sabato 7 luglio 2012

Arrivismo.

L'altro giorno un amico di Amor, qui in vacanza per qualche giorno, mi ha chiesto un po' della mia vita.
Che poi è accaduto una settimana fa, ma fa niente. Restiamo sul vago.
E no, non ci stava provando.
Si faceva due chiacchiere in attesa di decidere se tornare saggiamente a casa o continuare incoscientemente la passeggiata al caldo, fra la calca, con le lenti a contatto secche come i capelli di Valeria Marini all'Isola.
Dicevovi, mi chiedeva cosa facessi nella vita, di dove fossi, cosa studiassi, e tutte quelle cose che finiscono in -ssi.
Pensavo, speravo non me lo chiedesse. 
Credevo si esimesse dal domandare. 
Auspicavo che la conversazione quantomeno si concludesse prima. 
Invece no. 
Puntuale come il dada dopo giuchie, giuchie, ya ya, arriva la domanda "e dopo l'università cosa vuoi fare?". 
Scusatemi ma mi scappa un "ma minchia!".
Sono quattro anni che me lo sento ripetere. Come se durante tutto il giorno non pensassi ad altro che a questo.
Ora io un paio di desideri, per il futuro, ce li avrei. 
Potrei pure risponderti in maniera ampia ed articolata, ma se me lo chiedi a meno di 30 centimetri di distanza perchè la tua mole avrebbe bisogno di un anfiteatro per consentirti di deambulare in piena libertà e guardandomi come un'estetista guarda le sopracciglia di Lourdes Ciccone, sappi che da me non avrai risposta. 
O quantomeno non una risposta sincera.
Vengo e mi spiego. 
Intanto siamo in Italia, e chettelodicoafare, non ho bisogno di aggiungere altro.
E poco me ne frega se tu sei andato in Botswana a guadagnare 3000 euro al giorno grattando i capezzoli alle iguana.
Intanto perchè dovrei raccontarti i fatti miei senza ca ti canusciu [cit.].
E poco me ne frega se siamo conterranei.
Intanto ho ancora 22 anni, e ok darsi da fare, però ce ne passa ad essere bamboccione.
E poco me ne frega a che età tu sia andato via da casa.
Personalmente non ho mai avuto grandi manie di arrivismo in campo lavorativo. 
I miei desideri, riguardo al futuro, sono cresciuti e cambiati in base alle varie ere storiche della mia esistenza. 
Anzi in base a quelle che erano e sono le mie passioni del momento.
Da bambino era illustratore di fumetti, adesso è scrivere, fra qualche anno potrebbe essere l'addestratore di giraffe.
Capite da voi che, avendo io la precarietà mentale di Paris Hilton, non posso esprimere con sicurezza quello che vorrò fare. 
E se avessi la sicurezza, sarebbe come chiedermi quante volte faccio sesso in un mese. 
Lo so io e poche altre persone.
So però per certo che poco mi tange essere a capo di tutte le terre emerse comprese le 12 miglia di mare territoriale e i fondali, o avere un ufficio con a capo 300 persone che pendono dalle mie labbra al sapor di burrocacao alla menta. 
Vorrei un impiego soddisfacente, che, anche se non dovessi guadagnare quanto Madonna ad ogni scoreggia, mi consenta di vivere in maniera dignitosa, e mi lasci il tempo di godere della mia vita, degli affetti e degli hobbies. 
A fine serata, portandomi a casa, Amor mi ha spiegato lo sguardo del suo amico simile a quello di parroco che sente un rutto durante l'omelia, raccontandomi del suo lavoro e del suo arrivismo.
Da quella sera ho un unico pensiero a riguardo: l'arrivismo è per gente brutta.

