lunedì 2 marzo 2020

Dobbiamo parlare, perché questa volta ci sono rimasto davvero male

Ho riflettuto alcuni giorni prima di decidere se scrivere o meno questo post, anche per capire quali erano le mie sensazioni a riguardo, se persistevano o si erano affievolite, e come potesse essere percepito da chi legge, ma poi ho pensato che comunque era meglio metter tutto nero su bianco e chiarire ogni punto.

Da quando ho aperto questo blog nel 2011, sono sempre stato a favore di una convivenza pacifica e libera dove chiunque può usare il mio spazio e ciò che scrivo, e farne ciò che vuole (nel limite della decenza e del rispetto). Da anni ormai vado sempre per la mia strada, pubblico quando mi piace, quel che mi piace, come mi piace. D'altronde non credo di aver mai preteso nulla da parte di chi mi segue, non un commento, non un like sui social, ma nemmeno che venisse a tutti i costi apprezzato tutto quello che scrivo. Fortunatamente, salvo fenomeni che sono sempre stati limitati, non ho avuto problemi che mi abbiano turbato più di tanto.
Tuttavia quando ho aggiunto costantemente la cosmesi agli argomenti che tratto, si è aggiunta tutta una serie di frustrazioni che non sempre sono riuscito ad ignorare.

Fatemi specificare un dato "tecnico": il mio blog non parla solo di cosmesi, ed, al contrario di quanto possa sembrare, questa non è nemmeno l'argomento centrale. Sul mio blog attualmente ci sono 873 post pubblicati, di cui solo 258 riguardano il beauty, mentre i restanti 615 trattano di altri temi. Cerco di aggiornare più o meno costantemente tutte le parti del mio blog, e, sebbene Beauty Cues abbia preso il sopravvento, chiunque può trovare qualcosa da leggere.
A me piace così, perché semplicemente ho troppe passioni per limitarmi ad un unico argomento, nonostante qualunque esperto mi avrebbe consigliato che un blog monotematico funzioni meglio sul web, ed è anche ciò che richiedono certe affiliazioni con aziende ed e-commerce.

Vi dicevo il mondo del beauty ha un lato molto brutto quando si volge sul web.
Sono sempre aperto al dialogo e sono conscio che non tutti possiamo avere la stessa idea su un prodotto (o un film, o una serie tv, o una canzone, o vattelapesca), ma se mi insegui anche in privato per ripetermi per l'ennesima volta come mai ti ci sei trovato male e non sei d'accordo con la mia review positiva, ad un certo punto non so come risponderti senza dirti che non posso farci nulla se non riesci ad accettare che abbiamo opinioni diverse. Inoltre le mie risposte ed opinioni cercano sempre di essere approfondite, basate su ricerche accurate, per cui se mi rispondi che "me l'ha detto mio cugggggino" io alzo le mani ed evito di andare oltre.
Ma mi son trovato a dover gestire anche qualcosa di, a mio avviso, peggiore.

Qualche giorno fa ho ricevuto una scarnissima mail con oggetto
"Ecco la *nome azienda nota che non cito perché non è importante* quanto è sicura"
All'interno non c'era scritto nulla se non un paio di foto di un volto di una ragazzina con una probabile reazione allergica, ed una foto del prodotto del brand in questione.
Ho cercato di rispondere educatamente dicendo che ero dispiaciuto per l'esperienza negativa ma che doveva contattare il brand o il negozio dove aveva acquistato il prodotto perché io non avevo nulla a che fare con l'azienda, ma sono solo una persona qualunque che acquista i prodotti, li prova e poi espone online la propria opinione.
Lì mi son sentito rispondere che era strano che quantomeno io non ricevessi i prodotti in omaggio visto che parlo spesso del brand in questione, e di stare attento perché è da irresponsabili promuovere prodotti non testati, ma che con la sua scarna mail cercava contatti del produttore o del distributore.
A quel punto devo ammettere che ho perso un po' la testa.


