venerdì 31 marzo 2017

|Candle(s) #10|
La mia prima esperienza con le candele Heart&Home

Lo avrete ampiamente capito: amo le candele ma cambiare per me è fondamentale.
Oltre Yankee Candle c'è un mondo da scoprire, e per quanto io continui ad apprezzare il marchio voglio provare altri brand, capire eventuali similitudini o diversità, e magari trovare anche prodotti migliori. Quindi come una vera Dora L'Esploratrice, mi son lanciato a scoprire qualche novità, almeno per me e la prima della lista era sicuramente Heart&Home, il marchio inglese in ascesa anche qui in Italia. 



Da noi questi prodotti sono distribuiti dalla Clearco Home, ma mi è parso che la diffusione non sia proprio capillare. Dalle mie parti ad esempio credo siano venduti in un negozio di gadget (vi invito a fare una ricerca qui che magari trovate un punto vendita vicino casa vostra), ma quelle che ho provato le ho acquistate da Tathia.it, un e-commerce, con annesso negozio fisico qui in Sicilia, che principalmente vende cosmetici eco biologici, ma dove si trovano anche altre cose interessanti. La mia esperienza d'acquisto su Tathia posso riassumerla in tre parole: affidabilità, ampia varietà dei brand, e gentilezza. Oltre che tante offerte, infatti io avevo preso queste candele Heart&Home con il 15% di sconto, e attualmente sono al 20% fino ad oggi 31 marzo.
Apro una parentesi: ho trovato un utilizzo alle Stories di Instagram, ovvero, oltre a segnalarvi i nuovi post, anche lasciarvi qualche spoiler sui successivi. Per cui se mi seguite lì, buttateci un occhio. 


La linea di candele Heart & Home è abbastanza ampia, non solo per varietà di fragranze, divise per categorie ovvero 'Tis The Season, Cottage Garden, Country Kitchen, e Pure Bliss, che si aggiorna in base alla stagione, ma anche per diversi formati.
Abbiamo infatti le candele in barattolo grande (310gr) che durano fino a 70 ore, i barattoli piccoli (110g) fino a 30 ore, i votivi (53g) fino a 15 ore di combustione, e le cialde (26gr) che profumano fino a 8 ore. L'azienda stessa suggerisce di scegliere il formato della candela in base agli spazi che vogliamo profumare.
I costi non sono a mio avviso elevati e ho notato che sono abbastanza uniformi sui diversi siti in cui le ho viste in vendita. Si passa dai 18.99€ per le candele grandi, ai 2.20€ per le tart.
La composizione delle candele Heart&Home è segreta ovviamente, sappiamo che sono a base di cera di soia, ingrediente che dovrebbe avere una serie di qualità: oltre ad essere biodegradabile, dovrebbe comportare una maggiore diffusione della fragranza ad una temperatura più bassa. Inoltre pare che la cera di soia abbia una combustione migliore, e che non produca fuliggine (il classico bordo nero delle candele). Da più parti ho letto che gli ingredienti delle Heart&Home sarebbero 10, scelti e miscelati con cura fra cui cera di cocco (???), di palma e anche la paraffina alimentare
Il modo di uso di queste candele, così come le precauzioni, sono le stesse delle Yankee Candle: per le giare grandi e piccole basta accendere lo stoppino, per i votivi serve un contenitore e non è ovviamente possibile utilizzare la confezione di plastica in cui sono vendute, così come per le tart Heart&Home serve un bruciatore per scioglierle. 

Io ho scelto per questa mia prima esperienza olfattiva con questo brand cinque tart e un votivo. 
Le cialde sono contenute in una pratica confezione di plastica richiudibile, ma non è necessaria per questa tipologia di cera che resta compatta e dura, si sbriciola quasi per nulla e necessita di essere divisa con un coltello o un cutter. Sul retro della confezione ci sono le avvertenze e le sostanze allergizzanti.


Ma dopo tutti questi tecnicismi direi che è ora di andare alla ciccia, ricordandovi che sono mie personalissime impressioni.

Incontro di agrumi

La scorza dei limoni siciliani e una punta di lime si combinano con l'essenza di olio di arance dolci per creare una stupenda profumazione agrumata.
Se vai a Palermo non toccare le banane, ma se vai in Sicilia non scherzare con gli agrumi.
Quando ho scelto questa tart agrumata di Heart&Home ho pensato proprio questo. Volevo vedere se fosse gradevole e in grado di ricordare il frutto. Ricorderete che Orange Splash di Yankee Candle non mi era piaciuta affatto, al punto che io ho ancora un pezzo di quella tart che non ho avuto voglia né sono riuscito ad usare.
Questa di Heart&Home per me è più gradevole, più dolce, più armoniosa e meno sintetica. Al mio naso sembra una profumazione agrumata con delle note come di pesca, non so come mai. Credo che sia la parte più dolce, che comunque non risulta stucchevole.
La persistenza non è altissima, diciamo un tre ore, ma bastano degli odori da cucina ad esempio per coprire tutta la fragranza.
L'intensità di un quarto di tart è media, tant'è che non si diffonde proprio per tutta casa, ma si distingue abbastanza nettamente. Il quarto di tart lo tengo acceso circa 4 ore (come le Yankee), dopo di che secondo me l'odore cambia, si avvertono maggiormente queste note dolci di cui sopra, senza però diventare cerosa o sgradevole, ma più banale come profumazione. Oltre le 4 ore mi pare non profumi più.
Come vi dicevo, per me è stato un esperimento, per capire se fosse una profumazione che valesse, e devo dire che, nonostante non sia la mia preferita, la trovo accettabile, lontana dal reale profumo di agrumi, ma buona

Vero Incanto


Un profumo che suscita battiti d'Amore e romanticismo, con un tocco di dolcezza e passione.
Una fragranza decisa e femminile, questo ho pensato la prima volta che ho acceso Vero Incanto
La fragranza è sicuramente su un versante floreale, direi quasi un bouquet in cui secondo me spiccano gardenia e rose. Io non amo le rose di per sé, ma qui stanno bene, perché sono in mezzo ad altre note e sono mischiate in maniera gradevole. Non è una profumazione super fresca, ma credo si adatti bene ad ogni stagione. La candela diffonde bene la fragranza, e come persistenza siamo nella media con le altre cialde. In qualche ora sparisce qualsiasi odore nell'aria.
Anche con questa fragranza il pezzetto di tart che in genere sciolgo dura circa 4 ore. Una volta riacceso (o comunque tenuto maggiormente acceso) il profumo mi sembra ancora gradevole, ma più blando, meno ricco. Tirando le somme, Vero Incanto per me è promossa come fragranza in sé, non ha qualcosa di assolutamente originale, ma potrei riacquistarla.


Estasi d'Oriente

La fragranza confortante del legno di Oud si fonde con le note ispirate dal sentiero delle spezie orientali per creare questa inebriante profumazione.

Questa fragranza Heart&Home, sulla carta doveva essere perfetta per me, visto che io ormai sono devoto a tutte quelle candele che profumano dal neutro al legnoso, e maschile. Annusandola da spenta infatti segue perfettamente la descrizione: delle note di legno arricchito da note speziate. Una volta accesa la fragranza diventa più dolce. Non che automaticamente si trasformi in un cupcake alla vaniglia, non è stucchevole o sgradevole. Semplicemente secondo me i signori di Heart&Home hanno una visione del legno di Oud un po' più zuccherina rispetto ad esempio a quella di Yankee Candle. Per sentire questa Estasi d'Oriente così come la sento annusando la cera da spenta, bisogna aspettare un po', ovvero dopo circa un paio di ore di combustione (o dopo una riaccensione), quando le note dolci scemano e le note di legno diventano più percepibili, diventando appunto una fragranza maschile e più amara, almeno al mio naso.
L'intensità è media, non altissima, e la permanenza nell'aria non è duratura. Anche qui, una buona profumazione.


