venerdì 5 maggio 2017

{Aggiornamento #67}
Elucubrazioni di un hater affamato

Com'è che siamo diventati così aggressivi? Com'è che siamo diventati così cattivi?
O forse dovrei chiedermi com'è che stiamo perdendo tasselli nel circolo dell'evoluzione, siamo l'anello mancante.
Vedo cose che mi lasciano confuso, non solo perplesso. Non capisco com'è che abbiamo maturato questa rabbia.
Animali affamati di uno zoo senza guardiani.
Viviamo in un periodo orrendo, fatto di guerre, di sacrifici che non portano a nulla, tutti, chi più chi meno, lottiamo con le nostre frustrazioni, e le ansie e soprattutto le paure.
Non voglio fare le prediche, io che su Twitter, o anche qui non son certo Claudia Koll dopo la conversione, ma sono confuso. Sono il primo che si incazza, sono il primo che si potrebbe considerare un hater per certi versi.
Ad esempio ieri parlavo su Twitter di Pietro Boselli, un modello diventato più famoso di altri modelli perché oltre alla fisicata, fa anche il professore di matematica o ingegneria, non lo so. 
E nulla, sarà sicuramente un bel ragazzo, farà davvero tanta palestra, ma lo trovo noioso e bi-espressivo: una faccia dove è serio e una dove sorride. Fine. Wow.
Così come il suo scherzo col ragazzo filippino, non lo trovo razzista.
Razzismo è quello che si è sentita dire Serena Williams riguardo al suo nascituro, da una persona adulta nonché da un personaggio pubblico, non dal primo che ha una connessione internet e tempo da perdere.
Fossi stato in Serena avrei chiesto a Năstase se ora le racchette le usa per scacciare le mosche o scolare la pasta, visto che ha una certa età.
Comunque la roba che ha fatto il Boselli la trovo semplicemente noiosa.
Poteva far ridere forse 80 anni fa, ai tempi di Rafael Padilla e George Footit, ma adesso è solo un gioco insipido.


Questo è il mio giudizio, che non va ad inficiare, immagino, nessuno.
Ma poi c'è chi rompe gli argini della shade acidula e si sporge violentemente verso la cattiveria.
Ed ogni giorno ci scontriamo con la cattiveria degli altri, cattiveria per lo più gratuita.
Il problema è che ne siamo tutti vittima e carnefici, perché è impossibile che la ruota non giri nei tuoi confronti, è impossibile che la freccia che lanci non arrivi anche solo a pungerti una chiappa.
Una banalità magari ma che si applica ad ogni livello.
Se ogni azione ha le sue conseguenze, una cattiveria ha quasi sempre il rinculo, indifferente se credi nel Karma oppure no. 
Probabilmente suona demagogico, probabilmente avrei potuto esprimermi meglio ma sono affamato.
Sì, ho tanta fame, perché è ufficialmente iniziata la stagione della prova costume. Per me la prova costume però quest'anno inizia prima ed è una prova abito per un matrimonio ai primi di Giugno. 
L'unico completo elegante di cui ero in possesso risaliva probabilmente alla prima messa in onda di Tom & Jerry e capite bene che non ci entravo più come un tempo.
Ora, voi direte, che tanto è facile fare una prova abito, rispetto alla prova costume, d'altronde in un caso sei nudo nell'altro sei vestito. Ma lo sapete che vi vendono per abito uomo per adesso?
Una giacca striminzita e un pantalone che nemmeno un sanculotto in cerca del suffragio universale avrebbe osato.


Praticamente ti arrivano alle ginocchia. Mi domando chissà quanti altri completi riescano a tirarci su con quello che spacciano per moda.
Sempre ieri, stavo dando un'occhiata al sito di Zara per curiosità. C'erano un paio di completi che mi sembravano carini, di un bel blu non troppo acceso, con uno stile che mi pare la perfetta combo fra classico ma giovanile, ma mi cade l'occhio su un dato sconvolgente.



Altezza modello189 cm, taglia europea 50.
Lasciando perdere che io provengo dalla progenie dei Puffi e non raggiungo il metro e 80, ma se un modello che pesa quanto una risma di carta indossa la 50, un ragazzo che ad esempio ha una madre siciliana che frigge anche i piatti di vetro così insaporiscono il cibo, che taglia dovrebbe scegliere?
Ora i fatti sono due: o c'è un errore di battitura e questo spiegherebbe come mai TUTTI i modelli abbiano la stessa taglia, o questi vestiti sono così striminziti, anche in lunghezza, che per poter star bene ad un modello alto due metri, devono mettere una taglia più grande.
Il mistero si infittisce e lo dipanerò solo nei prossimi giorni.
Io intanto resto affamato, anche di aria nuova, visto che ormai è trascorso un anno dal mio ultimo viaggio risale ad un anno fa e nel mezzo non c'è stato un bel niente, ma se sentirete di uno che invoca la legittima difesa dopo aver fatto a brandelli dei vestiti da Zara, sappiate che sono io e vi ho voluto bene.

Buona giornata.




24 commenti:

  1. Ti rispondo con questo pensiero di Mark Twain:
    "Il fatto che l'uomo sappia distinguere il giusto dallo sbagliato prova la sua superiorità intellettuale sulle altre creature; ma il fatto che egli possa agire in modo sbagliato prova la sua inferiorità morale rispetto a qualsiasi creatura che non può farlo."
    Consiglio in oltre anche una buona tazza di camomilla per distendere i nervi scoperti di tutti hater.
    Un abbraccio!
    Ofelia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Insomma, mi devo fare una camomilla XD Ok!

