martedì 8 aprile 2014

Misadventures of an Imperfect Pier(ef)fect #4
Memorie di un laureando (Prima Parte)

Nella vita dello studente ci si scontra con una infinita serie di difficoltà.
Spesso è la scelta della strada da percorrere, altre volte è una materia che ci da del filo da torcere, altre ancora è magari quel professore che, per ragione ignote anche ad Adam Kadom, continua a rimandarci all'appello d'esame ancora e ancora e ancora. E' una vita, quella dello studente, costellata di gastriti, notti insonni, occhiaie voraginose e spasmi sparsi per tutto il corpo.
Ma c'è uno scoglio che accomuna ogni singolo studente presente sul territorio italiano.
La montagna più ardua e ignota da scalare, con l'aggravante di essere uno degli ultimi e necessari passi per prendere il sudato pezzo di carta.
Il momento in cui pensi che forse sia meglio mollare tutto e andare a ballare nella pubblicità della Pittarello Rosso con Simona Ventura, che tanto pure con una gamba di legno sembri più sciolto.
Questa trave nell'occhio è meglio nota con 2 esatte parole:

Tirocinio Formativo


Se adesso la vostra espressione è pressappoco simile a questa 

allora credo possiate capire il livello di disagio a cui faccio riferimento.
Ovviamente anche a questa povera e prostrata anima che vi scrive ha dovuto espletare la questione, o meglio sta cercando di espletarla considerando che finora il tutto si è risolto in un flop.
Accade che verso la fine di Marzo decisi che era ora di sbrigare le pratiche del tirocinio, che, fra tesi da preparare, esami da dare e casini che certamente sorgono all'ultimo istante, è meglio non rimandare ancora. Ovviamente come asserivo, la questione è ammantata di mistero perché non esistono fonti certe a cui attingere, ma solo voci di corridoio avvolte in una fitta coltre di nebbia e puzza di sudore, che nelle facoltà non manca mai.
Succede però che riesco a scoprire tramite una collega il nome, l'orario di ricevimento e persino l'aula della professoressa che supervisiona gli stage. Anzi, forse è meglio dire che li guarda da lontano, distrattamente e giusto perché non ha altro da fare. Ma comunque un bel mattino decido di recarmi da lei per avere maggiori informazioni, ma è un incontro molto sfuggente considerando che la responsabile quel giorno sembrava avesse finito lo Xanax. Inizia a lanciarmi contro più di quarantacinque parole al secondo, miste a domande e saliva che a stento riesco a schivare a uso Nemo di Matrix.
Riesco a capire che devo scaricare e stampare dei moduli e scegliere un ente da un elenco di convenzionati, contattarlo, chiedere se ci sono posti disponibili; se la risposta è affermativa completare, i moduli con i dati e l’obiettivo del tirocinio e poi tornare da lei per concordare gli orari.
Mi scappa un  
che cazzo ti pagano a fare se devo fare tutto io?
 ma ho paura, quindi sorrido, ringrazio, annuisco e scappo.
Tornato a casa recupero l’elenco delle convenzioni, ovviamente scarno, senza alcun numero di telefono o indirizzo, ma scorgo il comune del mio paese.
Facile, veloce e soprattutto a due passi.
Ora, chiariamoci, io sono uno studente di relazioni internazionali ma ovviamente mica mi aspettavo di ritrovarmi di punto in bianco all’ONU a discutere su che posizione prendere con Putin in Ucraina.
Contavo, al massimo di fare qualche fotocopia per quelli dell’ufficio anagrafe o andare a casa di ottuagenari con gli assistenti sociali ( storia realmente accaduta).
Il giorno seguente, quindi, sono andato al municipio in cerca di qualcuno che potesse avviare la pratica.
Ovviamente deserto, ma riesco a braccare una tizia che sembra passare lì per caso. 
Spiego la questione, mi guarda come i gatti che attraversano la strada e non sanno se vuoi farli passare o ritrovarteli sul parafanghi, ma alla fine cede e mi indica la stanza della responsabile.
Qui....

