lunedì 29 dicembre 2014

{Aggiornamento #29}
Ovulo

E' arrivato Babbo Natale.

E sono qui a scrivervi con ancora il pandoro fra i denti e gli occhi accecati dall'alcool, che, sebbene non sia stato un Natale di bagordi, mica stavo digiuno.

Voi come avete trascorso questi primi giorni festivi?

Noi, come ogni anno, tronfi, abbiamo ripreso le sotterrate asce di guerra, scannandoci l'un l'altro a colpi di inviti mal gestiti.
E io mi diverto un mondo perché ogni Natale mi sento parte di un gioco strategico che George Martin sei un dilettante.
Per il resto però nulla di speciale, tanto che anche il mio outfit era molto semplice: un jeans di H&M e un semplice
pullover grigio chiaro di Zara, preso prima di andare a Parigi.

Chiaramente non sono io.


Al contrario di altri anni, mi son voluto godere appieno il Natale, come immagino avrete potuto comprendere dai vari post su Instagram.
E ne avevo bisogno.

Era da tempo che la festività mi era un po' scaduta; persino lo scorso anno, seppur fossi in dolce compagnia. Ma quest'anno mi son voluto impegnare.
In primis l'atmosfera che non riguarda solo addobbi e lucette.
Un po' di cieco ottimismo, misto a incoscienza e noncuranza, con quella punta di materialismo che non guasta.
Un rigetto continuo delle negatività.
Ne avevo parlato sicuramente tempo fa, ne parlava bene anche Paola in un suo video in cui si chiacchierava di persone che ci succhiano energie e positività, ma questo bisogno di evasione, di sano egoismo, si è accentuato con il Natale che non è un periodo facile.
Ovviamente è un lavoro costante e mica semplice, ma ce l'ho più o meno fatta tanto da essere qui a scrivervi con abbastanza serenità in corpo.

Tante riflessioni ma anche tanta voglia di novità, che non potendole avere mi sono dedicato ad accontentarmi di quello che ho già o di quello che posso avere.
Mi sono così volutamente creato un ovulo in cui sopravvivere dai miei e dagli altrui problemi, standomene un po' fuori da tutto, senza farmi coinvolgere più di tanto emotivamente, al motto di
E' per questo che forse mi avete visto meno in giro: ogni pomeriggio o quasi, ad esempio, sono uscito a vagare senza una meta; non importa dove e con chi, l'importante è avere un mio spazio, anche solo stando parcheggiato in auto.
Sono diventato un po' misantropo, ma d'altronde il male peggiore sono le persone che tra una madre a cui non affideresti, nel dubbio, nemmeno una padella, e navi che prendono fuoco, non c'è molto altro da fare.

Poi ovviamente ci sono i regali, soprattutto quelli che ci facciamo da soli.
Un Natale perfetto richiede una quantità disumana di superficialità.
Mi sono circondato di cose totalmente non necessarie, tanto che adesso ho riserve cosmetiche per i prossimi venticinque (25) mesi. Anzi, se avete qualche idea per dargli un ordine si accettano consigli perché sono tutti stipati senza una logica su una mensola.
Non accenno nemmeno ai prezzi sempre più improponibili e del tutto immotivati di Zara, ma avendo un buono ho preso questo maglioncino.
Ovviamente non lo indosserò con la tuta camouflage (???) come lo sciancato qui sopra.
Inoltre, molto presto arriverà un regalo ancora più grande, su cui ho tergiversato un po' ma vedrete. Sto anche corteggiando il Kindle, ma devo capire se possa avere una qualche utilità nelle mie giornate e come farcelo stare.

In realtà mi sono lanciato sugli ordini on-line di ogni tipo e avevo intenzione di fare un post sui vari siti che ho provato in questo tempo, così da essere utile. Personalmente sono sempre stato un po' reticente e solo da qualche tempo faccio acquisti su internet; comodo, ma entrare in un negozio e toccare senza dover attendere, mi dà altrettanta soddisfazione.

Sempre riguardo al blog mi rendo conto che ho tanti tanti arretrati: da #backtoseries che arriverà presto con qualche novità, visto che le serie tv stanno tutte in pausa, al post sulle chiavi di ricerca anche questo in coda e ancora post cosmeticosi.
Spero di farcela considerando che queste vacanze natalizie dovrebbero servire anche per studiare e andare avanti con la tesi.

