venerdì 27 ottobre 2017

{Recensioni Film}
L'inganno e Lady Macbeth



L'inganno, di Sofia Coppola, e il meno recente Lady Macbeth, sono due film in cui ho notato molti punti in comune. Attraverso la mia recensione vi racconto perché.


Quando decido di parlare di film, la scelta è molto spesso casuale, e dipende da ciò che vedo in quel periodo. A volte sono film del tutto diversi tra loro, altre volte invece le pellicole che mi ritrovo a vedere hanno molte somiglianze, non solo nella trama ma un po' anche nella struttura.
L'Inganno e Lady Macbeth secondo me sono due di questi. In entrambi emerge una figura femminile forte, in entrambi il lato più oscuro dell'essere umano si fa avanti, per ragioni diverse ma forse giustificabili. Due film che sulla carta hanno protagonisti forti e segnati, un po' dalla sorte un po' dalle sventure in cui sono incappati.
Il problema però è che queste similitudini non portano, secondo me, ad un risultato particolarmente coinvolgente.


L'inganno (2017)


Titolo originale: The Beguiled
Genere: drammatico
Durata: 93 minuti
Regia: Sofia Coppola
Uscita in Italia: 21 Settembre 2017
Paese di produzione: Stati Uniti d'America

Ne L'inganno siamo nel pieno della guerra di Secessione, in Virginia, dove Miss Martha (Nicole Kidman) e l'insegnante Miss Edwina difendono dalle violenze dei soldati le loro studentesse, ormai isolate. Tuttavia le donne riescono a vivere in una generale pace fin quando però una delle ragazze ritrova nel bosco il caporale nordista John McBurney. L'uomo non sembra un pericolo, è ferito ed esanime, così Miss Martha decide di accoglierlo, curarlo e ospitarlo giusto il tempo della sua convalescenza. 
Tuttavia la presenza di McBurney saprà rompere quell'equilibrio e risvegliare nelle donne tutti gli aspetti dell'animo umano che per forza di cose erano stati messi da parte. Ma Miss Martha, forte del suo ruolo, saprà difendere la sua isola felice. 


Ad attirarmi alla visione de L'inganno sono stati sicuramente la grande pubblicità che ne è stata fatta e il cast forte. Ma anche il trailer che sembra suggerire una trama di un thriller cupo e quasi sovrannaturale. Ma, una volta finito il film quello che si è sentito in inganno sono stato io.
Praticamente mi sono trovato di fronte al quadro meglio dipinto, con la migliore tecnica, ed anche la miglior scelta dei colori, ma il risultato è una immagine che non mi emoziona
Ogni scena ha una scelta dei dettagli quasi maniacale, tanto che alcune di esse sembrano più la rappresentazione dei soggetti per un pittore, piuttosto che parte di un film. Ma a tutta questa bellezza, a volte anche un po' dura e fredda, non ho trovato un corrispondente emotivo


Gli aspetti a cui dare la colpa secondo me sono diversi. Intanto i personaggi: dovrebbe essere un film quasi corale, ma nessuno dei personaggi esce dal ruolo. Perché sì, ti è chiaro che parte ognuno abbia, ma sono tutti troppo inquadrati, senza una storia alle spalle, come dico sempre. La conseguenza è che quando il personaggio fa un passo avanti, o un "passo falso", non sconvolge perché non li conosciamo. In questo senso, anche un cast così famoso finisce per perdersi. 
La parte emotiva che era rimasta nascosta dalla noiosa e precisa routine, e che il caporale ha saputo risvegliare è alla fine come un lampo in un cielo notturno. Hai il tempo di vedere il cielo, capisci da dove viene quel lampo, ma dura troppo poco per capire se arriverà un temporale. 



Anche ragionando sulla trama, non trovo comunque che gli avvenimenti siano così sconvolgenti perché le nostre signorine, seppur ammantante di grazie ed eleganza, hanno sicuramente imparato le leggi della lotta alla sopravvivenza, e sicuramente Martha ne è una buona insegnante. Guardandole in prospettiva, ha una sua logica. 
Dall'altro lato ci sono state situazioni che mi hanno fatto venir dal ridere, tipo Colin Farrell (John McBurney) che zompetta qui e lì.
Non posso dire che sia un film brutto, o mal fatto, o che mi abbia tediato. Per i costumi, per le luci, per le interpretazioni, e per la regia che riesce a rendere gli scenari, delle gabbie fisiche e mentali, è un film di prima classe. Ma non posso nemmeno dire che sono stato intrigato e attratto in questo inganno, non posso dire che abbia impattato con me.
Ho scoperto dopo che la storia non è poi originale, ma è tratta da un romanzo da cui è stato tratto un altro film (con Clint Eastwood se volete saperlo), quindi anche tecnicamente se siete un po' più istruiti di me potrebbe risultare poco sorprendente.
Insomma non voglio dirvi di non guardarlo, ma magari aspettate il DVD da noleggiare.

