martedì 15 gennaio 2013

Il profumo delle fragole appena colte

Quando ero bambino ero un selvaggio.
O quasi. 
Che credete, ho sempre avuto un certo aplomb. 
Tranne quando andavo nella campagna dei miei nonni.
Lì diventavo un selvaggio.
Giocavo nel e col fango. 
Parlavo con le galline. 
Davo da bere ai conigli.
Adoravo andare in campagna.
La gioia più grande era l'estate.
D'estate camminavamo scalzi nei solchi in cui scorreva l'acqua per l'irrigazione.
I nostri piedi di bambini erano troppo teneri per sopportare le pietre e l'acqua gelida.
Ma la nostra testa era troppo dura per non seguire mio nonno scalzo in quei solchi.
Mio nonno ci adorava.
Ad ogni stagione, ad ogni primizia noi nipoti eravamo i primi ad assaggiarne.
Piselli, pesche, pomodori, cetrioli e soprattutto fragole. 
A noi toccavano i primi frutti più belli e grossi.
Ma tutto di nascosto da mia nonna.
Anche lei ci adorava.
Ma lei, che aveva portato avanti da sola una famiglia per 7 anni, mentre mio nonno lavorava altrove, aveva acquistato occhio per gli affari, e non poteva perdere quella primizia di prima qualità.
Specie considerando la smodata passione di mio nonno di cogliere quasi tutto acerbo.
Perché col cavolo che mia nonna dava tempo ai nostri capricci di essere esauditi una volta che il frutto era maturo.
La campagna era gioia.
Ha istruito e fatto crescere la nostra fantasia proprio come quei frutti.
Ti bastava una pietra e un pezzo di stoffa e avevi fatto una bambola.
Una corda e una tavoletta di legno ed ecco l'altalena.
Dei giornali appallottolati e potevi correre dietro a una palla.
E poi succede che si cresce.
I bambini mettono la maschera degli adulti.
Gli adulti portano il peso della maschera della vecchiaia.
E così la campagna è passata pian piano alle cure dei miei genitori.
I capricci per avere il frutto più bello sono stati messi da parte da una vita più piena di doveri.
La corda si è consumata e la tavoletta di legno si è spezzata.
La campagna è diventata un luogo di passaggio per noi nipoti.
Facebook ha sostituito la carta stropicciata. 
L'iPhone la pietra e il pezzo di stoffa.
Ma anche se non sono più il bambino paffuto di una volta, anche se nessuno mi prende più con l'Ape all'uscita da scuola nei giorni di pioggia, anche se inizio ad avere i primi capelli bianchi, anche se l'idea di una famiglia tutta mia è sempre più presente in me, e anche se ho cercato in tutti modi di mettere la maschera dell'adulto, so che non sentiró mai più il profumo delle fragole appena colte.
Ciao nonno.

89 commenti:

  1. Risposte
    1. Certe situazioni ti fanno ricordare cose che avevi scordato del tutto....

      Elimina
  2. Oddio sarà che oggi non è giornata, ma alla fine mi è scesa una lacrimina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi spiace, non volevo far commuovere nessuno....

      Elimina
  3. anche le mie estati da bimbo erano simili!bellissimi ricordi e bellissimo il tuo post.grazie

    RispondiElimina
  4. great post

    miblogbyamo.blogspot.com

    RispondiElimina
  5. Io, siciliana doc, ti capisco.
    Mio nonno aveva la campagna in una zona chiamata "miliuni", e io e i miei cugini avevamo costruito la casa sull'albero, poi distrutta da un fulmine.
    Mi manca la casa sull'albero, mi piace sporcasi di pomodoro per fare la salsa e prendere le uova nelle galline. E mi manca sapere che i miei figli non sapranno neanche cosa voglia dire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho sempre voluto una casa sull'albero!! Lo sapranno attraverso i tuoi ricordi...

      Elimina
  6. Bellissimo post Pier, pieno di poesia :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici davvero? A me sembrava un po' scrauso ma diretto a descrivere uno stato d'animo attuale..

      Elimina
  7. non sentirai più quel profumo, é vero, ma non lo dimenticherai mai!

    RispondiElimina
  8. un bel post, caro Pier. molto ben scritto.
    un bacio.

