mercoledì 30 agosto 2017

|#backtoseries chapter 17|
Il finalone di Game of Thrones, ritorni e "nuovi" inizi

Pare ieri quando ho pubblicato l'ultima classifica delle serie tv ma qui si corre, non ci si ferma mai e poi stanno via via tornando le nuove stagioni dei vari telefilm che seguo, quindi è arrivato il momento di tirare un po' le fila del discorso. 
Volevo intanto dirvi che confermo le mie tre stelle a The Last Tycoon, di cui vi avevo parlato la volta scorsa. 




Genere: drammatico
Stagione: 1 stagione / 9 episodi / 60 minuti ad episodio
Uscita: 28 luglio 2017
Canale: Amazon Prime Video

Volevo terminare la visione per capire se i miei pensieri fossero fondati e sì, alla fine ho avuto la riconferma che sono andati avanti col freno a mano tirato per cercare di portare avanti un'altra stagione. Non l'ho trovata una brutta serie, ma avevo aspettative molto alte.
Purtroppo non ci sarà una seconda stagione. 

In tema di novità è tornato e non me ne ero nemmeno accorto, Suits, il legal drama che in Italia è ancora fermo alla sesta stagione, ma in America è proseguito e siamo alla settima stagione inoltrata. 



Genere: legal drama
Stagione: 7 stagione / 45 minuti ad episodio
Uscita: 12 luglio 2017
Canale: USA Network / Premium Stories

Avevo totalmente rimosso il fatto che ci dovesse essere una nuova serie di episodi, anche perché mi sembrava che la precedente fosse finita da poco. Effettivamente son passati 5 mesi, che per le tempistiche di certe serie sono niente.
Quando segui una serie per tanto tempo in genere ci sono due ragioni: o è particolarmente epica e interessante, o ti sei affezionato ai personaggio. Per me con Suits vale l'ultima opzione. Purtroppo questa settima stagione si sta rivelando debole esattamente come la sesta. Anzi ne sembra il perfetto proseguo. 
Ok, sarà anche presto per lamentarsi, sono andate in onda solo 7 episodi, ma l'andazzo è davvero poco incoraggiante. Sembra un continuo ripresentare le stesse situazioni, gli stessi ingranaggi. Mike che nasconde un segreto, Loius che fa il matto, Rachel sempre perfettina, Harvey che cerca di risolvere tutti i casini. 
E non solo la ripetitività, ma anche i buchi narrativi, le stramberie non sono mancate. Un esempio che non vi spoilera troppo: Mike, dopo essere stato in carcere, torna a fare l'avvocato e secondo lui il suo recentissimo passato non ha alcuna influenza in aula di tribunale. Ma svegliati bambacione!
E la nuova fiamma di Harvey? Non vi dico il nome, vi lascio con la sorpresa, ma vi posso dire che è così noiosa che mi ha reso ancora più certo della mia omosessualità. 
Insomma, i protagonisti di Suits hanno tutta la mia simpatia, le puntate mi tengono compagnia senza annoiarmi, ma questa serie ha bisogno di una spinta davvero forte.
È ancora presto anche per esprimere un giudizio sulla nuova stagione di Victoria, che, nonostante l'odiosa sigla e il fatto che la precedente stagione non mi aveva del tutto convinto, ho deciso di continuare a vedere.


Genere: period drama / biografico / storico 
Stagione: 2 stagione / 16 episodi/ 45-69 minuti ad episodio
Uscita: 27 Agosto 2017
Canale: ITV/ LaEffe

Il fatto è che mancava secondo me una vera tensione, e con tensione intendo il tendere verso una evoluzione realmente drammatica o strettamente biografica. Una carenza di definizione, ma amando le serie in costume e trovandola piacevole da seguire, sono arrivato alla fine. La prima puntata è stata carina, scorrevole e con una piccola sorpresa per gli amanti di Trono di Spade. 
La seguirò volentieri ma è prestissimo per un giudizio, così come è presto per sbilanciarmi per quanto riguarda Preacher.