Le ho raccontato quello che a me sembra palese, ma che forse non tutti sanno: qualunque mia collaborazione, per qualunque tipo di post (non solo beauty) sia dietro compenso economico sia che io riceva i prodotti in omaggio, è sempre esplicitata. Basta leggere.
Ho spiegato a questa persona che ho parlato dell'azienda incriminata soltanto 8 volte su appunto 257 post, quindi non direi proprio sia il centro del mio blog. Ho tentato di far capire che in ogni caso propongo sempre le mie oneste opinioni, siano esse positive o negative.
Ma ho tentato soprattutto di spiegare che alla base del mio approccio sul web c'è sempre la trasparenza nei confronti di chi mi legge.

Il mio discorso non si riferisce solo a questa persona, che magari non mi segue, ma che comunque dimostra di conoscere le dinamiche che si svolgono sui social, se pensava che io possa ricevere i prodotti e magari sponsorizzarli (eventualmente senza provarli) dietro pagamento, e non si confina solo al campo del beauty.
Quello che mi ha fatto restare male, è che, nonostante i sacrifici nel rendere una passione qualcosa che possa essere minimamente utile per gli altri (e gratuita per chi ne usufruisce), venissi buttato nella mischia di tanti cialtroni influencer che pubblicizzano (loro sì, dietro pagamento) prodotti a caso, con un passaggio in una o due storie su Instagram, senza sapere nemmeno di cosa parlano. Quello che mi ha lasciato di stucco è che mi si accusasse di pubblicizzare prodotti potenzialmente dannosi senza testarli.
In questo caso non ci sto, perché si mette in discussione la mia integrità, la mia serietà, la mia trasparenza nel modo in cui mi approccio con chi mi legge. E per me non è cosa da poco.

Allora, mi chiedo, a che cosa serve cercare di fare qualcosa in più se tanto si finisce tutti nello stesso calderone? Se le persone che seguono o che trovano per caso un post in rete, non riescono a capire e apprezzare chi cerca di metterci tutto l'impegno possibile nel creare contenuti validi, da chi invece spende quattro parole che si disperdono nello stream di Instagram.

Nonostante il mio blog tocchi un'ampia forchetta di argomenti, ho, anche a mio discapito, rifiutato collaborazioni che mi sembravano del tutto avulse da quella sorta di linea editoriale che ho cercato di seguire, ovvero lontane dal mio modo di essere e riguardo a ciò in cui credo. Eppure potevo tranquillamente scrivere il mio post, intascare i soldi e fare i fatti miei, come d'altronde fanno tutti.
Nonostante questo, se dico che ho ricevuto un prodotto, anche il più scrauso, più volte mi son sentito rispondere con un "ah ok" come dire che inevitabilmente la mia opinione è sfalsata.
In pratica, non vinco mai.

Mi spiace che ormai siamo così tanto abituati ad essere presi in giro, che ci sembra di vedere una truffa dietro ogni angolo, mi spiace che siate abituati alle opinioni di chi non riesce a farsi un pensiero critico più approfondito di un "meraviglioso" spalmato ovunque. Tuttavia, se non avete ancora sviluppato la capacità di riconoscere la differenza fra chi si arrabatta per cercare come può di fare del proprio meglio con onestà, e chi invece vuole solo arraffare quanti più soldi possibili, mi spiace dirvi che non ha senso puntare il dito alla cieca, perché sarete anche voi colpevoli di aver fatto avanzare la parte sbagliata.








42 commenti:

E tu cosa ne pensi?