65 commenti:

  1. Fammi sapere. Devo sapere!
    Il io tirocinio è stata una paraculata a cinque minuti in bici da casa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Continuerà! Anche il mio è molto vicino, ma quasi preferivo andare lontano!!

      Elimina
  2. Sono curiosissima: non avendo mai frequentato un'università queste pratiche mi sono del tutto sconosciute...

    RispondiElimina
  3. Avendo ricominciato una facoltà diversa il momento del tirocinio mi si è riAllontanato. Quindi leggerò con curiosità che hai combinato.

    RispondiElimina
  4. Per fortuna il primo tirocinio lo feci due anni prima della laurea, e il secondo nel posto dove oggi sono impiegato.
    Mi è andata bene ma comunque ho dovuto fare trafile e cazzi vari tra moduli e firme e corsi.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A noi lo fanno fare l'ultimo anno quindi ti tocca in concomitanza! Vedrai che ti stupirò xD

      Elimina
    2. Sì, ma infatti io ero fuoricorso :p

      Moz-

      Elimina
    3. Io lo sono lo stesso.... xD

      Elimina
  5. Io lo inizio il 1° maggio, e non sono nemmeno laureanda, per cui posso capirti… sei fortunatissimo a trovartelo vicino a casa! Con la miseria che pagano... (se pagano)...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No cara, purtroppo il mio non è pagato. Lo chiamano formativo perché fa parte del completamento crediti. Insomma te 'nculano!

      Elimina
  6. Ti comprendo compare. Il mio tirocinio è stato molto "soft", ma da alcuni compagni di corso ho udito cose che voi umani...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche il mio doveva essere soft... e invece!

      Elimina
  7. Io ti capisco. Di commercialisti ce ne sono a frotte ma per trovare uno che non mi facesse fare fotocopie sono andata di persona, ad ognuno. Ti lascio immaginare. Ansia, tempo che volava, panico. Ma come ben sai è stato un tirocinio meraviglioso e la sudata che l'ha preceduto...be ne è valsa la pena ♡ forza, voglio il seguitoooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi accontenterei quasi di fare fotocopie... appena pubblico il seguito capirai!

      Elimina
  8. dai vieni a fare il tirocinio a torino, che poi ti sistemo io ahahahh

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi trovi un posto di lavoro!?

      Elimina
    2. certo, vieni a fare le pulizie a casa mia :D

      Elimina
  9. Oddio speriamo che questa figura professionale del comune sia un tantino più esaustiva rispetto alla professoressa.
    Non ho fatto l'università quindi non posso dire niente in merito agli stage formativi ma ho avuto un collega che ha praticato un "tirocinio formativo post laurea" presso la nostra azienda e ti dirò che i tirocini formativi in ambito lavorativo sono veramente una furbata per ovviare il pagamento dei contributi al malcapitato ( lui era un impiegato a tutti gli effetti).
    Attendo il proseguo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In ambito lavorativo in effetti non so se li farei o meglio, li farei se strettamente necessari. Ora è comunque necessario ma non sono un dipendente!

      Elimina
  10. Nella mia prima laurea presa col vecchio ordinamento il tirocinio non c'era, ora che sto facendo la follia di una seconda laurea (metti caso mi finisca la carta igienica) mi tocca farne uno all'anno per i prossimi quattro anni. Spero sia un tirocinio il più attinente possibile al tuo corso di studi, mi incrocio tutto e attendo la prossima puntata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai seconda laurea in cosa?

      Elimina
    2. Scienza della formazione primaria perché da grande farò il maestro! XD

      Elimina
  11. Io sia alla triennale che alla specialistica mi sono procurata il tirocinio da sola e alla fine (resti tra noi e milioni di utenti di internet) mi hanno fatto pure scrivere di mio pugno la relazione di valutazione che spettava all'azienda. Mi è piaciuto alquanto lodare il mio impegno devo ammetterlo :D
    Comunque sappi che ho passato due minuti buoni ha cliccare su "Continua" imprecando contro il pc che non mi apriva il link. Quindi spero che la seconda puntata arrivi presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me un'associazione aveva chiesto, ma non essendo convenzionata non mi sono andato ad impelagare! Sicuramente anche io scriverò la mia relazione è sarò casualmente il miglior tirocinante XD
      Opss sorry XD

      Elimina
  12. Ti odio! XD non puoi lasciarci con un finale così aperto!