Genere: drammatico / sopranaturale 
Stagione: 1 stagione / 10 episodi / 45 minuti ad episodio
Uscita: 22 maggio 2016
Canale: Amazon Prime Video

Mi è stata consigliata su Twitter dopo che vi avevo detto che ho seguito American Gods ed in effetti ci sono diversi punti in comune. Entrambe hanno un feel fumettesco, e nel caso di Preacher è giustificato visto che è tratto da un fumetto. Come American Gods le prime puntate sono abbastanza splatter, ed è una cosa che non capisco perché se è un modo di attirare pubblico, su di me ha l'effetto contrario. Per fortuna si trattava solo dei primi episodi e per quanto la serie sia costellata di personaggi surreali, mi sta comunque convincendo di più di American Gods. La storia mi sembra più strutturata, con un intreccio che via via viene fuori, con dei personaggi sempre più approfonditi nel corso delle puntate.
Non so ancora dove vogliano andare a parare, sono appena oltre metà della prima stagione, ma conto di proseguire molto presto.
L'unico giudizio definitivo che posso darvi è su Trono di spade e se non avete ancora visto la puntata finale, state attenti agli spoiler!


Titolo originale: Game of Thrones 
Genere: fantastico, drammatico
Stagione: 7 stagione / 7 episodi / 50 minuti ad episodio
Uscita in Italia: 24 luglio 2017
Canale: HBO/ Sky Atlantic / Rai 4

Si è conclusa la settima stagione e si sono aperte le gabbie dell'arena che ha visto contrapposti gli strenui sostenitori della serie contro i più disillusi e disincantati che l'hanno massacrata. Ho letto e visto ogni tipo di commento, da quelli che esaminano ogni singolo fotogramma nemmeno fossero uova al Fipronil a quelli che si limitano ad un mi piace/non mi piace.
Premesso che non prenderei così seriamente un telefilm in cui ci sono dei draghi e gente platinata senza un minimo di ricrescita, secondo me la verità sta nel mezzo.
È vero questa settima stagione di GOT ha avuto un po' di stramberie, lacune, robe che suonano strane anche a me che non mi ricordo nemmeno tutti i nomi di tutti i personaggi, figuratevi i collegamenti della storia.
Però quello che è successo mi sembra fisiologico per una serie che ormai va in onda da sette anni, e che deve iniziare ad avvolgere il nastro per dirigersi verso una fine e deve mettere un punto a determinate situazioni. Una serie che inevitabilmente costa tanto e che è giunta ad un grado di successo per cui facilmente può deludere. 


Secondo me tutto quello che c'è stato prima ha reso difficile far quadrare totalmente la narrazione. Dare ad esempio spazio a tutti i personaggi, anche quelli che fino a poco prima avevano un ruolo un po' più in primo piano, comporta ulteriori intrecci, un allungarsi dei tempi, dei dialoghi, della storia. Allo stesso tempo farne morire alcuni, cosa che a molti non è andata giù soprattutto rispetto alla carneficina delle prime stagioni, avrebbe comportato altri sviluppi narrativi, almeno in parte perché non tutte le morti possono essere fini a se stesse.
E poi attualmente abbiamo ruoli principali, che se li facciamo schiattare, resta solo Jon Snow che non sa nemmeno allacciarsi le scarpe.
Game of Thrones ci ha abituati fin troppo bene, e non dico sia giusto, ma il fatto che abbia abbassato di qualche tacca il suo livello di qualità, secondo me non indica sia diventato automaticamente uno schifio. 
Vi dico una cosa: molti dicono che questa settima stagione sia stata un continuo "fan service" ovvero espedienti fatti apposta nel tentativo di compiacere i fan più accaniti. Ma se ci pensate bene il vero fan service è successo prima di questa ultima season, perché se è vero che le prime stagioni seguivano i libri di Martin, è vero anche che il pubblico voleva quel tipo di narrazione fatta da tantissimi personaggi, di cui molti approfonditi, da morti violente e inaspettate, da un intreccio contorto e millimetrico. E il pubblico voleva sempre di più, ma mi chiedo, come avrebbero potuto andare avanti in eterno con questo ritmo, con questo stile? Si son fregati un po' da soli nel tentativo di fare più stagioni e quando quelle componenti che hanno fidelizzato i fan sono mancate o accantonate, molti sono insorti. Sinceramente non credevo potessero continuare ancora per molto.
Sì ok, anche io l'ho capito che il piano di Jon Snow era poco intelligente, che gli Stark sembrano non starci più con la testa, che Bran ad esempio, che potrebbe rivelarsi utile in realtà ha la stessa credibilità del mago Otelma. Ho capito pure che Cercei sembra quella con un po' di sale in zucca e ho notato che le tempistiche sono tutte sbagliate e che questi morti non-morti non si capisce se sappiano nuotare, forgiare catene e cantare "tanti auguri" restando intonati. 