Sogno di Gelsomino


Il profumo travolgente dei fiori finemente profumati del Gelsomino e dei piccoli e gentili accenni della Violetta e della Rosa, che rendono la fragranza dolce e raffinata
Nonostante loro la definiscano una fragranza dolce, per me Sogno di Gelsomino è più una candela dalla profumazione floreale e fresca. È una di quelle candele che però accenderei in qualsiasi stagione per via del fatto che, ad una base di gelsomini io avverto davvero quegli accenti decisi di violette. Non ci sento la rosa, per fortuna. Quindi fresca e floreale allo stesso tempo. 
Mi ha colpito il fatto che il gelsomino sia stato riprodotto in maniera molto fedele all'odore della pianta dai fiorellini bianchi e non in modo sintetico o chimico. Anzi, per me, è stato come aprire un cassettino dei ricordi.
È una fragranza dalla media intensità, e con questa profumazione secondo me va bene o sarebbe troppo penetrante, e si diffonde più o meno come le altre di questo marchio. Se da un lato Sogno di Gelsomino mi è sembrata avesse una migliore persistenza rispetto le altre tart, dall'altro lato ho notato che il quarto di cera che sono solito bruciare ha avuto una durata leggermente inferiore ciò dopo circa due ore abbondanti di combustione (o se la riaccendete) secondo me non si avverte più nell'aria se non in maniera molto flebile e più vicino al bruciatore.
È una variante che sinceramente riprenderei.


Petali di primavera

Fresca, delicata e meravigliosamente leggera, è la nuova fragranza dolce e setosa dei fiori di bergamotto e lathyrus

Fra tutte le tart questa Petali di Primavera è stata quella che mi ha lasciato più perplesso da spenta, perché mi sembrava molto sintetica, al limite del detersivo per i pavimenti, essendo una fragranza floreale. Non che questa caratteristica la rendesse sgradevole, ma sicuramente più pungente e meno armoniosa delle altre che ho provato.
Una volta accesa mi è parso che questa sinteticità si attenuasse. È sicuramente una candela dalla profumazione fresca, femminile, con una punta effettivamente dolce, tutto sommato piacevole al mio naso. Sa proprio di primavera.
Fra le candele Heart&Home che ho provato mi è parsa quella con la migliore diffusibilità nell'aria, tanto da arrivarmi un po' per tutta casa. Inoltre mi è parso abbia una buona permanenza una volta spenta, maggiore rispetto alle altre cialde.
Per mio gusto Petali di Primavera è promossa, ma secondo me ancora meno originale di Vero Incanto.


Morbido Cotone


Rilassante, candido e morbido come un bebé. Il suo profumo vi avvolge con l'aroma confortante e vi riporta a preziosi ricordi
Non potevo non provare una candela anche se nel formato più piccolo, per vedere non solo come si comporta la cera, ma anche quanto avrebbe profumato. Ho scelto quindi questa Morbido Cotone, della linea Pure Bliss, che dalla descrizione mi aveva convinto.
La prima cosa che posso dire è che la confezione dei votivi secondo me è un po' inutile, per quanto sia carina. A me è arrivata leggermente rotta, ma in ogni caso mi sembra plastica in eccesso inutile. Preferisco la classica pellicola; ma a parte questioni meramente tecniche, anche la fragranza non è stata per me il top. Anzi direi proprio che questo votivo è stata la delusione del brand. Da spenta la profumazione mi è piaciuta. Sa un po' di saponetta, o comunque di ammorbidente, risulta abbastanza sintetica ma tutto sommato è una profumazione su cui pensi di andare sul sicuro. Fresca ma aromatico, con qualcosa di dolce. Una volta accesa però non sentivo praticamente nulla. Un po' di profumo lo avverto solo nelle vicinanze della candela, ma se mi sposto un metro più in là non sento più nulla. Inoltre mi è parso che se per Petali di primavera la tendenza a risultare chimica diminuisce una volta accesa, con questo Morbido Cotone si mantiene se non addirittura si accentua.
Devo però dire che effettivamente la cera si scioglie bene, più lentamente rispetto alle candele in sola paraffina, e lo stoppino è di qualità tanto da non puzzare se lo si spegne soffiandoci su. Consiglio però sempre di spegnere le candele facendo immergere lo stoppino nella cera.
Comunque per me è un no: sintetica e poco armoniosa, semplicemente non mi è piaciuta. Ho finito il votivo non lo riacquisterei.


Tirando le somme posso dire che la mia esperienza con le candele Heart&Home è stata positiva. Ammetto che nel mio caso, avendo provato tante fragranze, è un po' difficile sorprendermi con qualcosa di nuovo ed esclusivo, ma la linea di per sé mi sembra varia ed in grado di accontentare molti gusti. Non le ho trovate eccessivamente invasive, l'intensità è simile per quasi tutte le fragranze, ma ho notato che manca una certa persistenza una volta spente e che non mi pare il profumo si propaghi meglio di altre tipologie di cera.
Fatemi sapere se conoscete questo brand, se lo avete provato qualcosa. A presto!





lunedì 27 marzo 2017

{Aggiornamento #64}
Voglie e graffi




Ho voglia di una sorpresa, di qualcosa di nuovo, inaspettato.
Di osservare i gesti di mani che non conosco. 
Di un viaggio, verso un posto che non conosco e se lo conosco ho voglia di riscoprirlo, di camminare su strade nuove.
Dell'aria fresca di una stazione ancora vuota. Di svegliarmi in una stanza non mia.
Ho voglia di un letto accanto ad una finestra. Della luce di una stanza bianca. 
Di una colazione lenta al bar. 
Di ritrovarmi in un profumo che avevo dimenticato e affezionarmi ad uno nuovo, legarci qualcosa che dimenticherò e avrò voglia di scoprire ancora.
Di più serenità, e non di città blindate, bloccate, spaventate.
Dello scodinzolare di un cane.
Leggerezza, e tempo per pensare e più cose su cui farlo. E avere il tempo di decidere che puoi sprecare tempo.
Vorrei che gli operai della casa accanto posassero i martelli, visto che non hanno saltato nemmeno il week-end.
Vorrei ritrovare la costanza con le cose e le persone. O forse impararla da zero.
Vorrei imparare nuove cose anche sbagliando. E imparare a rimediare agli errori fatti. 
Leggere un libro che mi rapisca dalla prima all'ultima pagina.
Ho voglia di creare, costruire arredare, colorare.
Ho voglia di un giorno di pioggia fresca.
Ho voglia che guarisca il graffio che mi son fatto al pollice che brucia non appena mi lavo le mani, come a ricordarmi quanto sia distratto.
Vorrei la prima pagina di un nuovo quaderno per esercitare una grafia perfetta e scazzarla già alla seconda pagina. Vorrei strapparle entrambe.
Ho voglia di nuovi obbiettivi.
Ho voglia di un vaso di tulipani, di una giacca nuova, di cambiarmi.