67 commenti:

  1. Eh boh... Io una volta avevo degli obbiettivi sul mio futuro da " veterinaria" poi ho preso altre mille strade e adesso ho smesso di farmi dei progetti a lungo termine... Però ad una mia amica che so essersi organizzata praticamente tutta la vita continuO a chiederglielo: ma poi cosa vuoi fare?...sono più che altro curiosa di sapere come se la vive lei, non è cattiveria, è per avere un confronto... Ma non risponde mai in modo chiaro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. probabilmente lo fa per scaramanzia, oppure la pensa anche lei come me, no?
      essendo sua amica lo trovo lecito ma da qualcuno appena conosciuto.... nzomma XD

      Elimina
    2. Si infatti almeno la conosco da tanto...

      Elimina
    3. io non lo avevo mai visto in vita mia XD

      Elimina
  2. Ora, a parte che al mare co' sto caldo le lenti a contatto non te le devi mettere perché fa male agli occhi, e caro mio Pier mi spiace ma ci vai con gli occhialini al mare, che tanto ce li hai pure nella foto del profilo blogger e sono fighi e ti stanno bene,

    a parte questo, dicevo: anch'io odio chi mi fa 'sta domanda. Lo odio perché non so rispondere. Lo odio perché mi fa sentire indeciso, insicuro, impreparato, volubile, illuso. Quindi, forse, dovrei odiare più me stesso per essere tutte queste cose, che la persona che chiede.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ale, scusa, chi ha parlato di mare .-.??
      mmmm personalmente non mi odio per essere indeciso, anche perchè se devo decidere, decido... detesterei essere troppo deciso, specie perchè sicuramente prima o poi cadrei e mi farei più male :)

      Elimina
    2. Credo sia difficile, oggi come oggi e nella situazione nella quale ci troviamo un po' tutti, non essere indecisi, insicuri, impreparati, volubili ed illusi...
      A noi spetta costruirci un futuro in qualche modo.
      "In qualche modo" ci deve spaventare... altrimenti non ci sentiamo neanche spinti a soddisfare i nostri obiettivi...

      Che poi in questo paese non ci siano neanche gli strumenti per rincorrerli, questi obiettivi, è ovvio e triste...

      Elimina
    3. è il mio stesso pensiero, ma di certo andarsene altrove non è una opportunità per tutti attuabile...

      Elimina
    4. Hai ragione Pier, non hai parlato di mare! :/ L'ho dato per scontato, son sonato :)

      Elimina
    5. Tranquillo, mi hai messo il dubbio XD

      Elimina
  3. Secondo me c'è da fare una distinzione tra arrivismo e ambizione. La prima fa male, la seconda no.
    Ma questo Amor chi è?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, è che per questo ragazzo tutti dovrebbero puntare al massimo, in ogni caso, per questo ho parlato di arrivismo e non ambizione o determinazione, lo sguardo era quello :)
      il mio ragazzo XD lo chiamo sempre così...

      Elimina
  4. davvero.. ma un pacchetto di "cacchi sui"??? non lo sa che si campa più a lungo...? bacione pier!

    RispondiElimina
  5. Che palle quelli che fanno mille domande! Che poi non vedono che non rispondi apertamente, ma che giri intorno al discorso. Si dice una tazza di cavoli propri, ma qui ci vuole un'insalatiera...
    Io avevo un idea sul futuro, è svanita col tempo, viviamo in un periodo difficile economicamente, tutto cambia in pochi mesi... Bisogna rimanere umili e cambiare progetti ed adattarsi.
    Io però pretendo tanto da me, ma non sono arrivista, voglio impegnarmi e crearmi una carriera che mi dia soddisfazioni, nel rispetto della mia persona e degli altri.
    Un bacio ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. esatto, senza però rinunciare a quelli che sono i piaceri personali... certamente se non mi trovo lavorativamente al 100% posso essere soddisfatto in altro, ma viceversa la vedo dura :)

      Elimina
  6. Gli arrivisti un po' brutti lo sono davvero. E comunque domande così non si dovrebbero mai fare in Italia. Non siamo mica in Botswana, qui, che ognuno si sceglie il lavoro che preferisce!