    RispondiElimina
  9. Mia mamma dice sempre che i nonni hanno il grande privilegio di poter amare i nipoti senza avere su di sè il peso della responsabilità della loro educazione.
    Ha ragione. Il rapporto che spesso c'è tra nonni e nipoti è magico. Spesso i nonni rivedono nei nipoti la possibilità di rivivere e di godersi quegli anni che hanno perduto con i loro figli. Gli anni dei primi sorrisi, delle prime paroline, dei primi passi, dei giochi e delle scoperte, in cui tutto è meraviglia, tutto è nuovo, tutto è stupore. Gli anni che, con i loro figli, li vedevano impegnati nel lavoro e nell'impegno di mantenere una famiglia che portava via tutto il loro tempo.
    E sono una benedizione per i nipoti, che trovano nei nonni persone che si interessano, li ascoltano, tengono il passo dei loro discorsi, si perdono con loro nei giochi, hanno la pazienza di insegnare loro tutto quel sapere del passato, fatto di odori e di sensazioni, che rimangono nella nostra memoria.
    I nonni sono per noi un tesoro prezioso, così come noi lo siamo stati per loro. E il loro ricordo rimarrà per sempre.
    baci Luci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Luci, anche se i miei nonni, per un certo periodo lavoravano ancora molto, eppure hanno trovato il tempo per noi nipoti... Credo che i nonni sappiano fare questo ed altro!
      Bacio

      Elimina
  10. Che ricordi hai fatto affiorare, la campagna di mio nonno, che posto magico, ormai scomparso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lascia che viva attraverso quei ricordi!!

      Elimina
  11. Se riesco a vedere la tastiera attraverso le lacrime che mi velano gli occhi vorrei scriverti solo una cosa, Pier: tieniti stretto i tuoi ricordi, sono una ricchezza, specie quando riguardano i nonni.

    Ti sono vicina, un bacio grande.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maris non volevo farti piangere...grazie mille, bacio a te...

      Elimina
  12. Posso capirti benissimo :( mio nonno è venuto a mancare pochi mesi fa e anche lui,come il tuo,ci viziava con le primizie del suo giardino sapientemente coltivato. Ci insegnò i giorni migliori per piantare le rose e come fare gli innesti per l'albero d'arance;ci riempiva di fiori e ci costruiva archi e frecce con le canne di bambù.....ci costruì due altalene dipingendole di rosa e azzurro per non litigare tra cugini e cugine e lo stesso fece per dei tavolini e delle sedie altezza "nani"....ci costruì aquiloni,spade di legno e mazze da golf.
    Adesso è tutto lì,lasciato incolto,con un bel cartello "VENDESI" e i ricordi di infanzie serene.
    Scusa lo sfogo,ma leggendo le tue parole è riemerso tutto.
    Ti sono vicina e pensa sempre che tuo nonno,ovunque sia,ti darà una mano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille per aver condiviso qui i tuoi bellissimi ricordi...un cartello vendesi non può cancellare nulla!! Un abbraccio forte...

      Elimina
    2. un abbraccio forte anche a te Pier :)

      Elimina
  13. la tua sensibilità la devi anche a tuo nonno. Un caro abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lui era molto più sensibile di quanto volesse dimostrare, forse anche di più quanto lo sia io... Abbraccio accettatissimo

      Elimina
  14. Pier, Pier, Pier.. ogni volta che scrivi cresce in me una stima nei tuoi confronti IMMENSA. Sappi che ti capisco, che potevo esserti amica a quei tempi.. potevamo passeggiare vicino in campagna.. solo che io ci vivo ancora.. senza il mio nonno.. ma con il ricordo di lui costante.. vorrei che tu potessi essere qui tra qualche mese.. ho 500 piantine di fragole che ti aspettano per sentire nuovamente quel profumo, diverso da quel tempo, ma sempre UNICO e INDIMENTICABILE.. ti abbraccio tesorino.. quando vuoi qui una stanzetta ce l'hai!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Valerie! Sei una persona dolcissima... Anche da me si continuano a coltivare le fragole, ma non sono le stesse di allora, sono solo fragole...
      Un abbraccio carissima, grazie di cuore...

      Elimina
  15. bel post pier, davvero un bel post... un abbraccio...

    RispondiElimina
  16. Che bel post, i ricordi belli di quando eravamo piccoli sono sempre coi nonni.

    RispondiElimina
  17. ...c'è che io selvaggio non ti immagino...
    (ma non per questo voglio che il mio commento venga cancellato...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È un po' difficile in effetti, ma un po' lo ero..
      Giuro non lo faccio più :) grazie mille del sorriso!