So che se li pronunci a voce alta, i desideri non si esaudiscono, ma anche scriverli, non vuol dire che sia tutto vero, e forse vale soltanto quando solo tu sai cosa vuoi davvero.




venerdì 24 marzo 2017

|Candle(s) #9|
La mia esperienza su CandlesDirect.com

Più e più volte vi ho detto che, quando vi racconto le mie impressioni su tart o candele in genere, spero soprattutto di aiutare chi non può acquistare in negozio ma deve necessariamente fare ordini online.
In realtà, anche io, che in genere trovo Yankee Candle in più di un negozio vicino casa, volendo provare altri marchi, mi son dovuto rivolgere al web.
Ovviamente esistono centinaia di siti su cui acquistare, lo stesso Amazon funziona bene, ma qui siamo sempre in cerca dell'offerta migliore e del miglior servizio quindi tocca un po' scavare.
Il sito che ho provato io si chiama CandlesDirect.com

Risultati immagini per candlesdirect logo

È un sito inglese, da cui ho acquistato diverso tempo fa, ma con cui ho avuto una esperienza non proprio positiva di recente, ma andiamo per step (senti come sono madrelingua oggi!).
Tempo fa infatti il sito era diviso in due sezioni una dedicata solo alle Yankee Candle, e una dedicata sia a Yankee Candle che ad altri brand. Poi hanno capito che era un po' stupido avere due siti per vendere la stessa roba e da Febbraio 2017 li hanno definitivamente uniti. 
Per quanto riguarda il sito stesso, questa fusione non ha comportato alcun cambiamento sensibile. Il sito è rimasto ben suddiviso non solo in tipologia di prodotto ma anche per brand,  è scorrevole, con una grafica semplice e non dispersivo. Non amo il modo in cui vengono inseriti i prodotti nel carrello, ma non è poi un grosso problema. Ci sono tantissimi brand tra cui non solo marchi di candele e profumazioni per ambiente, con tutto il cucuzzaro di accessori, ma anche qualche prodotto per la cura della persona, come ad esempio Burt's Bees.
Registrarsi e creare un profilo è davvero facile e vi consiglio di iscrivervi alla newsletter perché ci sono sempre offerte interessanti.
I metodi di pagamento sembrano accogliere quasi tutte le necessità: si passa infatti dalla carta di credito, al sistema Paypal. Manca il contrassegno. 
C'è però un premio fedeltà con cui più acquisti e più guadagni punti che puoi utilizzare per ottenere degli sconti: esattamente ogni 10 sterline spese, guadagni 50 punti fedeltà che equivalgono a più o meno ad uno sconto di 60 centesimi di euro. Sul sito è spiegato tutto. 
Ma cosa mi ha spinto ad acquistare su CandlesDirect?
Non solo i prezzi abbastanza convenienti delle candele stesse (noterete ad esempio le tart Yankee Candle a 2€) ma le spese di spedizione che ammontano a circa 3,50€ (2,95£) per ordini entro le 24.99£, e di circa 11€ (9.99£) per ordini superiori alle 25£. 
Tutti i passaggi dell'ordine vengono notificati tramite e-mail, ma la spedizione non è tracciabile, ed avviene tramite posta, motivo per cui chiunque abbia un postino stronzo negligente, o generali problemi nel ricevere pacchi tramite posta, può pure interrompere qui la lettura. 

Come vi dicevo, il mio primo ordine su questo sito risale ad un po' di tempo fa, ed esattamente al luglio del 2016 e sinceramente non ricordo inconvenienti. Ho inoltrato l'ordine l'11 Luglio 2016 ed già il giorno successivo era stato spedito, per giungere poi nelle mie mani (vi ricordo che abito in Sicilia e questo comporta qualche giorno in più nelle spedizioni) esattamente 10 giorni lavorativi più tardi, ovvero il 25 luglio. 

Scusate le foto in 4K
Il pacco era ben imballato, all'interno vi era della pluriball grande a protezione e la fattura con gli importi della merce. Sul pacco è indicato il valore della merce, quindi se oltre al postino stronzo negligente avete anche vicini di casa pettegoli, cercate di regolarvi.


L'esperienza successiva però non è stata delle migliori. Con un magico salto temporale arriviamo infatti i giorni nostri. 
Come vi dicevo CandlesDirect si è fuso col suo fratello che si chiamava YankeeDirect.com, e per l'occasione il sito offriva uno sconto del 10% su tutto fino a fine Febbraio. 


Vi pare possibile che mi lasci scappare uno sconto? No way amighi.
Ne volevo approfittare, ma è stata un'amara scoperta dopo l'altra.
Intanto, nel tentativo di loggarmi al sito mi accorgo che il mio account, creato a Luglio, non esisteva già più. In realtà questa amara scoperta risaliva al Novembre 2016, quando appunto non riuscì in alcun modo ad usare le vecchie credenziali per accedere. Non ricevevo nemmeno la e-mail di recupero password, e lì ho capito che non c'era nulla da fare, quindi addio anche ai (pochi) punti fedeltà che avevo guadagnato.
Ho pensato che, non accendendo al sito da alcuni mesi, il mio profilo fosse stato freezzato, ma a nulla è servito contattare il servizio clienti: non mi hanno risposto. Zero considerazione. Mi son sentito tanto una sorellastra brutta di Cenerentola a cui il principe non presta le sue attenzioni, ma alla fine chi la vuole una scarpetta scomoda e fredda?
Quindi ho ripreso in mano le sorti del mio destino ed ho creato un altro account per sfruttare il suddetto codice sconto.
Giorno 27 Febbraio creo dunque il mio carrello colmo di profumate prelibatezze, e vado a pagare, sperando di poter utilizzare Paypal. Ma non  stato facile perché sembrava che l'operazione non finisse mai, e anzi comparivano dei messaggi di errore. Nel tentativo di far funzionare il tutto, ho aggiornato la pagina del mio ordine e lì non ho capito più nulla.
Da un lato Paypal mi segnalava il pagamento effettuato ma che restava in sospeso, dall'altro lato però sul profilo di CandlesDirect il mio ordine risultava cancellato.



Un cane che si morde la coda perché da un lato il sito non sembrava voler mollare la merce, dall'altro Paypal non voleva mollare i soldi.
Ho pensato che potesse trattarsi di un sovraccarico al sito per via delle offerte, tuttavia se volevo usufruire del codice sconto, dovevo barare: il codice infatti valeva per un singolo acquisto. Il giorno dopo ho creato così un altro account, ritentando con Paypal, ma si è palesato lo stesso problema.
Una diapositiva della mia faccia alle 11 di sera al momento di scoprire che dovevo iniziare da capo


Non so bene spiegare cosa sia successo, ma dopo poco tempo Paypal mi comunicava che aveva bloccato il pagamento, e poi mi hanno restituito i soldi. Anche qui, è stato inutile scrivere al servizio clienti.
E no miei cari amici inglesi, voi sarete stati furbi con tutta la storia della Brexit, ma io son siciliano e sono testardo. Volevo il mio ordine e così ho barato una terza volta ma questa volta pagando con carta di credito. Ordine andato a buon fine.
Il pacco viene spedito giorno 1 Marzo e raggiunge casa mia stranamente già giorno 9 Marzo.
Anche questa volta buon imballaggio, un po' ammaccata la scatola, ma merce integra.


Forse arrivati a questo punto vi starete chiedendo cosa abbia acquistato ma voglio lasciarvi con un po' di suspense perché presto arriveranno molte recensioni candelifere!
Insomma con tutti i suoi tentennamenti e blocchi, Candlesdirect mi ha fatto fare a mio avviso dei buoni acquisti e sto subodorando la possibilità di farne un terzo fra non molto. Vorrei tentare ancora una volta (l'ho detto che sono testardo?) ad utilizzare Paypal, ma pagando con carta di credito non ho avuto alcun tipo di problema. Inoltre, se dovessi avere problemi, tenterei di contattarli sulla pagina Facebook su cui mi sembrano più attivi.
E voi conoscevate questo sito? Dove acquistate in genere?
Io vi saluto, e per il resto ci leggiamo presto!








mercoledì 22 marzo 2017

|Beauty Cues: Corpo|
Review Dr. Konopka's (#2)

Ciao a tutti!
Volevo far un post smilzo ché ancora stiamo a metà settimana e tutti abbiamo il nostro bel da fare. Dopo avervi parlato un po' della mia esperienza d'acquisto da BioEmporio Natura e dei prodotti viso del Dr. Konopka's, oggi volevo lasciarvi le mie impressioni sui due prodotti corpo che ho utilizzato (e pure finito e già differenziato le confezioni, per farvi capire la puntualità) dello stesso marchio.
Dr. Konopka's ha un buon range di cosmetici corpo, fra cui burri corpo, creme, scrub e anche dei fanghi. Tuttavia il reparto detersione lascia un po' a desiderare perché tra i prodotti che il brand offre ci sono, ahimè, (notare il tono drammatico) un paio di saponi che non hanno buon INCI, per cui la scelta si riduce a due detergenti liquidi.

