      Moz-

      Elimina
    20. Sono d'accordo Pier!
      Miki anche tu hai ragione e in più hai la fortuna di avere la skill della sintesi, che non è poca roba!
      Grazie per avermi avvisata, vado a vedere di che si tratta! :)

      Elimina
    21. Per rimanere in tema "sintesi", invito te Pier a passare domani dal mio blog che ho scritto un post lunghissimo con annesso tag che t'ho appioppato :D

      Elimina
    22. Ti ringrazio, ma come ho già detto da Moz, non ricordo nulla, non saprei rispondere a metà delle domande, quindi sei in tempo per cambiare :D

      Elimina
  2. Moz, secondo me, è circondato da molti "disturbatori" anche perchè nella blogsfera è uno dei più seguiti e perchè punta davvero sulla qualità, spesso mettendoci quella punta provocatoria che non guasta mai, e in questi casi purtroppo il comment-analfabeta-funzionale è sempre dietro l'angolo. Il blogging è morto? No, ma col tempo ha fatto una bella selezione naurale ;-D besos

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È vero, Moz si è guadagnato una serie di troll dell'internet, ma è una cosa alla fine fisiologica :D
      Besos e grazie!

      Elimina
    2. Vedo che uno è proprio qui sotto :D
      Comunque dai, penso che un po' tutti puntiamo sulla qualità, insomma... ce la mettiamo tutta! :D

      Moz-

      Elimina
    3. Si fa quel che si può! :D

      Elimina
  3. Moz il megalomane della rete.. un continuo autocelebrarsi.. riprenditi un attimo.. sei seguito da sfigati come te pronti a scodinzolare ogni volta che scrivi una delle tue minchiate ovvie e populiste..demagogia allo stato puro.kraken

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono sicuro che Moz leggerà e ti farà sapere che ne pensa :D

      Elimina
    2. Uhh, manco fossi davvero famoso! XD
      Oh, populismo, demagogia... il tutto da un blog che tratta di cartoni animati. Se ci vedi questo, è quasi una bella cosa XD

      Moz-

      Elimina
    3. Sei populista anche con Sailor Moon!

      Elimina
    4. Vogliamo più serie con protagoniste solo le ragazze!!!11! XD

      Moz-

      Elimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. Mah, commentare l'ultimo post credo sia normale per un follower abituale. Tu Moz però sei diverso dalla maggior parte dei blog che frequento perché hai un blog a uscire giornaliere o quasi, quindi quando vengo da te posso decidere se commentare l'ultima uscita o tornare un po' indietro. Infatti a volte faccio il lurker e a volte ti commento anche due o tre post alla volta! :)
    Sulla lunghezza sono perfettamente d'accordo, è una delle cose di cui tengo conto nella stesura di un post, al massimo divido in parti. C'è un blog che seguo perché è molto piacevole, però ha proprio questo grosso difetto: post enormemente lunghi, peggiorati da una disposizione grafica delle immagini che tende ad allungare ulteriormente.

    Un saluto a Moz e al padrone di casa (ho commentato la sua controintervista anche dall'altra parte). :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marco e grazie per essere passato! Io in verità la penso come Moz, a meno che il post o i post precedenti all'ultimo non siano tanto vecchi (fermo restando che, per fortuna, sul blog non si "invecchia" e io stesso ricevo commenti a post di anni fa) sarebbe meglio commentare quello più congeniale.
      Sulla lunghezza ahimè sono colpevole anche io! Forse dovremmo imparare ad essere più "sinceri" con le persone che leggiamo, perché magari a volte basta poco!

      Un saluto a te e grazie :)

      Elimina
    2. Ah, forse sono stato frainteso!
      Se un post non mi è congeniale in genere non lo leggo, nè lo commento. Se non è di mio stretto interesse, però seguo da tempo quel certo blogger, comunque provo a dargli una possibilità: anche perché ritengo ci sia sempre da imparare da come un blogger propone un contenuto. A volte però poi non cosa/come commentare, quindi mi limito al solo leggere.

      Elimina
    3. Esatto: lunghezza ci sta, ma deve essere -secondo me- ben strutturata.
      Pubblicare senza stacchi, senza immagini, un post lungo... è come se non si possa avere fiato.
      E io spesso ho bisogno di aria... tendo a distrarmi in fretta XD

      Moz-

      Elimina
    4. Sul commentare, faccio un esempio: mettiamo il caso che qui da Pier non passo da una settimana, e mi ritrovo 4 post nuovi, di cui l'ultimo con un argomento di cui mi interessa poco. E magari, il penultimo, dove si parla di serie tv (a me più consono). Ecco: io commento l'ultimo, non credo che Pier si risenta, anzi immagino di dare maggior importanza al suo lavoro, no?

      Moz-

      Elimina
    5. @Marco, si ti avevo frainteso, ma tu d'altronde parlavi di follower abituale :)

      @Moz sono d'accordo e purtroppo sono colpevole di lungaggine :D

      Elimina
    6. Io penso che tutti siamo colpevoli di lungaggine, a volte... ma ci sta, comunque è la forma di come scriviamo^^

      Moz-

      Elimina
    7. Proprio ieri sistemavo un vecchio post e vedevo come una volta fossi striminzito e scattoso nello scrivere, ma penso sempre che chi vuole, legge, chi no, ciao!

      Elimina
    8. Io leggo praticamente tutti i post ma non sempre li commento perché magari non ho niente di significativo da aggiungere. Devo dire che anzi mi capita di andare a commentare post più vecchi che magari ho visto solo in secondo momento.

