venerdì 2 settembre 2016

{Aggiornamento #51}
Quando è troppo.

Ah sei arrivato finalmente Settembre.
Nove mesi ci hai messo ma pare ieri che ho iniziato ad aspettarti.
Troppo, se pensi tutto quello che è successo, troppo poco se pensi a tutto quello che ancora desideri accada.
Più volte ti ho elogiato e omaggiato su queste pagine, per quel sapore di capodanno infuso che un po' tutti vediamo in te. 
Il solco di confine fra una stagione ma non è ancora finita, e una che ancora deve iniziare. 
Se tiriamo le somme, e facciamo un passo indietro, ai Settembre già passati, non è che sei stato proprio proprio queste solide fondamenta da cui ergere la casa di un futuro roseo.
Sei più la torre di Babele delle promesse che ci facciamo ma dimentichiamo nel giro di 30 giorni o forse meno. 
Ma in fondo non è colpa tua, ma l'umana incostanza che ci spinge anche ad abbandonare i nostri sogni, figuriamoci una dieta no carbs.
Certo, quest'anno, Settembre, ti porti il peso di una sequenza infinita di perdite, ma per noi, che un po' di fortuna in più l'abbiamo avuta, non possiamo mica lamentarci, anzi dovremmo avere ancora più forza. 
Ma in un periodo quando tutto è troppo, magari dovremmo smorzare, flettere, piegare i nostri angoli più appuntiti. 
Iniziare, o tornare a ragionare. E anche un po' sperare.
Sperare ci siano sempre meno #fertilityday e più menti fertili di idee concrete, ispiranti, sensate.
Meno terremoti, e più scosse interiori, di quelle che magari ti fanno nascere quelle idee di cui sopra.
Meno polemiche sterili sui social, per quello che fai o non fai e per come lo fai, e più socialità e basta.
Meno donazioni poracce, perché va bene non fare i conti in tasca alla gente, però dai; piuttosto più slanci sinceri e utili.
Utopia dite?

Apro la finestra per schiarirmi la mente, come direbbe Britney Spears, tanto oggi è piovuto e si può fare, e penso che anche io ho esagerato.
A pensare meno a me, e più agli altri. A non rispettare le promesse che avevo fatto a me stesso, quelle più importanti. Alle troppe aspettative create senza ragion d'essere.
Alla fine si tira una linea e si ricomincia, come un po' si fa, volenti o nolenti, ogni Settembre. Magari si può migliorare, ma se penso a quel che è stato e quello che ha da essere, non credo ci sia nulla di cui pentirmi.


Buon Settembre a tutti. 





22 commenti:

  1. Breve ma intenso. Tiriamo sta linea, ma parliamoci chiaro finchè devo campare con st'afa asfissiante per me è ancora Agosto! :D

    RispondiElimina
  2. Ecco...mi piace il finale di post! E che buon settembre sia, allora :-)
    Abbraccione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo lo sia :)
      Un abbraccione a te!

      Elimina
  3. Buon Settembre anche a te! E speriamo ci porti qualcosa di buono! :)

    RispondiElimina
  4. C'è ancora troppo caldo ma settembre per me è il preludio a stagioni che amo di più: autunno e inverno.
    Nella speranza che non ci siano più fertilityday, nella speranza che l'ignoranza lasci spazio a menti davvero fertili di idee, innovazioni e buon senso, ti auguro un buon inizio di settembre.
    Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io le amo :) E anche qui ancora caldo, ma non mi aspetto diversamente.
      Buon Settembre :)

      Elimina
  5. Io vado avanti, piena luce, ancora un po' incazzata per le solite e ovvie cose che ci sbattono in faccia, ma imperterrita proseguo.
    Mica l'avranno vinta mai.
    Abbraccio ragazzo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace molto questo atteggiamento :)
      Un abbraccione a te bella donna :*

      Elimina
  6. E' proprio vero, Settembre demarca sempre nell'immaginario collettivo un periodo che finisce ed uno che inizia.
    Tiro insieme a te questa linea, e ripartiamo più forti che mai! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dita incrociate e tanta forza, sperando non ci siano troppi intoppi.

      Baci :)

      Elimina
  7. Sono una pessimista estrema, ma ripongo fiducia nell'umanità. Per questo non credo che le tue speranze siano utopiche, e per questo, di solito, mi infervoro tanto su alcune questioni che si possono prendere sottogamba. Non si dovrebbe mai far passare la battuta all'ignorante ("tanto non ascolta"), non si dovrebbe mai permettere ai qualunquismi di diffondersi ("tanto la gente non capisce").

    Le cose possono andare meglio, magari non ora, magari tra 100 anni. Ma se nel nostro piccolo non ci informiamo e nel parlato non apriamo gli occhi a xenofobi, omofobi, furbetti e zotici, le cose cambieranno senz'altro, non tra 100 ma tra 300, di anni.

    Alice
    Ps: ho il dubbio di essere andata fuori tema, ma neanche tanto. In ogni caso, anche se in ritardo, buon Capodanno Pier!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sei fuori tema, non lo si é mai in questi post :)
      Sono d'accordo anche se penso ci siano dei limiti, nel senso che se la persona continua con le sue teorie xenofobe, razziste ed omofobe l'unica strada a mio avviso è ignorare. Lasciarle col vuoto attorno.

      Buon settedanno a te :D

      Elimina
  8. Che bel post che hai scritto!Buon Settembre, Pier. Che sia il Capodanno che ti aspetti e che ti meriti

    RispondiElimina
  9. Ho solo una parola per definire questo post: poetico.
    Buon settembre anche a te, anche se un po' in ritardo. Per me sarà l'inizio di una speranza che spero sia crescente, come spero saranno anche la mia forza interiore e la mia determinazione. Sì, posso dire che questo settembre, per me, è un po' come capodanno.
    Ti abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Troppo buona, grazie!!
      Forza e determinazione sono davvero importanti, non possiamo solo aspettare e sperare :)
      Baci!

      Elimina
  10. Parole stupende..viva l'ottimismo sempre aiuta a guardare con occhi positivi le esperienze..e settembre si ricomincia...auguri
    Passa a trovarmi
    Un bacio

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...