Info Privacy

  1. Effettivamente nel tuo caso è dura far capire che i prodotti ti piacciono o meno, a prescindere dalle eventuali sponsorizzazioni.
    Io, ormai, ho smesso di rispondere alle mail che ricevo da sconosciuti.
    Pensa che addirittura mi inviavano sermoni sul suicidio assistito e l'importanza della vita, quando il mio amico Giovanni scelse la sedazione profonda.
    Quindi, francamente credo che dovresti fregartene e rispondere solo a chi merita.
    Sono troppo drastica?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece credo si capisca molto bene. Intanto perché se un post è sponsorizzato, in basso a sinistra a fine post trovi un asterisco proprio con scritto "post sponsorizzato", secondariamente se ricevo i prodotti è la prima cosa che specifico.
      Così come, se li ho acquistati. Tante volte ho parlato dei miei giri da Acqua e Sapone o del fatto che non riuscissi a trovare dei prodotti. Inoltre anche nelle mie review di prodotti ricevuti non sono sempre stato positivo e zelante a prescindere.
      Più di questo non so cosa fare.
      Cerco sempre di rispondere a tutti, anche per educazione, ma in questo caso, le accuse mi sono arrivate quando meno me le aspettavo 🤦🏻‍♂️
      Per quanto riguarda te non sei troppo drastica, anche perché si tratta di argomenti, almeno quelli che hai nominato, così delicati che spesso smuove pazzi che vogliono solo attaccare briga😅

      Elimina
  2. La vita è così breve per farci sommergere dalla spazzatura!
    Fregatene e continua per la tua strada...tanto ci sarà sempre qualcuno che dubiterà della tua buona fede.
    Non siamo fatti per andare d’accordo con tutti!!!
    Fregatene e pisciaci addosso a sta brutta gente😀

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahaha me ne fregherò, ma non posso garantire nelle parte del pissing 😂. Credo che però non sia un discorso che riguarda solo me, ma più generale in cui credo sia controproducente per chiunque!

      Elimina
  3. Pier continua per la tua strada e non perdere tempo ed energie con chi non è più capace di distinguere il bianco dal nero.
    La maggior parte dei tuoi lettori sa l'onestà e la passione che c'è dietro il tuo spazio sul web!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Linda, so che chi capita qui o mi segue sa che può trovare opinioni sincere, però è avvilente quando fra quel poco riscontro diretto alla fine ti trovi anche accusato di assurdità. E soprattutto un problema diffuso perché allora siamo tutti falsi e non si salva più nessuno...

      Elimina
  4. Caro, questo è un mondo duro per la gente onesta. E conoscendoti mi sembra inutile suggerirti di conformarsi all'italiano medio; l'onestà è un vizio difficile di cui sbarazzarsi. Una cosa puoi però fare: imparare dagli anziani con l'apparecchio acustico. Quando le opinioni non sollecitate della badante superano il limite della loro tolleranza, lo spengono. E la vita torna ad essere di nuovo gradevole. Switch it off dahlin.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah that's right dahlin ottimo esempio quello dell'apparecchio, solo che a furia di spegnerlo non vorrei restare sordo.

      Elimina
  5. Purtroppo di persone così ne è pieno il mondo, e parlo in generale, qualsiasi tema trattiamo. Capisco benissimo che tu ci sia rimasto male ma, secondo me, hai fatto bene a rispondere educatamente che tu non c'entri nulla con il brand in questione (anche perchè tutti abbiamo reazioni diverse ai vari prodotti) poi se questa persona, per svariati motivi, decide di non crederti, pazienza, fregatene, so che sono cose che demoralizzano però, se vogliamo stare dietro a tutte queste persone, non viviamo più. Un abbraccio ❤

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, non si può star dietro a tutto quello che chiunque pensa, ma come dici tu, il mondo è pieno di persone così, e una cosa dopo l'altra, un'accusa o un'aria di sufficienza dopo comunque tutti gli sforzi proprio per cercare di mantenere una certa condotta, mi hanno fatto esplodere e dovevo chiarire il mio punto di vista. Poi ovviamente la prendo anche a ridere, non è la fine del mondo :)
      Un abbraccio!

      Elimina
  6. Capisco molto bene la tua frustrazione; ciò che dici purtroppo è vero, la gente è abituata alla falsità e alla superficialità, e non riesce quindi più a capire che qualcuno possa fare qualcosa per reale passione e in maniera onesta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi spiace, ma credo sia un problema. Io sono per natura diffidente da chiunque, ma cerco di avere un po' di senso critico o credo sia la fine...