Dr. Konopka's - Sapone Liquido Lenitivo Mani e Corpo (Soothing Hand&Body Wash)




Fra i due prodotti disponibili su BioEmporio Natura, ho scelto quello a mio avviso più versatile, ovvero il sapone corpo e mani, da usare eventualmente anche sul viso. Ma mi dispiace dire che per me questo è un prodotto no
Abbiamo a che fare un gel denso e trasparente caratterizzato da un profumo buonissimo di lavanda e leggere note di menta, molto naturale come fragranza, non effetto bustine profuma armadio e un dispenser a beccuccio che preleva quasi tutto il prodotto fino alla fine.
Il claim dell'azienda dice
Questo sapone lenitivo mani e corpo utilizza l'essenza di erbe speciali n°54 del Dr. Konopka che ha un'azione lenitiva e un effetto idratante e aiuta a detergere delicatamente e nutrire la pelle.
Combinato con l'olio di lavanda per aiutare il rilassamento ed alleviare la tensione e lo stress.
ma su di me questo effetto idratante e di nutrimento della pelle non è pervenuto, anzi, lo trovo abbastanza essiccante.
Come detergente per le mani mi ha creato davvero delle screpolature alle nocche, cosa che non sono solito avere anche d'inverno. Come docciaschiuma ha funzionato meglio sicuramente perché il prodotto non entrava in contatto direttamente con la pelle, ma tramite la spugna, quindi veniva diluito. Comunque anche in questo modo su di me non risulta idratante ma solo meno sgrassante.
Punto a favore è che produce una buona schiuma, un po' liquida ma morbida e più che accettabile per un prodotto eco biologico, ma per me Dr. Konopka's ha floppato con questo sapone liquido e non lo ricomprerei e non lo consiglio, a meno che non siate teglie unte di lasagna.
Siete teglie unte?

INFO BOX
🔎 BioEmporio Natura, online
💸 4.90€
🏋 500ml
⏳ 12 Mesi
🔬 Cosmos Natural, Vegan
💓⇒ 🍂

Una foglia secca, al posto dei fiori di ciliegio, rende meglio il gradimento.

Dr. Konopka's - Crema Corpo Idratante Rosa e Lavanda (Moisturizing Body Cream)




Tutta altra storia è stata questa crema corpo idratante che mi è piaciuta fin dal primo utilizzo.
Appena aperto il tappo in alluminio (almeno credo, in ogni caso dà un tocco carino) di questo barattolone in plastica, ci ho trovato una crema da un leggero color rosa e con un leggero odore floreale e al tempo stesso dolce, non invadente, ma che ha poco a vedere con rose e lavanda, perché il mio naso non percepisce queste componenti. 
La texture è cremosa, ma non pastosa o grassa, direi che a contatto con la pelle è piacevolmente fresca ed emolliente, se riesco a darvi un'idea. Ve lo ricordate il Fruttolo? 20 anni fa (😰), l'ultima volta che l'ho mangiato, aveva questa consistenza. Probabilmente anche un tubo di plastica morbida andrebbe bene e sarebbe più pratico.
L'azienda ce la spiega così:
Crema Corpo Vegan idratante su ricetta del dottor Konopka, per qualsiasi tipo di pelle, con Olio di Rosa Mosqueta Bio e olio di lavanda biologica che rendono la pelle più liscia, elastica e morbida; inoltre aiutano a rigenerare la pelle e la proteggono da secchezza e irritazioni.
e le mie impressioni di questo prodotto sono molto vicine a questa descrizione. Su di me è intanto idratante, direi un buon sette e mezzo nella mia personalissima classifica di idratazione.
Intanto una crema che si stende discretamente bene, con una scia bianca commisurata appunto al potere idratante. Anche la velocità di assorbimento è legata al fatto che parliamo di una crema più corposa, ma non mi è parso ci volesse molto.
Su di me è stata come vi dicevo una buona crema idratante, e mi lasciava la pelle liscia e morbida, e cosa non da poco, questa sensazione perdurava fino alla doccia successiva. 
Probabilmente avrebbe reso ancora meglio se non fosse dovuta andare a bilanciare e ristabilire l'idratazione dopo un prodotto sgrassante come il sapone di cui vi parlavo sopra, ma così ha voluto il caso.
Così così la persistenza della profumazione sulla pelle, che dopo qualche ora svanisce.
Promossa comunque, e sebbene il dottore la consigli a tutti i tipi di pelle io direi più per pelli normali secche, ma non troppo. 

INFO BOX
🔎 BioEmporio Natura, online
💸 6.90€
🏋 300ml
⏳ 12 Mesi
🔬 Cosmos Natural, Vegan
💓⇒ 🌸🌸🌸

E così per il momento ho finito con i prodotti corpo di Dr. Konopka's, per cui adesso tocca la domanda di rito: li ricomprerei? Penso che proverei altri prodotti idratanti, soprattutto i burri corpo, ma per quando riguarda i docciaschiuma preferisco, come avrete capito, orientarmi su altro.
Adesso vi saluto, e ci leggiamo presto!






lunedì 20 marzo 2017

Coscienza e responsabilità.

Risultati immagini per Il sonno della ragione genera mostri.

Sono molto distratto ultimamente e se è colpa della primavera stiamo messi molto bene per i prossimi tre mesi. Sbadato lo sono di mio, memoria pari allo zero, ma con la mente altrove, in un altrove non propriamente fisico, reale e tangibile, non propriamente un pensiero, e questo non mi capita spesso. Anzi i pensieri stanno all'ombra
Dovrei dire che non ci sto con la testa, ma ho paura che richiediate un TSO tutto per me.
Diciamo allora che vivo uno stato di incoscienza dove i pensieri stanno all'ombra e cerco di vivere un quotidiano nel migliore più semplice possibile. 
Ma non si può vivere sempre incoscientemente che poi si vedono i risultati. 
Tipo l'incoscienza di uno stato che decide di basare le proprie finanze anche sulle debolezze della gente e non ci vuole un genio a capire che prima o poi arriva qualcuno più furbo di te, e te la fa sotto al naso. Peccato che poi il risultato di certe mosse ricada sulle spalle di tutti, che non puoi stare in un castello di carte, sperando che regga ad un qualsiasi vento.
Ci vorrebbe più coscienza quando si prendono certe decisioni. 
Ci vuole coscienza quando ad esempio scrivi online. Perché non puoi tirarti più indietro quando quello che hai scritto porta il tuo nome e ti si ritorce contro. Non puoi tirartene fuori dicendo che non ne sapevi nulla, non è che ti sei finito l'ultima fetta di tiramisù e ti scoccia dirlo perché sei a dieta.
Qui ad esempio sono il responsabile di ciò che scrivo e non sapete quante volte ho trovato nei post passati frasi senza filtro, gettate senza troppa noncuranza, magari frasi che risultavano ironiche solo nella mia mente, ma che altri potevano fraintendere. Quando ti seguono quattro gatti e due lontani parenti pettegoli non ci pensi molto, ma quando non conosci più i volti che sono dietro un numero che cresce, ti fermi a riflettere e inizi a scegliere cosa pubblicare.
Bisogna essere responsabili delle proprie scelte anche quando sei conscio delle reazioni che vai a creare, come ha fatto Bill Condon. Magari lo sapeva che Beauty and the Beast sarebbe stato censurato in alcuni paesi, come Russia e Malesia, ma alla fine ha scelto la strada che ha ritenuto più giusta, prendendosi le eventuali responsabilità.
Ci vuole coscienza anche quando diamo un consiglio a qualcuno, perché in un mondo che ci vuole come marionette sorridenti, il consiglio più responsabile e coscienzioso, è di essere se stessi, accettare anche una giornata di broncio e magari un giorno potrete festeggiare insieme la stessa felicità.