Voto 6 e mezzo

Lady Macbeth (2016)


Genere: drammatico
Durata: 89 minuti
Regia: William Oldroyd
Uscita in Italia: 15 Giugno 2017
Paese di produzione: Regno Unito

Probabilmente il titolo di questo film vi rimanderà subito a Shakespeare ma no, non è la sua Lady Macbeth ma quella dello scrittore russo Nikolaj Leskov dalla cui opera, Una Lady Macbeth del distretto di Mcensk, negli anni sessanta ha ispirato un altro film. 
Le carte in tavola sembrano già quelle de L'inganno, ma la storia è sicuramente diversa. 
Lady Macbeth è anch'essa costretta in una gabbia non propriamente dorata, ma da ragioni puramente d'interessi, infatti è stata data in sposa dalla famiglia ad un ricco mercante. Da questo matrimonio l'unico frutto che nasce è la noia e la voglia di fuggire da regole rigide, da un matrimonio privo di amore e di passione, da una quotidianità stantia e ripetitiva. La sua fuga però, per realizzarsi, dovrà prendere la strada più cruenta.


L'impatto che ho avuto con Lady Macbeth è stato lo stesso che con L'inganno. Certo, non abbiamo la stessa bellezza visiva, la stessa cura, la stessa attenzione dei dettagli. Ma c'è sicuramente una regia che si sofferma e crea spazi claustrofobici e quasi labirintici. Ha anche un taglio teatrale, in queste scenografie che non sembrano animate, ma solo una cornice immobile. 
L'ambiente è un aspetto che ho apprezzato molto perché è cupo, tetro, come uno specchio delle situazioni accadute o che stanno per accadere. 
Ma la oltre questo non è un film che ha saputo trasmettermi qualcosa. 
Anche in questo caso ho avuto un po' un vuoto di credibilità e di effetto sorpresa in un paio di punti della trama.



La  nostra Lady, o meglio Kathrine, è chiaramente un animale in gabbia, e ogni animale che si vede rinchiuso e aggredito ha due strade: ammansirsi o reagire diventando a sua volta aggressivo. E la natura umana molte volte è vicina a quella animale. 
Quando sai che l'unica occasione di fuga è quella, allora la cogli. 
Attenzione: non voglio giustificare il Mors tua vita mea, ma immedesimandosi, tutto questo ha una sorta di giustificazione e senso. Per questo c'è stato per me un vuoto di effetto sorpresa: non siamo dovuti andare a sondare nella psicologia di Lady Macbeth perché risulta tutto coerente in prospettiva. La sua efferatezza potrebbe sorprendere, considerando il suo aspetto, ma a me non ha sorpreso.
Dall'altro lato ho trovato un paio di punti in cui la credibilità vacilla, e in cui lo sceneggiatore (in questo caso lo scrittore) ha calcato la mano pur far funzionare la sua storia e di rendere il suo personaggio spietatamente impunito



A questo aggiungeteci anche una mancanza di emozioni generale, o almeno a me qualche palpitazione è arrivata giusto in un paio di scene più movimentate, ma il resto è statico anche a livello di pathos. E va bene voler trasmettere freddezza, ma di questa passione bruciante che aspetta la più piccola delle scintille per esplodere, secondo me arriva poco.
Lady Macbeth quindi è per me una visione che non arriva allo sbadiglio ma non arriva ai sentimenti. Naviga nel mare dei film visti, che potrei elencare in una chiacchierata al bar ma che se mi chiedeste un film da non perdere, non sarebbe il primo che vi consiglierei.

Voto 6


Con questo per il momento penso sia tutto. Lo so, un po' deludenti come recensioni. E, in verità, se Lady Macbeth l'ho guardato senza grosse aspettative, la vera delusione è stata per me L'inganno su cui avrei puntato qual
Voi avete visto questi film?



Reazioni:

24 commenti:

E tu cosa ne pensi?

Info Privacy

  1. Mi hai incuriosito sull'inganno...sono andato a leggermi tutta la trama :).

    Devo dire che l'idea del film non è affatto male. Certo il trailer fa pensare a un thriller o a un bosco\casa posseduto\a da spiriti maligni :D

    Comunque Farrell non mi è mai piaciuto molto come attore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti dirò, vuoi per la presenza della Kidman, vuoi appunto per il trailer, sembrava quasi una sorta di The Others, ma non c'entra nulla.