    RispondiElimina
  7. Ma un piatto di cazzi propri mai??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. di mangiare, mangia! sarà una pietanza che non gli piace XD

      Elimina
  8. L'arrivismo l'è una brutta bestia! :D
    Ma la gente i caxxi suoi quand'è che imparerà a farseli? Mai mi sa!
    Da donna "vissuta" posso dirti che avevo sogni nel cassetto che poi sono rimasti tali, perché la vita non ti aiuta a realizzare i sogni, men che meno se sei in Italia, ma non ti dico questo per buttarti giù, no tutt'altro. Ho iniziato a lavorare in un settore che avevo sempre odiato ed ora sono ben 5 anni che faccio questo lavoro, e stress da mole di lavoro a parte, sto benissimo e mi sento davvero fortunata. Anche se non sono diventata una regista, sono felice ugualmente. E auguro anche a te di trovare la felicità lavorativa, anche se non sarà quello che hai sempre sognato, ti auguro tanta soddisfazione. E sai perché te lo auguro? Perchè non sei un arrivista ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara :) che bel messaggio!! Lo spero davvero... Un bacio ^.^

      Elimina
  9. Un po' di progettualità nella vita secondo me non guasta. Poi fare progetti, condividerli e informarsi su quelli degli altri è bello, mettersi a dire cose tipo " ah io farò questo e quello" dando ad intendere che tu che non l'hai ancora fatto o che hai meno ambizioni o hai le idee ancora un po' confuse sei un povero sfigato non è bello per nulla.
    Poi ti capita che il tizio che conosci all'università e che ti dice nell'ordine: quanti esami ha fatto, quel'è la sua media, che lavoro stratorferico farà da laureato e solo due giorni dopo come si chiama diventa uno dei tuoi migliori amici....
    La vita è strana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, mi è capitata gente così all'università che poi si è rivelata gentilissima e corretta :)mah missssstero :)

      Elimina
  10. Io ho sempre risposto "la contorsionista"... e funzionava, poi non seguivano altre domande :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti prego posso usarla anche io come risposta XD?? Soprattutto al femminile *-*

      Elimina
  11. Bah visto quello che studio io, lavoro in Italia non lo troverò mai! Ed ora non saprei neanche cosa fare dopo la laurea.
    Quindi le risposta che uso più frequentemente sono: me ne vado via/quello che troverò, sempre che trovi qualcosa/non so-non risponde.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sto facendo una specialistica di biologia molecolare, tra poco ho finito (non avere più voglia) :)

      Elimina
    2. ahahah pure io me so scocciato... in spagna credo che i biologi si trovino bene :D

      Elimina
    3. Bah, penso si trovino bene NON in Italia :)
      Poi alla fine mi adatterò a quello che viene! :)

      Elimina
  12. hai ragione sulle sopracciglia della figlia di Madonna ihihi
    Secondo me è una domanda banale, quando qualcuno la fa in realtà non è interessato a sapere la risposta ma è pronto a raccontare che bel lavoro ha, che sta facendo quello che sognava etc etc... per menarsela insomma. Io ho 25 anni una laurea triennale, quasi una magistrale, lavoro da più di un anno in una boutique e non ho la minima idea di cosa fare il giorno dopo la mia laurea (sarà a dicembre). probabilmente non quello per cui ho studiato... poi con i tempi che corrono bisogna reinventarsi. magari andrò a fare la manicure... chi lo sa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti io non ripropongo quasi mai le stesse domande anche per non sembrare indiscreto... Dai al massimo finiremo a far le sopracciglia a Lola XD

      Elimina
  13. Siccome non credo tu voglia entrare nella categoria "brutta gente", non seguire i consigli "dell'arrivista"! Fai il tuo percorso di vita, le tue scelte, i tuoi errori è il solo modo di trovare la tua strada. (Quanto mi irritano questi che sembrano avere tutte le risposte!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La categoria per quanto mi riguarda è " gente brutta " XD. Comunque grazie :) ci proveró