    RispondiElimina
  13. Io per fortuna (??) sono al primo anno, quindi il tirocinio non è un mio problema, ma ricordo lo sfruttamento di mio fratello ai tempi... Bella merda.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi spiace dirlo, ma questo triste destino capiterà anche a te u.u

      Elimina
  14. a parte che il "to be continued" mi fa sclerare, sappi che c'hai una nominescion per la notte dei nabikini

    http://www.nabikiblob.com/la-notte-dei-nabikini-le-nominescion/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma, come ho detto da te, grazie mille :D

      Elimina
  15. Ma come "non credevi di ritrovarti di punto in bianco all'ONU"? Io direi che sarebbe stato il minimo, invece!!! :D
    Facci sapere, carissimo, siamo un pò in pensiero per te ;-)
    Baci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sarebbe piaciuto cara maris :D
      Bacio!!

      Elimina
  16. la mia laurea è sempre più distante...
    anche perché non sai quante ore di tirocinio con infanti mi toccherebbe fare...
    ciò detto pier, io faccio sempre e comunque il tifo per il mio favorito...
    con un entusiasmo degno della ventura!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie!! Io con gli infanti non sarei in grado!

      Elimina
  17. Pier caro, benchè il mio tirocinio sia ancora a un terzo delle materie del mio corso di studi (e sono 33 materie in "3 anni" enonchiedermiperchèhodeiprofessoridemerdacheticombinanocosecosìpuravendounamateriadi16CFU) ,immagino e ipotizzo cosa significhi.
    Però...però pensa che c'è sempre gente messa peggio e che superato questo scoglio sarai mezzo scoglionato...a meno che quelli dell'amministrazione del tuo paese non siano degli scansafatiche che ti scaricano la qualsiasi sulle spalle :D
    Forza Pier, siam tutti con te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del supporto, ma 33 materie!?? Saranno un po' troppe?!

      Elimina
  18. Questo racconto si fa più avvincente di una puntata di Fringe!
    Sono curiosa di leggere il resto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E io che Fringe lo abbandonato :P Arriva!

      Elimina
  19. Ciao Pier come ti capisco,
    guarda io ho vissuto un inferno. La lista esisteva ma non potevano darla perchè era per i figli di papà. Stanca decido di mettermi la maschera dalla faccia da c... e girarmi tutti gli uffici della città pregandoli di prendermi. Alla fine trovo una tipa che mi dice si. Preparo le pratiche e vado da lei per sapere quando iniziare e mi risponde "mai!!! io ti faccio risultare che l'hai fatto ma tu non devi venire". Io sconvolta decido di contattare l'uni, ma nessuno mi ascolta. Due giorni dopo la tipa viene messa in carcere...help!!!! Chiamo disperata l'università e decidono di cancellarmi dal tirocinio per tutelarmi. Ovviamente danno e beffa, perdita di soli e tempo. Solo 5 mesi dopo sono riuscita a trovare un commercialista e farmi sto benedetto tirocinio super sudato...
    aspetto il resto, forza e coraggio tutto passa per fortuna :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Audrey!
      Ma come in carcere o.o!??! Oddio non sono a questi livelli! Fortuna che ne sei uscita.

      Elimina
    2. Si, sul giornale era scritto per truffa e roba varia...Io l'ho scoperto dalla tv locale e dai giornali di paese. Non conoscendola non potevo immaginare, io avevo solo chiesto un tirocinio che poi non ho potuto più fare e l'uni ha dovuto disdire assicurazione ecc...Un incubo!!!! Per questo, secondo me, non è giusto mandare la gente allo sbaraglio e alla ricerca disperata di gente che li prenda per ultimare il percorso di studio con tirocini assurdi che in tanti casi non vengono nemmeno svolti.

