lunedì 14 novembre 2016

{Aggiornamento #54}
Malfunzionamenti




Mi rendo conto che i miei post di aggiornamento siano diventati ormai più lagnosi di un cammino di pentimento e purificazione, ma lasciatemi fare che ne ho ben donde.
Ora, potete anche trascurare la classica moscezza da cambio di stagione e dalle giornate improvvisamente uggiose, perché devo ammettere che quest'anno, fino ad ora, non è stata un mood costante. Anzi, è un periodo questo dei primi freddi, delle giornate di pioggia che mi piace molto, e non odiatemi gente del nord, ma la fortuna del vivere in Sicilia è che i temporali possono durare molto ma capita di frequente che vengano intervallati da sprazzi di sole.
Forse il leitmotiv imperante è la costante sensazione di non riuscire a fare tutto quello che vorrei e che dovrei, ma queste sono altre storie.
Il problema è che Novembre, arrivato nemmeno a metà della sua corsa, sta rispettando a pieno l'andazzo di quest'anno.
Pare veramente che mese dopo mese, questo 2016, voglia farsi ricordare con una rima tutta sua che fa più o meno "anno bisesto, anno che fa schifo lo stesso".
Abbiamo purtroppo continuato ad avere troppa confidenza con le scosse di terremoto che continuano a presentarsi in centro Italia. E nulla, mi si stringe il cuore e non riesco a non pensare ad intere famiglie che vivono nella paura costante e che si devono barcamenare fra sciacalli e questo clima anch'esso infausto.
So che può sembrare il tipico buonismo imperante nella tv generalista del pomeriggio con gente che fa le facce, ma così è. Poi sempre meglio il buonismo che chi dà la colpa del terremoto alle unioni civili.
Poi pure le trombe d'aria e siamo a posto. 

Un altro terremoto, questa volta mediatico e politico è stata l'elezione di Trump a presidente degli Stati Uniti. 
Ricordo perfettamente che quel mattino di cinque giorni fa mi son svegliato, ho acceso il cellulare e una mia amica mi aveva lasciato un semplice messaggio.
Ha vinto Trump. 
La delusione. Mi son alzato dal letto, dirigendomi verso la cucina per accendere la tv, pensando che non fosse possibile, che aveva frainteso i biondi per chissà quale motivo e invece c'era Mentana che probabilmente con un catetere e una flebo al braccio stava proseguendo imperterrito la sua maratona dandomi conferma dell'accaduto.
Non che Hillary fosse la perfezione. Una donna, una persona che da anni vive in e di politica non può non essere impastata nelle trame del potere. E non ero nemmeno dispiaciuto di non poter vedere Madonna in ginocchio, Ma forse sarebbe stato il male peggiore. 
C'è già chi parla di terza guerra mondiale, ma, non che voglia fare lo statista, preferisco stare a guardare e vedere cosa accade. Pare che intanto Melania Trump stia già considerando di rinnovare l'arredamento della Casa Bianca, e io non so perché me la immagino così


alle cene ufficiali.
Comunque resta la delusione, certo, non tanto da scendere in strada a protestare ma una sensazione simile si prova solo quando il tuo fidanzato torna a casa con una piccola scatola nera di velluto ma dentro c'è soltanto un bracciale.
O quando nel panettone scambi l'uvetta per gocce di cioccolato.

A proposito, quest'anno sono già in tema natalizio.
Non so che mi sia preso e sono conscio del fatto sia leggermente presto per pensare ad addobbi e regali. Eppure quest'anno mi sento coinvolto come non capitava da anni, specie con così largo anticipo.
Ho già fatto i primi acquisti a tema, e non mi esce dalla testa questa canzone



Per il blog ho in programma un DIY, semplice semplice e spero di pubblicarlo presto così se qualcuno vuol farlo può reperire tutto per tempo.
Inoltre sto già organizzando i regali, preparo le mie liste per non scordare nulla e inizio a fare qualche ordine online, che col casino che ci sarà, ritardano sempre.
Ho sfruttato un po' delle offerte fra Halloween e l'11 Novembre, che a quanto pare è la festa dei single,  dei cornuti e ora anche dei poveri dopo tutti 'sti acquisti. Anche qui casini, risolti, ma che vi racconto un'altra volta.
Ho sulla graticola un paio di post su altri acquisti che ho fatto, uno recente e uno passato, e credo che ve li servo molto presto. 