      Elimina
  14. Io ho 33 anni e ancora non so cosa farò da grande ;P

    RispondiElimina
  15. ho riso parecchio leggendolo! volendo ti procuro una giraffa..
    io sono al terzo anno di uni e non ho più voglia.. ma soprattutto odio chi parla solo di uni.. ma cazzo sei in giro, svagati.. cosa mi parli degli esami o di cosa vuoi fare.. io non sono uno che guarda al futuro, preferisco rattoppare il presente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. adoro le giraffe *-*
      anche io li odio parecchio, mi sembra gente che non pensa ad altro, mentre io cerco di vivere a compartimenti stagni...

      Elimina
  16. Personalmente credo sia giusto avere dei sogni...idee chiare? no meglio di no, si rischia di rimanere delusi. Non commento il resto, però posso solo dirti che ti devi godere la tua età coltivando appunto sogni. E so che su questo sarai d'accordo con me :)
    PS: vieni a farti un viaggio a Torino come sogno :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sicuramente i sogni ci sono, ma in diversi ambiti della vita :)

      ahahahha mi stai affibbiando sogni che potrei non avere XD

      Elimina
    2. lo so però io inizio a metterti il tarlo nella testa :D Io abbastanza bene, ennesimo pacco oggi e per far incastrare più cose rischio di rimanere a casa. Ma non importa, umore alto e tu?

      Elimina
    3. esatto, cerchiamo di tenere alto l'umore :D

      Elimina
    4. alla fine sono uscito, con amici. Al tipo farà bene essere rimasto a casa la sera, dopo avermi dato pacco il pomeriggio. Buongiorno

      Elimina
    5. hai fatto bene XD così impara u.u

      Elimina
  17. sentirsi domandare che cosa si vuole fare "da grandi" è veramente una delle classiche domande che infastidiscono!
    specie se fatte da estranei!
    e comunque chi lo chiede, lo fa pure sadicamente di solito, sapendo che è una domanda antipatica! uff che scocciatura!

    e quando i secchioni ti chiedono quanti esami ti mancano pur sapendolo benissimo?! da ghigliottina!

    buona domenica, Gaia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. esatto mi sembrava fatta con molta malizia, anche per questo mi sono chiuso...

      quella degli esami è ancora peggio -.-

      Buona domenica a te...

      Elimina
  18. L'arrivismo non ha mai entusiasmato neanche me...si ai sogni, ai progetti, al desiderio di fare della propria vita ciò che desideriamo...certo la vita non te la fa facile, te lo dice una che brancola nel post laurea e spesso si sente presa in giro da questa società, ma le idee di fondo non le mollo...poi il realismo fa la sua parte...chi fa l'arrivato ha probabilmente avuto l'occasione giusta al momento giusto, forse era più determinato, chissà, ma di certo questo non deve farti smettere di avere i tuoi progetti e le tue aspirazioni...a 22 sarebbe sacrilego non farlo...io a dir la verità, a 22 anni mi preoccupavo di pianificare delle belle serate con i miei amici e di godermela finché ce né...pensa te...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco io sono abbastanza realista comunque, quindi non mi faccio molti castelli in aria, ma sicuramente continuo con le mie idee :)

      Elimina
  19. Ehi, mica è detto che farai una cosa sola!
    la vita è piena di sorprese, e ti scombina le carte... però farai di sicuro qualcosa di bello
    :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e se me lo dice qualcuno che adesso si trova in Cina ci credo :*

      Elimina
  20. Quella non è una domanda, è una tortura: per secoli l'hanno fatta anche a me e ogni volta, per sfizio, rispondevo una cosa diversa. Il fatto divertente è che - ancora adesso - c'è chi mi chiede: ma cosa ti piacerebbe fare, poi? Perché, quello che faccio adesso non va bene?? Bah!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. arriverà dritta dal medioevo D:
      o_O della serie " hai ancora intenzione di continuare con questo lavora da sfigata?!!?!"! certa gente non ha contegno!!

