venerdì 16 ottobre 2015

Candle(s) #3
Yankee Candle: alcune collezioni più o meno recenti

Dopo parecchio tempo riesco a parlare di profumazioni per ambiente, piccola mia ossessione, per chi si fosse perso le puntate precedenti.
Forse avete notato un titolo diverso, visto che non voglio fossilizzarmi su una marca; già da tempo infatti sto sperimentando con risultati vari. Ad esempio le tea light col nome impronunciabile di Ikea nella variante Vaniglia e Bacche rosse. Ecco, non profumavano nulla, le ho riciclate come semplici tea light per il bruciaessenze senza che variasse la profumazione della tart.
Ho annusato le Price's Candles, ma una amica, dopo aver provato la candela alle rose mi ha detto che non si sente per nulla.
Insomma sto cercando e testando.
Tornando quindi a parlare di Yankee Candle devo dire che ho fatto un po' pausa durante l'estate, perché l'idea di poter creare ancora più caldo anche solo con un lumino mi prendeva male.



Finita però l'estate ho ripreso ad utilizzarle.
Per chi non sapesse di cosa parlo vi lascio al mio post in cui spiego un po' cosa siano e l'altro post su alcune delle profumazioni che ho provato.
In questo invece vorrei parlare di alcune delle collezioni alcune recentissime, altre meno ma, che sono ancora disponibili, anche se non so se usciranno via via fuori produzione.

La collezione Out of Africa è la più recente ma anche quella che al momento dell'acquisto mi ha lasciato più perplesso. Infatti, tramite la pellicola di plastica che riveste le tart, non sentivo praticamente alcun profumo, in particolare con Serengeti Sunset e Egyptian Musk. La più potente è Kilimanjaro Stars che da spenta ha un profumo forte, maschile e abbastanza pungente. Infatti non l'ho presa. Mi sono orientato quindi con un po' di immaginazione, ed ho preso due di queste quattro tart.

Egyptian Musk

Ve lo dico subito che mi è piaciuta molto. Questa Egyptian Musk, per gli amici mummia egizia, ha un profumo di legno di cedro; non ci sento, come loro dicono, i baccelli di vaniglia, ma mixa delle leggere note salmastre a note più dolci. Il risultato è un profumo fresco avvolgente e a mio avviso elegante, e unisex. Anche dopo averla accesa a lungo è piacevole. La ricomprerei.

Madagascan Orchid
Altra profumazione molto gradita. Io non so se l'orchidea malgascia abbia questo odore, certo è che questa è una fragranza fiorita "adulta", non molto fru fru, non molto primaverile per intenderci.  Direi anche raffinata. Anche questa riesco a tenerla accesa abbastanza a lungo, forse non super persistente una volta spenta ma la riacquisterei.
[EDIT Dicembre 2015: aggiorno per dire che non so perché ma questa tart non mi piace più. Non so perché, prima di parlarne l'avevo testata più volte, ma adesso la avverto come pesante e sintetica. Cercherò di terminarla a piccoli pezzi.]

Dalla Café Culture ho provato solo una tart, il resto francamente mi sembrava un po' troppo dolce, e stanco di questo genere di fragranze, ho pensato che mi sarebbe piaciuta quella che sembrava più particolare.

Cappuccino Truffle

Un tartufo al cappuccino che non sa di tartufo (il dolce, non il fungo) e nemmeno di cappuccino. Da spenta si avverte un leggero odore di caffè, e questo mi aveva tratto in inganno, ma una volta accesa risulta una fragranza a mio avviso brutta. E forse un po' troppo sintetica per poter ricreare l'esatto aroma del dolce o del cappuccino. Dopo averla spenta, nell'aria presta un leggero sentore di moka, ma davvero deludente, e non la comprerò di nuovo.

Dalla collezione Gran Bazaar invece ho preso tutte e tre le profumazioni.

