venerdì 2 marzo 2018

Recensione Film 🎥🎬: La forma dell'acqua (2017) | Pura poesia formato pellicola

Due recensioni di due film in una settimana sono un po' tante per un blog che non parla esclusivamente di cinema, ma questa è una recensione di pancia, come direbbe Simona Ventura, e poi è sempre bello sottolineare la differenza fra bel cinema e filmetti trash che non sono buoni nemmeno per addormentarti sulla poltrona con i pop corn mezzi masticati in bocca.
Nel bel cinema ci metto senza dubbio un film che si è aggiudicato ben 13 candidature agli Oscar più una lunghissima serie di altri premi come due Golden Globes. La smetto con la suspense perché l’avete letto nel titolo, mi riferisco a La forma dell'acqua - The Shape of Water.

 La forma dell'acqua The Shape of Water


Titolo originale: The Shape of Water
Genere: fantasy, sentimentale
Durata: 123 minuti
Regia: Guillermo del Toro
Uscita in Italia: 14 Febbraio 2018
Paese di produzione: Stati Uniti d'America

Alla fine lo sappiamo: i premi non sono tutto, o per lo meno, a me frega poco e ne capisco poco, ché se qualcosa mi colpisce, lo fa a prescindere.
Sarà banale, ma penso che parlare de La forma dell'acqua è qualcosa che deve venire necessariamente dalla pancia, di getto perché è un film fatto di emozioni, e lo capisco se non tutti riescono a coglierle queste emozioni.
Io stesso ero partito prevenuto per l'idea che la storia potesse essere un po' strana. È vero che di fiabe in cui i personaggi si innamorano di creature non propriamente umane né abbiamo lette diverse fin da bambini. Ma qui qualcosa non mi quadrava e anzi l'immagine di una donna che si innamora di una creatura incrocio tra un rettile e un umano, devo dire che nella mia mente richiamava idee un po’ forti e qualche perplessità che il risultato sarebbe stato risibile. Ma poi quando il film inizia vieni totalmente assorbito dal suo ritmo.


Ho già usato la parola fiaba, che da più parti ho letto ed è azzeccata, ma secondo me La forma dell'acqua è più di questo. Unisce secondo me un taglio a volte teatrale, al sapore magico di un film di animazione e anche un po' di un fumetto. Sembra un po' i film di una volta, ed oscilla fra un'ironia trasognante e anche un ritmo e momenti tensivi. 
Certamente è merito della regia, del mood che hanno saputo ricreare; ma anche degli attori che si calano in dei ruoli complessi. Principalmente Elisa Esposito (Sally Hawkins), che non potendo parlare, esprime tutto ciò che sente con le sue espressioni, con i suoi gesti, con i suoi silenzi e con tutto il suo corpo. Lo stesso lo fa la creatura anfibia che riesce a trasmettere col solo sguardo tutto ciò che sta vivendo, dalla sofferenza di essere in gabbia, alla paura, fino anche all'amore e alla rabbia.

Recensione  La forma dell'acqua The Shape of Water

Due specie diverse che riescono ad amarsi è l'estremizzazione dell'accettazione della diversità, ma quello che mi ha colpito, e che manda un messaggio più sotterraneo è stato che gli altri personaggi amici di Elisa non la giudicano o le pongono e si pongono domande critiche. Certo cercano di metterla in guardia ad un certo punto, e non vogliono che si cacci nei guai, cercano di proteggerla, ma non con l’intento di sentenziare sulle sue scelte o su ciò che prova.
Soprattutto Zelda (Octavia Spencer) che capisce e conosce le brutture di essere discriminati, sa cosa significhino quelle domande la cui risposta è farti sentire inferiore e piccolo, e non se le crea nemmeno, anzi, cercherà in tutti i modi di aiutare Elisa, capendo quanto abbia a cuore la vita della creatura. Queste piccole sottigliezze che però rendono forte il messaggio di La Forma dell'acqua.

