lunedì 26 febbraio 2018

Recensione Film 🎥🎬: Cinquanta Sfumature di Rosso (2018) | Fine dell'imbarazzo, forse.

Tutto ciò che inizia, per una naturale ma mai scontata conseguenza, deve prima o poi terminare. Soprattutto le cose belle, che sono le prime ad abbandonarci.
Così siamo arrivati anche alla fine della saga più smandrappona di sempre: Cinquanta Sfumature.


Titolo originale: Fifty Shades Freed
Genere: soft porno fatto male
Durata: 105 minuti
Regia: James Foley
Uscita in Italia: 8 Febbraio 2018
Paese di produzione: Stati Uniti d'America

La nostra eroina Anastasia Steele ha superato le più impervie vicissitudini affrontandole a testa alta, con fermezza e maturità, e soprattutto tanti sospiri asmatici e facce imbronciate.
Dopo essere riuscita ad accalappiare un fidanzato potentemente facoltoso che sia totalmente innamorato di lei nonostante non abbia alcuna qualità celebro-fisica che possa renderla minimamente attraente. Dopo aver sopportato che il suddetto fidanzato la volesse appesa come un capocollo in salumeria per prenderla a mazzate come un tappeto steso al sole. Dopo aver avuto a che fare con le ex psicologicamente deflagrate del suddetto fidanzato, rischiando anche di rimetterci le penne (e i sex toys).

Dopo queste e altre vicissitudini, Anastasia è finalmente è riuscita a coronare il sogno di una vita: trovare un ricco facoltoso che le passi l'assegno di mantenimento mensile la sua metà perfetta che si firma Christian Grey, colui in grado di capirla in tutte le sue sfaccettature (???) e che abbia scelto di portala all'altare per suggellare eternamente il loro amore. 
Ma anche per l'ultimo capitolo della magnifica prosopopea che prende il nome di Cinquanta Sfumature di Rosso, la nostra amata Anastasia dovrà sfoderare una certa cazzimma per poter affrontare alcuni fantasmi del passato che tenteranno di intrufolarsi lungo il suo cammino


Chi ha tradotto il titolo dell'ultimo capitolo di Cinquanta Sfumature forse voleva dare un accento di rosso a questo film, rosso come l'amore più intenso, come la passione più irrefrenabile, come la visceralità di una relazione che vibra delle palpitazioni che solo le emozioni più profonde riescono a creare.
Ecco, tutto questo però non c’entra nulla con Cinquanta Sfumature, o meglio non c’entra nulla con il film che ho visto. 
Sì, ho guardato un film solamente per parlarne male. Ma di Cinquanta Sfumature alla fine non si parla male, se ne parla per farsi una risata.
Vi dicevo, amore, passione, visceralità che non so nemmeno se sia un termine italiano, ma Cinquanta Sfumature è da encefalogramma piatto emotivo, non dà nulla se non ripetute dosi di imbarazzo.

Cinquanta Sfumature di Rosso recensione

Sono imbarazzanti i dialoghi scritti probabilmente da chi ha già abbracciato la menopausa ma è ancora single; della serie che ancora Anastasia si ritrova in bocca un credibilissimo 
"ma questo è tuo?"
per ogni cosa che supera le centinaia di dollari e che Christian le fa sfilare sotto al naso.
Figlia mia ma tu ti sei sposata con uno senza sapere che ha un jet privato, che non è esattamente come un buco in una calza che te ne puoi essere scordato, e gli chiedi ancora se suo?!
Voglio vedere come ti stupisci quando scopri anche le amanti nell'armadio, sotto al letto e nel freezer con i surgelati.
Per non parlare delle battute di Christian che farebbero scappare a gambe levate qualunque essere vivente (tranne Ana, ma giustamente vi pare senziente una con quella frangetta nel 2018?).
Sono imbarazzanti, poco credibili e del tutto casuali le scene di sesso, ma non perché ci scandalizziamo (almeno io no, sebbene quelle robe non le faccia) ma perché Anastasia e Christian sembrano due adolescenti con fantasie pruriginose, più che due adulti senzienti che hanno una sessualità fantasiosa e sviluppata.