Buona settimana.








venerdì 17 marzo 2017

|Beauty Cues: Capelli|
Routine #8 (Vitalcare Natural Bio)

La mia amica Rory ed io abbiamo concordemente deciso che fosse arrivato il tempo per una nuova hair-care routine completa.
Che poi chiamatela hair-care routine, chiamatela review, chiamatela come vi pare, è tutta una scusa per parlare dei nostri prodotti per capelli, di cosa ci è piaciuto, e di cosa invece avremmo fatto volentieri a meno. 
Come avrete letto dal titolo i prodotti che ho utilizzato sono tutti di Vitalcare Natural Bio.


Vitalcare è un brand made in Italy, anconitano per l'esattezza, distribuito e prodotto da SO.DI.CO Srl, ovvero la stessa azienda che produce anche marchi come NaturaVerde Bio.
Sicuramente vi sarà capitato di vedere fra gli scaffali di qualche supermercato i prodotti per capelli di Vitalcare, il marchio però è balzato alla mia attenzione quando circa 2 anni fa ha creato una linea ecobiologica. Questa linea si chiama appunto Natural Bio e, come dichiara il claim dell'azienda, i prodotti non contengono ingredienti come sodium lauryl sulfate (SLS) e il sodium laureth sulfate (SLES) ma anche siliconi, parabeni e petrolati. 
La linea è composta da cinque referenze, ma io ne ho scartate due: il balsamo, di cui avevo sentito recensioni negative, e i cristalli liquidi bio, che gli oli non sono proprio Best Friend Forever con i miei capelli, salvo che come impacco.
La linea è studiata per essere rinforzante e idratante quindi sarebbe dovuta essere perfetta per i miei capelli secchi e per la mia cute sensibile ma vediamo in dettaglio i prodotti.

Vitalcare Natural Bio Shampoo Fortificante

vitalcare natural bio shampoo

Ad aprire la strada verso una routine firmata Vitalcare è stato certamente lo shampoo che mesi addietro era allegato in minitaglia con una rivista. Ed è nota la mia passione per le minitaglie.
In foto ne vedete due perché ci fu una seconda uscita con un altro giornale quindo mi ci ero fiondato perché in certe cose sono proprio sveglio.
Questa linea ha solo uno shampoo e l'azienda non indica per quali capelli è adatto e già questo mi aveva insospettito, perché un solo prodotto non può garantire di risolvere tutte le necessità di tutte le tipologie di capelli. Ma andiamo oltre.
Lo shampoo è un gel fluido e trasparente. L'odore è fresco, direi leggermente agrumato e fiorito. Tutti i prodotti di questa linea hanno lo stesso profumo che, non è il mio preferito ma è piacevole. 
Come sempre io l'ho utilizzato diluito e in questo modo produce una schiuma voluminosa e morbida
Vitalcare dice che il suo shampoo

idrata e rigenera il capello dalla radice alle punte, ridonando forza e bellezza al capello indebolito e sciupato. Risultato: i capelli sono più forti, sani e luminosi. 
Ma ecco, no.
Al primo utilizzo questo shampoo mi era piaciuto molto, per questo mi ero fiondato a comprare una seconda confezione. 
Ma col tempo e con gli utilizzi ho capito che per me è molto lavate, fin troppo per i miei gusti e per le mie necessità. Non lo definirei come lo shampoo maggiormente sgrassante ed aggressivo che abbia mai provato, ma nell'uso continuato (e con continuato intendo usandolo 3 volte consecutivamente) ho notato che mi va a seccare la cute che lavaggio dopo lavaggio sentivo più tirante.
L'effetto sui capelli non è male perché non lo trovo eccessivamente essiccante. Dà un effetto molto simile allo shampoo alla mela di Lavera per intenderci, quindi capelli morbidi, non molto districarti ma tutto sommato disciplinati e leggeri. Anzi direi che li lascia pure più condizionati rispetto al prodotto tedesco appena citato. Ma come vedete dalla confezione specifica anche che "rispetta la cute", cosa che non posso affermare per quanto riguarda la mia esperienza.
E a chiudere il cerchio questi shampoo contiene Coco glucoside, che pare ormai accertato non piaccia alla mia cute, ma è stata mia responsabilità volerlo provare.
Lo consiglierei a capelli e cute normali ma anche grassi, perché secondo me va benissimo, ad esempio l'ho apprezzato un po' di più quando dovevo rimuovere impacchi oleosi.

INFO BOX
🔎 Acqua e Sapone, Grande Distribuzione
💸 2.95€ in offerta (formato di vendita)
🏋100 ml/250ml
⏳ 12 Mesi
🔬ICEA Eco Bio Cosmetics
💓⇒ 🌸


Vitalcare Natural Bio Maschera Capelli Protettiva


La maschera capelli invece mi ha sorpreso. Partivo un po' sfiduciato perché le opinioni sul balsamo non erano buone, e io con i miei capelli secchi mi son detto, che ci faccio?! Quindi ho voluto provare direttamente la maschera a mo' di balsamo.
In realtà la stessa azienda dice
svolge un'azione districante ed idratante, rendendo i capelli morbidi e luminosi. [...] Lasciare in posa per 1 minuto. 
Quindi un trattamento istantaneo come appunto un balsamo. Io ovviamente cerco di lasciare il prodotto agire almeno 3/5 minuti, e, se ho tempo, anche di più, e questo vale in generale.
Altro punto a sfavore di questa maschera era il fatto che si trovasse in un barattolo che, nonostante il doppio coperchio di protezione, mi dà sempre l'idea che si possano formare muffe mettendoci le mani bagnate dentro. Anche qui discorso in generale.
Credo che comunque questa maschera Vitalcare potrebbe stare dentro in tubo di plastica morbida perché ha una consistenza abbastanza morbida seppur cremosa. Per capirci, è un po' più densa della maschera di Omia Laboratoires ma si distribuisce altrettanto bene.


I risultati che ho notato si avvicinano molto a quelli del claim dell'azienda in quanto mi lascia i capelli effettivamente morbidi e luminosi ma non appesantiti. Il potere districante è buono, ed in grado di ristabilire la situazione dopo lo shampoo che un pelo aggroviglia. Non mi sento però di consigliarla a chi ha capelli molto secchi magari danneggiati perché non è miracolosa e non è così idratante. Bisogna dire che Vitalcare consiglia la maschera "anche per capelli fragili o delicati" ma non fa alcuna specifica a capelli trattati o particolarmente aridi.
Il profumo come vi dicevo è lo stesso dei prodotti di tutta la linea ma delicato quindi non mi ha sembra permanga sui capelli.
Questa maschera ha superato la prova cuscino? Sì, anche nei giorni successivi i capelli restano condizionati come dopo il lavaggio.
Insomma, è sempre bello avere un prodotto di facile reperibilità su cui poter contare.

INFO BOX
🔎 Acqua e Sapone, Grande Distribuzione
💸 4.50€ in offerta
🏋250ml
⏳ 12 Mesi
🔬ICEA Eco Bio Cosmetics
💓⇒ 🌸🌸🌸


Lacca Fissaggio Leggero


E dopo un prodotto sì, un altro prodotto no. Le premesse in questo caso erano buone, perché trovare una lacca ecobiologica che funzioni non è semplice, ma andiamo per gradi.
Allora, da dove inizio?
La lacca si presenta come un qualunque prodotto fissante spray in commercio, ma non contiene gas per cui non è sottopressione. Infatti il getto non è continuo ma "a spruzzi", ma questo non è un problema, perché comunque il liquido viene erogato in modo sottile.
Anche in questo prodotto abbiamo la stessa fragranza fresca delle altre referenze.
Dove sta il problema? Nel prodotto in sé. 
Da Vitalcare dichiarano 
La sua esclusiva formula arricchita con estratti biologici di Avena e Camomilla*, dalle proprietà idratanti e protettive, dona alla capigliatura un fissaggio leggero e naturale, lasciando il capello luminoso e morbido.
ma mi pare abbiano preso troppo sul serio le parole "fissaggio leggero". Infatti questa lacca riesce a funzionare solo se per esempio voglio mettere in ordine i baby hair o qualche capello che scappa, oppure in quei giorni in cui già dopo l'asciugatura i capelli stanno in ordine senza troppa fatica, ma se i miei capelli decidono di fare i cavoli loro, questa lacca non li mette in riga. E considerate che io faccio una pettinatura morbida, su uno stile più costruito non credo possa molto.
Che poi capisco l'intento di creare un prodotto che non secchi i capelli, che li lasci morbidi e non incolli, ma lo sappiamo un po' tutti che per creare una pettinatura stabile serve un po' di texture e di "secchezza" del capello. 
Inoltre questa lacca Vitalcare tende un po' a sporcarmi i capelli se cerco di stratificare il prodotto. Aspetto positivo però è che dall'altro lato non lascia residui bianchi e non secca i capelli, ma se ho bisogno di tenuta per una intera serata o magari c'è anche solo un po' di vento o umidità, utilizzo sempre lo spray per capelli di  ECO-Cosmetics
Voglio lanciare un messaggio ai signori Vitalcare: riformulatela per favore!