      Elimina
    9. E infatti così è giusto, Kuku-kun! :)

      Moz-

      Elimina
    10. E secondo me fai benissimo :)

      Elimina
  6. Concordo con Moz sul fatto di commentare quello su cui si è interessati e si ha qualcosa da dire. Di solito nel mio caso, ci sono molti blog che seguo con una certa costanza e quindi difficilmente salto un post. Ad esempio Moz è uno di quelli, tratta di argomenti sui cui io non sempre sono molto ferrato ma mi piace il suo stile lineare ironico ben sostenuto da una profonda competenza in materia. Complimenti ad entrambi, è stato un esperimento molto interessante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Daniele! Anche io a volte Moz lo leggo e basta, perché magari ne apprezzo lo stile ma non so nulla di ciò di cui sta parlando XD

      Grazie mille ancora :)

      Elimina
    2. Ma infatti, ecco... cioè io mica faccio caso se tizio ha commentato o meno quel dato post! Sono calcoli che proprio manco mi passano per l'anticamera; ci sono degli articoli che ricevono molti più commenti su FB, o che non ne ricevono affatto... ci sta.
      Ognuno legge e commenta quel che trova più giusto (per sé) leggere e commentare^^

      Moz-

      Elimina
    3. Tra l'altro non è un aspetto controllabile: a volte pensi che l'argomento faccia discutere e invece non lo fa, e invece altre volte basta poco e scatta il chiacchiericcio!

      Elimina
  7. Ho letto con piacere entrambe le interviste ❤️ E da Blogger non posso che essermi appassionata all’argomento principe dell’intervista, nonché alla vostre opinioni che mettono in risalto punti di vista diversi e interessanti. Una cosa però è certa, i social hanno preso una gran fetta di quello che una volta avveniva in modo “più intimo” dentro il blog, Moz da questa cosa vede una ulteriore sfida stimolante, io invece credo che ci renda sempre più ansiosi �� Lo vedo per me, rispondere ai messaggi (e ti assicuro che ci tengo e lo trovo importante come hai ben specificato tu , Pier, nelle tue risposte) è diventato sempre più difficile, mi spiego, continuo a farlo, ma inevitabilmente arrivo in ritardo, perché il lettore usa strumento diversi, quindi ci sono i commenti su Instagram pubblici, i DM ( tanti nel mio caso) , le email, i messaggi privati e pubblici su Facebook, insomma è tutto molto dispersivo, ma se questo è superabile, diventa più difficile, rispetto al passato, coinvolgere il pubblico con articoli dettagliati, non per forza lunghi, ma che non scompaiono in 24h come una IG STORIES, e noi blogger tra pubblicare contenuti, fare foto decenti, mettere qualche video per dire “uellà eccomi” sta diventando sempre più impegnativo , almeno per chi non lo fa di lavoro e deve dividersi in altre mille attività. Insomma non è morto, ma ho paura che quello liberi di impronta personale si stanno riducendo, a favore, oiboh, di quelli sponsorizzati. Mmmm

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille tesoro! :)
      Capisco bene cosa intendi e immagino che per chi come te ha un afflusso maggiore di utenti sia anche complicato gestire tutto, però personalmente ho deciso che il blog è la mia priorità e i mezzo in cui metto più impegno, mentre i social per quanto importanti, divertenti e interessanti, restano qualcosa di collaterale.
      Grazie mille ancora per aver letto anche la mia intervista :)

      Elimina
    2. Ciao, piacere di conoscerti! :)
      Comprendo il tuo discorso, e in effetti parrebbe profilarsi all'orizzonte anche una situazione simile, ma non credo che ciò farà morire per forza tutti i blog: come dice Pier, basta dare a questo la priorità. Blog albero, social rami dello stesso: magari può andare bene! :)

      Moz-

      Elimina
    3. Credo che la questione sia anche in base all'argomento che tratti. Il beauty ad esempio ha una parte visual e social molto importante per cui capisco che sia difficile star lontano dai social quando tratti certi argomenti. O anche i fumetti ad ed esempio secondo me riescono bene su Youtube, ma magari non su Instagram.

      Elimina
    4. Esatto, bisogna anche capire come e dove.

      Moz-

      Elimina
  8. Interessante anche queste domande e risposte 😏
    tutto molto interessante 🙃

    RispondiElimina
  9. La domanda "il blogging è morto?", la sento anche io più spesso di quanto vorrei. Se fosse morto non staremmo qui, tutti quanti. Certamente ci saranno forme nuove, tutto si evolve, cambia, si modifica. Ma siamo lontani dal far morire questa forma di comunicazione, a parer mio.
    Bella l'idea di questo post :) un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È vero: siamo la dimostrazione che non è morto proprio nulla :D
      Grazie mille e un abbraccio a te!

      Elimina
    2. Ciao Dama, la vedo come te: se fosse morto non staremmo qui a divertirci e bloggare :D

      Moz-

      Elimina
    3. Potessi metterei una gif :D

      Elimina
  10. Il blogging è un intreccio di aspetti positivi e negativi: come la vita, ovviamente :). Infatti è la rete di contatti - che si crea da un semplice blog e che va oltre il commento sotto l'articolo - è il cuore del blogging e ciò che lo nobilità.

