lunedì 5 marzo 2018

Oscar 2018: il Meglio e il Peggio

In 90 edizioni degli Oscar non ne ho seguito una serata per intero ché di tirare sveglio fino all'alba non reggo. E poi ieri l'ansia dello spoglio ai seggi elettorali mi stava divorando, e quindi ho chiuso tutto e buonanotte.
Ma io sono come quelle pettegole a cui basta vedere due persone insieme per confabulare torbide relazioni amorose a suon di tradimenti, figli segreti ed eredità da spartire.
Quindi, con la stessa immaginazione, vi racconterò il meglio e il peggio secondo me della novantesima edizione degli Academy Awards che sono stati celebrati ieri sera.



Ci sarebbe anche un altro problemino, ovvero che non ho ancora visto tutti i film candidati agli Oscar, quindi parteggiare per questo o quello sarebbe stato inutile.
Però ho visto quasi tutti i film vincitori e mi sembra che sia andata bene, oserei dire degli Oscar onesti. Forse è mancato un colpo di scena che ribaltasse la serata. Ma penso che non ci fosse un film che realmente riuscisse a brillare così tanto da oscurare gli altri, o uno che facesse così schifo da dar spazio agli altri. Aggiungerei anche la definizione di "sobri" per questi Oscar, sotto probabilmente l'ondata delle turbolenze socio-politiche che hanno smosso 
Per non risultare indigesto come per i Golden Globes, ho pensato ad un resoconto light con solo uno spot su ciò che mi è piaciuto, e ciò che invece mi ha suscitato perplessità più o meno grandi.

Il meglio

Il miglior film degli Oscar 2018: La forma dell'acqua



Scegliere quale film meritasse la vittoria agli Oscar per me è difficile, ormai non so più come dirlo, ma il fatto che La forma dell'acqua si sia beccato la statuetta più ambita mi soddisfa. Alla fine è un film fatto molto bene, emozionante, con i suoi punti di forza, il suo messaggio ben delineato. Che volete di più?
Guillermo del Toro si è preso il premio come miglior regia e io forse, nella mia ignoranza, lo avrei dato a Christopher Nolan per Dunkirk, ma va benissimo lo stesso. 


Chiamami col tuo nome Miglior....sceneggiatura non originale


Che Chiamami col tuo nome meritasse di vincere era indubbio. Meritava di essere eletto come il miglior film? Secondo me no. Un premio come miglior sceneggiatura adattata, scritta da James Ivory, penso sia una vittoria più corretta. 

La "sconfitta" di Timothée Chamalet


Non ho nulla contro Timothée (a parte il fatto che abbia un nome impronunciabile) ma penso che, per quanto la sua interpretazione di Elio sia uno dei punti di forza di Chiamami col tuo nome, è ancora un ragazzo giovane e potrà fare strada e vincere tutti i premi che merita. Non ho visto l'Ora più buia, e mi toccherà sicuramente recuperare, ma da ciò che ho visto, letto in giro, e anche dai trailer, penso che Gary Oldman si sia meritato la sua statuetta. 

Il discorso di Frances McDormand, migliore attrice per Tre Manifesti ad Ebbing, Missouri


La sua vittoria è più scontata della pasta al discount, ma il discorso di ringraziamento di Frances McDormand è stato divertente ed attuale, nonostante nella serata si siano viste poche spillette della campagna Time's Up e pochi riferimenti a Me Too. Frances McDormand ha comunque lasciato un messaggio femminista e di inclusività, specie in una industria come quella cinematografica. 

Andra Day e "Stand Up For Something" dal film Marshall. 


Non fraintendetemi: la canzone è sciapa, il rap freestyle di Common come critica a Trump è del tutto inutile, e non ho visto Marshall ma adoro la voce di Andra Day che è in pratica la versione di Rihanna che sa cantare, e mi piace sempre sentirla live. Ed ho adorato il suo abito-tenda Luigi XIV del red carpet.


Bella Mystery of Love, amo This is me ma che abbia vinto Remember Me da Coco mi sembra banale ma anche più corretto. 
E mi sembra corretto anche che Coco sia stato eletto il miglior film di animazione di questi Oscar. 


Ma non dite a nessuno che gli altri non li ho nemmeno visti.


Rita Moreno che entra ancora in un abito di 56 anni fa.


E a me non stanno i jeans presi la settimana scorsa.

Le Signore in rosso.