      Elimina
  7. Ma roba da matti... Certo che l'ignoranza della gente non ha confini! Ma poi il bello che lo vengono a dire proprio a te che tra i blogger che seguo probabilmente sei quello che approfondisce di più il discorso ingredienti...
    Lasciali perdere vah!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Evidentemente c'è chi pensa che si possa scrivere un post lungo solo di fantasia e perché si viene probabilmente pagati....

      Elimina
  8. Se ti può consolare, lavoro al servizio clienti di un'azienda abbastanza nota nel campo degli integratori alimentari e alla prima fake news veniamo subissati di telefonate di gente che ci accusa di essere dei mostri avvelenatori/inquinatori/cannibali.
    Alcuni telefonano per capire, perché subodorano la stronzata, ma giusto per restare tranquilli; altri, appunto, forti delle esperienze del "cuggino", aggrediscono e non vogliono sentire ragioni.
    E' un campo minato, e mi dispiace che tu ci sia finito in mezzo, ma davvero, lascia perdere i matti e continua a fare quello che ti piace.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In verità non mi consola molto 😅 Se un consumatore con una azienda ha un rapporto meno approfondito e diretto diciamo, per cui è quasi a senso unico, io ho pubblicato decine e decine di post in cui spiego, si capisce e si può cogliere il mio punto di vista rispetto alle collaborazioni. In uno dei post del brand citato da questa persona, in particolare spiegavo anche perché non avrei acquistato altri prodotti dell'azienda.... Più chiaro di così

      Elimina
  9. Certamente si è trattato di una persona che non legge i tuoi post, le tue ricerche, le tue esperienze, i tuoi post in definitiva.
    Una persona che non ti conosce come ti conosciamo noi e che voleva gettarti addosso un po' della sua frustrazione. Posso capire tu ci sia rimasto male, appunto perché è davvero insensato gettarti nella stessa mischia di gente che pubblicizza prodotti a caso dietro compenso e senza averli neppure provati. Mi dispiace Pier, casi come questo possono capitare, anche se sarebbe giusto che la gente riflettesse prima di sparare a zero su chi non c'entra nulla.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sara, io spero di aver chiarito la mia posizione, sebbene pensavo non fosse necessario, e spero anche di aver mosso ad una riflessione, perché non riguarda solo me!
      Un abbraccio.

      Elimina
  10. Non entro nel merito, perché comunque non è argomento per me, infatti leggo se mi interessa e commento se ho qualcosa da dire, però è incredibile come un'opinione si trasformi ingiustamente in qualcos'altro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà credo che valga per tutti, non è solo una questione di argomento, perché potrebbe valere per un film, un qualunque prodotto.

      Elimina
  11. queste sono persone che non cercano un confronto, ma sono persone chiuse nelle loro piccole e ignoranti certezze che nel momento in cui si trovano poi davanti una persona che in maniera chiara e onesta le smentisce su tutta la linea fanno come gli struzzi, mettono la testa sotto la sabbia e cancellano commenti (come nel mio caso sul canale) o chiedono a te di resettare e cancellare le mail perchè niente sia successo.
    Hai fatto bene a parlarne e raccontare anche questo aspetto, ma poi continua come sempre hai fatto senza badare troppo a sta gente, non ti far toccare da saccenza e ignoranza gratuita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ed invece io conservo tutto 🤷🏻‍♂️😁 Peggio per loro.
      Io sì, vado avanti! 😘

      Elimina
  12. Ciao Pier, posso ben immaginare come tu possa esserci rimasto male. Anche l'essere in pace con la propria coscienza, per una persona onesta non tiene riparati dalle cattiverie gratuite, purtroppo. Io ti leggo sempre, e se ti può essere di consolazione, sappi che reputo i tuoi articoli davvero ottimi e si capisce che ci tieni davvero tanto, e che dietro c'è un lavoro pignolo, rigoroso e pieno di passione. Continua sempre così, sei nel giusto. Un caro abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Arianna e grazie mille per il tuo supporto sempre. Anche io pensavo fosse palese il mio modo di chiarire sempre se si tratta di un post sponsorizzato o meno, e soprattutto la mia intenzione di essere sempre onesto, ma evidentemente è passato altro per qualcuno...
      Un abbraccio a te!