    Il blogging ovviamente non è morto e probabilmente non morirà mai finché si avranno cose da dire :). Più facile che chiudano tutti i social.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, paradossalmente è così: per inciso, un blog permette una conoscenza superiore dell'altra persona.
      Io te, Pier e tanti altri li conosco dal blog, ma ci parlo ogni giorno (dal video trash all'audio stupido, fino alle cose serie)^^

      Moz-

      Elimina
    2. È vero, tramite al blog ho conosciuto persone che fanno in qualche modo parte del mio quotidiano. Sui social al massimo qualche brasiliano che ci prova (non che mi dispiaccia, sia chiaro XD)

      Elimina
    3. Nao seu capaz de opinajiii!

      Moz-

      Elimina
  11. Il blog è morto? Stronzi siete morti voi !! [semi-cit.]

    Bella intervista, Moz lo seguo da tempo e devo dire che merita il suo successo (per non dire niente a lui che poi si monta la testa :D ).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquillo, non gli dico nulla :D

      Elimina
    2. Ahaha che già dicono di me che sono il megalomane delle rete che si autocelebra XD

      Moz-

      Elimina
    3. Peccato però che sono allora l'unico stronzo che non ha alzato mai una lira in questo mo(n)do... XD

      Moz-

      Elimina
    4. Megalomane e BARBONE !! ;D

      Elimina
  12. Come diremmo in Liguria: "Belin, che coppia!!" :D

    Oh, il vizio di commentare l'ultimo post un po' ce l'ho anche io (ovvio, se il post in questione so di cosa parla e ho cose interessanti da dire...) e noto che ce l'hanno anche i quattro gatti che di tanto in tanto mi leggono... però personalmente sto cercando di cambiare un po' e cercare anche ciò che è vecchio ma interessante.

    E poi il blogging non è morto e voi arzilli fanciulli lo dimostrate! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La strana coppia :D

      Diciamo che è spontaneo per tutti commentare l'ultimo post, ma se non sai che dire sarebbe bello magari andare indietro! Penso che questo volesse dire Moz :)


      Grazie mille!! :D

      Elimina
    2. Beh, cuginastra, sei anche tu tra coloro che lo dimostrano, ogni giorno :)
      Esatto Pier, proprio quello!!

      Moz-

      Elimina
  13. Ciao Pier, arrivo ovviamente dal Miki nazionale :D)
    Di là ho dato ragione a te per l e tue risposte e di qui concordo con lui. Ma tanto con Miki c'è feeling :)
    Quanto al blog no, non è morto se non lo ammazzano tutte ste leggi leggine e leggiucole di letame che complicano la vita a cui è ignorante come me in fatto di codici eccetera.
    Per quanto invece riguarda i blogger, no! Non sono morti, anzi, mi pare che abbiano ancora molto da dire
    Ciaoooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Patricia! :D
      Grazie, è vero, finché ci sarà da dire, il blogging non muore :)
      Ciao!

      Elimina
    2. Dai Pat, le leggi non fanno paura a nessuno... dal 2006ne sento di cotte e di crude, leggi bavaglio, censure, cookies e via dicendo. Ultimamente davvero ME NE SBATTO di queste cose, che spesso sono solo una lettura casinara e distorta della vera proposta di legge XD

      I blogger? Hanno ancora una infinità di cose da dire! :D

      Moz-

      Elimina
    3. Anche io non credo saranno proprio le leggi a fermare il blogging, al massimo problemi di google :)

      Elimina
    4. Ahahahahha, Patri, ma finiscilaaaaaaaaaaaaaaa.
      Solo da te sono riuscita a vedere tre banner per la privacy insieme.
      Se arrestano te, ci arrestano tutti!!!

      Elimina
  14. Io invece i post troppo Digest magari a caratteri grandi li digerisco poco perché sembrano scritti tanto per rispettare una scadenza.
    Mi ricordano un po' troppo la deriva da Social e da rivista dove ci si ferma al titolo e alle prime righe di un articolo e poco più.
    Apprezzo invece un post molto elaborato perché traspare più l'impegno ed il tempo profuso per realizzarlo con cognizione di causa.
    Ultimamente si tende troppo ad abbreviare, secondo me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono il re dello scrivere breve XD
      Ma ti dico, è che spesso scrivo post che già sono molto elaborati (guide, megariassunti...), non posso andarmi a perdere in inutili ridondanze. Preferisco essere asciutto, dire il giusto senza inutili ripetizioni.
      I post scritti per rispettare scadenze (oddio, che cosa brutta...) si sgamano proprio perché sono VUOTI.

      Moz-

      Elimina
    2. Perché ami il blogging e quindi ti piace leggere e approfondire :)
      Anche a me piace!

      Elimina
    3. Esatto, ma anche a me, ci mancherebbe. Io sono per essere brevi e concisi per una questione di forma... in una frase si può comunque dire tutto, poi se invece si vuol scrivere i Promessi Sposi è un altro conto^^

      Moz-

      Elimina
  15. Credo che ormai tutti i blogger siano a conoscenza che i commenti svolgano un ruolo importante del blogging. Probabilmente, ciò che alcuni non hanno ben capito è che il vantaggio non va solo alla piattaforma sulla quale si commenta, ma anche al commentatore stesso il quale, lasciando l'url del proprio account, crea un collegamento a ritroso che a sua volta può generare traffico verso il suo blog. Ecco perché la regola del "post di qualità" vale anche per il commento. Ecco, penso che alcuni si dovrebbero sforzare di più nello scrivere su un blog, anziché dire semplicemente: Bel post! Oppure: Bravo! Ecc.

