giovedì 4 marzo 2021

|Beauty Cues|
La mia VERA Skin Care Routine!

Su questo blog ho ormai collezionato centinaia di recensioni su prodotti per la cura della pelle, che è in fondo una mia passione, qualcosa che mi piace fare per me stesso. Tuttavia, nonostante per me sia chiaro il nesso fra un prodotto e l'altro, più volte mi è stata chiesta quale fosse la mia skin care routine, e riflettendoci ho capito le ragioni di alcune perplessità: fra una crema viso di qui, un detergente di là, una maschera su e una sfilza di sieri viso in un altro post ancora, si può perdere di vista lo scopo di tutti questi cosmetici, di come li scelgo e utilizzo.  
Ho pensato quindi di tornare un po' alla teoria e raccontarvi tutta la verità sulla mia cura della pelle, il mio approccio, direi quasi la mia filosofia, e tutto ciò che la riguarda anche in senso più trasversale.

Jack Nicholson You Cant Handle The Truth GIF-source | Stories of Our Era

L'intento ovviamente non è quello di insegnarvi qualcosa, ma solo di contestualizzare tutte queste recensioni che possono sembrare buttate a caso. Metterò quindi in rassegna tutti i passaggi della mia skin care routine, partendo però da un punto importante, ovvero dalle mie caratteristiche.

Che tipo di pelle ho?


Capire la mia tipologia di pelle non è stato semplice, anche perché è cambiata negli ultimi anni e varia da stagione in stagione. Credo di avere una pelle normale, tendente ad essere secca durante i periodi freddi, e più mista nella zona T durante l'estate. Diciamo che in autunno ed inverno la mia pelle preferisce una routine delicata e ricca, ma se fa caldo, sono una persona che suda, e non sopporto molto sul viso se il clima diventa più umido.
Non ho particolari imperfezioni, ad eccezione di qualche punto nero concentrato sul naso in particolare, e brufoli molto sporadici. La mia pelle perde facilmente tono ed elasticità, e si ingrigisce se non utilizzo prodotti illuminanti, infatti è una delle caratteristiche che ricerco maggiormente nelle mie routine. In particolare intorno alle labbra e sul mento noto che si può formare uno strano alone grigiastro. Inoltre ho ancora alcune cicatrici lasciate dall'acne.
Il mio contorno occhi è abbastanza secco, può tendere a segnarsi e perdere elasticità; non ho inoltre moltissime occhiaie, ma possono diventare più scure ed evidenti.
Ho più di 30 anni, quindi ricerco anche una azione antietà preventiva.
Non si tratta di una cute sensibile ma sono un fototipo I/II che si scotta facilmente e non si abbronza. 

Queste sono insomma le caratteristiche della mia pelle con cui devo avere a che fare e che devo cercare di tenere a bada. Nonostante le tante recensioni, la mia routine include pochi step, è abbastanza semplice e funzionale. Tendo ad aspettare qualche minuto fra un passaggio e l'altro, ma se ho fretta riesco a seguire la routine in modo rapido.
In generale sono molto costante: non mi sentirete mai dire che vado a letto senza aver deterso il viso ed applicato almeno un prodotto idratante. Inoltre tutti i prodotti che utilizzo sul viso li applico sempre anche sul collo

1. Detersione


Per molto tempo ho pensato che i detergenti viso fossero più o meno tutti uguali e non ci fosse poi una particolare differenza nell'usare questo o quel prodotto. Ho capito che mi sbagliavo e che invece è un passo fondamentale per la mia routine, anche perché ormai anche i detergenti viso veicolano ingredienti con scopi specifici.
Quasi per tutto l'anno, ad eccezione dei mesi più caldi, la mia pelle al mattino non ha molto sebo e sporco da rimuovere, per questo preferisco detergenti molto delicati, prediligendo quelli cremosi, che puliscano in modo efficace ma siano leggermente restitutivi ed emollienti. 
Per la detersione serale, quando sul viso mi ritrovo tutto lo sporco di una giornata, l'accumulo dei prodotti che ho utilizzato, sudore, sebo, lacrime e patimenti, opto per detergenti in gel, che abbiano magari componenti purificanti e che lascino la pelle fresca e pulita. Qualche volta pratico la doppia detersione, ma per me non è sempre necessaria non usando molto make up.
La mia pelle apprezza molto le mousse detergenti che hanno spesso un equilibrio fra efficacia e delicatezza.
Per lavare il viso uso quasi sempre acqua tiepida o fredda, anche se purtroppo sono fra quelli che ama farlo in doccia, cosa che non si dovrebbe fare.