Oud Oasis

Una fragranza molto particolare: all'inizio appena accesa sembra di annusare un dolce al miele, speziato, non stucchevole ma intenso e un po' sintetico. Una volta spenta però nell'aria resta un odore più legnoso, come di corteccia; infatti l'ho preferita dopo, specie una volta ri-accesa e quando la nota più dolce è scemata. 
Ho letto che l'oud è una resina prodotta da un albero orientale raro, ma non credo andrò in Cina ad annusare gli arbusti per vedere se corrisponde. La potrei riprendere, non è comunque fra le mie preferite, ma mi è piaciuta. 

Moroccan Argan Oil

Faccio fatica a descriverla, si avverte un odore floreale (patchouli) e al tempo stesso legnoso, anche una punta di sintetico ma nulla di eccessivo. Credo che più che l'odore di olio di argan, ricordi i profumi dell'hammam. Questa tart ha un profumo maschile e crea un bell'ambiente perché è abbastanza avvolgente. Bruciandone più di un quarto di tart son riuscito a lasciarla accesa molto a lungo e non mi ha infastidito. Mi ha conquistato lentamente, è proprio piacevole. Da riacquistare.

Frankincense

Sempre in tema di resine e incensi e sempre della stessa collezione. Ha un sentore agrumato ma con una punta speziata come di chiodi di garofano e zenzero. Riesco a tenerla accesa anche a lungo personalmente, non è fastidiosa, anzi è piacevole ma non ha alcuna nota profumosa che mi colpisca al punto tale da dire "questa la vorrei sempre con me". Ma è il mio gusto.

Dalla collezione Indian Summer ho provato tutte e quattro le tart. Questa edizione limitata è fra le più vecchie, quindi non so esattamente cosa sia reperibile. L'ho vista ancora in negozio e in rete, ma non so per quanto.

Amber Moon

Sa proprio di ambra, è elegante e raffinata come profumazione, e anche abbastanza intensa. Ho scoperto che l'ambra che profuma non è quella fossile, chiamata ambra gialla, ma quella grigia, che in natura è letteralmente una sorta di rigurgito del capodoglio, ma poi è stata riprodotta chimicamente. Capite bene che fa più chic pensare ad una pietra antica piuttosto che ad una balena che vomita.
Da ricomprare, anche in stagioni un po' più calde.

Wild Fig

Io sono solito chiamare le cose con il loro nome e se ti chiami "Fico Selvaggio", o penso ad un bel ragazzo che ci dà dentro di brutto o penso al frutto. Questa tart non sa di nessuna delle due cose. Annusandola spenta un po' di fico ce lo sento, ma accendendola francamente no. Avverto un odore sì fruttato, dolce, ma non stucchevole, non sgradevole, intendiamoci, ma rispetto a questa tart sono più fico io.
Non la ricomprerò.

Ginger Dusk

Se avete mai provato a fare la tisana con lo zenzero fresco, il limone e il miele ritroverete questo odore in Ginger Dusk, o per lo meno a me la ricorda. Non è certamente una fragranza avvolgente e calda, anzi, sul sito rientra fra le profumazioni "fresche" ma a me sa molto di autunno e mi ha aperto diversi cassetti della memoria. La trovo abbastanza intensa e persistente ma può non piacere. Infatti, dopo un primo innamoramento, mi ha stufato. Troppo forte per me, da dosare a piccole dosi mi va bene, ma non sono sicuro di ricomprarla.


Honey Glow

Simile alla sorella Honey & Spice, ma meno speziata e diciamo più legnosa. Dolce, con note miele ben decise, ma non invadente. Mi piace perché è molto avvolgente, fa ambiente. Si tiene accesa a lungo senza problemi, ma non la trovo tra le più persistenti. Viene considerata una fragranza fresca, e io ho provato ad accenderla anche a temperature decisamente più alte e non mi ha creato fastidio o pesantezza, ma meglio in autunno.
Da ricomprare, e per questo mese è in offerta come fragranza del mese.