    Premesso ciò, quindi: Bravi! Avete creato davvero un bel bi-post. Scorrevoli, divertenti, ma, soprattutto, istruttivi. Complimenti a voi due Miki e Pier(ef)fect! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao anche qui, Vinz!
      Esattamente!! Un buon commento denota praticamente spesso l'avere un altrettanto buon blog! E di conseguenza ci dirotta sempre verso altri e nuovi spazi.
      Dopotutto, è proprio questa la rete che amo fare. Perché poi nascono amicizie e collaborazioni, oppure anche guest-post come questo. In fondo, io voglio semplicemente divertirmi e fare casino con tutti voi :D

      Moz-

      Elimina
    2. Ciao Vincenzo e grazie per i complimenti! Io sono forte sostenitore dei commenti scritti quantomeno con chiarezza, in modo coerente e magari anche simpatico perché è un modo onesto per farsi notare!
      Grazie mille :)

      Elimina
  16. Non so se Moz abbia letto mai uno dei miei post ma sulla questione "post lunghi" mi sento chiamata in causa... sono prolissa, che ci posso fare! :D
    Se il blogging sia morto o meno secondo me la risposta è no, semplicemente è diventato più difficile emergere e farsi notare dal pubblico, in primis per colpa dei social che la fanno da padroni e lasciano effettivamente poco spazio ai classici blog. Vado a leggere le tue risopste!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sara, piacere di conoscerti!
      Ho visto che hai un blog tendenzialmente di comsesi, e siccome su questo genere ho visto poche cose, tra cui i post di Pier che sono altrettanto corposi, lunghi (ma ovviamente in modo giusto, tecnico, preciso...) immagino che a voi di questo ramo vada bene così :)
      Io ho smesso di essere prolisso quando ho finito con le scuole dell'obbligo, dove l'obbligo era di essere prolissi nei temi che sennò non prendevi manco un 6.
      E pensare che se io oggi fossi prof, farei svolgere, almeno una volta l'anno, dei temi su Twitter... XD
      Dai, noi siamo vivi e scalcianti, contro tutto e tutti :D

      Moz-

      Elimina
    2. In realtà i post di Sara non sono nemmeno fra i più lunghi che leggo di solito, ma sì, il beauty richiede un po' più di tecnicismo e quindi lungaggine :D

      Elimina
    3. Insomma, per parlare di cremine e co. bisogna dilungarsi, eheheh :D

      Elimina
    4. Infatti, una recensione completa richiede più di due parole :D

      Elimina
  17. Ciao
    come ho scritto da Moz non sono di preciso se il blogging è morto, posso dire però che nn sta passando un ottimo periodo. Ci sono amici blogger che non scrivono più da parecchio, eppure gli argomenti ci sono, anzi direi che aumentano. Credo davvero che in questo momento manchi il lettore, o meglio il lettore di approfondimento, quello della discussione. Mi sembra di poter dire che è tutto accelerato, 15 righe sono già tante
    a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Evidentemente non c'è più gente che vuole approfondire.
      Allora noi scriviamo per quei pochi che restano, e che sono sicuramente un pubblico doc ed esigente... :)
      Dispiace anche a me vedere blog abbandonati o chiusi...

      Moz-

      Elimina
    2. Ci leggeremo fra noi, in stile te delle cinque, il tavolo è piccolo ma i dolci sono buoni :D

      Elimina
  18. I social purtroppo hanno preso il sopravvento sul blogging, ma ciò non significa che quest'ultimo sia morto, anzi! Sennò non saremmo qui a parlarne adesso.
    E poi (a parer mio) il blog sarà sempre e comunque uno spazio mille volte più personale e interessante rispetto a, per esempio, Instagram, perché sul blog si riescono ad esprimere meglio sia la propria personalità che i propri pensieri, e inoltre trovo che anche la comunicazione e quindi l'interazione con altre persone o colleghi blogger avvenga in modo più piacevole rispetto ai social.
    Per esempio, da quando ho aperto il blog (quello decisivo :D) ho scoperto persone davvero interessanti da seguire e con cui mi sento "legata" virtualmente. Sui social invece non mi e mai successa una cosa del genere e credo che mai succederà.
    Un bacio a te caro Pier, ora vado a leggere le tue risposte sul blog di Moz. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, basta vedere certe gallerie su Instagram ad esempio che sono molto banali, molto simili fra loro, qualsiasi argomento trattino!
      Grazie :)

      Elimina
    2. Esatto: un blog è sicuramente più completo per conoscersi, conoscere e fare rete.
      Un social resta probabilmente in superficie...^^

      Moz-

      Elimina
  19. Che bella questa doppia intervista, lo doppio anche dall'altra parte.

    RispondiElimina
  20. Anche io odio i posto troppo lunghi, o meglio, non parlo di quelli che contengono tante foto ma quelli in cui scrivono talmente tanto che, a volte, pur interessandomi l'argomento, chiudo perchè non ce la faccio! Ho letto le tue risposte e sono d'accordo sul fatto del sub4sub, io commento e seguo tanti blog che non mi seguono e mi va bene, ma spesso mi chiedono di seguirci a vicenda e, se all'inizio l'ho fatto, era solo per gentilezza, adesso dico di no, se a qualcuno fa piacere seguirmi perchè interessati da ciò di cui parlo, bene, se è solo per avere un numero in più, no grazie, sto bene così! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti! Capita spesso con gli stranieri più che con gli italiani, e rispondo sempre la stessa cosa: se voi seguirmi, fallo!