2.Tonico 


Il tonico viso è uno di quei passaggi che ad oggi non reputo affatto fondamentale per me, anche perché non sono mai stato convinto della logica del ribilanciare il pH della pelle dopo la detersione, come se sapessimo se appunto il nostro detergente è più basico o acido. Non mi piace inoltre usare dischetti et similia, per cui preferisco che siano in erogatori spray o uso le mani per applicarli. Per me il tonico è solo un primo step preparatorio idratante e lenitivo per la pelle: per questo motivo non investo moltissimo in questa categoria di prodotti, ma scelgo idrolati e tonici viso economici
Posso apprezzare un prodotto di questa tipologia se veicola degli attivi particolari, magari esfolianti o illuminanti, ma resta il fatto che i tonici viso non mi appassionano e posso farne a meno. 

3.Sieri/Booster


I sieri viso sono la parte della routine che preferisco, perché credo sia quella più efficace e importante per la mia pelle, per questo ne uso diversi, ma mai più di due per regime. 
Non può mancare nella mia skincare la Argireline Solution di The Ordinary che applico su fronte e contorno occhi almeno una volta al giorno come primo step dopo il tonico.
Per tutto il resto del viso voglio sicuramente sieri idratanti, con diversi umettanti e gradevoli sulla pelle, ma soprattutto che veicolino determinati attivi: per il mattino utilizzo principalmente quelli a base di vitamina C, per sfruttarne il potere antiossidante ed illuminante, di niacinamide e peptidi ad azione anti età e tonificante.
Per la sera non manca mai un siero a base di retinolo, e con alfa e beta idrossiacidi dal potere esfoliante, che però evito durante l'estate, più o meno da maggio fino a settembre. 
Buona parte dei sieri/booster che utilizzo hanno alte concentrazioni di attivi, perché ho fatto abituare la pelle nel tempo.
Amo testare e sperimentare sempre nuovi sieri viso con componenti più o meno strane, ed è la sezione di skincare su cui investo maggiormente, ma questi ingredienti sono dei capisaldi che cerco di infilare sempre nella mia routine e che su di me hanno un'ottima efficacia.


4.Creme viso/ Oli


Anche le creme viso sono una categoria di prodotti che non stuzzicano mai particolarmente la mia curiosità. Voglio che la mia pelle sia sempre molto ben idratata, preferisco che sia quasi lucida (o glowy se vi sembra più elegante) piuttosto che secca, tirante e che sembra più vecchia. Si tratta quindi di uno step importante anche per me, specie durante l'inverno quando la barriera cutanea ha bisogno di un supporto nutriente e protettivo, ma ammetto che non ho mai trovato la crema viso che diventasse così insostituibile. 
Inoltre, se applico sulla pelle due sieri viso che sono abbastanza idratanti, è possibile che certi giorni non senta la necessità della crema viso. È quasi un extra che per me aggiunge idratazione, ma verso cui il mio entusiasmo è sempre basico, legato forse al fatto che trovo più efficaci i sieri viso.
Idem per gli oli viso: alla fine li trovo un po' tutti simili e più o meno affini alla mia pelle. Mi piacciono gli oli intrisi di attivi particolari, ma alla fine, secondo me, gli oli sono oli: occludono ed ungono. 
Insomma è uno step della mia skincare da cui mi aspetto il minimo sindacale.
In linea generale non faccio spesso differenza fra crema giorno e crema notte, a meno che non abbia un prodotto particolarmente ricco. Sfrutto comunque sia le creme che gli oli per fare un massaggio al viso e cercare di sciogliere un po' di tensioni. 



5.Contorno occhi


Da buon miope ho maltrattato il mio contorno occhi per diverso tempo: strizzo gli occhi quando non vedo bene, ero solito stropicciarli in modo esagerato, tendo la pelle della zona perioculare per mettere lenti a contatto e cose del genere. Inoltre le mie esigenze sono cambiate con il tempo: se anni fa tendevo ad avere palpebre generalmente più gonfie, adesso sono un po' più incavate, segnate e stanche. Curo questa zona in due modi: oltre ad Argireline di cui sopra, di giorno con prodotti più leggeri ma comunque idratanti con lo scopo di camuffare o ridurre le occhiaie. La sera preferisco prodotti più nutrienti, anche molto ricchi e burrosi.
Generalmente, se il prodotto lo consente (e non sto testando qualcosa nello specifico), utilizzo i sieri e le creme viso anche sul contorno occhi, specie se sono arricchite con ingredienti che possono aiutare la zona. Per questo, sebbene sia un passaggio che indico dopo le creme viso, a volte si mischia con gli altri step in una posizione intermedia.
Sto però via via includendo dei sieri contorno occhi più specifici nei vari passaggi della mia skin routine, perché l'età avanza, e voglio rallentare i segni di espressione. Ne parleremo presto.