Infine un'altra collezione non recentissima è la Pure Essence, composta da tre fragranze. Non ho provato la Cassis, perché già da spenta non mi piaceva.

Shea Butter

Mi piace tanto tanto. Appena la accendo sembra di vivere all'interno di una saponetta o di una crema per il corpo. Diciamo che è mediamente intensa per cui regolatevi sulle quantità da bruciare e su quanto la lasciate accessa. Certo, è una profumazione sintetica, ma sa di buono e di pulito. Dovessi proprio definirla direi floreale con una punta di talco che può non piacere. Ma a me piace e la ricomprerei, unica accortezza è di usarne poca se avete spazi piccoli da profumare perché intensa e persistente.

Aloe Water

Chi conosce l'aloe sa che non è esattamente profumata, anzi. Infatti questa tart per fortuna non sa di aloe, ma, per me, sa di vodka al melone. Non prendetemi per pazzo ma ci sento un sentore di melone, confermato anche da altri, con una punta di alcool. Il risultato è quello. Sta finendo e non entrerà mai più in casa mia.


Per adesso questo è tutto, spero di essere stato utile e fatemi sapere se conoscete queste profumazioni.
Come sempre vi ricordo che non sono stato pagato e che ovviamente le mie recensioni sono personali, visto che i nostri nasi funzionano più o meno in maniera diversa.
Con questo post inauguro una nuova sezione del blog chiamata Cose di Casa a Caso, che raccoglie le mie recensioni di profumazioni per ambiente, ricette, DIY e qualcos'altro che mi verrà in mente riguardante la casa.

A presto!





18 commenti:

  1. Da me ha chiuso l'unico negozio che le vendeva e soffro tantissimo :( Anche io sto cercando delle candele che riescano a sostituirle ma non ci sono cazzi… questa sono le migliori come resa di profumo, soprattutto le tart!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ti restano che gli ordini online :/
      Infatti io torno sempre a loro, sono quelle che danno più soddisfazioni!

      Elimina
  2. Ma davvero "Aloe Water" sa di melone alcolico? o.O Povero me, hai spento ogni barlume di voglia di accenderla che avevo...!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me sì XD Vodka al melone, hai presente?
      Ti stutai comu na cannila XD

      Elimina
    2. Sì, vomito al solo pinzero.
      Stutasti ammia? Ehi, ceccamiticammi! xD
      Ma la traduzione per i diversamente siciliani?

      Elimina
    3. ahahah lasciamoli all'oscuro :)

      Elimina
    4. Was habt ihr gesagt?

      Elimina
    5. Per in tedesco un traduttore lo trovi, per i mille significati del dialetto siciliano un po' meno ;)

      Elimina
  3. Ogni volta che leggo i tuoi post di beauty e simili mi viene fame! Io me le mangerei!

    RispondiElimina
  4. A me Cappuccino Truffle era piaciuta, mi faceva venire fame :D Sono passata oggi da Kasanova e stavano mettendo le nuove fragranze natalizie, ce n'era una verde - non ricordo il nome - che era buona :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, apprezzo molto il tuo commento perché fa capire come sia una questione soggettiva. E torna sempre utile avere più metri di paragone.

      Presto un post sulle profumazioni natalizie ;)

      Elimina
  5. DIY... che significa?

    RispondiElimina
  6. Saprei dove portarti se tu passassi da Milano. Intanto prendo nota e grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh se passo da Milano, vado da tutt'altra parte. Intanto a magnà XD

      Elimina
  7. verrò a sbirciare la nuova sezione! sono molto ignorante in fatto di Yankee Candle. Ne ho una da una vita che uso quando faccio una vasca ma non sono nemmeno a metà. La tengo in bagno ma devo dire che non fa nemmeno troppo odore. Mi piacerebbe provare qualcosa di diverso ma poi il mio entusiasmo si frena davanti a tanti odori così diversi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti trovandosi tutte quelle profumazioni davanti è un attimo andare in confusione! Inizia ad annusare le bianche, in genere piacciono a tutti ;)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...