      Povero Colino :D

      Elimina
  2. Non ho visto questi film. Quando saranno disponibili su Sky on demand cercherò di vederli e fare una piccola recensione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me fra non molto li passeranno. Almeno Lady Macbeth

      Elimina
  3. Avevo grandi aspettative per L'Inganno che nel mio paesello arriverà fra 2 settimane...ora mi hai smontato l'entusiasmo!! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nooo mi spiace! Però magari a te piace. Molti l'hanno trovato intrigante 😊

      Elimina
  4. Entrambi i film voto tiepido.
    Del primo, che conoscevo tramite riviste e recensioni varie, sapevo fosse un remake.Per quanto ami la Coppola, non lo vedrò anche perché la storia la conosco.
    Il secondo non m'attira: colori smorti, freddo inglese, attrici che hanno meno carica erotica di una fetta di bacon. Se ci metti che ti è arrivata poco pure la passione e la crudezza, allora addiòssss

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Voti freddi direi, come i sentimenti che suscitano i due film!
      In realtà trovo che l'attrice abbia una sua carica erotica, certo più riconducibile ad un'epoca passata che all'attualità.

      Elimina
  5. Sulla base del racconto di Leskov, il compositore russo Dmitri Sostakovic compose l'opera lirica "Ledi Makbet Mcenskogo uezda". Rappresentata per la prima volta a Leningrado (San Pietroburgo) nel 1934, l'opera fu duramente criticata dai portavoce ufficiali del governo sovietico. Riproposta nel 1963 a Mosca in una nuova versione e col nuovo titolo "Katerina Izmajlova", ispirò l'omonimo film del 1967 :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il personaggio di Lady Macbeth è stato spremuto in lungo e in largo :D

      Elimina
  6. Lady Macbeth non lo conoscevo.. L'inganno lo vorrei vedere perché Sofia Coppola mi piace come regista ed apprezzo molti dei suoi film..ma vedremo come sarà, poi ti dirò..

    mallory

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ti piace come regista apprezzerai allora molti degli aspetti del film. Io cerco altro in genere per quanto noti certi dettagli. :) Aspetto la tua opinione!

      Elimina
  7. Avrei voluto vedere L'Inganno ma ammetto che l'entusiasmo se ne è un po' venuto via leggendo le tue parole in merito. Mi piacciono la cura per i costumi e via discorrendo, ma in un film quel che vado cercando è spesso proprio l'emozione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io cerco l'emozione. Ci sono cose che noto come la regia e la scenografia, ma la prima cosa che cerco e noto è quella :)

      Elimina
  8. Su L'inganno siamo praticamente d'accordo al 100%.
    Un po' freddino. E considerando il mio amore per Sofia Coppola, non è una cosa positiva.
    Lady Macbeth mi sa che potrebbe farmi la stessa impressione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me sì, ti darebbe le stesse impressioni, per me il mood è quello.

      Elimina
  9. Ho visto L'Inganno al cinema attirata soprattutto dal cast. Ho apprezzato particolarmente l'atmosfera cupa ma, pur non essendo un brutto film, non mi ha entusiasmato. L'ho trovato un po piatto.

    RispondiElimina
  10. Non ho visto Lady Macbeth, invece ero andata a vedere L'inganno con grandi aspettative suscitate dal trailer e come te sono rimasta un po' delusa. Secondo me la storia aveva del potenziale, però i personaggi erano poco definiti e ho avuto l'impressione che l'azione fosse un po' sconclusionata. Peccato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, sembra un po' che l'azione venga forzata, non nasce spontanea e fluida, ma sembra un po' posticcia, messa lì perché doveva pur accadere qualcosa.

      Elimina
  11. Il film della Coppola, anche se non so bene quando, prima o poi lo vedrò,primo perché li ho visti tutti anche se non sono una particolare fan,secondo perché c'è Colin 😁 Il secondo film non mi attira per nulla e anzi manco mi ricordavo esistesse 😂

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E allora quando lo vedi ricordati di farmi sapere che te ne pare XD

      Elimina
  12. Caro Pier...ammetto che a leggere la tua recensione de "l'inganno" ci sono rimasta malissimo. Era un film che mi attirava molto vedere, vuoi anche, come hai detto tu, per la molta pubblicità che ne hanno fatto e anche per il trailer che sembrava intrigante! Non ho ancora avuto modo di vederlo e penso che a questo punto aspetterò con calma su sky o il dvd!
    Per Lady Macbeth invece non posso dire niente perché non lo conoscevo proprio, che dire, se mi capita lo guarderò, ma senza aspettarmi niente!
    Un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Emanuela, secondo me per un passaggio in tv si può guardare anche con piacere ma pagarci un biglietto, per me no.

      Elimina
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...