6. Protezione solare

Paris hilton GIF - Find on GIFER

La protezione solare è l'ultimo step della mia routine giornaliera, ed un altro di quei passaggi che è più una necessità che un piacere, anche perché fino ad ora non ho trovato il prodotto davvero perfetto, seppur ne abbia utilizzati di validi. Cerco però di essere costante ma senza fissazioni: se la giornata è soleggiata, in qualunque stagione sia, applico generosamente la crema solare, prediligendo SPF 30 o 50. Se invece so che non uscirò più di tanto, e il clima non è così limpido, o magari è proprio una nuvolosa giornata invernale, evito la crema solare senza troppi drammi. Lo so, sono cattivissimo.
Questo è il mio concetto anche durante l'estate, visto che il sole con me ha la peggio: non amando il caldo, non ci penso minimamente a starmene come una cozza su uno scoglio, quindi la mia esposizione ai raggi UV diventa per lo più accidentale. 


Maschere, esfolianti e scrub 


Le maschere viso sono senza dubbio uno dei passaggi che preferisco, e a riguardo ho una mia filosofia: infatti non credo servano solo a migliorare un problema momentaneo, magari per via di impurità o secchezza, ma anche per dare alla pelle ingredienti extra che magari la mia routine non contiene. Per questo sono parte integrante della mia routine e sono costante facendone due a settimana, di qualunque tipologia: in crema o in tessuto. Per questa ragione per me ha senso tenere le maschere viso in posa anche più a lungo dei 10/20 minuti consigliati in genere. 
Inoltre da tempo ormai prediligo esfolianti chimici a quelli fisici, che uso solo d'estate, perché la mia pelle li ama e li trovo più adatti a contrastare punti neri e aiutarmi a levigare le vecchie cicatrici da acne. Cerco di esfoliare la pelle due volte a settimana, ma la mia pelle mi permette di usare alcuni peeling anche tutti i giorni. 
Una volta a settimana rado la barba e se vi sembra non ci azzecchi niente, sappiate che il rasoio crea una leggera esfoliazione.


Dispositivi, strumenti e tools


Col tempo il mio interesse per i dispositivi viso, siano essi spazzoline, spugne o pannetti in microfibra è calato drasticamente, o per lo meno li evito perché mi annoiano in fretta. Se per le spazzole che vibrano o ruotano mi scoccia dover cambiare costantemente le testine, oltre a trovarlo poco ecologico, per le spugne o i panni in microfibra non so mai dove metterli ad asciugare, specie durante l'inverno.
Tuttavia, la sera continuo a fare un massaggio proprio con la crema viso del momento con il Sonic Chromo System di Collistar che sfrutta la luce rossa ad una discreta vibrazione, e che trovo molto rilassante.


Lifestyle


Credo che lo stile di vita sia una parte importante della cura della pelle e in questo senso credo di cavarmela, cercando sempre un equilibrio: non fumo, non bevo alcolici in modo eccessivo, cerco di dormire 7/9 ore per notte e non soffro per fortuna di insonnia, ho i miei modi per mitigare lo stress. Vivo in una zona senza troppo smog, con un clima non troppo secco o umido. Cerco di bere due litri di acqua al giorno, che, nonostante non abbia un impatto diretto sulla pelle, è sempre meglio che essere disidratati.
Sebbene non abbia visto mai su di me un riflesso fra cibo e pelle, ho una alimentazione sicuramente varia, anche se non perfetta, seguendo un po' tutte quelle regole che tutti conosciamo e che arricchisco con alcuni integratori. Un po' come per gli attivi dei sieri viso, mi piace provare cose diverse, ma cerco sempre di includere:
  • Antiossidanti come estratto di pino (o pycnogenol), resveratrolo e coenzima Q10,
  • Omega 3 e 6 che forniscono idratazione alla pelle dall'interno,
  • Multivitaminici, che includano buone percentuali di vitamina A, C, D e E.
Cerco di usare sempre gli occhiali da sole così da proteggere appunto la zona perioculare. Inoltre, sebbene sia geneticamente anti sportivo, tento di non essere troppo sedentario. 