      Elimina
  18. bellissimo...di sicuro è orgoglioso di suo nipote! un abbraccio!

    RispondiElimina
  19. Un post stupendo e, anche se non sembra, profondo. I nonni sono persone davvero speciali!

    Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho messo dei pensieri in fila, ma grazie mille... Bacio a te!

      Elimina
  20. Nonno è di certo orgogliosissimo di te :)

    RispondiElimina
  21. Quei profumi, quelle sensazioni, quelle passeggiate nell'orto li conosco bene. Ci sono cresciuta e ci vivo ancora in campagna. Solo che non ho mai avuto un nonno. Mia sorella più grande di me mi racconta che adorava l'orto del nonno molto più del nostro, racconta che ogni volta che si maturavano i piselli andavano insieme a raccoglierli. Io e quel nonno non ci siamo mai conosciuti, non ho ricordi di lui da tenere stretti e non sai quanto vorrei averli. Non dimenticarti mai di niente. Non sono tanto sicura che facebook e un iphone siano meglio di quella fantasia che avevamo da piccini, quando eravamo davvero dei selvaggi, come dici tu.
    Un abbraccio Pier, sono sicura che tuo nonno sarà orgoglioso di te, sei davvero un ragazzo in gamba! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti capisco, io non ho conosciuto i miei nonni paterni e sentir parlare di loro mi lascia un leggero amaro in bocca...
      grazie mille fru :)

      Elimina
  22. Io penso che non sono solo i ricordi a vivere in noi, ma anche le persone che abbiamo voluto bene, continuano ad esistere nelle nostre azioni, nei nostri pensieri e nei nostri cuori.
    Un abbraccio gigante :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sicuramente impariamo molto da coloro cui vogliamo bene!

      Elimina
  23. Post da brivido! Mi hai fatto tornare in mente un flash di me piccola con mio nonno che solo per me schiacciava i pinoli appena raccolti dalle pigne. Il sapore di quei pinoli non l'ho mai più assaggiato. Piacere sono Princi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille e benvenuta Princi! mio nonno adorava gli arachidi, ne aveva sempre in tasca... manteniamo vivi quei sapori, riusciamoci!

      Elimina
  24. Come Bergman hai rievocato perfettamente i ricordi che le fragole riportano alla mente. Un abbraccio, Pier!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siboney ti ringrazio ma non credo che il paragone regga :) abbraccio te!

      Elimina
  25. Non ti nasconderò che mi hai (quasi) fatto scendere una lacrimuccia... Hai risvegliato in me tanti ricordi d'infanzia, delle estati passati coi nonni, all'aria aperta e sana della campagna.. A costruire archi e frecce con dei bastoncini di legno e un po di corda, perché così mi sentivo tanto uguale a Robin Hood. Le passeggiate a piedi nudi fra i prati, raccogliendo fiori profumati che oggi sono ammalati con tutta la sporcizia del mondo. E più in la, le passeggiate nei boschi alla ricerca di funghi preziosi. E la gioia del nonno quando trovavo un tanto amato porcino.
    Momenti che non dimenticherò mai, che terrò sempre nel cuore. Momenti che purtroppo sono solo ricordi, e che invece vorrei tanto rivivere.
    Crescere fa paura, non trovi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. già, fa molta paura, ma al tempo stesso c'è una parte di me che mi attrae alla crescita... sarebbe bello imparare cose nuove, senza dover affrontare i problemi della vita... bello ma impossibile

      Elimina
    2. ...hai proprio ragione...

      Elimina
  26. Risposte
    1. Ciao Romeo che saluta il mio nonnino :*

      Elimina
  27. È incredibile quanto riveda la mia infanzia nelle tue parole. La campagna, la sua gente, i suoi tempi e i suoi luoghi sono speciali e riescono ad entrarti dentro senza lasciarti mai più.
    Io mi sento ancora la bambina che dava da mangiare ai conigli di nonna e che faceva le torte di fango spacciandole per alta pasticceria.
    Sono i ricordi più belli che ho.
    Ps. Tuo nonno sarà sempre un grande!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille Guess! Siamo stati molto fortunati nella nostra infanzia!!