INFO BOX
🔎 Acqua e Sapone, Grande Distribuzione
💸 3.45€ in offerta
🏋250ml
⏳ 12 Mesi
🔬ICEA Eco Bio Cosmetics
💓⇒ 🌸e mezzo


E così finisce la mia esperienza con i prodotti Vitalcare Natural Bio, che non è stata disastrosa ma nemmeno super esaltante. Spero che decidano di ampliare la linea con dei prodotti che non solo abbiano un buon INCI ma che siano mirati a necessità capillifere particolari.
E voi conoscevate questa linea?




lunedì 13 marzo 2017

{Recensioni Film 🎥🎬}
Il Diritto di Contare
- Moonlight -
Barriere

Sembra voluto, ma in realtà la sorte ha voluto che tutti i film di questo ultimo periodo riguardassero tematiche delicate e di spessore e soprattutto che avessero persone nere come protagonisti. Effettivamente c'è stato un po' un boom in questo periodo di pellicole simili, anche per strizzare l'occhio ad una sequela di awards. Ma a noi i pettegolezzi non ci interessano, per cui vi lascio alle mie impressioni in generale positive, ma non entusiaste.


Il diritto di contare (2016)

Titolo originale: Hidden Figures
Genere: biografico, drammatico
Durata: 127 minuti
Regia: Theodore Melfi
Uscita in Italia: 8 Marzo 2017
Paese di produzione: Stati Uniti d'America

Il diritto di contare è stato in questa tripletta il film più nelle mie corde, almeno sulla carta. Una storia realmente accaduta, la difficoltà dell'essere donne e nere negli anni '50, essere svalutate nel proprio essere, nella propria intelligenza e nel proprio talento, non solo in quanto di un sesso diverso rispetto alla "classe dominante", ma anche per il proprio colore della pelle.
Non ci si allontana molto dalla realtà quotidiana, ed anzi consiglierei di vedere il film a coloro che sottovalutano l'importanza dei diritti civili e di quanto coraggio e faccia tosta ci voglia nel progredire.


Quella del film però mi è parsa sicuramente una versione più edulcorata e romanzata delle difficoltà subite e superate dalle protagoniste, che posso solo immaginare, più alleggerita non solo dai colori sgargianti ma anche da qualche battuta. 
Questo alleggerimento per quanto mi riguarda è stata la carta vincente per cercare di dare ad una storia, che segue linearmente quanto accade un po' in tutti i film americani sulla rivalsa dei protagonisti, un po' di respiro, leggerezza e originalità. E come molti film di questo genere, si tende a strafare. So che sembra io abbia qualcosa contro il film lunghi, ma i film possono essere lunghi ma sensati e coerentemente ricchi. In questo caso non posso dire che manchi la coerenza, ma il frequente passaggio dal lato professionale, al lato personale della vita delle protagoniste mi è sembrato un modo per rendere la storia più smielata, e di arruffare quante più lacrime facili possibili.
Ecco, ne Il diritto di contare per me la soglia dell'imbolsimento, specie in certe parti, non è molto lontana. Le linee narrative, per quanto proseguano in modo costante e anzi crescente secondo me sono un po' infagottate, forse nel tentativo di darci un quadro quanto più completo.
Tuttavia però la bravura degli attori, una bella ricostruzione generale e vi dicevo, quelle battute, quella delicata ironia, fanno scorrere tutto meglio.
Mi sono emozionato? Sì.
Ho conosciuto una storia per me nuova? Sì.
Mi sono sorpreso? Non direi.

Voto 7 

***

Moonlight (2016)



Genere: drammatico
Durata: 111 minuti
Regia: Barry Jenkins
Uscita in Italia: 16 febbraio 2017
Paese di produzione: Stati Uniti d'America

Al contrario, Moonlight non è riuscito ad entrarmi dentro come speravo e come potrebbe sembrare sulla carta.
È anche questo un film sulle difficoltà incontrate dal protagonista, una storia dura che sembra non avere mai un risvolto positivo. Il ciclo della vita che lascia i suoi segni, ferite che tornano a far male, anche quando sembrano guarite.


La difficoltà però sta anche nel film stesso, che a dialoghi ricchi preferisce il silenzio di immagini e soluzioni registiche. Immagini decisamente evocative, al limite del poetico ed in grado quasi di lasciarti col fiato sospeso, ma sono appunto frammenti. Per me, per quanto possa essere rimasto colpito dalla storia che in fin dei conti non risulta inverosimile, i momenti più intensi emotivamente sono stati appunto momenti. La bellezza del film è stata, oltre alla bravura degli attori, anche quelle scelte di regia, di immagini e di inquadrature che riescono a rendere lo stato d'animo del momento.
Ho apprezzato anche il modo con cui queste tematiche sensibili sono state toccate senza risultare esasperate o standardizzate, ma con una delicata scioltezza nella loro ruvidità. Però come in Il diritto di contare si va in eccesso, qui per me si va troppo in difetto.
Se cerco di andare con la mente alla visione di Moonlight, ritrovo quelle scene di cui sopra ma non riesco ad afferrare completamente le sensazioni che mi ha lasciato. 
Lo so sembra un turpiloquio ma ho davvero faticato ad entrare in questo film. In parte credo di essere rimasto io sulla porta, in parte credo che l'accesso fosse troppo piccolo. 

Voto 7-

***

Barriere (2016)



Titolo originale: Fences
Genere: drammatico
Durata: 138 minuti
Regia: Denzel Washington
Uscita in Italia: 23 febbraio 2017
Paese di produzione: Stati Uniti d'America

Tutt'altra storia per Barriere, dove le parole si sprecano anzi ti investono. 
Per tutta una prima parte del film mi son sentito veramente investito, sopraffatto dalle parole di Troy Maxson  (Denzel Washington) che fa praticamente un monologo, o forse è meglio dire una paternale. Parla sempre, anche quando non è "in scena". Non è una parte facile, almeno a me ad un certo punto mi stava indisponendo. 


Ho detto "in scena" perché Barriere nasce come uno spettacolo teatrale e questa caratteristica è ripresa in ogni singolo aspetto, dai dialoghi appunto, alla posizione dei personaggi, al loro modo di salire "sul palco", alle inquadrature quasi fisse. E lo so che pensate che può essere palloso, ché se vai al cinema non vuol dire che volevi andare al teatro, ma non fermatevi alla prima ora del film.
Nella seconda parte infatti (per fortuna) esplode l'intensità di una storia che è più sfaccettata e che sorprende quasi rispetto alla partenza. Prende anche ritmo e corpo la storia che, rispetto alle altre due pellicole, è un quadro familiare e tocca solo marginalmente temi come l'emarginazione e il razzismo. E da che ti sembra tutto statico, a che ti inghiotte.
Emerge chiaramente la metafora delle barriere, che non sempre sono luoghi fisici, ma a volte sono persone se non addirittura noi stessi. Il film è riuscito a raccontarmi in modo emozionante e con una recitazione per me di un livello altissimo, una storia realistica, che fa male quasi sentirla. 
Viola Davis si meritava tutto il suo Oscar, ma gli altri vi assicuro non sono da meno.