Sento decisamente meno l'atmosfera del mio compleanno, se esiste un'atmosfera dei compleanni.
Sono 27 quest'anno, fra qualche giorno, ma mi è del tutto indifferente. Non sento quella paura del "o mio dio un altro anno che passa, e guarda quanti capelli bianchi!", ma nemmeno l'euforia di un nuovo anno, di un possibile nuovo "inizio", o  comunque la voglia di festeggiare. Quando posso anzi mi defilo, tipo su Facebook, dove ho nascosto la data di nascita.
Avevo pensato ad un #MammaLoVoglio per l'occasione ma non ho avuto affatto voglia di metterlo insieme; forse farò qualcosa per il Natale, ché magari può dare anche qualche spunto per i prossimi regali.
Ma mi sta bene così, perché se ho capito qualcosa in questi 27 anni è che ogni malfunzionamento alla fine si aggiusta, che tutto passa, scorre, e come ogni cosa in prospettiva, da grande che era diventa minuscola. Poi si creano nuovi problemi, e poi altri e altri ancora e a loro volta si risolvono, alcuni subito, alcuni dopo un po'. Ho imparato che nessun mare, sia esso di guai, di ferite, di gioie, di ricordi riesce a levigare tutto meglio del tempo
Ho imparato che ci sono cose che semplicemente si rompono, e restano rotte, ed è bello così perché in quelle crepe e in quei cocci taglienti ci puoi vedere cose che non avevi notato, ci puoi vedere qualcosa di nuovo.
E va bene così.






29 commenti:

  1. Sobrio l'arredamento in casa Trump.

    E sì, tutto cambia e si trasforma di continuo. Nulla è permanente e questa dovrebbe essere vista come la più grande delle occasioni. Come il regalo migliore che ci potessero fare.

    Io per i regali di Natale non ho ancora idee -.-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immagino il pataccume che tirano fuori quei due.

      Assolutamente. C'è praticamente sempre una seconda possibilità, anche per noi stessi. Bisogna imparare a vederla :)

      Per i regali c'è tempo, per fortuna :D

      Elimina
  2. io adoro i tuoi post di aggiornamento, non perchè adoro leggerti malinconico, ma perchè mi ci ritrovo sempre, e tu con le parole riesci a dire, in maniera scorrevole e ordinata quello che io penso tra me e me, la notte prima di addormentarmi. Ma che giorno sei nato tu? Anch'io novembre, e stessà età tra pochi giorni! sarà una congiura verso noi scorpioni tutta stà tristess? Mi piace il tuo punto di vista sul malfunzionamento, un pò come vedere il bicchiere mezzo pieno, il che è un bene... perchè se pure noi non ci aiutiamo con un pò di positività stiamo freschi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, diciamo che non è semplice nemmeno per me trovare le parole. In questo caso non è tristezza devo dire, più una riflessione sul quadro generale. Quindi un po' di pensierosità :)
      Cerco comunque di guardare tutto per quello che è, bello o brutto che sia.
      Sono nato il 20, tu?

      Elimina
    2. Anch'io!!! Non ci credo, è la prima volta che trovo qualcuno nato il mio stesso giorno, le mie amiche sono sempre nate lo stesso giorno di qualcuno famoso... nel mio nessuno. :( sarà una stupidaggine, però mi avrebbe fatto piacere.

      Elimina
    3. A me è capitato al liceo che una mia compagna fosse nata il mio (nostro) stesso giorno e nello stesso ospedale. Mi sa che di personaggi popolari nati in questo giorno ce ne sono davvero pochi.

      Elimina
  3. Si, Pier. Quanto hai ragione! Ogni malfunzionamento alla fine si aggiusta e poi anche le cose che restano rotte hanno il loro senso e hanno una funzione, ci possono aiutare.
    Ragionamenti retorici? Bah...un pizzico di retorica io credo che non guasti in questi casi...
    Non parlarmi dell'angoscia per i terremoti vari, io ho anche parenti amatissimi in Umbria e sono in pena per loro... E di Trump poi, no, non dirmi nulla. Al di là anche della politica è proprio un uomo che mi dà l'orticaria solo a vederlo, è più forte di me!
    Allora, mio caro...goditi questi preparativi anticipati del Natale e tienici sempre aggiornati, che questi post io li adoro (e non sono la sola, a quanto leggo nel commento precedente al mio ;) )
    Abbraccione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E pur se non hai troppa voglia di festeggiamenti, io poi gli auguri voglio farteli...a tempo debito :-)

      Elimina
    2. Maris, sì penso siano un po' banali come pensieri, ma alla fine ho visto che le cose vanno così. Che a volte è vero, i problemi insorgono tutti di fila e sembra non uscirne più, e invece ad un certo punto ti ritrovi fuori :)
      Mi spiace per questi tuoi parenti :/ Io non so come farei nelle loro condizioni.

      Ti bacio, e grazie :)

      Elimina
  4. Leggo su Wikipedia che Clinton, pur avendo ottenuto più voti di Trump (61.336.680 contro 60.609.576), non è il nuovo presidente degli Stati Uniti.
    C'è un che di demenziale in tutto questo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È la democrazia all'americana, quella dei grandi elettori.