Recensione  La forma dell'acqua The Shape of Water

Non fraintendetemi se vi dico che La forma dell’acqua danza sulle note di una poesia, perché magari lo prendete come la favoletta da raccontare ai bambini, ma in realtà il film a volte ha delle tinte un po’ più crude e forti di quanto magari ci si aspetta.
Ad esempio, seppur in modo accennato, è presente l’ombra dei problemi socio-politici degli anni '60. Diciamo che questa fiaba è un po’ alla sua prima versione, per cui non ha subito quell'ammorbidimento di certe situazioni che un adulto capisce e conosce.
Ci sono tanti piccoli elementi che secondo me un adulto riesce ad assorbire, a cogliere, a capirne la portata, per questo vi dico, se non lo avete ancora visto, fatelo, ma con attenzione, dategli una visione riflessiva.


La forma dell'acqua si porta dietro anche i difetti delle fiabe, come ad esempio dei vuoti,  sia narrativi che per quanto riguarda i personaggi. Ogni tanto bisogna staccare la spina alla logica e lasciarsi trasportare dalla storia. O ancora, il villain ad esempio è un po’ una caricatura armata di altri cattivi, ed è anche vero che The Shape of Water non racconta la storia più originale mai vista sullo schermo, e non lo fa nemmeno con i personaggi più iconici e particolari che si possano immaginare. Ma forse il bello di questo film è proprio questo. La forma dell'acqua riesce ad emozionare arrivando al pubblico con la cosa più ovvia e banale che ci sia: una storia di vero e sincero amore. Come a dire che i cari e vecchi sentimenti non sono ancora superati. Chi resta indietro invece, chi resta chiuso, chi resta ottusamente convinto delle proprie posizioni, finisce letteralmente per marcire nel proprio mondo.
Non so quanti Oscar riuscirà a portarsi a casa, non sono bravo in queste cose, ma se volete lasciarvi andare in una storia delicata e tenera, ma in grado di farvi fare un passo oltre il film, La forma dell'acqua è perfetto.
Ah, e sì, mi sono commosso.

Voto 8.5




36 commenti:

E tu cosa ne pensi?

Info Privacy

  1. Come sai, l'ho amato molto.
    Concordo perciò pure sul voto. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricordo il tuo apprezzamento e mi sa che abbiamo dato lo stesso voto! Molto bene :)

      Elimina
  2. "La forma dell'acqua si porta dietro anche i difetti delle fiabe, come ad esempio dei vuoti, sia narrativi che per quanto riguarda i personaggi. Ogni tanto bisogna staccare la spina alla logica e lasciarsi trasportare dalla storia": come dico sempre, è cinema. Ci sta qualche 'buco'. L'importante è la storia nel suo complesso. E credo che questo film sia davvero meritevole di molti riconoscimenti, leggendo le vostre recensioni è un plebiscito :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello che dici è vero, a volte mi rendo conto che sono troppo critico verso i film, quando è appunto una storia che deve funzionare in un modo o nell'altro, ma poi ci sono momenti in cui ti rendi conto proprio conto come qual è il meccanismo che fa funzionare la storia. Non sarebbe un grosso spoiler ma preferisco non dirlo, recuperalo e poi ne parliamo :D

      Elimina
  3. E' da quando ho visto il trailer prima che uscisse che voglio andare a vederlo e non me lo perderò!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Recuperalo! Non so quanto ancora starà al cinema :)

      Elimina
  4. è in lista, spero di riuscire ad andare presto al cinema a vederlo..

    mallory

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso lo tengano ancora un po', ma non aspetterei per recuperare :)

      Elimina
  5. Impossibile non innamorarsene, di questo film, Visto due volte, ritrovando la stessa magia, la stessa pancia, ogni volta :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho voglia di rivederlo in effetti :)

      Elimina
  6. Mi intriga parecchio, mi chiedo se sia ancora nelle sale. Se c'è, vado a vederlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da me ancora c'è quindi immagino di sì :)