      Elimina
  13. Mi dispiace. Purtroppo concordo sul fatto che oggi molte persone hanno difficoltà a capire che gli altri possano agire con onestà, i furbi non sono forse più numerosi delle brave persone ma sono sicuramente più rumorosi. Con questi soggetti è anche quasi impossibile avere un confronto, vogliono solo accusare e cercare conferme delle loro opinioni. Hai fatto bene a scrivere questo post, ora però io cercherei di non pensarci più, non ne vale la pena. Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace molto la frase "i furbi non sono forse più numerosi delle brave persone ma sono sicuramente più rumorosi" perché è vera. Spero che questo mio post sia una riflessione per tutti, io sicuramente andrò avanti!
      Grazie mille, ricambio l'abbraccio 💝

      Elimina
  14. Io trovo assurdo che ci siano persone che sprechino il loro tempo puntando il dito contro chi onestamente condivide la propria opinione. Fa rabbia ancora di più il fatto che il dito puntato sia rivolto anche alla persona sbagliata, dimostrando tutta la superficialità, il pressapochismo e, lasciami dire, l'ignoranza che permea questa gente. Capisco il fatto che episodi del genere facciano cadere le braccia perchè in qualche modo sviliscono il lavoro che c'è dietro ogni tuo post. In sostanza, tu ti fai il "mazzo" e loro, probabilmente, senza nemmeno fare lo sforzo di leggerti alla vista del nome del brand "incriminato" partono con la loro inutile crociata volta a cosa? Indirizzata a chi? Non lasciarti scalfire da episodi del genere perchè per una persona del genere ce ne sono almeno altre cento che leggono e apprezzano i tuoi pareri per quello che sono davvero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come diceva la mia amica Simona, semplicemente ormai si cerca un capro espiatorio per tutto, i social vengono visti come una cosa di malato a prescindere, quando è proprio il ruolo di chi ci legge e ci segue, saper distinguere cosa merita e cosa no. Andare a caso non porta ad altro che ad un impoverimento.
      Grazie!

      Elimina
  15. a me sembra assurdo se non stupido prendersela con te per una reazione allergica di un prodotto, manco fosse un prodotto fatto da te, sai quanti prodotti che usano mie amiche da anni a me hanno fatto male o viceversa?! che me la prendo con loro perchè si trovano bene?! non ho parole la gente non sta bene a mio parere..

    mallory

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottima domanda! Solo per la malizia di voler sottolineare (in questo caso erroneamente) che siamo tutti venduti e sponsorizziamo cose a caso.

      Elimina
  16. D'accordo su tutto, in particolare l'ultima frase riassume benissimo il tuo pensiero!
    Giustamente ti chiedi come fare a differenziarti dai cialtroni... me lo sono sempre chiesto anch'io e alla fine mi sono abbandonata alla speranza che chi mi legge abbia un po' di discernimento. Penso che, a parte mettercela tutta per creare dei contenuti di qualità, possiamo solo sperare e avere fiducia nel lettore. Tanto anche sul web, come nella vita, ci sarà sempre chi la vuole cotta e chi la vuole cruda, chi troverà sempre il modo per criticare... e lì, anche se è difficile, bisogna andare avanti e rimanere coerenti con se stessi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, dipende anche da chi ci segue, e proprio per questo mi sono scocciato, perché anche da loro ne ho viste tante. Per il resto sono comunque tranquillo di ciò che faccio :)