      Elimina
    2. Ciao Lucia!
      Vero, vero... a volte si potrebbe pure spezzare un post, non sarebbe male XD
      Sui numeri: se dobbiamo essere solo un numero in più, non ci sto manco io!^^

      Moz-

      Elimina
    3. Ok, ma massimo 2 post, non di più xD

      Elimina
    4. Ciao Miki Moz! Concordo con entrambi, spezzarlo ma al massimo 2 post! XD Sempre meglio la sintesi comunque! ;)

      Elimina
    5. :D W la sintesi (ma per gli altri, non per me XD)

      Elimina
  21. Anche qui faccio tanti complimenti per la bellissima idea che avete avuto. Come dicevo da Moz il blogging si sta evolvendo e non penso possa morire. Anzi spero vivamente di no. In quanto a commentare per forza un post, sono contraria su tutta la linea: sarebbe impossibile avere un'idea precisa su di ogni argomento così come è impossibile essere interessato ad ogni cosa. Sulla "brevità" dei post, mi sto applicando seriamente negli ultimi anni e devo dire di essere soddisfatta dell'evoluzione del mio blog. Se penso alla lunghezza chilometrica di alcuni miei de8 primi anni di blogging (molte volte li dovevo dividere in più parti) sono davvero migliorata😉 buona serata Pier!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mariella! I tuoi post sono sempre interessanti, lunghi o corti che siano :) Grazie per essere passata! Buona serata, e un abbraccio

      Elimina
    2. L'idea è tutta di Pier, ci tengo a precisarlo!!
      W la circoncisione (si dice così? Mh... facciamo brevità :p), w il commentare solo quando abbiamo qualcosa da dire, e w il blogging che evolve in nuovi divertimenti^^

      Moz-

      Elimina
    3. Viva l'evoluzione sempre! :D

      Elimina
  22. Grande Moz.
    Caro Pier, ti leggo spesso, perché sono affezionata a Moz e a Ricky, ma non ti ho mai commentato, proprio per non apparire alla ricerca di visibilità.
    Oggi, però, devo farlo.
    Complimenti per le domande e, soprattutto, per le risposte autentiche.
    Il blogging non è morto. Il blogging siamo tutti noi e non dobbiamo mollare.
    Buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Boia chi molla!! (tanto già mi danno del fascista XD)

      Moz-

      Elimina
    2. Ciao Claudia! :D Ma figurati, perché dovresti apparire alla ricerca di visibilità?! :)

      Grazie mille davvero :) Buona serata!

      Elimina
    3. Ma che ne so. Ho aperto il blog da 4 mesi esatti (proprio oggi) e non mi aspettavo certe dinamiche. Gente che si offende se non commento i loro post, altri che mi seguono e pretendono che ricambi.
      Boh.
      Io commento solo se mi interessa, ma sono consapevole di poter sembrare antipatica.
      Cmq in comune con te ho la perseveranza..
      Perché scrivo un sacco, e rispondo a tutti.
      Ma niente finto buonismo. 😉

      Elimina
    4. Tranquilla, in questo tempo ho imparato a capire chi cerca solo visibilità e generalmente sono persone che durano 4 commenti messi a caso :)
      Ci sono un po' di dinamiche strane, ma alla fine penso sia gente "affamata" di numeri. ;)

      Elimina
    5. Cavolo! 414. Ecco perché Moz chiedeva il segreto del tuo successo.
      Non ci avevo mai badato.
      Onore al merito.
      Basta. Se no poi se mi leggono i nerd mi mettono nella categoria dei lacchè.
      Ahahah
      A presto. 😉

      Elimina
    6. Grazie mille, ma io sono in giro da un po' ormai :D Sono stato fortunato come dicevo da Moz, ho ricevuto tanto affetto e interesse sin da subito. A presto :)

      Elimina
  23. Grandissimi tutti e due!!! Amo Moz e tutti lo sanno, è il mio mentore indiscusso anche se - e sono contento che sia d'accordo - alcuni suoi post non solo non li commento, ma capita anche di non leggerli (tipo quelli specifici su cartoni animati improbabili), così come certi di Pier su creme e cremine (io che non metto manco la protezione solare..ahah). per il resto seite bellissimi, il blog vive di vita sua, ed è normale affiancargli altri social, che vivono di vita e ritmi loro. Il blog è quattro chiacchiere in salotto. Roba buona per rilassarsi e conoscere altre personalità e punti di vista. E questi post sono una manna. Lunga vita a tutti e due ragazzi!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, il blog è come entrare in salotto, rilassarsi per fare una chiacchierata medio-lunga. Un social è diverso, ma è normale... ed è giusto così :)

      Moz-

      Elimina
    2. Franco ma come nemmeno la protezione solare!? Eddaaiiiii XD
      Comunque grazie mille :)

      Elimina
    3. Noooo... mia moglie mette la calce (protezione 50), io manco il lucidalabbra...ahahah

      Elimina
  24. "Oggi ci sono i social con la loro velocità; la comunicazione è fatta di nuove app, stories, sondaggi e stickers. Bisogna stare al passo, trovare strade che sappiano coniugare l'eterna efficacia di un blog con la frenesia di un mondo fatto di gente che consuma il pranzo mentre chatta con l'amico del cuore. Io la trovo una sfida interessante"

    Esatto bisogna sapersi adattare, bisogna cambiare, evolversi...chi rimane dentro al proprio guscio di certezze ha perso in partenza! Vado a leggere l'altra parte....Ciao Pier!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao anche qui!
      Esatto... il fatto è che questo è un mondo velocissimo, strumenti di comunicazione che cambiano parametri rapidamente, anche per fattori esterni... Bisogna stare al passo!^^

      Moz-

      Elimina
    2. Ciao Valentino e grazie :)

