sabato 30 dicembre 2017

|#backtoseries chapter 22|
Cosa mi è piaciuto di The Crown 2 (e cosa mi ha annoiato)

The Crown è stata una delle serie tv di maggior successo del 2016, e per questo la nuova stagione, disponibile dall'8 Dicembre su Netflix, aveva il difficile compito di mantenere alto l'interesse dei fan. Vi racconto le mie impressioni nella mia recensione, senza spoiler.


recensione the crown 2


Quando una serie tv si rivela un successo mondiale già dalla prima stagione, creare un seguito che possa eguagliare e mantenere la stessa qualità e lo stesso riscontro non è semplice.
Io stesso più e più volte ho abbandonato la visione di alcuni telefilm che spesso si rivelano ben al di sotto della prima stagione e delle mie aspettative. E quando le attese sono particolarmente alte, il rischio di cadere molto in basso è ancora più forte.
Con questo quasi patema d'animo ho visto la seconda stagione di The Crown ma devo dire che hanno saputo mantenere alto il valore di questa serie, dando spazio a una parte intricata dell'impero di Elisabetta II (Claire Foy), che su più fronti viene colpita e rischia anche di affondare.

Nel secondo ciclo di episodi di The Crown infatti iniziano a crearsi le prime fratture in quello che fino ad allora era uno degli stati più potenti nel panorama mondiale
Queste fratture coinvolgono la Regina Elisabetta stessa non solo nel suo ruolo di sovrano, ma riusciranno a toccare anche il lato più personale. Elisabetta si sente mancare il terreno sotto i piedi sotto tanti punti di vista, e la sua vita e la sua carriera saranno ad uno snodo importante.

recensione the crown 2

Intanto il regno. Elisabetta si trova in un mondo a cui non era preparata: quello della modernità, di una realtà che muta ad una velocità raddoppiata e a cui importa sempre meno di una donna chiusa nelle mura dei suoi castelli. Colei che è talmente in alto, da essere sopra tutti, ma da rischiare di risultare invisibile ad un'opinione pubblica che non guarda più in alto, ma solo davanti a sé.
Elisabetta quindi dovrà iniziare a piegarsi, a trovare il compromesso, a rivedere le sue regole, aprirsi, trasformarsi pur restando la stessa, e far tutto questo da sola, perché anche chi dovrebbe starle vicino le dichiara guerra dall'interno.

A mettere in difficoltà la nostra Lilibet come donna e moglie c'è infatti il marito, il principe Filippo (Matt Smith), impulsivo e forte, con le sue intemperanze e le sue presunte scappatelle, ma soprattutto con la sua tenacia nel volersi imporre tanto quanto la regina agli occhi di tutti. A Filippo viene dedicata una delle parti più commoventi di questa seconda stagione, ci raccontano il suo passato, le sue ombre, le difficoltà che l'hanno forgiato e che forse adesso lo spingono a cercare una rivalsa a tutti i costi. 

The crown seconda stagione

In generale il suo capitolo mi è sembrato molto interessante, la parte se vogliamo emotivamente e personalmente più tensiva, nonostante sia ovvio non sarebbero arrivati al culmine del divorzio che già dai primi episodi aleggia come un fantasma. Ma interessante anche perché entriamo in un'altra parentesi quando ci viene raccontato Filippo come padre, che cerca di forgiare il figlio Carlo esattamente come lui era stato temprato da una adolescenza complicata, dandoci un'umanità complessa e affascinante. 

Ma Filippo non è l'unico personaggio verso cui la storia si apre e da più spazio. C'è anche la sorella di Elisabetta, la principessa Margaret (Vanessa Kirby) che sarà nel pieno del suo periodo più burrascoso. Periodo che culminerà con un bell'evento in parte, dall'altro lato però con un ulteriore periodo di crisi personale.

The crown seconda stagione recensione

Per me quello di Margaret è il capitolo in parte più noioso di questa seconda stagione di The Crown. Non so perché ma l'ho trovato lento, ripetitivo e pur non conoscendo le vicende della principessa, scontato. Sarà perché, una volta capito il suo carattere, ogni cosa sembra conseguenziale. È strano come il personaggio che più sembra folle e che potrebbe fare più colpi di testa, alla fine però si appiattisce nel suo stesso ruolo. 
Senza contare che, se siamo stati abituati fin dall'inizio al fatto che qualsiasi cosa la famiglia reale compie ha un riflesso, delle conseguenze e smuove l'opinione pubblica, Margaret sembra muoversi in una bolla tutta sua. Anche la reazione della sorella mi è parsa un po' più fredda di quanto mi sarei aspettato, e un po' in ritardo.


Margaret inaugura la stagione degli scandali, volente o nolente, che prepareranno Elisabetta ad affrontare un futuro da giornale di gossip, e proprio per questo mi aspettavo che le sue vicende di venissero affrontate in modo diverso. 
Comunque nulla di grave, perché tutta questa parte ha ripreso subito quota quando è ritornato il contraltare di Elisabetta, quando tornano a scontrarsi la sua freddezza calcolata alla passionalità di Maragaret e quando noi (o meglio io) spettatori veniamo ritirati in mezzo al dramma.

A far tremare la corona ci sono poi tutti i problemi socio-politici che si susseguono alla fine degli anni '50, dal tentativo di tenere unito il Commonwealth, ai rapporti con l'America e soprattutto la Crisi di Suez. Tutte componenti che in The Crown mostrano una Elisabetta insicura ma tenace nel suo ruolo. Un momento in cui deve dimostrare quanto vale non solo come simbolo del suo regno, ma anche quali capacità possiede davvero. 