Cinquanta Sfumature di Rosso recensione

Vogliamo parlare della scena col gelato? Che a me si squaglia in 3 secondi tempo che arrivi dal barattolo alla bocca, e questi ci si disegnano la gioconda sugli addominali. 
Sono imbarazzanti le inquadrature che sembrano quelle de Le Tre Rose di Eva su Canale 5.
Ecco, fosse un filmetto da Canale 5, magari in seconda serata vi direi che potreste dargli una chance, ma no, quelli di Cinquanta Sfumature di Rosso puntano alle sale, e ci riescono pure. 
Sono imbarazzanti anche le scene d’azione, completamente avulse dai personaggi e che sfiorano fantasilandia; così come ci si imbarazza anche quando lo spettatore dovrebbe essere sorpreso per l’opulenza che il signor Grey è in grado di sfoderare, niente capendo che il boss delle cerimonie è meno pacchiano e pataccoso

Cinquanta Sfumature di Rosso recensione

Devo dire che in una cosa hanno saputo sorprendermi: mi aspettavo che del matrimonio dell’anno ci raccontassero ogni singolo dettaglio, dalla croccantezza dei confetti, all'orlo della sottoveste della mamma di Christian, e invece hanno fatto tutto alla svelta. Questo bisogna riconoscerlo: in Cinquanta Sfumature di qualunque colore esse siano, non si perde tempo. Quell'oretta e mezza ti passa, fra una risata, qualche perplessità, ed immaginare come sapresti spendere meglio tutti quei soldi.

Cinquanta Sfumature di Rosso recensione

Tutto ciò che inizia deve anche finire prima o poi, anche le cose più belle. Ma Cinquanta Sfumature non è fra queste, ed anzi è durato fin troppo, e non credo ci mancherà.
Quest'ultima versione "di Rosso" conferma come questa saga sia senza sentimenti, con una ironia sdentata e soltanto involontaria, in grado di suscitare pensieri peccaminosi solo se non vedi un uomo (o una donna) dai tempi in cui si stampavano ancora le lire. Una saga senza sapore, figuriamoci odore, con dei personaggi così piatti, noiosi, prevedibili, stagnanti, empatici come un frigo, irreali, che commettono azioni del tutto prive di logica e se vogliamo anche di cattivo esempio, che secondo me hanno rovinato carriere promettenti, e no, Dakota Johnson, so che mi leggi ma non parlo di te. 
Non sono certo sia l'ultima volta che sentiremo parlare di Cinquanta Sfumature, perché da un buon business si possono fare tante sfumature di un business ancora più grande. 



Voto −∞




25 commenti:

E tu cosa ne pensi?

  1. Ma sì, lo si guarda oggettivamente per parlarne male, come farò senz'altro anch'io. Possibilmente, aggratis. :)

    RispondiElimina
  2. Io non ho letto i libri ne' guardato i film, a parte il primo, ma solo perchè lo davano su canale 5 ed ero curiosa di vederlo visto che tutti impazzivano per vederlo/leggerlo, e direi che ho fatto proprio bene a non interessarmi a tutto ciò perchè non ne trovo proprio il senso! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non trovi un senso perché non ce l'ha XD

      Elimina
  3. Vorrei vedere questa saga "sfumata" in tutti i vari colori solo perchè tu mi hai fatto morire dal ridere ogni volta che ne hai scritto qui sul blog :D
    Sei un grande, Pier! E per questo se passi da me troverai una piccola sorpresa che ti riguarda nel mio utlimo post...

    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti assicuro che i film fanno ridere più dei miei post XD
      Grazie di cuore Maris per le belle parole che spendi sempre per me!
      Un abbraccio a te!