      Elimina
    3. Questo è verissimo, infatti io ho puntato su enti pubblici piuttosto che quei (pochi) enti privati che non sai cosa vai a trovare!

      Elimina
  20. Io per fortuna ho potuto scegliere tra tirocinio e laboratori (leggi: ore di lezione in più su argomenti vari a frequenza obbligatoria) e, dato che la situazione era più o meno analoga alla tua, ti lascio immaginare quale sia stata la mia scelta. Ti capisco però perché in quarta liceo mi avevano fatto fare una specie di stage per i crediti della maturità e quella volta manco le fotocopie mi hanno fatto fare, diciamo che venivo bellamente ignorata :P Ora però sono curiosa di sapere come è andata avanti la faccenda, scrivici presto il seguito :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io avrei scelto le lezioni in più!! Comunque pure a noi al liceo facevano fare quelle robe per avere crediti della maturità.... che inutilità!!

      Elimina
  21. Sbrigati a raccontarci il restoooooooooooooooooooo!
    Aaaaaaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhhhhhhhh

    RispondiElimina
  22. e ci lasci così? Nooo! Secondo me finisce che sei diventato zitto zitto sindaco del tuo paese (anche senza elezioni, che ce frega, Renzi docet!)! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aahahahaha vi farò sapere, ma non finisce così (purtroppo)

      Elimina
  23. Ahahahahaha dai Pier, forza e coraggio, in bocca al lupo per quest'avventura!

    RispondiElimina
  24. Qnt ti capisco... E dopo il primo stage, tranquillo che ne farai altri.. Perché' ora è' possibile.. Perché pagare di più??
    Era da tanto che nn venivo a trovarti, complimenti per il tuo blog

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma da quanto tempo!! Non trovavo più il tuo blog, mi diceva non esistesse :/
      Grazie mille ;)

      Elimina
  25. già ti avevo scritto facendoti i complimenti per il blog non vedo il commento pubblicato quindi mi ripeto. Complimenti per il blog. Sicuramente è ben scritto e originale. Fare qualcosa di diverso non è facile. Rispetto a tutti gli altri che fanno la solita solfa. Continua cosi. Ciao Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Non è finito in spam quindi non saprei, ma grazie mille per i complimenti e per essere passato :D

      Elimina
  26. ma come, continua?
    si fa così, che si lascia il racconto a metà?

    RispondiElimina
  27. Tutto il mondo è paese! Anche qua vieni sommerso da cartaccia inutile. Ho dovuto fare tutto da sola, che te lo dico a fare! Anzi meglio così perchè le poche volte che ho interpellato le segretarie mi hanno fatto perdere solo tempo. La mia fortuna è stata che non ho dovuto consultare nessun elenco, ma sono stata contattata da un'agenzia di traduzioni. E poi, a questo punto mi sa che sono l'unica, non sto facendo per niente la tirocinante, ma svolgo il lavoro di una normale dipendente. Ovviamente mi fa piacere perchè è tutta esperienza, però 6 mesi di lavoro tosto si faranno sentire. A tutto ciò si aggiungono gli esami universitari e le richieste assurde dei professori che non capiscono che se uno sta fuori casa dalle 8 alle 19:30 non ha tempo nemmeno di respirare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei mesi?! Ma quante ore sono!? Mi sembra assurdo! Non avrei accettato mai, a meno che in quei sei mesi mi dai 20/30 crediti

      Elimina
    2. Il mio è un tirocinio extracurricolare, non mi dà nessun credito :) Lo faccio, perchè comunque volevo trovarmi un lavoretto e frequentare l'università allo stesso tempo. Anche perchè mi serve un po' di questa famosa esperienza da mettere sul curriculum! Ma fare le due cose insieme è impossibile!

      Elimina
    3. Ah tipo un praticantato quindi!

      Elimina
    4. Si, esistono numerose definizioni. Io però ne ho solo una "sfruttamento sottopagato!!!" :D

      Elimina
    5. Ahahah che è quella che tristemente calza meglio!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...