Allison Janney e Meryl Streep stavano secondo me benissimo, un bel pop di colore che effettivamente ci voleva. Ieri ho visto The Post, e no, secondo me Meryl questa volta non meritava la vittoria, ma ne parliamo un'altra volta. 

Il laminato che non ingombra. 




Ma Sandra Bullock perché è a tutti gli eventi, premiazioni, feste, celebrazioni e manifestazioni senza uno straccio di film da presentare? 
E perché non sono come Sandra Bullock?

Il peggio

Jimmy Kimmel

Nemmeno lui si capacita come sia finito di nuovo a presentare gli Oscar

Non lo sopporto a pelle, per cui Kimmel entra automaticamente nel peggio. L'ironia americana è sicuramente diversa rispetto alla nostra, o comunque quella che apprezzo io, ma lui non fa ridere a prescindere. Lo trovo gommoso, impostato per essere simpatico. 
Dargli la conduzione degli Oscar per due anni di fila mi sembra il male.

Gli ornamenti

Margot Robbie ha pensato che un vestito che le sta male impreziosito da addobbi natalizi che la costringono a non muovere le braccia, fosse la scelta più giusta per gli Oscar.


Lo stesso vale per Salma Hayek, truccata come una casalinga stanca e con un vestito che ne trovi di meglio ai saldi dopo carnevale. Lei si merita anche il premio "Peggio vestita" di questi Oscar 2018.

Armie Hammer e Timothée Chalamet


Belli, bravi, super shippati ovunque e accontentano i gusti un po' di tutti, ma il velluto rosso effetto Babbo Natale chic e la tenuta di un cameriere non sono ciò che mi aspetto di vedere agli Oscar. Ed aggiungo una cosa brutta: Timothée, con quelle scarpe, ha meritato di perdere.

Il glamour da ufficio di Emma Stone


Dalla postazione telefono della segretaria, dritta al red carpet, Emma unisce l'utile e il dilettevole. Se un giorno la sua carriera di attrice nevrotica dagli occhi grandi dovesse fallire, avrà sicuramente cosa indossare per altri impieghi.

I fiocchi 

Quest'anno c'è stato un tripudio/ritorno agli abiti con fiocchi giganteschi seguiti da drappi ancora più ingombranti. Ve le metto in ordine di peggioramento:



Da Kelly Ripa tricolore a Nicole Kidman col suo effetto statuetta (che va bene essere agli Oscar ma non devi impersonificarli), fino alla peggiore: Saoirse Ronan (sconfitta con Lady Bird). Brutto il fiocco, e l'ho detto, brutto questo effetto tetta schiacciata, brutti i capelli sporchi. Se è brutto pure Lady Bird (che non ho visto) hai fatto bingo.

Il soft bondage di Adam Rippon


Pattinatore artistico vincitore del bronzo alle Olimpiadi di quest'anno, Adam Rippon ha proposto questo look dai richiami BDSM. Dal cravattino in lattex, all'harness che spunta dalla giacca finendo con un paio di mocassini. Voglio sperare abbia avuto un fetish party dopo gli Oscar, perché altrimenti tutto questo da fare risulta solo brutto. 

Questo, questo, questo e questo 


Le impresentabili e incommentabili degli Oscar, meglio noto come il club delle "ma che avevi in mente quando sei uscita da casa?". Non mancano mai ad ogni edizione, e mi spiace che di mezzo ci sia Viola Davis, ma quel vestito rosa Barbie giusto una attricetta di 20 anni se lo poteva mettere, non Annalise Keating.

Le signore in rosso




Samara Weaving, che probabilmente ha sbagliato lavaggio e le si è stinto l'abito, e Leslie Mann con questo tulle che sembra cheap persino dalle foto, sono le signore in rosso peggio vestite degli Oscar 2018. In verità non so chi siano queste due, ma non importa.

Il laminato che ingombra. 


Quanta stoffa hanno usato per il vestito di Sally Hawkins? Forse non si sono resi conto che l'attrice è alta quanto un pacco di farina e che con una roba simile le puoi fare due giri. Raggrinzamenti ovunque, un cinturino brutto che cerca di ridare una silhouette e mega paillette alla fine coronano l'outfit.
Insomma La forma dell'acqua ha vinto, ma la forma del suo vestito ha perso. 

Direi che l'intento di restare leggeri non mi è riuscito, ma fatemi sapere se siete contenti per le vittorie di questi Oscar 2018, se avevate altre aspettative, se vi sono piaciuti questi abiti. Voglio sapere tutto.