      Elimina
  21. Ma finchè ti chiedono cosa vuoi fare da grande è già qualcosa che ti permette pure di inventare cazzate.
    la cosa più odiosa è questa:
    Persona.insignificante: "Cosa studi?"
    io: "Psicologia"
    Persona.insignificante: "ma ti conviene?"
    Io:" O.o in che senso?"
    Persona.insignificante: " con questa laurea troverai mai lavoro?"
    io: "......."
    certo perchè gli ingegneri, i dottori, i matematici, i filosofi, i professori e tutti gli altri li chiamano personalmente uno a uno e li costringono a lavorare, vero?
    ogni volta rimango sconvolta dalle osservazioni della gente.
    un saluto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahaha incredibile XD
      "e ti conviene fare qualcosa che ti piace?" che domanda è o.o?!

      Elimina
  22. Oh Pier..ti capisco(e ora sta per uscire la donna vecchia e saggia)anche a me lo chiedevano..Prima ai tempi del liceo(ed io rispondevo,non so,lavoro e studio..penso..)e poi dopo la prima laurea (non so..lavoro e se riesco studio)..e ora mi chiedono "cosa cavolo ci fai co 'sta laurea?" Me lo chiedo anch'io 0_____________0 Niente.Non in Italia almeno. Al confine in entrata per l'italia dovrebbero scrivere "lasciate ogni speranza o voi che entrate".Ma io ho più di trent'anni Pier e per me è diverso.Quando tocchi i trenta (e sei donna)tutti si aspettano che le idee nella tua testa,siano chiare,che hai già un lavoro,una vita avviata,una famiglia magari ecc ecc.Invece no.Per questo ti chiedono "cosa fai?Cosa farai?".Il "cosa vuoi fare"non si usa più,dopo una certa età,anche perchè è da sciocchi chiederlo,soprattutto di 'sti tempi e in Italia,dove il "vuoi"non esiste proprio.Ti direi di fregartene e ti dico che te ne fregherai,col tempo(io non me ne frego ancora ma va beh,sò un caso a parte). Però non prendertela sempre ok?E' che per certe persone son solo domande "così",le solite che si fanno a quelli che studiano.Infatti le si ripete a cadenza(fine elementari,fine medie,fine liceo,università ecc).Per questo,Pier,te la porranno altre volte in futuro - preparati -. Io ammiro alcuni ragazzi che conosco,della tua età e anche meno(19-23)che sanno già quel che vogliono fare,dopo.O,meglio,quello che vogliono provare a fare.Hanno un progetto o spesso solo un sogno.E poi la vita si vedrà.Tu elabora il tuo.Ti consiglio di non disdegnare di lasciar il Paese,il paesello,la città dove vivi,per fare altre e nuove esperienze(all'amore si rimedia,credimi.E se è amore supera "quasi" ogni cosa e distanza,credimi.Ma a una vita con rimpianti,credimi,non si rimedia,mai).Ti forma,ti aiuta e ti apre nuove possibilità.Oggi la parola è mobilità.Sei giovane e non hai altre grane o impegni familiari,quindi..comincia a sognare..o,semplicemente,non tarpare le ali ai tuoi sogni..solo perchè siamo in Italia(siamo anche in Europa,per fortuna e per fortuna possiamo,per il fatto d'esser cittadini europei,uscire da questo Paese e trasferirci altrove,anche se per poco).:-)Ps: anche con gli occhiali sei un gran bel figo,quindi..se le lenti son controindicate..Ps del Ps: l'occhiale da intellettuale attira moooooooolto;-)Amor dovrà stare attento..ma tenerlo un pò sulle spine male non fa..è "stuzzicarello";-)Scusa il commento lunghissimo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Figurati :) puoi scrivere quanto vuoi XD
      si, me ne frego alla fine! sono molto pragmatico, ma se ho un sogno lo seguo in tutti i modi che ho a disposizione... al momento non ne ho uno in particolare ed ho altre impellenze, ma in futuro chi lo sa :)
      spero si sia colta l'ironia, la domanda " che vuoi fare dopo la laurea?" me la son sentito fare e me la sentirò fare spesso, mi ha colpito piuttosto il modo e ne ho fatto un discorso generico :D
      ahahaha grazie, gli occhiali sono suoi, mi sa che non me li farà provare più XD