La ciccia di tutto questo periodo, fatto di nulla tutto sommato, è stata una riflessione banale ma sincera, ovvero aver capito che non è necessario accontentarsi. Non è necessario accettare ad ogni costo delle situazioni, delle persone che non ci soddisfano, che non sono ciò che vogliamo.
E, ancora meglio, capire cosa esattamente ci fa stare male per evitarlo, è la vera svolta.
Ma di questo magari parliamo un'altra volta.
Ora vado a fare una doccia bollente che qui si gela. Pare verrà a nevicare anche in Sicilia.

A presto!



Ps: siete stati troppo carini col mio video di auguri. Grazie mille a tutti delle belle parole.




50 commenti:

  1. Ma come cazzo l'hanno conciato quel modello di Zara? Bello il maglioncino ma ti spalleggio tantissimo: i prezzi sono diventati assurdi per quello che propongono.

    Ad ogni modo, crearsi un bozzolo di intimità, indipendenza e 'sti cazzi è sempre salutare, soprattutto durante le feste quando le difese si abbassano e i parenti colpiscono alla cieca.
    Si è sopravvissuti anche da queste parti, per fortuna. Senza nemmeno mettere peso! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah non so cosa c'entri, perché se vedi il maglioncino dal vivo, non è che sia così sportivo. Anche per donna hanno stirato i prezzi? Che tra l'altro da noi ci stanno 4 cose tutte uguali....

      Sul peso non ti so dire ma l'importante è essere sopravvissuti <3

      Elimina
  2. E direi, caro Pierino, che se arriva la neve il quadro è completo.
    La vedo come te, mi manca solo il passeggiare perché l'ho fatto ma poco, e quando penso a camminare mi viene in mente la mia Puglia, non so perché.
    Qua la neve è già arrivata e adesso siamo ok.
    Il Natale perfetto ce lo si costruisce, dopotutto. Ma un pizzico di magia non guasta mai :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non tante passeggiate a piedi Mozino, perché fa freddo e non è che ci sia chissà cosa da vedere. Ma l'importante è fuggire :D
      Io lo sto costruendo tipo Lego, mattone dopo mattone ^.^

      Elimina
  3. Se nevica a Palermo diciamo pure che il mondo è finito.
    Concordo sul discorso che circondarsi di persone che si lamentano sempre e che emanano negatività fa solo peggiore la nostra, delicata, salute mentale.
    Aria, puzza via, sparite.
    Noi abbiamo bisogno di POSITIVITÀ.
    Buon Anno, Pier :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Taaaaaanta positività! Speriamo nevichi un pochino dai, poco poco!

      Buon Anno :**

      Elimina
  4. I cosmetici inutili rallegrano le nostre giornate.

    Buon anno bel fusto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma a valanga proprio! Il problema è sistemarli!

      Buon anno a te Figah! :*

      Elimina
  5. Riguardo il Tablet aka e - reader, io ho un Nexus che ormai utilizzo più del PC ed in termini di spazio e comodità per ciò che
    concerne lo spazio librario è pure manna ergo lo consiglio. :-)
    Il maglioncino blu è bellissimo quantunque non metto piede da Zara da almeno due anni, pur avendolo a nemmeno un chilometrico di distanza.
    Prezzi troppo alti e materiale con cui ho preso almeno due, tre sole me ne tengono lontano.
    Ultimamente mi vanno a genio più Cotton & Silk e Piazza Italia per quel che concerne l'abbigliamento più economico.
    Sebbene i Jeans di queste marche tendono all'autodistruzione. :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del suggerimento, in effetti anche io penso che un tablet, avendo più funzioni, sia meglio di un e-book reader, anche perché il prezzo è quello!
      Ci credi che ho fatto molta fatica a trovare qualcosa che mi piacesse e che fosse diverso da ciò che già ho? I loro materiali sono davvero scarsi, ma avevo questo buono in scadenza e quindi aggiungendo pochi euro mi sono accaparrato il maglioncino.
      Cotton & Silk non ce l'ho vicino, ma sono un frequentatore di Piazza Italia, che secondo me ha un buon rapporto qualità prezzo ( nel senso che sa di pagare poco una roba che ha una scarsa qualità, al contrario di Zara). I loro jeans a me stanno male o comunque non mi piacciono.