Reazioni:

40 commenti:

E tu cosa ne pensi?

Info Privacy

  1. Vestiti quasi tutti scandalosi, specie quelli delle donne (non è che siccome ora tutto si basa sull'antimolestia e sul femminismo devi essere autorizzata a vestirti male, eh... che tanto i weinstein ti spogliano, baby! XD).
    Addirittura uno dei vestiti col fiocco mi ricorda un terribile abito visto in Twin Peaks (1991) che è sempre citato come elemento trash XD
    Ma il tizio di Colmibaiorneim quanti anni ha? Nel film 24, ma non ci crede manco lui.

    Contento per Coco, contento per l'Italia.
    Il presentatore è lo stesso dell'anno scorso? Ma chi è? :o

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ora voglio vedere questo vestito di Twin Peaks! Mandamelo :D

      Il tizio intendi Armie Hammer? Ne ha 31, e sì, non ci crede nemmeno lui nel film che ne ha 24 :D
      Il presentatore è famosissimo! Ha un programma anche suo in America!

      Elimina
    2. Hanno tolto il sito dove era presente quel vestito! :o

      Hammer 31... ecco, e nel film ne dimostra pure 35.
      Il presentatore mai coperto^^

      Moz-

      Elimina
    3. Ahahaha povero Hammer, come un qualunque 20enne che fa l'adolescente nei telefilm!

      Elimina
  2. io odio Jennifer Lawrence.
    è una tamarra schifosa di prima categoria..che deve solo benedire ogni giorno dior che l'ha scelta come testimonial..e non si capisce il motivo.
    ma resta patetica.la classe non è acqua.
    e di classe ne ha ZERO.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sul tamarra sono d'accordo, ma non sullo schifosa, che non direi a nessuno! Nemmeno io sono un suo fan però non credo abbia fatto nulla di così grave, credo.

      Elimina
  3. Niente, Jimmy Kimmel non è piaciuto nemmeno a me. Era il primo anno che seguivo la cerimonia e l'ho trovato floscio aBBestia.
    Per i premi, già sai come la penso, così mi pronuncio sugli abiti: i peggio sono davvero... peggio. La Hayek non si può vedere, lei e le altre due a premiare erano il trionfo del botox e dell'abito d'accatto, porelle!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me lui sta antipatico a prescindere, fai tu XD
      La Hayek appena l'ho vista ho urlato, anche se era notte. Come si fa a indossare un abito simile?! Hanno detto che era un richiamo all'India, che credo abbia dichiarato guerra dopo questa affermazione!

      Elimina
  4. Non ho seguito gli Oscar, ieri sera alle 21,45 ero già tristemente a letto, però il vestito di Andra Day è una cosa spettacolare :D

    RispondiElimina
  5. per me sei stato leggero e spassoso e alcune chicche (vedi Emma segretaria Stone me l'ero anche persa ahahahah)
    Sai che per una volta la pensiamo uguale anche sui vestiti?
    Basta mi dissocio a prescindere... stiamo concordando troppo un po' su tutto sto periodo e non va bene! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. PS: ridateci Ellen agli Oscar!!!!!!!!!!

      Elimina
    2. Ridateci Ellen sì, e prendetevi pure Emma XD

      Elimina
  6. Babba bia i vestiti con i fiocchi giganti e babba bia quelli delle peggio vestite XD
    Mi dispiace per Salma Hayek perché non risulta per niente valorizzata conciata in quel modo (resta comunque più faiga di me quanto sono al mio massimo, ma quelli son dettagli :D ).
    Invece devo dire che Jennifer Lawrence con quell'abito è favolosa *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Salma è davvero fighissima ma è un peccato che si sia conciata così :D

      Elimina
    2. Mi sono accorta che mi è scappato un "quanto", anziché "quando" U_U mannaggia a me e alla distrazione. Comunque sì, è fighissima anche con il monociglio quando interpreta Frida!

      Elimina
  7. Sono d'accordo con te su tutto!! Proprio oggi sono andata a vedere La forma dell'acqua, molto bello!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere che abbia vinto, specie fra tanti film così belli!