      Elimina
  5. Io resto in attesa di vedere la casa bianca tutta tempeshhhhhhhhhhstata de oro, statue de putti e colonne de diamanti :D
    E poi basta co sto orto di Michelle, ce le stanno a fa a piperini.
    Detto questo... evviva il giorno dei poveri, dove tu hai fatto regali ed io un ordine in stile nonna abelarda, ma che soddisfazione XD
    Buon martedì darling <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sì, basta orti, che se no i SUV dove li mettiamo?!?!? Io ci farei proprio un parcheggio a più piani e pure un centro commerciale XD
      Viva la povertà....XD
      Buon martedì daaaahlin!

      Elimina
  6. Io sono originaria di Rieti per cui il terremoto fa parte di me e della mia storia. Questi ultimi sono stati agghiaccianti e non mi sorprende che la paura abbia raggiunto anche chi, come te, ne è ben più lontano. Spero che per quest'anno e per i prossimi basti, direi che ne abbiamo avuti fin troppi.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io vivo in Sicilia, fra 2 vulcani, diciamo che il terremoto fa parte della mia storia pure, e forse proprio per questo mi sento coinvolto.
      Un abbraccio a te

      Elimina
  7. Malfunziona anche il blogroll che non m'avvisa degli aggiornamenti.
    Su Trump sai come la penso, meglio lui che la Clinton che tanto i danni li fanno entrambi :)
    Il terremoto è una rottura di palle in tutti i sensi, io non ho avuto danni ma noi abruzzesi siamo sfortunati nella fortuna... che palle.
    E per questo motivo non ho potuto godermi questa stagione come avrei voluto. Ossia coperta, pc, scrivere, leggere, guardare tv ecc. Sempre con l'ansia, che palle.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il blogroll è datato, sono troppo avanti per lui :D
      Spero che la situazione si calmi molto presto, in teoria dovrebbe andare a migliorare

      Elimina
  8. Non credo si tratti di buonismo. Lo dico, perché anch'io penso spesso a quella povera gente che si sta vedendo via portare tutto, un po' dal terremoto e un po' dagli sciacalli come hai detto tu... Non parliamo di quell'affermazione per favore... Io veramente non riesco a capire come si faccia, nel 2016, a dire che è colpa delle unioni civili (e non è la prima volta che capita! Ci fu un servizio a "le iene" in cui una signora affermava la stessa cosa e mi è caduta la faccia per lei U_U ).
    Anno che fa schifo lo stesso?! A me sembra l'altro giorno che ho preso la magistrale, invece è stato a Marzo XD
    Riguardo la questione Trump, credo che una bella fetta di popolazione ci sia rimasta di sasso. Io ho sentito la notizia che ero ancora nel letto, semi-addormentata e non me ne capacitavo... Staremo a vedere!
    Saluti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso che avere certi pensieri sia del tutto umano, non so come non ci si possa dispiacere, sarebbe come dire di avere 0 empatia.
      Non conoscevo del servizio delle Iene, e pure io avrei vergogna per gente così, immagina i parenti della signora. Poi ignoranza proprio: i terremoti esistono prima delle unioni civili, lo sanno!?!
      La popolazione ha le sue ragioni riguardo a Trump, perché alla fine ha avuto la meglio per una questione puramente procedurale, ma in fondo il sistema lo ammette per cui non ci si potrebbe lamentare. Dura lex...
      A presto :)

      Elimina
  9. Intanto auguri per i tuoi 27 anni :) potevi dircela però la data, così ti facevo gli auguri nel giorno esatto :)
    Per il resto confesso che questa cosa di Trump a me mette un po' paura; sarà che ultimamente visto costantemente nel mood #mainagioia e tempo che si possa sempre peggiorare. Boh, speriamo almeno che l'atmosfera natalizia ci risollevi un po' :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!
      Staremo a vedere quali saranno le conseguenze :) Speriamo siano le migliori.

      Elimina
  10. Spiace molto anche a me per il terremoto,povera gente,col freddo e le prospettive che hanno....
    Anche tu scorpioncino!Come il Khal ed il mio papà <3 auguri anche se non sei tanto entusiasta della cosa,io sappi che aspetto il post #mammalovoglio perchè mi piacciono tanto ^^
    Buon weekend,Mel.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie :D
      Il post arriverà presto si spera, che far chiacchiere di shopping non fa mai male.

      Elimina
  11. Al diavolo Trump e il balletto mediatico scatenatosi intorno a queste elezioni, in Italia abbiamo cose molto più serie di cui occuparci come hai ben scritto nel post.Per quanto riguarda la stupidità di certi personaggi rimango basita.
    Tesoro bello auguri per i tuoi 27 anni (sei giovane)!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo ci toccherà anche per vie traverse occuparci di Trump, ma mi sembra ancora presto ;)
      Grazie!
      Un abbraccio a te!

      Elimina
  12. Di Trump non ne parliamo, d'altronde gli americani sono un popolo bue purtroppo. Ti faccio gli auguri anche qui e sappi che sto pure io già organizzando i regalini di Natale, dato che sono la befana e avrò molto lavoro come sempre :D

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...