giovedì 26 febbraio 2015

{La Poraccitudine #16}
"NO all'ideologia gender nelle scuole"

Vagavo sul web in preda ai morsi della fame ché era ora di pranzo, e becco lui, lo spot dell'associazione ProVita con annessa petizione.



Ve lo descrivo.
C'è un padre triste e vestitosi al buio più totale, seduto su un divano. 
Gli corre incontro un bimbo che pare preso da crisi epilettiche, non dice una parola e scappa via.
Ma arriva la moglie, perché in queste famiglie del mulino bianco con le pareti color pastello il padre non può chiedere al figlio cosa abbia.
Lei, esagitata e con dei capelli che non vedono un balsamo dall'epoca in cui Nerone diede fuoco a Roma, dice:

"Sconvolto, poveretto. Mi ha raccontato tutto."
Ma col padre non ci parla...

"A scuola hanno fatto una lezione di educazione sessuale, basata sulla teoria del gender. Le scuole sono obbligate, sono direttive del governo."
E quindi?

"Gli hanno detto che dovrà scegliere in futuro se vorrà essere uomo o donna. Dipende da come si sente, che è normale cambiare di sesso, e puoi essere quello che vuoi, né uomo né donna, che qualsiasi orientamento sessuale va bene, che si può cominciare anche da piccoli a fare sesso"

Il tutto mentre scorrono immagini senza una logica.

Dovrà? Ma chi l'ha detto che DEVE? 
A scuola non credo proprio, a meno che non fosse una babbiona come te, mia cara madre dello spot. 
Il fatto è che insegnare a scuola educazione sessuale e quindi anche ciò che riguarda l'omosessualità e la teoria di genere, significa semplicemente educare al fatto che possiamo essere ciò che vogliamo, ciò che sentiamo, seguendo i nostri istinti, le nostre emozioni e sensazioni. E soprattutto che possiamo farlo rispettando gli istinti, le emozioni e le sensazioni altrui.
Vuol dire insegnare che la natura non sempre è perfetta, e come tale a volte sbaglia e quindi possiamo fare in modo che il nostro corpo somigli a ciò che realmente sentiamo di essere. Ma mica perché una mattina ci svegliamo e decidiamo che vogliamo cambiare sesso come si cambia un paio di pantaloni o l'ordine al ristorante cinese.

Si passa attraverso molta frustrazione, ansia, confusione, tristezza, momenti di certezza e sicurezza a momenti di dubbio, e molto altro che non riesco nemmeno a pensare. 
E' una strada buia che devi fare a tentoni e che diventa ancora più difficile percorrerla da soli, assillati dall'idea di aver sbagliato tutto.

Vi rifaccio la domanda: volete questo per i vostri figli?

Miei cari genitori dello spot e non, i dogmi non li abbiamo tirati mica fuori noi. Nessuno sta dicendo quello che devono o non devono essere, lo state dicendo voi. 
Lo dite voi attribuendo l'obbligatorietà ad un corpo o a una sessualità, che non ci appartengono. 
Dall'altro lato c'è invece chi vuol dare a tutti una possibilità, quella di essere felici con se stessi e gli altri.



32 commenti:

  1. la scuola è obbligata a dare insegnamenti basati sul gender? Ah sì? Io non lo sapevo eppure ci lavoro...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto un obbligo e un dovere secondo loro... Invece i loro non sono obblighi, precetti, dogmi!

      Elimina
  2. Tra l'altro nota come i protagonisti anti-qualsiasi cosa giusta sono sempre vestiti come dei coglioni. E non usano il balsamo.

    Comunque nessuno DEVE ma tutti devono POTERE.
    Bravo Pier <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché avere idee di merda è una costante nella mente di certe persone.

      <3

      Elimina
  3. Come se a definire se uno è maschio o femmina sia la quantità di trucco/tatuaggi/piercing :P La scuola dovrebbe insegnare ad accettarsi per quello che si è, cosa che non faceva ai miei tempi e continua a non fare a quanto vedo.
    Comunque io propongo due oscar, uno per il cavolo di esperto di comunicazione che ha fatto lo spot, e uno per le capacità recitative della madre :D

    RispondiElimina
  4. Ma cos'è 'sta roba??? ma scherziamo?? Ma... Ma... Ora io sono sconvolta molto di più di quel bambino!!

    RispondiElimina
  5. Il problema è che seppur siamo nel 2015 l'italia è un paese di bigotti che fatica a stare al passo con i tempi. Ma perchè non pensano ai VERI problemi?
    Per me l'omosessualità non è mai stata un problema, io la vedo semplice, c'è a chi piacciono persone di sesso diverso e a chi piacciono dello stesso sesso, Stop. Poi se uno nel proprio corpo non si sente a suo agio ma chi sono io per limitare il suo desiderio di cambiare? E allora quelle rifatte? Dovrebbero vietare anche quello!
    E secondo me anche i bambini la vedono semplice, sono gli adulti che gli inculcano cose strane in testa. #porelli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quelle rifatte piaceranno sicuramente al papà in questione.
      I bambini oggi sono molto scafati sono svegli, non come questi qui del video che sembrano 2 rincoglioniti!