Quest'anno sono tornati di moda i pellicciotti.

Leggendo i commenti in giro pare che tutti abbiano delle strategie che farebbero impallidire Niccolò Machiavelli, ma mi chiedo, che sarebbe successo se ad esempio Dito Corto fosse riuscito a scappare, se Cercei fosse riuscita ad uccidere Daenerys e tutti i draghi alla prima occasione utile, o se Arya avesse ucciso Cercei o se i non morti si fossero messi a correre come forsennati ché tanto a loro non vengono i crampi?
Ripeto, non intendo giustificare il calo di qualità o l'incoerenza, intendo dire che la serie deve finire prima o poi in qualche modo e comunque seguire una serie tv con più distacco può far bene per la sanità mentale di tutti.
Per quanto mi riguarda è stata comunque una stagione avvincente, mi ha intrattenuto, mi ha lasciato col fiato sospeso. Magari non sono rimasto estremamente sorpreso, se non per alcune scene in particolare, ma in ogni caso resta una serie che guarderò ancora con piacere e curiosità. 


A presto!








56 commenti:

E tu cosa ne pensi?

  1. Taicun voglio vederlo.
    Suits era il mio telefilm della notte, con Louis che amo (non sai quanto è pazzo in Hostel).
    Preacher: strano che ti piace, non lo avrei detto.
    Io sono FAN SFEGATATO del fumetto e sono rimasto deluso dal telefilm, ne ho visti i primi episodi e ho lasciato perdere.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci credi che non avevo capito cosa fosse Taicun?
      Perché "era"?
      Dove sei rimasto con gli episodi di Preacher?

      Elimina
    2. Moz, la seconda stagione di Preacher è abbastanza attinente al fumetto ed ha una marcia in più della prima stagione.
      Chiedo scusa a Pier per l'intrusione.

      Elimina
    3. @Pier: perché ora non lavorando più di sera/notte, non rincaso tardissimo XD
      Con Preacher sono rimasto a quando dicono "cazzo". Sscherzo XD Non ricordo, ho visto 4-5 episodi e ho mandato tutto a fare in culo rileggendo il fumetto^^

      @Pirkaf: umh, e come ricollegano le cose della prima stagione?

      Moz-

      Elimina
    4. Di nulla Pirkaf :D

      Moz, ma allora guardalo la sera prima di andare a letto XD

      Ecco non fatemi troppo spoiler ma sono curioso anche io!

      Elimina
  2. Nella sesta puntata Jon Snow e Daenerys Targaryen hanno commesso un errore dopo l'altro, e a farne le spese è stato Viserion... ho vissuto il suo sacrificio come una sconfitta personale :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Addirittura ;D?! Il fatto che siano protagonisti non vuol dire che siano anche svegli ;)

      Elimina
    2. Secondo me, non è questo il punto. A differenza dei draghi di Tolkien, Drogon, Rhaegal e Viserion, in fondo, sono cavalli... ovviamente molto più grandi e pericolosi... ma come i cavalli, hanno bisogno del cavaliere, altrimenti o se ne stanno a pascolare o copiano acriticamente quel che fa il cavallo col cavaliere... nella sesta puntata il Re della Notte scaglia due lance: la prima è per Viserion, la seconda è per Drogon... se Drogon non fosse stato cavalcato da Daenerys Targaryen, avrebbe fatto la stessa fine del fratello.

      Elimina
    3. Io mi riferivo più in generale a tutta la missione ma anche a quello che dici tu, che conferma quanto ho detto: ok, sono cavalli, e potendone cavalcare solo uno, con che senso te ne porti due? In generale il portarsi due draghi è stata vista da molti come un no sense, perché non era necessario. Quella scena è stata molto lenta, meccanica e un po' stupida (vedi Jon che si lancia ancora a combattere), per questo dico che i personaggi principali possono essere stupidi.

      Elimina
  3. GOT è la mia vita, quando finirà penso nessuna serie la sostituirà mai.. io spero il finale sia come me l'attendo.. tutti morti ed il re della notte sul trono di spade.. l'unico finale sensato per me!

    mallory

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un finale più apocalittico avrebbe effettivamente una sua logica!

      Elimina
    2. Il finale "tutti morti e il Re della Notte sul trono di spade" non è accettabile né per l'autore/regista né per il lettore/spettatore.
      Ci sono solo due possibilità: o vince il buono o perdono tutti.
      E a ben vedere, al punto in cui siamo, non è granché chiara né l'identità del buono né del cattivo...