Voto 8


Lo so, son tre film non esattamente spassosi ma così è andata questa volta.  Spero che le mie impressioni siano tutto sommato comprensibili, perché specie per Moonlight e Barriere non è stato facile capire il film e crearmi un'idea lineare che potesse essere messa nero su bianco.
Voi li avete visti? Che ve n'è parso?







venerdì 10 marzo 2017

|Beauty Cues: Viso|
Review Dr. Konopka's ed esperienza su BioEmporio Natura

Era il 31 Ottobre dello scorso anno quando, fra le tantissime offerte per Halloween ho deciso di approfittare del 25% di sconto offerto da BioEmporio Natura, una bioprofumeria di Parma che ha sia il sito che un negozio fisico. 


Puntavo questo sito da diverso tempo visto che ha una quantità di brand spropositata, e anche un range di marchi un po' diverso da altri siti che frequento di solito e che secondo me riesce ad accontentare tutte le esigenze e le tasche. Hanno anche una linea cosmetica a proprio nome.
Su questo e-commerce non ho nulla da dire: si naviga con estrema facilità, è semplice, chiaro, ben suddiviso in sezioni e ci sono spesso offerte invitanti.
Le spese di spedizione costano 4.90€, più o meno nella media con altri siti, e gratis da 49.90€.
Si può pagare con Paypal (ma ci sono altri metodi di pagamento) e ogni passaggio è confermato da una mail. 
Il pacco ha impiegato un po' di tempo ad essere spedito, ma considerate che di mezzo c'erano le festività dell'uno Novembre e una certa congestione di ordini viste le offerte.
Così giorno 7 Novembre il mio pacco è partito da Parma, ed è giunto nelle mie mani il 9 Novembre tramite corriere SDA
Quando il corriere ha suonato alla porta mi ha preso lo sconforto nel vedere che la scatola contenente la merce presentava un alone, chiaro sintomo che dentro qualcosa si fosse rotto (sembra quasi poetica 'sta frase). Il pacco non era però visibilmente ammaccato o rovinato (stranamente eh, ché mi arrivano certi "pacchi" nel senso meno aulico del termine) ma uno dei prodotti doveva aver subito qualche danno. 
Al momento dell'apertura l'immagine che mi si è parata davanti è stata questa

Scusate la qualità della foto ma penso sia comunque esplicativo.

Nonostante mi sembrasse tutto ben imballato, praticamente il tappo di uno shampoo si era rotto e quindi mezzo litro di prodotto si era riversato nella scatola, insozzando tutto. Ho contattato subito BioEmporio Natura, allegando le foto e spiegando l'accaduto. Devo dire che l'assistenza che mi ha fornito Roberta, la proprietaria della bioprofumeria, è stata ottima: risposte rapide e cortesia. Loro mi hanno chiesto se il tappo dello shampoo avesse dello scotch a protezione, cosa che purtroppo non c'era. Per cui si sono scusati dell'accaduto e mi hanno rimborsato il costo dello shampoo. Secondo me la colpa era da addebitare al 50% anche al corriere, non solo all'imballaggio, ma diciamo che è andata così, e tutto sommato sono riuscito a salvare una minitaglia di shampoo e soprattutto le creme non sono state contaminate.
Insomma, nonostante questo piccolo incidente, penso sia un sito valido e da cui farei (e farò) altri ordini, anche ora se potessi.
Ma cosa c'era in questo pacco?
Oltre ai prodotti Organic Shop di cui vi ho già lasciato le mie impressioni, c'erano anche tanti prodotti firmati Dr Konopka's.


Anche Dr. Konopka's è un brand low cost di cosmetici naturali, provenienti dalla Russia e prodotti nei laboratori della Eurobio Lab.
Il font e lo stile old fashioned delle etichette non sono solo una mossa di marketing, pare infatti che il brand sia nato negli anni '30, quando appunto il dottor Konopka aprì la sua piccola farmacia a Tallin in cui vendeva rimedi a base di estratti di erbe e piante medicinali. Sul sito trovate la storia più dettagliata.


Questo concetto è stato poi mantenuto per creare quella che è la moderna linea di cosmetici firmati appunto Dr. Konopka's.
Quando mi approccio ad un brand che non conosco, cerco sempre di pescare un assaggio di quelle referenze che possano fare al caso mio, che possa utilizzare in maniera simultanea e in cooperazione, e che possano darmi una idea sulla validità del marchio. Così ho scelto dei prodotti sia per il viso, che il corpo e i capelli.
Oggi mi concentro in particolare su viso che già stiamo facendo tardi. 
Purtroppo il duttur non ha pensato a creare un detergente specifico per il viso; questa è una carenza di molti brand che non capirò mai. Comunque se vi interessa sono agli sgoccioli con i prodotti di Omia Laboratoires.
Se nelle foto non vedete le confezioni di carta di alcuni prodotti, è per il piccolo inconveniente che è accaduto.


Dr. Konopka's - Tonico Viso Pelli Normali e Secche
(Moisturizing Face Toner)


Il marchio ha in linea due tipologie di tonico: questo che ho acquistato io e che appunto loro stessi chiamano tonico in due varianti (pelli secche e normali e pelli grasse) e poi due essenze di erbe, che a guardare l'INCI hanno sì degli estratti di piante, ma anche degli oli per arricchire la formulazione. Pensavo che il prodotto potesse fare a caso mio in quanto il Dr. Konopka ci dice
Questo tonico viso idratante è fatto con estratto di camomilla bio ricco di sostanze nutrienti minerali e bisabololo che contribuire a calmare e levigare la pelle.
Combinato con acqua di rose, deterge delicatamente e idrata. Il risultato sarà una pelle morbida e delicata.
Già dal profumo si intuisce che il prodotto è ricco di camomilla e meliloto, infatti se non vi piacciono gli odori di queste due componenti potete skippare la lettura, perché si avvertono abbastanza.
Come forse saprete io travaso i tonici in un contenitore con dosatore spray, e li utilizzo prima della crema, e dopo la detersione, che di star lì a sprecare dischetti di cotone non mi va. Ma in questo caso non vi so dire se sia l'esatto utilizzo perché l'azienda parla di "detersione", quindi immagino per completare anche la pulizia del viso.
Nell'utilizzo che ne ho fatto io comunque questo tonico Dr. Konopka's non mi ha soddisfatto. Appena spruzzato è piacevole, fresco (anche se ho provato di meglio) sulla pelle, ma una volta che va ad asciugarsi non sento questa particolare idratazione, anzi, sento la pelle leggermente tirante, come può fare un tonico astringente su una pelle che non ha nulla da astringere. Anche i pori mi sembrano più chiusi dopo averlo utilizzato.


Non in modo fastidioso e non ho riscontrato problemi nell'uso prolungato, ma il mio concetto di idratazione è un altro. Non avendo grandi rossori non so parlarvi dell'effetto lenitivo, ma guardando gli ingredienti immagino sia efficace.

INFO BOX
🔎 BioEmporio Natura, online
💸 4.50 €
🏋200ml
⏳ 12 Mesi
🔬 Cosmos Natural, Vegan
💓⇒ 🌸🌸

Due fiori di ciliegio per essere buoni, e perché non ho avuto diciamo problemi, ma nemmeno benefici.