      Elimina
  6. APPLAUSI.
    Quando ho visto questo video sono rimasta disgustata, mi domando come possano vivere dei ragazzi con un'identità sessuale in dubbio con genitori simili. Ho letto qualche commento sulla pagina facebook di Provita e mi sono cadute le braccia, perché sembra di essere tornati al medioevo.
    A loro avviso, sembra che a scuola facciano vedere porno e facciano entrare in classe trans in perizoma per sculettare sui banchi. E' assurdo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho guardato nemmeno i commenti su Facebook perché immagino fossero moderati. In genere questi link diventano il ricettacolo per beoti.
      Ovviamente stravolgere la realtà, esasperarla, gonfiarla, rigirarla gli sembra una strada corretta... già questo la dice lunga su quanto siano pro- vita.

      Elimina
  7. Quando guardo video del genere mi aspetto, a fine "show" la dicitura "Pubblicità REGRESSO". Non so perchè, ma è insito in me.
    Per tutto il resto,no comment, o facciamo notte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avrei preferito anche se nemmeno quelli di Lercio avrebbero partorito una cagata del genere!

      Elimina
    2. Anche perché pur sorvolando sui contenuti sembra la recita delle elementari.

      Elimina
  8. Ma quando faranno uno spot su come diventare persone intelligenti e pensanti?
    Anche nella mia scuola si faceva educazione sessuale a impartirci "sani" dogmi era un prete. Cosa ho imparato? Che se mi tocco divento cieco quindi è meglio se sono loro a toccarci.
    Bel post!
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non credo ce ne saranno mai!
      Grazie, ciao.

      Elimina
  9. Sì ma poi, il bambino "sconvolto". A me pare un bambino normale, tornato da scuola che corre in giro come un pirla perché oh, è un bambino e dopo 6 ore sui banchi c'ha voglia di muoversi.
    Ma che pensi a usare una maschera all'argan sui capelli sta tipa, va là.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci si dovrebbe immergere, ché magari si rinfresca le idee!

      Elimina
  10. le cose "a prescindere" sono detestabili, ed io le comprendo come posso comprendere i calci sui denti... francamente la specialità del governo è mettere ambiguità nelle proprie scelte, sembra quasi lo facciano appositamente per distogliere l'attenzione dalle cose importanti, a favore di etica da discutere, che diventa così un velo che copre le vere magagne.
    e dopo questa prosopopea mi domando e chiedo, ma, questi pubblicitari ingegnosi, credono davvero che sbattendo in un video due bruttoni con un figlio ipersensibile ed inesistente [a quell'età i bimbi se ne stra sbattono, fidati...] possano sollevare le coscienze altrui?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono d'accordo su una cosa: penso che il governo debba occuparsi di tutto. Fare educazione sessuale a scuola serve, se fatta con decenza.
      I pubblicitari sono davvero tristi. Molto, non hanno molta logica.

      Elimina
  11. C'entra qualcosa mia moglie che mentre stira/cucina/stende la lavatrice mi dice : "la prossima volta rinasco uomo!" ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, significa solo che devi contribuire di più a casa xD

      Elimina
  12. Ti giuro, sto ancora sperando che si tratti di un corto di Maccio Capatonda. Ma si può?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo è tristemente... ma la recitazione è quella.

      Elimina
  13. Non capisco che male ci sia nella progressione dell'uomo. Io spesso mi chiedo perché siamo focalizzati su punti del giurassico,che male c'è ha spiegare certe cose al mondo? Io non lo so ancora,perché tanta gente si scandalizza di cose che non sono neanche così tanto scandalose. Questo non è scandalo! Gli scandali sono i politici che ci derubano,evadono le tasse etc..etc.
    SVEGLIAMOCI IL 2015 è INIZIATO DA UN BEL PEZZO. E le famiglie sono sempre belle se c'è amore,indipendentemente da papa' e papa',mamma e mamma,nonna e nonno e 'sti cazzi.

    Scusa Pier ma 'sti argomenti me fanno girà! Abbraccini <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' gente a cui piace mettere la polvere sotto al tappeto, che si nasconde da se stessa. Tutti per bene, raffinati, ma molte volte le peggio persone.

      Abbraccini!!

      Elimina
  14. Vabbè ma c'è di positivo che con questi vido si rendono ridicoli da soli. Alla fine aspettavo che spuntasse Maccio Capotonda o Checco Zalone!!!Io confido nelle nuove generazioni, certo gli ignorantoni esisteranno sempre, ma qualcosa sta cambiando, sono fiduciosa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io voglio proprio sperare che nessuno prenda esempio da un video così brutto.

      Elimina
  15. Ma per carità di Dio ma chi vuole un figlio cretino e omofobo? Già è complicato allevarli, se poi a scuola li si educa come dei novelli Salvini...

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...