      Elimina
    3. C'è anche una opzione sovrannaturale del dio della Luce.

      Elimina
    4. Naturalmente! Ma l'opzione sovrannaturale fa parte del "perdono tutti": uomini, estranei, non-morti... tutti spazzati via... solo gli animali si salvano... insomma, si ricomincia da zero... "Es ist so gut als wär' es nie gewesen", è tutto come se mai fosse stato.

      Elimina
    5. No, perché? Ha fatto rivivere Snow per poi ammazzare tutti? Secondo che criterio? Semplicemente li potrebbe aiutare contro il re della notte.

      Elimina
  4. GoT l'ho terminato ieri e secondo me questa stagione è stata un po' meno all'altezza delle altre, fatta eccezione per l'ultimo episodio dove è successo di tutto così adesso siamo qui a chiederci come faremo ad aspettare un altro anno :Dta la pellicciotto mania! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quest'anno senza il pellicciotto non sei nessuno :D

      Elimina
  5. Pellicciotto ikea is the new black te lo regalo per il compleanno ok? 😂😂😂

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente lo voglio! Anche perché a Novembre deve fare gelo polare quest'anno o m'incazzo xD

      Elimina
    2. Non ci sperare troppo 😅

      Elimina
  6. Tempo fa ho iniziato a vedere Suits, ho visto solo la prima puntata della prima stagione, ma non mi ha colpito, eppure mi dicono che è bello, vedremo se lo riprenderò o no. Gli altri di cui parli mai visti ne' sentiti, e Game of Thrones non è un genere che mi piace!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prova a guardare un paio di puntate almeno! Io in genere faccio così o non capisco se una serie mi piace o meno.

      Elimina
  7. La prima stagione di Preacher l'avevo adorata, era pulp e umoristica come piace a me, senza contare che Joe Gilgun è un gran bel figliolo. L'unica pecca (per me che ho letto il fumetto) era che non avessero azzeccato per nulla le personalità di Tulip e Jesse e purtroppo la cosa è peggiorata nella seconda stagione, fatta di trame WTF, due personaggi che non sanno bene cosa stiano facendo e perché e il povero Cassidy ridotto a spalla comica. Si stanno un po' riprendendo in queste ultime puntate ma il mio entusiasmo ormai è scemato parecchio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao e benvenuto! Joe Gilgun un bel figliolo? Sei sicuro? Non è che ti sei confuso....!?
      Comunque qui mi avete dato un colpo al cerchio e un colpo alla botte: poco sopra mi hanno detto che la prima stagione è peggio della prima :D

      Elimina
    2. Sono una fanciulla :P E purtroppo non indifferente al fascino degli inglesotti male in arnese e "bony", nel senso di segaligni e ossuti.

      Ahaha ho letto, ho letto!
      E niente, a questo punto ti tocca guardare entrambe :)

      Elimina
    3. Ops scusa! Siccome c'è un altro blogger con un nick simile ho dato per scontato che fossi un ometto :D
      Il mio tipo è più Dominic Cooper, ma non questiono :D


      Intanto proseguo, la prima stagione mi sta piacendo però, vediamo al seconda! :)

      Elimina
  8. Come forse ricorderai non sono tipo da serie tv ma ti leggo sempre molto volentieri. Baci.

    RispondiElimina
  9. La prima stagione di Victoria a me era piaciuta molto, inclusa la sigla, a differenza di the crown!
    La seconda devo ancora iniziarla. Game of thrones 7 a me è piaciuta, la puntata in cui hanno fatto fuori un drago è stata qualcosa di stupendo, e non vedo l'ora di vedere la prossima!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come mai The Crown non ti era piaciuto?
      La puntata della morte del drago secondo me era la più debole, forse è stata anche la più criticata per i vuoti narrativi e alcune stranezze, ma penso sia una di quelle che ha lasciato anche a bocca aperta molti

      Elimina
    2. Su questo sono d'accordissimo con te.
      Andiamo al finale della quinta puntata.
      Come noto, Jon Snow e compagni partono alla ricerca dei non-morti... con armi - per così dire - tradizionali.
      Possibile che a nessuno sia venuto in mente di forgiarsi un'arma di ossidiana o "vetro di drago"?