      Elimina
  7. Grazie ! Andro' a vederlo: mi spieghi il titolo come l' acqua ci adattiamo ad ogni forma e wuindi ad ogni essere o luogo? Sarebbe bello ma la vedo ancora una fiaba da vivere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho letto il titolo come dire che l'acqua si adatta ad ogni forma ma allo stesso tempo è libera, riesce a valicare ogni forma in cui è stata imprigionata. È questo ciò che ho letto :)

      Elimina
  8. Andata un filo dubbiosa ma amato!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Abbiamo avuto la stessa impressione allora 😊👍🏻

      Elimina
  9. Io forse sono un mostro.
    Non ho pianto.
    E piango per tutto eh, io.
    L'ho trovato sì bello, ma forse non ero nel mood per capirlo al 100%? devo ancora capire bene questa cosa, penso di farò anche io una recensione ma temo verrà fuori una di quelle robe mie molto semiserie (comunque Zelda uber alles, personaggio preferito subito)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non credo tu sia un mostro. Alla fine penso che ci sono cose che colpiscono più di altre, quindi c'è anche una questione oggettiva oltre che soggettiva. Zelda fantastica 😍

      Elimina
    2. La faccia che fa quando Elisa le spiega il "rapporto"? Io mortah.

      Elimina
    3. Però almeno ci ha chiarito un dubbio che tutti avevamo immagino XD

      Elimina
  10. Certamente è un film particolare, forse non per tutti.
    Certe emozioni ci sono o non ci sono.
    Un abbraccio e buon sabato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È vero, è un film a cui bisogna lasciarsi andare del tutto altrimenti ne resti un po' fuori.

      Elimina
  11. Ma io ho paura di quel coso brutto :(
    scemenze a parte, spero e sottolineo spero di vederlo!
    baci tesoro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me all'inizio ha fatto un po' strano, ma poi passa :D

      Elimina
  12. assolutamente d'accordo te, quanta bellezza! le 2 ore al cinema sono volate, perché dentro c'è di tutto, un mix di generi + un mix di emozioni = poesia :) E che quartetto Elisa e il "mostro", Zelda e Giles <3 Da rivedere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me le due ore non sono pesate! Anzi, tutto sommato è stato fluido, specie secondo me perché si arriva ad un punto emotivo già a metà!

      Elimina
  13. E' un film che avevo già in programma di vedere. Se non riesco al cinema, prenderò il bluray. Guillermo Del Toro è uno dei miei registi preferiti e queste storie un po' malinconiche e un po' fantasy, sono proprio il mio pane. Penso che mi commuoverò anch'io. A parte che io riesco a piangere con i cartoni animati...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se puoi vedilo al cinema perché merita anche esteticamente :)

      Elimina
  14. Eccomi Pier, visto ieri sera. Piaciuto. Tanto. Poetico e sognante come me lo ero immaginato. Sono contenta che abbia vinto ieri notte alla serata degli Oscar! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io sono contento che abbiano vinto, tanti film meritano, ma lui resta valido :)

      Elimina
  15. Sentivo che era un film speciale. Ne ho sentito molto parlare e anche solo vedere quei piccoli sprazzi di film nel trailer, mi dava idea di un qualcosa di particolare. Lo avevano già eletto il film più romantico dell'anno, e ora ha avuto anche tanti riconoscimenti nella serata dell'oscar. Non mi resta che guardarlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Recuperalo assolutamente :) Penso potrà piacerti molto!

      Elimina
  16. Sono andata a vederlo lo scorso mercoledì senza conoscere nulla, nemmeno a livello di trama.
    L'ho adorato e condivido tutte le tue parole. L'ho trovato uno dei film più dolci mai visti e la colonna sonora è un vero capolavoro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un film dalla dolcezza veramente spontanea e delicata! Lo voglio vedere di nuovo :)

      Elimina
  17. A me non è piaciuto tantissimo. Una favoletta carina, sì. Emoziona, ok. Però la parola che riassume meglio la mia reazione è "Boh..."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sei il solo ad avere avuto questa reazione :)

      Elimina
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Vi sono piaciuti