      Elimina
  28. Tutto è così vivo e vibrante. Mi spaventa (nel senso buono) leggere quello che hai scritto e rivedere la mia infanzia... con la differenza che i miei nonni avevano 3 pescherie e quindi... si trattava più di leccornie fresche di mare...ma è la stessa cosa.
    I nonni poi... come farne senza e come non sentirne la mancanza. Sorrido perché per qualche minuto sono tornato il piccolo paffutello di una volta che si divertiva a stare sull'Ape del nonno (ovviamente sul ripiano di dietro) e girare per strada con i cuginetti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche io stavo sempre nel reparto dietro, mia nonna ci urlava che c'erano i carabinieri, e mio nonno ci faceva stare in piedi :) ad ognuno le sue primizie, ciao Halfetto!

      Elimina
  29. Post bellissimo.
    I nonni sono i nonni.
    Posso capire benissimo quello che provi.
    Mia nonna se n'è andata 5 mesi fa, e ancora non mi sembra vero. Passare davanti casa sua e sapere che non è più li fa un male indescrivibile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io mi son fatto forza per mia nonna, sono spesso da lei ed ho dormito nello stesso letto di mio nonno... è strano, sembra che non sia successo nulla, che i nostri cari siano solo altrove e invece....

      Elimina
  30. che dire, pier, ti auguro di risentire il profumo delle fragole appena colte e anche di fotografarle con l'iphone. magari sarà ancora più bello.
    mi è piaciuto molto questo post

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sicuramente resterebbe impresso :)
      mi fa piacere!

      Elimina
  31. Mi sono imbattuto per caso nel tuo blog... e che dire? Leggo un post bellissimo, ci accomuna l'amore per la campagna (io forse sono stato un poco più trash di te :p)
    Bel post, commovente ma con stile ;)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille e benvenuto! I passanti sono sempre ben graditi, a meno che non abbiano scarsa igiene xD
      scherzo, grazie ancora, ma che hai fatto per essere più trash??

      Elimina
  32. No la mia igiene è super ok, ti assicuro ;)

    Beh, in teoria sul mio taccuino è segnato un futuro post dal titolo Miki e... la campagna, quindi contavo di raccontare tutto lì, ma... ormai devo svelare qualcosa:
    dunque... usavamo la campagna come set di film (lol) stile ninja-power rangers-fantasy, con bastoni che erano spade, e acrobazie da due soldi.
    Poi... allestivamo un parco torture per i finocchi selvatici (rido da solo!!), infilzandoli ad un alberello piccolissimo, nero e secco che sembrava spettrale... ecc ecc :p

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha grandiosi!! Leggeró il seguito allora!! Ma avete ripreso nulla? Nella mia casa in campagna abbiamo girato una scena horror in cui io sto per essere ucciso in doccia e urlo in maniera disumana xD

      Elimina
  33. Forse da qualche parte esistono i filmini... ma spero di non scoperchiare mai quel vaso di Pandora... è roba datata (si parla del 1999-2000) Ero un moccioso :p

    Se ti va, passa pure a trovarmi sul Moz o'Clock ;)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Datata... Mi sento vecchio xD
      Comunque passeró volentieri

      Elimina
    2. Credo di essere più vecchio di te, sicuramente! XD

      Ok, ti aspetto allora, quando vuoi^^
      Buon sabato

      Moz-

      Elimina
  34. Bellissimo post,
    ha il profumo dei ricordi appena colti,
    complimenti!

    RispondiElimina
  35. mi hai fatta davvero emozionare,
    un post carico di ricordi e di profumi lontani...
    LA figura di un nonno presente, premuroso e attento che a me purtroppo è mancata...
    ti abbraccio

    RispondiElimina
  36. Beh, quasi mi commuovevo, che belli i profumi lontani!
    Crescere è dura, ma anche emozionante.

    ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. molto emozionante! un abbraccio a te :)

      Elimina
  37. Si cresce, si cambia, le piccole cose che facevano parte del mondo fantastico nell'immaginazione di un bambino diventano invisibili... ma nel ricordo c'è tutto, e basta quello a ridare calore al cuore, e un sorriso sulle labbra... anche se accompagnato con nostalgia... Non aver paura di dimenticarlo, perché è parte di te, non andrà mai via :)

    RispondiElimina
  38. Post bellissimo e triste. Non immagino in quanti te l'abbiano già detto dato che ci sono 86 commenti (quindi sto parlando con un vip e.e).
    Però io faccio l'originale e voglio sapere di cosa parlavi alle galline.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma che vip?! sono amici con cui chiacchiero :)
      con le galline chiacchieravo riproducendo i loro stessi versi, pregandole di non beccarmi quando prendevo le uova o chiedendo loro il motivo della loro agitazione...

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...