      Elimina
  23. Domanda che anche a me ha sempre messo in difficoltà. Ma che panegirico per una domanda, a mio parere innocua. Poi forse, il tizio ha invece toccato un nervo scoperto e ti ha fatto reagire con questo panegirico appunto. Ma da lì a definirlo arrivista e "gente brutta"... bah, mi sa che stavolta sei stato un po' ipersensibile ;)

    Sulle domande sul futuro e l'arrivismo c'è un libro godibilissimo che ti consiglio. Ne avevo parlato qui:
    http://hereinthecloset.blogspot.it/2011/05/che-ne-e-stato-di-te.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ehmm io ci ho fatto un post relativamente corto, Harstad ce ne ha fatto un libro, ed il mio sarebbe un panegirico XD?
      scherzo, è ovvio che la questione mi tange, altrimenti non ne avrei scritto, come di tutto, del resto, su questo blog. Ho cercato di cogliere, da una situazione particolare e recente, il lato più generico su quello che penso riguardo il mio futuro. Ho infatti parlato anche di ciò di cui mi piacerebbe occuparmi, non mi sono soffermato sulla domanda per come è stata posta...
      Arrivista l'ha definito qualcuno che lo conosce meglio di me, non io :)
      comunque non so se l'hai notato, ma tutto il blog tende ad essere esasperato, o in senso o nell'altro... si gioca, si ironizza, pur parlando di cose reali, spero che questo sia chiaro!!

      Per il libro ti ringrazio, sembra davvero interessante, ho letto i brani che hai tratto e mi ci ritrovo...

      Elimina
  24. bene, dopo aver letto "SESSANTA COMMENTI" credo sia legittimo sentirsi piccole e invisibili...
    E' stato proprio a 22 anni che ho capito cosa fare della mia vita. Tipo fucilata no? E se qualcuno me lo chiedeva, pur ridendomi in faccia dopo aver sentito la risposta, sapevo che in qualche modo avrei fatto QUELLO e nient'altro...(cartoni animati NdA) Cazzo però è normale essere confusi a quest'età... soprattutto quando le prospettive che ci circondano sono tutt'altro che rosee... concludo dicendo che sono d'accordo con Cristina fregatene e inventa, a domanda del cazzo si risponde con frasi del cazzo. Cosa vuoi fare da grande? Boh conquisterò il mondo, farò l'stronauta, la barbie pilota... cose così

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Barbie pilota scala rapidamente la classifica delle risposte plausibili XD

      Elimina
    2. Ahahah ok ma l'ho visto prima io, quindi ti posso lasciare Barbie Astronauta o Barbie veterinaria XD
      Tra l'altro oggi, poco dopo averti scritto, stavo passando per i corridoi della mia scuola e non ho potuto fare a meno di pensarti dopo aver visto un poster formato famiglia di Lana del Rey... volevo morire.

      Elimina
    3. Barbie dog sitter *-*
      oddio perchè avete Lana del Rey spieccicata sulle pareti?? XD

      Elimina
  25. ...e se rispondessi con la massima serietà che vuoi entrare nella nazionale olimpica di tiro con l'arco e fare le prossime olipiadi? cioè verosimile o no, è una risposta che sciocca... di brutto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Barbie pilota ormai resta il mio preferito, ma se non dovesse venirmi in mente, le olimpiadi saranno la mia possibile risposta XD

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...