Dr. Konopka's - Crema Viso Attiva Anti-Age
(Age-Defying Active Face Cream)



Tutta un'altra storia è stata la mia impressione della crema viso antiage. Dr. Konopka's ha ben quattro diverse creme per il viso: lenitiva, emolliente, nutriente e quella che ho scelto io per pelli mature (ma non si faccia dell'ironia sulla mia età).
La crema è contenuta in un barattolino di plastica, confezione che non piace a molti, mentre a me non crea problemi pur preferendo gli airless. Il profumo invece mi piace senza ombra di dubbio: è dolce e lamponoso, un po' diverso dai prodotti che uso in genere; forse può essere un po' intenso per qualcuno, ma io mi ci sono abituato presto e non mi ha mai dato fastidio.
La consistenza è un'altra cosa secondo me fantastica di questa crema, perché è una consistenza fresca sulla pelle, leggera, non grassa né pastosa o occlusiva. L'unica scia bianca che ho notato si è creata quando ho abbondato con le dosi (cosa non necessaria) ma nulla di impossibile da gestire. La crema infatti si assorbe anche in fretta. Dall'altro lato però a questa consistenza corrisponde una crema che per la mia pelle, che è normale in genere, ma d'inverno diventa più secca, specie in alcune aree, è stata ottimale per la stagione fredda. Non solo mi ha dato l'idratazione che cercavo ma mi ha dato l'impressione di proteggere bene durante le giornate più fredde e ventose. È stata una crema stupenda sia di giorno che per la notte, visto che mi svegliavo con la pelle liscia, idratata, morbida e non grassa.
L'azienda dice 
Questa crema antietà per il viso contiene essenze di erbe n°49 e n°54. Vitamine e minerali forniscono nutrimento supplementare alla pelle matura; nutre e idrata la pelle per prevenire l'invecchiamento. In combinazione con i lamponi stimola la rigenerazione e ristabilisce il naturale equilibrio della pelle, lasciandola morbida ed elastica.
Non so dirvi se la crema abbia un effetto antiage (anche se già idratare bene previene le rughe), ma posso dirvi che è un prodotto che ricomprerei e vorrei provare le altre varianti. È stata lei la crema che ha egregiamente sostituito il prodotto di Omia Laboratoires che non mi ha soddisfatto appieno. 

INFO BOX
🔎 BioEmporio Natura, online
💸 5.50 €
🏋50 ml
🔬 Cosmos Natural, Vegan
⏳ 12 Mesi
💓⇒ 🌸🌸🌸🌸

Quattro fiorellini perché pur essendo ottima, potrebbe non adattarsi a tutte le necessità e alla secchezza di una pelle matura.


Per quanto riguarda le crema contorno occhi, Dr. Konopka's ha due referenze: una che credo sia più un gel defaticante e antigonfiore, e quella che ho scelto io più idratante e appunto rigenerante. 
La crema è in un tubetto con un beccuccio sottile che permette di dosare bene il prodotto, che altro non è che una crema bianca con un profumo delicatissimo e per me non fastidioso. La consistenza è media: appena prelevata è abbastanza ferma ma poi si stende e si applica come una crema più fluida.
Su di me è stata una crema contorno occhi perfetta da giorno anche adesso che è inverno.
Io ho il contorno occhi tendente al secco, per cui necessito di una crema nutriente, e questa lo è stato, idratandomi bene la zona per tutto il giorno, ma senza ungere.
Dal sito ci dicono
Crema arricchita con l'emulsione n. 49, vitamine e minerali per nutrire e rigenerare la pelle dando una sensazione morbida intorno all'occhio. In combinazione con l'estratto di Angelica aiuta a rallentare l'invecchiamento della pelle, che diventa più morbida e tesa.
Per la notte preferisco qualcosa di più idratante e trattante, ma per il giorno mi ha colpito per come mi lascia il contorno occhi, ovvero liscio, compatto e devo dire che, anche se il prodotto non ha questo scopo, e l'azienda non lo descriva nel suo claim, io ho notato un leggero effetto antigonfiore. Nulla di miracoloso ma mi dà l'idea di lasciarmi gli occhi più sgonfi, visto che al mattino sembro un pechinese. L'assorbimento è assolutamente rapido.
Dopo la delusione del contorno occhi di Equilibra, questo è stata una bella sorpresa.

INFO BOX
🔎 BioEmporio Natura, online
💸 3.50 €
🏋 20 ml
🔬 Cosmos Natural, Vegan
⏳ 12 Mesi
💓⇒ 🌸🌸🌸🌸

Aggiungo, ma lo avrei detto se fosse stato così, che questo prodotto non mi ha dato problemi di sensibilità agli occhi. Devo però fare un appello al Dr. Konopka o ai suoi discendenti: perché non mettete un tappo un po' più corto a questo tubetto? Perché quando la crema sta per finire e tu cerchi di tenere il flacone in posizione verticale, in modo che poi non devi star lì a spremere come un matto, un tappo così lungo fa perdere equilibrio al tubetto che casca di continuo. Sembra una cavolata ma a me dà i nervi.

Lo so, è un post lunghissimo per soli tre prodotti, per questo ho preferito dividere e parlarvi un'altra volta degli altri prodotti che ho preso. 
Fatemi sapere se conoscevate il brand!

A presto.








mercoledì 8 marzo 2017

{Aggiornamento #63}
Calo di certezze



Una frase di Confucio recita 
Prima di intraprendere la strada della vendetta, scavate due tombe.
Ecco, prima di fidarti di qualcuno o di qualcosa, scavane dieci.
Non vi fidate di nessuno. Mai. 
Questo l'ho capito da tanto tempo. A non fidarmi delle persone, che per fallace errore o innata cattiveria davanti sorridenti e dietro son serpenti.
Le voci però girano, come il Karma, e volte capisci subito chi hai di fronte, altre volte ci vuole più tempo. 
Dovrei smettere di credere a molte cose, come ad esempio ai meteorologi che ci dicono che arriva la primavera e invece c'è vento, piove, grandina e fa freddo.
Ma dovrei imparare anche a non fidarmi del tutto di me stesso.
Vi scrivo che sono praticamente al buio, che se mi date un cuscino dormo in un attimo. 
Tipo che mi fidavo abbastanza del mio gay radar ma non avevo capito che Imma Battaglia e Eva Grimaldi (ora sull'Isola dei Famosi ndr) stessero insieme. 



Avevo annusato ci fosse qualcosa, ma avendo presentato Imma come una amica io ci ho creduto. E invece no, pare ci sia altro e mi sembra bello perché hanno presentato la loro storia senza etichette. Sicuramente in modo spettacolarizzato ma carino.
Allo stesso tempo però dovremmo smettere di credere a ciò che sentiamo in tv che magari te lo devi un po' aspettare che la storia nata sul trono gay di Uomini e Donne sarebbe finita presto, visto che con tutta probabilità questa storia somigliava più ad un contratto. Carino il percorso, tremendo il post programma. 
Dovremmo smettere di essere prevenuti in effetti, io per primo. Ma allo stesso tempo dovremmo imparare a non credere a tutte le cose che sentiamo. Tipo quelle su George Michael che è morto per cause naturali, contro ogni malalingua di sorta; ma qualunque siano state le cause, sarebbero stati comunque fatti suoi, e della sua famiglia. 
Già da tempo invece per fortuna non do più ascolto alla mia memoria, visto che ho totalmente dimenticato di nominare C'era una volta Studio Uno quando ho parlato dei miei telefilm, che una volta che la Rai fa qualcosa di decente diamogli i meriti. 



Io ad esempio l'ho trovata adorabile, e se posso darvi un consiglio, recuperatela.
E ogni tanto dovremmo avere qualche dubbio, tipo sullo sciopero di oggi, in concomitanza della festa delle donne. Capisco la voglia ma soprattutto la necessità di protestare, non vedo molta attinenza nello sfociare nello sciopero, anche se in fondo lo sciopero è anche una forma di protesta. "Un giorno senza una donna" l'hanno chiamata in America, per sottolineare l'importanza delle donne nella nostra vita ed in ogni aspetto della società.
Ma un giorno basta? Non so.
Meglio di nulla? Non so.
Ma in questo barcollamento di pensieri sconclusionati e confusi, che io stesso non ho capito dove voglia andare a parare, sono convinto di una cosa: le mimose resteranno fiori bruttini con un discutibile odore.






Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Vi sono piaciuti