      Elimina
  6. Il kindle ce l' ho. Serve solo x leggere. Non è un tablet. Serve x sostituire i libri. Si legge da Dio e non stanca la vista. Non scambiate un reader x un tablet eh! Capisco che si assomigliano ma sono 2 cose diverse..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eddai Narcì sono biondah ma fino ad un certo punto XD Penso che Pirkaf usi il tablet come reader e sinceramente anche io penso che sia più utile. Ovviamente so pure che il Kindle è studiato in modo da non stancare durante la lettura e questo mi invoglia :) Vediamo, adesso ho una spesa un po' più necessaria! Che modello hai?

      Elimina
    2. ahahahha bella bionda ho un kindle touch di un paio di anni fa..

      Elimina
  7. Bravo Pier, ti sento bello carico :) La tua riflessione mi sa che la scriverò su un quadretto che appenderò al muro per ripeterla come un mantra ogni giorno del 2015: da adesso in poi basta accontentarsi e basta sopportare situazioni che ci vanno strette :)
    Ma per curiosità, che prodotti ti sei autoregalato?? Lo sa che su creme e co. sono sempre curiosa :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io ne dovrei fare un quadretto cara Sara! :) E' un lavoro da fare giorno dopo giorno!
      Quanto ai prodotti ne ho pubblicati un po' su Instagram, ti lascio la foto :) http://instagram.com/p/wterxswg9z/?modal=true e in più ci sono dei prodotti Giardino Cosmetico :)

      Elimina
  8. Ti leggo sempre con tanto piacere.
    E pensavo una cosa, mentre ti leggevo, cosa che ho detto anche a una mia amica giorni fa.
    Dicono che gli amici te li puoi scegliere, i parenti no. Io dico: possono essere fatte anche tante scremature parentali che ci fanno fare salti transgenerazionali mooolto positivi! Ciao Pier, so che tu mi lasci parlare a ruota libera....: grazie ��
    Esa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esa tu puoi scrivere a ruota libera quanto vuoi, perché leggerti mi fa sempre piacere.
      Hai ragione, i parenti non si posso scegliere, ma si possono evitare si può trovare quello più affine a noi :)
      Un bacione e grazie a te!

      Elimina
  9. Tu non hai idea di quanto ti capisco in questo momento, anche io voglio il mio ovulo personale, solo che non riesco mai a costruirmelo del tutto, perchè poi arrivano i sensi di colpa e forse anche la troppa dipendenza dalla persona, ma anch'io per l'anno nuovo seppure sò che soffrirò sono intenzionata a staccare tutto e liberarmi dalle cose negative. Spero di riuscirci, proverò anch'io con i giri ad minchiam in macchina! :)
    Auguri! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Franci è un lavoro di giorno dopo giorno, io ne parlo ma non sono esente dall'abbattermi, anzi!
      I giri in macchina aiutano: sei solo con te stesso e con i tuoi pensieri. Null'altro :)

      Elimina
    2. hai ragione, è che la costanza non è proprio nel mio dna!
      comunque come dice sempre mia nonna "si fà quel che si può!" :)

      Elimina
    3. Sempre ed è già un buon passo :)

      Elimina
  10. A casa mia non si fa festa. Né per il mio compleanno né tanto meno per il Natale. Ormai il Natale è l'apoteosi del consumismo e dell'ipocrisia: tutti si fingono buoni per quarantotto ore, poi tutto torna esattamente come prima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Posso capire il Natale, considerato per il fatto che ognuno lo può festeggiare come vuole. Nella mia famiglia non si fanno grandi cose, o grandi regali. Ma il compleanno? Perché no?

      Elimina
    2. Far festa per il tempo che passa e che non torna più? No, non fa per me.

      Elimina
    3. Troppo pessimista come visione. In parte ci cado anche io, ma è anche bello pensare che sia un anno in cui hai visto e conosciuto cose in più, un anno di vita che comunque ti ha insegnato qualcosa

      Elimina
  11. Io avrei un paio d'idee per dare un ordine alle tue riserve cosmetiche: da sinistra a destra in ordine decrescente... oppure una disposizione come le canne d'organo, col cosmetico più grande al centro :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahaha bella idea, ma di base non voglio lasciarli in bella mostra, ecco tutto :)

      Elimina
  12. Io non riesco neanche a vedere manco Escher per il casino.. poi ti dicono, bella Roma, piena di cinema e di mostre e di teatri.. mavaffanculo va.. voglio un paesino con la neve in riva al mare (e quanti cazzi pure te... accontentarsi no eh?.. )
    Eh già.. mi e vi auguro un 2015 di "accontentarsi".. volare basso spesso fa vedere molto meglio e più da vicino... bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fa come me: vivi in un posto in cui non sanno chi sia Escher, e ti passa la paura :D

      Molti pensano che accontentarsi sia svilirsi. Invece io penso che sia inutile continuare a sbattere le ali freneticamente quando si è in gabbia, molto meglio arredarla.