      Elimina
  17. Io invece ti seguo e ti consiglio in giro proprio perchè sei uno dei pochi in cui si percepisce ancora un interesse sincero e anche una certa curiosità intellettuale che ti porta ad approfondire tematiche che altri trattano com molta più superficialità (adoro i tuoi "pipponi" skincare come quelli su retinolo e vitamina C). Per il resto ti capisco, sono cresciuta con il mondo dei blog e dei forum vecchio stile in cui c'era uno scambio e un confronto continuo e alla pari, oggi la modalità social porta a divorare tutto con velocità e scarsa attenzione unendo in un unico calderone fake news, dicerie, nozioni scientifiche consolidate e marchette pubblicitarie poco sincere e questo è proprio uno dei motivi per cui ho mollato dopo anni un ruolo molto simile al tuo in questo blog con un pubblico anche piuttosto vasto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio Diana, a volte la passione è davvero l'unica ragione per cui andare avanti (anzi direi più che "a volte"). Posso immaginare le tue ragioni per aver mollato, perché a volte è davvero avvilente, e basta magari anche avere meno tempo per lasciar perdere!

      Elimina
  18. Pier ti sono vicina. In 5 anni di blog, situazioni simili alla lontana, saranno capitate un paio di volte e so come ci si può rimanere male, specie quando si cerca di dare il massimo e di farlo il più onestamente e limpidamente possibile. Purtroppo gli utenti non sono tutti uguali e non si rendono conto dei meccanismi reali, per cui tendono a fare di tutta l'erba un fascio. Come sempre finisce che, chi lavora con onestà viene additato ed etichettato come tutti gli altri. Anche per questo motivo, lo scorso anno avevo iniziato la rubrica dedicata al blogging e mi spiace al momento non riuscire a portarla avanti.
    Un abbraccione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ilenia per la vicinanza ed il supporto!
      Vero, una rubrica molto interessante la tua, spero riuscirai a riprenderla in mano. Un abbraccio.

      Elimina
  19. Immagino bene come tu ci sia rimasto.
    Perché cose del genere fanno cadere le palle a terra: uno cerca di fare sempre un buon lavoro, al meglio delle possibilità (peraltro specificando sempre tecnicamente come stanno le cose) ed è vero che si finisce in un calderone comune.
    La gente non sa distinguere? O forse non vuole sforzarsi a farlo?
    Secondo me è gente che se anche spieghi educatamente come stanno le cose, ormai sono partite di testa verso le loro assurde visioni.
    E via, tempo sprecato.
    Fregatene. Tu fai sempre in modo di essere inattaccabile, gli altri si attaccano.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me non vuole sforzarsi. Per molti è più facile, e forse divertente, puntare il dito, maliziare, piuttosto che capire, magari anche imparare qualcosa...

      Elimina
  20. Purtroppo è molto semplice puntare il dito. Purtroppo è più semplice prendersela con persone praticamente a caso piuttosto che andare dritto al problema (in questo caso contattare l'azienda del prodotto incriminato). Capisco la tua indignazione, io web è un mondo ostile in questo senso (ma pure il mondo reale lo è e molto!). Proprio oggi parlavo con una "collega" blogger di quanti ostacoli e quanti "rospi" si debbano mandar giù certe volte. Vai per la tua strada, onestamente, ne uscirai sicuramente bene!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È vero, i rospi sono tanti, questa è solo una goccia che ha fatto traboccare il vaso, ma ce ne sono davvero tante da dire!
      Un abbraccio :)

      Elimina
  21. Ciao, come ha già scritto qualcuno, la vita è breve! A mio parere, da quando ti seguo sei sempre stato limpido in ogni tuo post. Hai fatto bene a rispondergli in quanto ha attaccato la tua integrità, ma in ogni caso devi fregartene perchè tanto non ci si prende mai come hai detto tu. Da come scrivi si vede che sei SEMPRE sincero e veritiero quando scrivi o recensisci. Purtroppo ci saranno sempre quelle persone che daranno addosso a tutti, quando non tutti sono falsi o pensano solo al proprio profitto piuttosto che la propria integrità morale e ce ne sono che preferiscono essere falsi. E' una scelta, ma di tutti! ;)

    &ly

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao e grazie mille :)
      Hai ragione, purtroppo c'è chi fa di tutta l'erba un fascio e ci finisce anche chi prova in ogni modo a restare fuori da certi giri.
      Un abbraccio e grazie ancora per l'affetto

      Elimina
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Vi sono piaciuti