      Elimina
    3. Quello è uno dei punti non chiari, perché da quanto ho capito avevano le spade che si incendiavano, la spada di Jon che è fatta di non so cosa, e pure un pugnale in ossidiana, ma era comunque una spedizione kamikaze.

      Elimina
    4. Passiamo ora alla sesta puntata.
      Jon Snow e compagni sono circondati dai non-morti. Giusto? Non molto distanti, su un'altura, ci sono il Re della Notte col suo stato maggiore. Giusto? All'improvviso arriva Daenerys Targaryen coi draghi. Giusto?
      Perché Daenerys Targaryen e i draghi si concentrano solo ed esclusivamente sui non-morti? Possibile che nessuno di loro noti il Re della Notte che è lì vicino?
      Che senso ha che Jon Snow, nel bel mezzo di tutto il trambusto, si fermi a fissarlo facendo perder tempo prezioso a tutti?

      Elimina
    5. Eh ma che ho detto!? So scemi questi XD L'ho detto 3 giorni fa

      Elimina
    6. Sì, ho letto. È che sto riflettendo con te.
      Fra l'altro anche l'ultima puntata presenta alcune stranezze.
      Daenerys Targaryen si presenta ad Approdo del Re in sella a Drogon.
      Rhaegal si limita a sorvolare la zona ed è ancora senza cavaliere.
      Ma che senso ha?

      Elimina
    7. In quel caso Daenerys voleva dimostrare la sua forza, come dice Cercei. Comunque penso che non abbiano bisogno di un cavaliere, non sono così a briglia sciolta, solo che Daenerys deve controllare entrambi. In ogni caso nessun cavaliere può cavalcarli e domarli senza che Daenerys dia il suo assenso. Almeno fino ad ora.

      Elimina
  10. Su The Last Tycoon io posso solo confermare che sto continuando a perdermela. Mi spiace, però ci sono già troppe altre serie...

    Di Preacher non mi era piaciuta molto la prima stagione, mentre la seconda me la sto gustando con maggiore piacere. Anche se pure per questa trovare il tempo di portarla a termine non è facile. American Gods, cui in effetti somiglia, per me resta un gradino sopra.

    L'ultima stagione di Game of Thrones mi ha fatto lo stesso effetto. Me la sono goduta senza farmi troppi problemi su alcuni passaggi non proprio impeccabili, e allo stesso tempo senza strapparmi i capelli (non platinati) come fatto dai fan più accaniti. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. The Last Tycoon sinceramente però non è questa grave perdita. È una bella serie ma non è unica, non ha un forte carattere secondo me.

      Di American Gods aspetto di vedere la seconda, non mi convince. Un gradino sopra per l'estetica, se no per cosa? xD

      Sicuro che non siano platinati?

      Elimina
  11. GoT l'avevo cominciato leggendo, poi ho mollato i libri per questioni inconciliabili con le serie (e anche perché non ce la facevo a leggerlo tutto in quel periodo, forse riprenderò) e, per quanto mi piaccia, credo tanto che l'immenso successo abbia portato a casini nella trama. Mi è piaciuta comunque tanto questa stagione, ma forse avrei preferito qualcosa di più "emozionante" per il ritorno a casa della Regina dei draghi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici l'ultima puntata quando arriva ad Approdo del re? Un arrivo più impetuoso non so se riesco ad immaginarlo

      Elimina
    2. No intendo la prima. Come inizio mi è sembrato un po' "moscio", forse troppi dialoghi "politici" falliti poi quasi tutti miseramente xD

      Elimina
  12. GoT non è un telefilm è uno stile di vita, come Harry Potter...
    sono mondi straordinari che non si possono abbandonare e che non possono essere tralasciati, quando dedicano a noi appassionatissimi, qualcosa di nuovo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È vero, GOT ha saputo creare un mondo con delle regole tutte sue e forse in questa ultima stagione è stato un po' confuso nella sua struttura.