      Elimina
  13. Kobo Kobo Kobo, non Kindle xD
    Io morirei senzaaaa!
    Buon anno Pier del mio cuorrrr!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che differenza ci sarebbe mi cara Misa??

      Buon anno a te :D

      Elimina
    2. Che certi formati il Kindle non li legge!
      É un pò più "noiosetto" rispetto al Kobo!

      Elimina
    3. Vedi, non lo sapevo e avrei fatto una scelta di cacca magari! Grazie mille del suggerimento. :)

      Elimina
  14. Io ho fatto una scorpacciata di matite per le labbra e lucidi. Crema e Cremina a iosa. Ora sto provando una della Kelemata che mi piace assai. Nevica pure dai miei in Campania, dove sono adagiata in questi giorni. Ti auguro un duemilaquindici ricco e "cremoso"!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buona permanenza in Campania!La Kelemata la conosco per nome ma non ho provato nulla :) Mi farai sapere come ti trovi!
      Un bacione e buon anno!

      Elimina
  15. "Il servizio clienti @TronyOfficial lento come la Panda in salita."
    :-D :-D !!
    Mi hai fatto ricordare una cosa: parlando della Panda 4x4 (non l'attuale modello, ma quello precedente), un sito Internet specializzato definì il suo motore "Pisolo".
    :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mio padre ha la Panda 4x4... so che intendi XD

      Elimina
  16. io ancora non ce la faccio a mollare Zara, sebbene mi renda conto e sappia che sta operando in modo quasi disonesto a dirla tutta...
    ciò posto, non riesco a piegarmi ad H&M, non riesco mai a far si che mi stia bene qualcosa...
    ma per il nuovo anno sei pronto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ti piace, continua ad andarci! Io anche ci vado ma più spesso durante i saldi :)

      Pronto? Mah. sarò pronto giorno dopo giorno :) Tu?

      Elimina
    2. ..i saldi!!! ecco il bello dell'anno nuovo!!!.... saaaaaldiiiiiiiiii ;))

      Elimina
    3. E già i saaaaaaaldi!!! Ma con quali sooooldi xD??

      Elimina
  17. Kobo non kindle. Fatti del bene ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh dear siete in due e mi fido, cambio di rotta per un futuro acquisto :) Grazie mille, un bacio

      Elimina
  18. io col kindle non ci farei niente. Con l'ipad ho già' tutto quello che mi serve. Pero' la tecnologia è una gran bella cosa! Non ho mai fatto acquisti on line, forse perché lavorando in un negozio preferisco il rapporto umano al catalogo su pc. Comunque ti faccio un mondo di auguri e ci si sente anno nuovo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Intanto, tantissimi auguri in ritardo :)
      Sicuramente l'ipad è un aggeggio più completo, ma ha un costo decisamente diverso e mi chiedo, non stanca leggere uno schermo così?

      Elimina
  19. Le mie feste di Natale quest'anno si possono riassumere in questa tua semplice frase:

    Non è necessario accettare ad ogni costo delle situazioni, delle persone che non ci soddisfano, che non sono ciò che vogliamo.

    Io sono una che al Natale ci tiene e vuole la famiglia tutta unita. Quest'anno, causa gente deficiente che si alza la mattina e ti sfancula, ho passato le feste con i miei suoceri da soli invece che con tutta la famiglia. Capodanno a casa. Mai successo. Mi fa rabbia ma, dato che non accetto più cazzate del genere e non ho intenzione di chieder scusa a gente deficiente, mi va bene così. Buon anno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E secondo me non devi chiedere scusa né star dietro a certe cose. Sono state una (triste) utile lezione queste vacanze immagino!

      Elimina
    2. Triste sì, ma soprattutto utile. E fortunatamente sono convinta che nella vita serva tutto quanto, anche questo :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...