      Elimina
  25. Arrivo il giorno dopo, ma arrivo. E ho deciso di commentare in modo opposto, ovvero commento la tua intervista dal Moz così ci si capisce ;)
    Mi trovi perfettamente d'accordo sulla questione "commentare su blog", nella mia filosofia e nel mio poco tempo, cerco di leggere e commentare quello che mi interessa, proprio per onestà "culturale". Il mondo del beauty mi è parecchio distante, e se magari ogni tanto mi incuriosisci con qualche test, non saprei che dirti a riguardo. Invece, se parli di te, di film o di serie tv che sono il mio mondo, allora leggo per bene, e qualcosa ti scrivo. Ecco, era anche per non passare per la snob che commenta poco :)
    Concludo unendomi al grido che no, il blogging non è morto, cambia e si modifica, ma resiste in chi ha pazienza e coraggio (di leggere, di scrivere).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma infatti anche io sono consapevole di scrivere delle cose che non possono interessare la totalità dei miei lettori... e ci sta. Ma so che i miei lettori, comunque, ci sono sempre^^

      Moz-

      Elimina
    2. Hai fatto bene a commentare in modo opposto :D Ottima idea!
      Sia chiaro: il discorso non era "se non commenti da me sei una brutta persona", so che i miei argomenti sono vari e che anche chi mi segue ha passioni diverse, per cui non può apprezzare/essere interessato a tutto ciò che scrivo. Il mio discorso era ampio, riferito a chi non commenta MAI gli altri blog, con la conseguenza che da un lato non ti fai conoscere da nuovi lettori, dall'altro io che ti seguo mi posso pure essere perso un tuo post e il commento può essere un rimando. Questo vale per tutti secondo me :)

      Elimina
  26. Pier, Miki... bravi!!!
    Ho letto velocemente già ieri sera la doppia intervista qua e là e ora con un minimo di calma ripasso per commentare.
    Mi siete piaciuti un sacco, non per niente siete tra i blogger che seguo da più anni ;) :)
    Il blogging non è morto secondo me e non lo sarà finchè ci sarà chi come voi lo fa con passione e voglia di condividere qualcosa che non sia il veloce scambio di pensieri e notizie come su tanti social, ma con un'idea, un progetto da portare avanti.
    Un progetto che poi man mano si evolve, segue non tanto l'onda della moda del momento ma più il cambiamento che avviene nel blogger stesso, che deve secondo me ascoltare il proprio istinto.
    Quanto al seguire qualcuno solo perchè si è iscritto nei propri followers, ha senso solo se c'è un minimo di interesse, se non a che serve? Tanto si capisce se i commenti al limite sono tanto per scrivere due scemenze o se sono fatti per comunicare e condividere!
    Ora vado di là da Miki... a ribadire il concetto ;) :D
    Abbraccione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamete: si sgama al volo se qualcuno lo fa solo per avere numeri...! :)

      Moz-

      Elimina
    2. Grazie mille Maris! Sono contento ti sia piaciuta questa collaborazione :) Un abbraccio a te :)

      Elimina
  27. Bello questo post complimenti ragazzi!

    RispondiElimina
  28. Faccio molta fatica a comprendere come alcune persone si possano arrogare il diritto di essere sgradevoli e offensivi con il prossimo, già non tollero quando ciò succede con persone con le quali ho a che fare nella vita reale, figuriamoci con "leoni da tastiera"! Niente, la gente sta male e ha perso la decenza! Sui post lunghi mi senti tirata in causa anche io :D prolissa e lunga, ahahaha! Comunque, anche secondo me il blogging non è morto e meno male, mi dispiacerebbe perderci! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sia chiaro, io non sono contro i post lunghi (perché a volte è necessario essere prolissi e articolati). Sono contrario ai post inutilmente lunghi, dove in una frase si può dire ciò che viene espresso con dieci frasi.
      Peggio ancora, mi spiace vedere post lunghi ma senza pause, senza interruzioni, immagini... insomma, senza ritmo per la lettura... :)

      Moz-

      Elimina
    2. Contano tanti aspetti sulla lunghezza del post, e se proprio non si ha il dono della sintesi, amen :)

      Elimina
  29. mah, c'è da dire che l'italiano medio legge pochissimo, quindi anch'io sono per i post brevi e concentrati, soprattutto quando si tratta di beauty post, infondo dovremmo dare solo la nostra opinione sul prodotto e parlare della nostra esperienza, senza troppi giri di parole a vuoto, cosa che non sempre mi riesce. Ecco perché il blogging è stato sorpassato dai social e da yt, perché ai ragazzi piace poco leggere, a parte i messaggi di WhatsApp ovviamente :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so come funzioni per il beauty, però io sono breve proprio per mia scelta... da sempre!
      Amo dire il necessario, lasciare spazio, lasciare anche tempo per leggere altro...

      Moz-

      Elimina
    2. È vero, soprattutto ai giovani piace leggere qualcosa di corto e leggero, ma io al contrario di Moz, mi rendo conto che i miei post del passato, più brevi e svelti, mancavano di molte informazioni. Sarà che io non ho il dono della sintesi :D

      Elimina
    3. Si è vero il dono della sintesi o ce l'hai o non ce l'hai 😉😊

      Elimina
  30. Che bella l'idea della doppia intervista, bravi!
    Ultimamente circola spesso la domanda "ma il blogging è morto?". Morto mi sembra esagerato, sicuramente è una forma di comunicazione e di espressione che si è ridimensionata con l'avvento dei social.
    Io però sono del team pochi ma buoni quindi preferisco avere meno visualizzazioni ma più consapevolezza nel mio spazio virtuale :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Linda :) Anche io sono per dell'idea che meglio pochi ma buoni che tanti "amazing post!"