The crown 2

Tutte componenti che a me son piaciute moltissimo, non solo nel modo in cui vengono raccontate ma perché danno alla regina il ruolo che merita, ovvero una delle figure che, nel bene o nel male, ha avuto un'importante influenza nel corso del 1900 e non è solo la vecchina con i completi fluo che conosciamo. 
Il quasi magico incontro con Jacqueline Kennedy è forse il centro di una Elisabetta affacciata su un nuovo mondo in cui l'apparenza ha quasi superato la sostanza. 


Jacqueline è una delle tante donne forti (almeno all'apparenza) che costellano The Crown e che sono poi il motore degli eventi.
L'incontro con i Kennedy ci viene raccontato ancora una volta senza cadere nel caricaturale, nell'eccesso in personaggi posticci, ma anzi dando loro una profondità psicologica tale da scatenare tensioni anche solo nel vederli tutti nella stessa stanza.
Un altro capitolo non facile, eppure, anche da questo incontro un po' strano, Elisabetta imparerà molto, farà tesoro della lezione e andrà avanti come sempre, a testa alta e con dignità. 

La seconda stagione di The Crown per me ha saputo portare alta la bandiera di una delle serie tv migliori degli ultimi anni. Mi ha emozionato, mi ha sorpreso, ha saputo mantenere costantemente accesa la mia attenzione, cosa importante per un telefilm in cui i passaggi fra gli avvenimenti sono articolati e parecchi.
Una scrittura ottima, scenografie e costumi sempre precisi e dettagliati, ma anche momenti recitativi così intensi che ti fanno venir voglia di alzarti dalla sedia (o dalla poltrona, o dal letto) ed applaudire, o che ti lasciano senza fiato. Una stagione in parte di passaggio che ci apre verso un altro capitolo ancora più ignoto e probabilmente ci allontana dal "one woman show" per darci un'ulteriore maggiore coralità fra i personaggi. 

Un grazie va a tutto il cast per una recitazione sempre impeccabile e per averci accompagnati fino ad ora con questa seconda stagione. Ma un grazie soprattutto a Claire Foy, che nella terza stagione verrà sostituita dalla più matura Olivia Colman, per la sua Elisabetta fredda ma complessa, emotiva ma mai eccessiva, controllata ma istintiva, regina ma pur sempre donna. 


La terza stagione non è ancora nemmeno in fase di produzione, ma già si presenta come una grossa scommessa, perché superare il rinnovo degli attori non è semplice. Ma è ancora presto per pensarci.
Voi seguite The Crown? Vi è piaciuta questa season two? O vi ha delusi?



Reazioni:

12 commenti:

E tu cosa ne pensi?

Info Privacy

  1. Difficilmente vedo una serie televisiva dove sono impegnati re e regine di monarchie ereditaria. Per me è una cosa assurda che un re o una regina portino la corona anche se sono idioti. Ieri mia figlia stava vedendo un filmato sulla regina Vittoria e quando mi ha detto che aveva una servitù di ottocento persone sono andato via incazzatissimo.
    Buon anno amico Pier.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché ti sei arrabbiato? Anche il papa ha la sua nutrita schiera di servitù o appunto camerieri. Ovviamente una numerosa famiglia nobile aveva una numerosa schiera di persone a servizio. Non che sia giusto in entrambi i casi, ma credo che ogni lavoro meriti rispetto. Buon anno!

      Elimina
  2. Al solito mi incuriosisci, tra parentesi a me piace molto la regina Lilybeth. Sai che portava i carri armati nella seconda guerra mondiale? Invece sia mia nonna che sua sorella sono (erano) fans di Margareth, che secondo me era un personaggione effettivamente :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì è un personaggio che ha sempre saputo il fatto suo :D
      Margaret è un cavallo pazzo! Adorabile, ma la sua parte ha impiegato un po' ad ingranare!

      Elimina
  3. Ti devo dire la verità Pier, questo tipo di serie non mi attraggono molto, anche perché la sera i miei pochi neuroni diventano ancora più pochi :D.

    Ho deciso di iniziare a guardare Black Mirror, visto che le puntate non sono tante :)

    Ti auguro una divertentissima serata-nottata di Capodanno e un buon 2018, di cui sicuramente avremo modo di condividere molte cose.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahaha sì è una serie da seguire con attenzione! :)

      Black Mirror l'ho abbandonata, ma so che piace a molti, mi dirai o comunque ti leggerò se ne parli :)

      Buon fine di anno anche a te :) E buon 2018!

      Elimina
  4. Una serie di cui ho sentito molto parlare. Certo la lunga vita di Elisabetta II e tutto ciò che ruota intorno a lei dà ampie possibilità di narrazione!

    Ti lascio con affetto i miei auguri per il Nuovo Anno, Pier :) un abbraccione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È una storia per me molto affascinante! Buon anno nuovo Maris! Un abbraccio grande grande a te e a tutti i tuoi cari :)

      Elimina
  5. A me non piace questo telefilm, perché i reali hanno poca servitù e non sono manco schiavi XD
    Scherzo, ne approfitto per farti un augurio di buona fine 2017: per il 2018 ci sentiremo :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che scemo XD Buona fine di questo 2017! Ci vediamo presto :D

      Elimina
  6. Ma la sai una cosa? Concordo su Tutto, in pratica per chi non ci conosce sappiate che è un miracolo 😂😂😂

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche sul fatto che la parte sulla principessa Margaret è la più noiosa?! :D

      Devo trovare un sistema migliore per i commenti, ecco che volevo dirti!

      Elimina
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...