      Elimina
  2. "Animali affamati di uno zoo senza guardiani".. hai ragione, oggi sentivo dire che dovremmo tornare a vivere sotto un protettorato austroungarico.. ma non solo noi.. me lo auguro per il mondo intero.. p.s. coi piatti di vetro fritti mi sono cappottato!!... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio non la vedrei così "drammatica", per mi rendo conto che non c'è una barriera. Una volta era data dal buon costume, da un obbligo di facciata di doversi comportare bene. Oggi invece sembriamo proiettili impazziti.

      Il piatto fritto potrebbe essere una invenzione... potrebbe.

      Elimina
  3. Pure io voglio viaggiare, e spero già di poter passare 3-4 giorni fuori durante i primi di giugno.
    La cattiveria? E' la frenesia del quotidiano che ce la immette. Siamo animali, inutile. Hai ragione.
    Prova costume? Da domani a dieta.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero anche io di andare via per giugno *-* Dove te ne vai?
      Da domani (cioè oggi)? Ma chi si mette a dieta di sabato XD!?

      Elimina
  4. Riguardo alle battute razziste,OMFG.La gag del filippino/peso...mah.
    Le taglie dei vestiti...lasciamo perdere!
    Una volta sono entrata da Stradivarius,che credo sìa una catena,e pensavo di essere nel reparto bambini.Poi camminando per il negozio,mi sono resa che era TUTTO un reparto bambini.Cioè.Erano tutte taglie piccolissime!Da grandi,ma anoressici.
    Io ho capito che sono ciccia e tutto,ma con la 44/46 non posso andare nel negozio taglie forti(lasciando stare che tipo di vestiti mi vendono),benchè una volta mi ci abbiano indirizzata(grazie commessa,com'è umana lei),e insomma non sono mica un caso raro,credo.Ci saranno delle ragazze/donne che non hanno 50 cm di girovita che si vogliono vestire moderne...o no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La cosa è effettivamente più seria e dilagante in molti brand. Non è purtroppo una novità.
      Mia madre, che è sarta seppur non esercita più mi dice sempre che una volta, la 48 era una taglia per persone parecchio in carne, praticamente una taglia comoda. Ora solo solo se hai un po' di fianchi non ci entri D:

      Elimina
  5. e non dimentichiamo che Zara ti vende i jeans a prezzi differenti a seconda della misura che porti e come sai sta cosa che siccome porto na 44 ci mettono cm di stoffa in più e te la devi pagare proprio non l'ho digerita e me sembra anche na gran poracciata oltre che di cattivo gusto.
    Sulla cattiveria manco mi esprimo sto su youtube AMEN.

    RispondiElimina
  6. A volte mi domando se la cattiveria non sia altro che un meccanismo di difesa per sentirsi normali, tipo che uno scredita l'altro così acquisto punti. La verità però è che si sta davvero esagerando :(

    Non mi parlare delle taglie di Zara, per me che non arrivo a 50kg la loro XS mi va enorme, ogni volta devo cercare nel reparto bambini :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A volte sì, si attacca per non essere attaccati o per dimostrare di essere forti, però molte volte bisogna essere un po' più cauti su quello che si dice e si fa.

      Quindi mi stai dicendo che la stoffa che non mettono nelle taglie più grandi, la mettono nelle taglie più piccole XD!?

      Elimina
  7. "... io provengo dalla progenie dei Puffi e non raggiungo il metro e 80..." Dai, non esagerare! A occhio e croce sei fra il metro e settanta e il metro e ottanta :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sei un Puffo :-)

      Elimina
  8. Adoro questi tuoi post introspettivi, sai toccare significativi con ironia e la dovuta leggerezza. Concordo con te riguardo il discorso sulla cattiveria, alle volte mi chiedo perchè la gente è così frustrata, così arrabbiata verso il mondo tanto da sfociare in atti di bullissimo e di cattiveria gratuita? Non sarebbe più semplice fare un percorso di introspezione e cercare di lavorare su questi disagi piuttosto che diffondere l'odio? Spero vivamente che un giorno le cose cambiano, perchè alle volte mi viene voglia di sparire su un'isola deserta pur di non sentire/leggere inutili lamentele :\

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille!
      Sì credo che prima di riversarle sugli altri, ognuno dovrebbe capire le proprie frustrazioni e capire perché nascono.

      Elimina
  9. Matrimonio a inizio Giugno anche io! Come ti capisco! Vestiti striminziti e taglie per bambini.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. troveremo qualcosa da mettere che non sia una tenda avvolta in malo modo!? Chi lo sa XD

      Elimina
    2. Ahahahahahah speriamo!

      Elimina
  10. Hai ragione riguardo la cattiveria dilagante che imperversa su internet e anche, purtroppo, nella vita di ogni giorno. Forse è davvero riconducibile al periodo storico che stiamo vivendo, che non è facile per niente e che ci rende tutti un po' più frustrati e incattiviti di quanto saremmo in condizioni migliori. Comunque c'è gente che sclera di brutto e di quella gente ho quasi paura.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me i frustrati ci sono sempre stati, ma sicuramente questo periodo non facile e frenetico accentua molto.
      Un abbraccio!

      Elimina
  11. Come spesso accade mi ritrovo perfettamente nelle tue parole sullo scherzo di Boselli. Molto rumore per nulla, in effetti...sono ben altre le cose da additare come razziste, purtroppo.
    E comunque sei riuscito anche stavolta a non farmi mancare un sorriso con le considerazioni sull'abbigliamento di tendenza e sulle taglie del sito Zara: davvero incredibile....ma scrivono numeri di taglia a caso?? Se dipanerai davvero questo mistero poi aggiornaci ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me sì: prendono i cartellini e fanno un sorteggio e poi li appendono :D
      Un bacione Maris!

      Elimina