      Elimina
  8. A me "Timothée" fa venire in mente il bagnoschiuma :D ;a per curiosità chi è quella tipa col body nero e una specie di manicotto al braccio destro?? È terrificante :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahaha anche di deodorante! Sarebbe una cantante si chiama St. Vincent magari è brava ma non lo so XD

      Elimina
  9. Certo che potevano vestirle meglio le signore..
    Molto contenta che The Shape of Water sia portato a casa dei premi importanti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se lo sono meritati per questo film :)

      Elimina
  10. Oh la... stavo proprio cercando un riassunto leggero della serata... non smetterei più di guardare il vestito di Andra Day: divino... Viola Davis invece non l'avevo nemmeno riconosciuta... ma perché!?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere che il mio riassunto sia capitato a fagiolo :D
      Andra è davvero spettacolare, un po' sopra le righe ma in modo adorabile!
      Non so che pensasse Viola Davis, penso di fare una cosa simpatica, ma così mi è parsa solo fuori luogo...

      Elimina
  11. Quest'anno non li ho seguiti per nulla per cui questo post cade come il cacio sui maccheroni. Mi hai dato modo di aggiornarmi ;)
    Grazie Pier, un abbraccio.

    RispondiElimina
  12. Seguita fino alle 6 del mattino come tutti gli anni, ma devo dire che quest'anno l'ho trovata un po' più noiosa del solito. Tutto un po' piatto, per la prima volta persino il momento della memoria non mi ha provocato la minima emozione (e in genere mi commuovo molto).
    A me Emma Stone è piaciuta moltissimo, l'ho trovata elegante e fine, e non so se hai notato che tacchi. Ma come si fa a camminare su quella roba lì? Ammirazione pura.
    Sui film non mi esprimo perché non li ho visti tutti, ma mi sono piaciuti i discorsi di ringraziamento. Per il presentatore mi auguro che non valga il detto "non c'è due senza tre", perché ha la stessa verve del mio gatto quando dorme.

    Ps solo a me piace il vestito di Sally Hawkins?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho visto i tacchi di Emma Stone, ma non mi sembrano così impossibili, ad esempio quelli di Andra Day (la prima che mi viene in mente ma penso che un po' tutte avessero dei trampoli) sono ancora più alti!
      Speriamo insomma che Jimmy Kimmel non sia il nuovo Carlo Conti XD

      Piace anche ad altri da quel che ho letto, io anche da altre foto, l'ho trovato poco valorizzante

      Elimina
  13. Non ho visto Cate Blanchett o Tilda Swanton negli ultimi Oscar....visto che sono i miei modelli di bellezza (ovvero glaciale filiforme ai limiti dell'anoressia, come io non sono mai stata e non saro' mai....ma sarei voluta essere nel mio immaginario...) e di classe...non so giudicare le altre...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anzi, trovato ora la Blanchett...che dire? starebbe bene anche con un sacco della spazzatura addosso...statuaria, una visione color acquamarina...

      Elimina
    2. Credo che la Blanchett non fosse presente a questa edizione, le immagini a cui ti riferisci credo siano del 2016

      Elimina
  14. Ma no che non sei stato pesante affatto, anzi... frizzante ed ironico al punto giusto direi :)
    Sono contenta per La forma dell'acqua perchè ho letto (anche se non ho commentato) il tuo post sul film e sono convinta che abbia meritato il premio e lo vedrò appena possibile anche io.
    Il film italiano, Chiamami col tuo nome, purtroppo non mi attira... ma James Ivory credo che dopo una carriera intera a 90 anni si sia pur meritato di essere premiato, no?
    I vestiti peggiori sono... peggiori davvero, mamma mia!!! La Kidman che impersonifica la statuetta dell'Oscar... :D
    Mi piace il vestito della Bullock, molto.
    E mi piacciono tanto i tuoi post, Pier... ma questo lo sai gia :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Maris, a volte parto con una idea ma finisco per far altro XD
      James Ivory se la meritava secondo me, anche per il film, non solo per la carriera!

      Un bacio e grazie mille :)

      Elimina
  15. Guarda, l'importante è che Nolan continui a fare film straordinari come gli ultimi 7, anzi, praticamente tutti, poi se vince o non vince è relativo ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Comunque non è andato a casa completamente a bocca asciutta e questo è sempre un bene :D

      Elimina
  16. Salma Hayek allucinante se pensiamo a chi è il marito....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo il gusto non si può comprare

      Elimina
  17. a sto giro, a parer mio, gli Oscar erano un po' troppo poco glam...
    non c'erano nomi ridondanti sfide effettive, e nemmeno film clamorosi...
    chi ha vinto ha fatto bene a vincere, ma oltre a questo non vado

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È stata una edizione effettivamente più dimessa, sarà per tutto il casino successo, sarà anche per i film "seriosi"

      Elimina
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...