      Elimina
    2. Verissimo, Linda:pochi ma buoni, le cose sterili si sono autoeliminate!! 😁💪

      Moz-

      Elimina
  31. È un vero peccato quando qualcuno sparisce senza alcun motivo, mi è capitato anche nei forum e mi è sempre dispiaciuto.
    Io non lo vorrei in automatico nel mio blogroll chiunque inizia a seguirmi, ci metto chi dico io in quella colonna!
    Riguardo sul non fiondarsi sull'ultimo post, quando ho iniziato a seguire un nuovo blog ho sempre guardato gli ultimi 7-8 post, andando prima in quelli più consoni a me ma all'ultimo ci andavo comunque anche per farmi vedere dagli altri utenti, dato che in pochissimi (nessuno?) danno un'occhiata a qualsiasi cosa pubblicata prima di ieri se sono già passati. Invece io, come sa bene Moz, spunto sempre le notifiche in modo che da farmi arrivare email dagli altri blog, qualora venga commentato un vecchio post ed è bellissimo quando sono vecchi di un anno perché sono l'unico a leggerlo a parte il padrone di casa 😎

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Emanuele! Scusami, mi ero perso il tuo commento (per restare in tema XD).
      Penso che Moz si sia espresso male nella questione del blogroll e che volesse dire che, quando noi andiamo a seguire qualcuno, sarebbe bello ritrovarselo in automatico nel blogroll. E non, chiunque ci segua... Almeno credo.
      Confesso che sono fra quelli che controlla poco i post passati, ma è anche vero che molti pubblicano giusto mensilmente e purtroppo pochi rispondono a commenti di post vecchi! Io ad esempio rispondo, ma è normale che qualche commento a qualche vecchio post mi possa sfuggire. Fai bene a mettere la spunta, ottima idea :D

      Elimina
    2. Esatto sul blogroll: se noi seguiamo qualcuno, fino a un anno fa o due, era automaticamente nel blogroll.
      Oggi invece lo segui sul widget (sempre più inutile, perché non ti fornisce manco il link al tuo spazio) e sei tu che manualmente devi andare ad aggiungerlo nel tuo blogroll :)

      Moz-

      Elimina
    3. Non avendo il blog roll non so come funzioni ma immaginavo fosse così :)

      Elimina
    4. Ok, ora è tutto più chiaro e condivido. Non sapevo che prima fosse una cosa automatica, in effetti era più comodo!

      @Pier: tranquillo, il ritardo non è un problema, meglio tardi che mai.
      È normalissimo che possano sfuggire, mi è capitato con altri blogger ma appena l'ho fatto notare mi hanno chiesto scusa (non ce ne era alcun bisogno) e sono andati a rispondere immediatamente, è capitato anche con Moz. A me danno fastidio quelli che non rispondono a prescindere, pare quasi che se la tirino...
      Se ho capito bene, sul tuo blog rispondi sempre a meno che non ti sfugga un commento, per quelli degli altri blog è una cosa che faccio solo io mi sa (grazie alle notifiche) e Moz mi dà giustamente del malato 😄
      Il blogroll serve più al proprietario come promemoria che agli utenti, penso siano in pochi a controllare quello altrui, io l'ho fatto di rado quando seguivo pochi blog, per conoscerne di nuovi. Preferisco conoscere nuovi blogger leggendo i loro commenti, quelli che ne scrivono di interessanti catturano la mia attenzione. Il tuo lo avevo già visitato in passato ma senza offesa, trattiamo argomenti completamente differenti, per quello non sono passato prima.

      Elimina
    5. Non lo sapevo nemmeno io XD
      Esatto comunque io rispondo sempre a tutti, anche perché magari ci sono post più informativi per cui se mi si pone una domanda non posso ignorarla. Sugli altri blog diciamo che in genere più di un paio di risposte non lascio anche perché seguendone diversi mi riesce davvero difficile. Pure io preferisco non avere il blogroll, e in genere non guardo quello degli altri. Meglio un commento che attiri!

      Elimina
  32. Mi è piaciuta molto questa intervista! Non sono completamente d'accordo sulla domanda del rispondere per forza all'ultimo post. In quanto, parlo almeno per me, se seguo un blog perché mi piace ciò che leggo su un determinato argomento, mi piace intervenire e dare il mio supporto anche in caso di argomento che non rispecchia i miei gusti ( e questo Pier lo saprà perché commento anche quando parla di prodotti che non uso o non mi piacciono XD), se il commento è costruttivo e si instaura un dibattito, lo trovo produttivo e interessante. Detesto invece quei commenti copia/incolla atti semplicemente a fare spam in cui trovi sempre scritto "Articolo bellissimo passa da me!!!", quando magari hai parlato di cose tutt'altro che belle e piacevoli. -.- Qui si vede proprio che l'unico interesse e dragare lettori verso il tuo blog e questo non mi sta per niente bene!
    Detto questo, vado a leggere l'altra metà dell'intervista! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sara!
      Guarda, sull'ultimo post intendevo che è brutto, per me, andare a commentare forzatamente sempre e solo l'ultimo post che uno si trova su un blog, quando magari il penultimo può essere meglio, per noi. Che poi... è quello che tu hai fatto, no? Hai commentato qui, il terzultimo post! :)

      Moz-

      Elimina
    2. In realtà Sara ha recuperato più di un post :D

      Elimina
    3. Allora forse mi era sfuggito il senso! Però generalmente io pian piano recupero i post dei blog che mi piace leggere, però ovviamente non è una cosa che faccio forzatamente, in quel caso concordo, è brutto perché poi si vede che il commento era forzato e poco sincero! ;)