Questa è la mia skin care routine, o meglio la logica che guida le mie scelte quando acquisto i prodotti e li utilizzo insieme, ed anche tutto ciò che credo influisca indirettamente anche sulla salute e sull'aspetto della pelle. Non so se possa in qualche modo essere da ispirazione o utile, ma spero che possa fare da filo conduttore in questo marasma di review. 
E se vi va di condividere i passaggi della vostra skin routine, vi aspetto nei commenti.




14 commenti:

E tu cosa ne pensi?

Info Privacy

  1. Beauty Tools anche io non ne uso. Oltre ad avere avuto una pessima esperienza, in passato, con una spazzola viso, non li trovo utili per le mie esigenze e soprattutto a me non va di impiegare 20 minuti per una routine :D uso tante cose ma voglio metterci il giusto tempo.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente allungano i tempi della skin care e al mattino particolarmente non è sempre fattibile.
      Un abbraccio a te!

      Elimina
  2. Io amo usare il tonico perchè mi da una sensazione di "sollievo", è come dare una botta di vita al viso dopo la detergenza, lenendo la pelle e rendendola appunto più tonica e idratata. I sieri anche a me piace molto usarli e a volte evito anche io la crema, magari usando un siero oleoso, mentre la mattina prediligo una crema apposita per la mia pelle mista. Anche la mia pelle è cambiata col tempo e a volte penso di seguire una skincare sbagliata, io cerco di adattarmi a seconda di come ho la pelle giornalmente, perchè a volte è più secca a volte un po' più grassa. ;) Comunque sempre interessante conoscere la skincare degli altri, anche solo per conoscere prodotti diversi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Trovo anche io a volte sollievo nell'usare il tonico, ma credo che molto dipenda dal detergente che si usa: per fortuna da un bel po' di tempo non incappo in uno troppo aggressivo.
      Sono d'accordo con le assecondare con le esigenze giornaliere, capita a volte anche a me che magari evito la crema viso, mentre altre volte ne sento proprio la necessità anche nello stesso periodo.
      Contento che ti sia piaciuta come idea 😊

      Elimina
  3. io ho la spazzola elettrica di lidl e per il suo prezzo la uso ogni mattina da 2 anni (se non di più) e va alla grande per ora e la utilizzo la mattina col detergente viso, i sieri è l'unica cosa che non uso sempre, anche se ora ne sto provando uno preso in parafarmacia in offerta bello corposetto

    mallory

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici quella in silicone?
      Quindi preferisci le creme ai sieri?

      Elimina
  4. La protezione solare perfetta potrebbe essere l'Altruist Face Fluid,o almeno per me lo è stata. Tra l'altro il suo acquisto permette anche di fare un gesto benefico. Peccato che al momento non sia reperibile né su Amazon né su Skinshop. ��

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho sentito ottimi pareri su quella crema. Io sto usando la crema all'urea e mi piace molto! La proverò, ma intanto forse ho trovato un'altra candidata come protezione solare perfetta! 😄

      Elimina
  5. La mia routine è molto basica: siero viso la mattina, detergente, tonico e contorno occhi la sera.
    Mai usati i beauty tools e sono ancora in perfetta salute. Scherzi a parte, non mi attirano e non ne ho mai sentito la necessità.
    Scrub e maschere con costanza.
    Potrei migliorare con l'SPF

    RispondiElimina
  6. Ciao Pier, interessante la tua skincare! Io adoro i detergenti e ammetto che mi sono fatta tentare dal Foreo. Ora lo utilizzo con costanza tutte le mattine insieme al detergente del momento e sebbene io sia moooolto lunga la mattina oramai ci ho fatto l'abitudine. Con l'spf sono migliorata, la utilizzo anche io tutti i giorni la 50+ alternando alla 30. Utilizzo gli esfolianti chimici anche io nel periodo invernale da un paio di anni e per quanto riguarda le maschere ecco qui potrei migliorare...sono pigra!:D La crema viso in estate a volte non la metto nemmeno io di giorno, ho la pelle mista e si lucida con facilità abitando anche in una zona dove l'umidità la fa da padrona praticamente tutto l'anno! ;)

    Ciao,
    &ly

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Abbiamo una routine molto simile allora! Si può sempre migliorare, ma penso che alla fine la skincare debba essere soprattutto un momento di piacere per se stessi, non qualcosa di meccanico e poi faticoso con troppi passaggi 😄
      Un abbraccio e grazie mille!

      Elimina
    2. Questo sicuramente!
      un Abbraccio a te! 😊

      Elimina

Vi sono piaciuti