      Elimina
  13. Premesso che ho guardato la settima stagione del Trono di Spade per disperazione, perché ormai spuntavano spoiler dappertutto e ad un certo punto ho detto ANCHE BASTA, e premesso che il finale di stagione l'ho visto solo due giorni fa, io questa stagione me la sono goduta anche di più rispetto a qualcuna delle precedenti. Una in particolare, quella in cui Jon Snow combatteva prima contro gli Estranei e poi contro i Bolton, non la reggevo più. I combattimenti alla lunga mi stancano, sbrigati e farmi vedere chi vince così passiamo oltre. Comunque finché mi si tiene col fiato sospeso va bene, e anche questa settima stagione è stata così. Qualche dettaglio strano l'ho notato pure io - tipo Arya che si mette la faccia di Walder Frey e riesce a imitarne anche voce e corpo? What the fuck?! - ma per il resto mi è parso tutto regolare. Ho goduto un sacco quando hanno fatto fuori Ditocorto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Arya che si mette la faccia di Walder Frey e riesce a imitarne anche voce e corpo"... è una cosa che ha imparato a fare a Braavos... lo dice lei stessa, nel corso della sesta puntata :-)

      Elimina
    2. La velocità di questa stagione è stata apprezzata da molti 😊

      Esatto è una sorta di talento magico per cui riesce a cambiare completamente

      Elimina
  14. Sky ha ritrasmesso da cima a fondo la settima stagione del Trono di spade.
    Ciò mi ha permesso di osservare l'intera vicenda con un occhio un po' più distaccato e un po' meno partecipe... soprattutto della sorte dei draghi.
    Mi sento di dire questo: il Trono di spade, finché narra di vicende umane... tutto sommato, ha una sua consequenzialità logica.
    Certo, c'è sempre un compiacimento fastidioso nelle scene di violenza, ma questo è un altro discorso...
    Quando invece la narrazione si sposta dagli uomini ai draghi, ecco che arrivano le stranezze e le incongruenze. In questa stagione come in quelle precedenti.
    E questo al di là del fatto che mi sia immedesimato troppo nei draghi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so bene a cosa ti riferisci con "incongruenze" riguardo alla storia dei draghi. Ma come dicevo nel post, si parla di draghi appunto. È una storia fantastica

      Elimina
    2. Stranezze, incongruenze, chiamale come vuoi... un po' ne abbiamo parlato, no?
      E dopo aver rivisto tutta la settima stagione in un solo pomeriggio, ne ho trovate delle altre...
      Ma forse è il caso che io mi fermi: non vorrei sembrare uno che esamina ogni singolo fotogramma nemmeno fossero uova al Fipronil :-)

      Elimina
    3. Ah sì, siccome parlavi di aver rivisto le puntate, ho pensato ti riferissi a qualcosa di nuovo che avevi notato. Spero che spieghino certi aspetti nella prossima stagione consci dei buchi che hanno lasciato qui. Come ad esempio perché i draghi non hanno affrontato il re della notte (una giustificazione che non sia "se no finiva tutto subito" ovviamente :D)

      Elimina
    4. Non solo ho notato qualcosa di nuovo, ma credo anche di aver capito qualcosa di nuovo.
      Quarta puntata: Daenerys Targaryen va all'attacco dell'esercito Lannister in marcia verso Approdo del Re... con un solo drago. Perché? Perché ci sono i Dothraki.
      Sesta puntata: Daenerys Targaryen va a salvare Jon Snow e compagni... con tutti e tre i draghi. Perché? Perché stavolta i Dothraki non ci sono, non possono esserci.

      Elimina
    5. Quanto al resto, restano i dubbi. Giustamente hai definito la sesta puntata come la più debole dell'intera stagione. Ma guarda per un attimo cosa fa Sandor Clegane! Lancia un sasso verso i non morti... facendo loro capire che possono attaccare perché il ghiaccio è di nuovo solido. E il Re della Notte? Si avvicina non visto a Drogon, giusto? E nessuno si accorge di lui, giusto? Potrebbe prendere non due, ma tre piccioni con una fava: scagliando la sua lancia contro Drogon, si impadronirebbe del drago facendolo diventare un Estraneo, darebbe in pasto Daenerys Targaryen e compagnia al suo esercito di non morti e recupererebbe il suo soldato prigioniero. E invece no! Scaglia la lancia contro Viserion. Ma che senso ha? Forse hai ragione tu: perché "se no finiva tutto subito"!

      Elimina
    6. Posso capire che la storia debba prendere una certa piega... ma la scena dei draghi, così com'è, non sta in piedi. Per non parlare del finale di puntata: Viserion, colpito in pieno dal Re della Notte, si abbatte sulla superficie ghiacciata del lago e si inabissa. Ora: vorrei che qualcuno mi spiegasse come fanno i non morti - che non sanno nuotare - a recuperare il drago dal fondo del lago. Non sarebbe stato più semplice/sensato far schiantare il drago sul fianco della montagna?

      Elimina
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...