      Elimina
    4. Sì diciamo che Moz si riferiva più ad un blog come il mio dove lui ad esempio non saprebbe proprio cosa commentare in un post beauty, per fare un esempio e preferirebbe cercare un post più congeniale a lui. Ma noi che non abbiamo i paraocchi, non abbiamo di questi problemi :D

      Elimina
    5. Sono in sintonia con quello che ha scritto Sara,condivido in toto. Se mi avvicino ad un nuovo blog e mi accorgo che è molto vicino al mio sentire poi vado indietro a recuperare il più possibile. E non lo mollo più. E non mi importa affatto se poi il padrone di casa verrà o meno a scoprire il mio. Come lei, non sopporto chi, in cerca di visibilità (spesso ha aperto il blog da poco) fa giri di ricognizione un po' ovunque lasciando traccia di se con finta carineria e simpatia, in questo modo quasi obbligandoti a passare da loro. E ultimamente ho visto tante di queste manovre da essere quasi inorridita. Ho notato anche che, se poi non vai da loro, tornano un po'piccati a chiederti come mai non sei andato a trovarli e rinnovano l'invito. Una cosa disgustosa🙄 Vabbè chissà se leggerete ragazzi, sono tornata a rileggere un "vecchio post che mi è piaciuto tanto!😉

      Elimina
    6. Ciao Mariella 😊 stiamo ancora seguendo questo post 😁🙂 in realtà io cerco di rispondere a tutti i commenti quindi anche se passo fra 6 mesi mi ritrovi qui!
      Che tornino a chiedere anche come mai non sei passata mi manca 🙄 che assurdità!

      Elimina
    7. Mariella, ciao!
      Diciamo, in discolpa di questi nuovi blogger, che magari ancora non conoscono la blogtiquette... XD

      Moz-

      Elimina
    8. Anche i vecchi blogger non sono messi meglio!

      Elimina
  33. Ciao Pier, arrivo dal blog di Moz. Sono Federica.
    Bellissima la doppia intervista, soprattutto perché le domande, cui avete risposto, non sono le stesse.
    Relativamente a quanto dice qui Moz ...
    Blogger... sì, non manca nulla, però onestamente, considerando il numero di blog che ci sono su questa piattaforma, potrebbero anche proporre un editor decente. Personalmente non l'ho mai usato, perché scrivo con Open Live Writer, come immagino facciano in molti, ma caspita! fa veramente schifo!
    Commenti sull'ultimo post, sì, se lo segui regolarmente; anche no, se ci arrivi per la prima volta. Personalmente, quando arrivo su un nuovo blog, vado a leggere sempre il primo post. Avevo fatto anche un linky party, quando avevo festeggiato il primo compleanno del mio blog, proprio per raccogliere i primi post. Spesso sono post brevi, magari ingenui, ma sono molto più significativi di quanto si pensi.
    Concordo al 100% con chi dice, qui nei commenti, che i social sono troppo dispersivi. Una cosa qui, una lì ... tutto troppo, sto eliminando.
    Infine, se c'è proprio uno che non se la tira è Moz ... ognuno è certamente libero di esprimere le proprie idee, ma quanta invidia!!!
    Saluti cari!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Federica! Grazie mille :) Come ci tiene a precisare Moz, l'idea è mia XD
      Diciamo che se avessi dovuto rispondere io alla domanda su cosa cambierei di Blogger, sinceramente avrei messo più di qualcosa. Anche il riquadro commenti non è il massimo e per molti non è nemmeno intuitivo.
      Hai ragione, i primi post sono davvero quelli più genuini e sinceri :D

      Elimina
    2. Eccoci!
      Sììì, ricordo quando mi chiedesti del primo post... ahaha, lì si era davvero senza nome e senza regole :)
      Esatto per gli ultimi post/commenti: se sei un aficionado del blog, ovviamente leggi tutto e quindi anche l'ultimo; ma se atterri in un blog dopo un mese, sembra che commentare giusto l'ultimo post -di cui magari ti interessa poco- serve solo a dire "ho un nuovo post anche io!" XD

      Moz-

      Elimina
    3. Che poi se ci seguiamo da un po' non mi dà fastidio un avviso del tipo "ehy ho scritto un nuovo post" ma se non ti ho mai visto e spunti solo per fare reclame!

      Elimina
  34. 168 commenti :-o Un record!

    RispondiElimina
  35. Ciao Pier e...ciao Moz! Conosciuto grazie a questa intervista ti dico che mi ritrovo molto nelle tue risposte sia per quanto riguarda la "lunghezza inutile", vuota, senza senso, sia per l'evolversi di alcuni temi di tanti blog che stanno andando a scemare per la scarsa visiualizzazione che hanno.
    Ora vado a leggere le risposte di Pier..non vedo l'ora! Baci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Emanuela, piacere di conoscerti! :)
      Sì, io sono un promotore della "brevità", che non significa contenuti scarsi o buttati lì, ma essere concisi e dire tutto in modo chiaro e semplice, senza inutili ridondanze: sul blog non ci stanno bene, non è uno spazio per scrivere saggi XD

      Moz-

      Elimina
    2. Ciao Emanuela :D Grazie mille!!!
      Bisogna aggiungere (ripetere in verità) che non tutti hanno il dono della sintesi, e quindi meglio un post lungo ma chiaro che uno breve in cui non capisci una mazza :D

      Elimina
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Vi sono piaciuti