      Elimina
  4. No, ma la saga deve continuare altrimenti come posso continuare a titolari tra le risate mentre ti leggo? Attenderò con ansia che arrivi su Sky solo per passare qualche ora a sbellicarmi😄😄😄

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe "rotolarmi" non "titolari sgrunt😐

      Elimina
    2. ahahha ti assicuro Mariella che è comico! Non potrai credere a ciò che esce dalle bocche degli attori!!

      Elimina
  5. Bah, per come la vedo, sia libro che film sono la mossa sciocca per sdoganare un po' l'eros presso le pecorelle.
    Il giusto imbarazzo, qualche risatina, un po' di sospiri, e magari si toglie il freno alla puttanosità (maschile e femminile).
    Un tempo si guardavano direttamente i porno :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un porno per perbenisti insomma :D In realtà non ha nulla di porno, cioè serve molta fantasia a trovarlo erotico, come dicevo a meno che non vedi un corpo che non sia il tuo dal 1974!

      Elimina
  6. Io mi sono fermata al primo film e non ho voluto proseguire oltre perché già immaginavo come sarebbe proseguita la cosa :D Comunque ho sentito che lui ha detto che si sente troppo vecchio per partecipare ai sequel... perché pure quelli hanno intenzione di fare??? o_O

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah cercherà una scusa per scappare e non rovinare ulteriormente la sua carriera :D Secondo me fra sequel e prequel qui cercheranno di fare un bel gigantesco BUSINESS!!

      Elimina
  7. E' una saga per cui stento a comprendere il successo che ha avuto. Ho provato un paio di volte ad iniziare il primo film ma niente, non riuscivo ad andare oltre i primi fotogrammi.
    Mi sembra talmente piatto, finto, stupido...che non ce la faccio ad appassionarmi. La letteratura erotica non mi dispiace, purché mi trasmetta qualcosa. Ma qui cosa vuoi trasmettere? di lui mi piace l'armadio e le cravatte in fila. Di lei niente, mi sembra una demente.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Povera Ana XD Lei è davvero totalmente incapace di avere un pensiero che contempli un ragionamento un po' più complicato. Le cose le sbattono proprio in faccia affinché se ne accorga e reagisca. Altrimenti nada! :D

      Elimina
  8. Io ho tentato di guardare il primo, una sera annoiata, a letto col moroso. E uno può pensare che wow, da lì si sia passati a chissà cosa, ispirati da Cristano Grigio e Anastasia Acciaio. Invece gnente. Abbiamo guardato forse la prima ora, poi abbiamo skippato quasi tutte le scene andando alla veloce e arrivando al finale con più voglia di un passato di verdure che di una notte de fuego. Io ancora mi chiedo come dei film che parlano di sesso, dove si fa sesso, e insomma c'è abbondante SESSONE dappertutto possano essere così terribilmente NOIOSI.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio addirittura come stimolo no, non credo possa mai e poi mai funzionare XD

      Elimina
  9. "Dopo aver sopportato che il suddetto fidanzato la volesse appesa come un capocollo in salumeria per prenderla a mazzate come un tappeto steso al sole", ahahhaahahah! Mi sono piegato!

    L'hai stroncato, ma ti do ragione sulla fiducia: mai letto niente, mai visto niente (anzi sì, ho visto un paio di scene hot del primo capitolo, quelle modificate in cgi) :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. aaaah te so piaciute le scene zozze Riccardino :P

      Elimina
  10. Ciaoooo anche io lo guarderò per farmi due risate! Buona giornata Pier un abbraccio

    RispondiElimina
  11. Ho guardato solo il primo film e poi mi son fermata...è stato troppo insignificante per me!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi anche eliminare il secondo te :D

      Elimina
  12. Io sono morta leggendo questo post. Non ho visto i film, né letto i "libri", ma sono morta comunque. E il "no, Dakota Johnson, so che mi leggi ma non parlo di te" è stato il gran finale! XD

    RispondiElimina
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...