venerdì 19 maggio 2017

{Aggiornamento 68}
A flusso unico


Ho quasi sempre un'opinione su tutto, per lo più anche articolata.
Leggo, mi informo, guardo video, passo dalle cose importanti, al gossip farlocco, e mi piace raccogliere le notizie che più mi colpiscono e condividerle qui.
Quasi ogni mattina, salvo imprevisti, faccio una piccola rassegna stampa, mentre faccio colazione. Eppure da un po' di tempo ho come maturato l'idea che non bisogna necessariamente condividere la propria opinione su tutto. Che ci si può anche stare zitti, che è ok avere una mente critica, riflettere, ma poi tenersi le cose per sé e buonanotte al cuculo.
Anzi, se devo dirla tutta, penso che non bisogna avere necessariamente un'opinione. 
Così è stato ad esempio per l'EuroVision Song Contest che non ha catturato il mio interesse in alcun modo.
O anche ieri sera. Guardavo Facciamo che io ero, il programma di Virginia Raffaele, e semplicemente sono stato abbastanza distaccato nella visione. Una poco eloquente riflessione sul tutto: ci sono stati alti e bassi.


Sto di conseguenza bazzicando meno Twitter, che poi è il ricettacolo delle opinioni non richieste. 
Ma anche nella vita reale, quella fatta di parole e non di tastini, quando mi rendo conto che chi ho davanti potrebbe far sfociare la mia opinione in una polemica, preferisco tacere.
Batto ritirata e non batto colpo.
In questo periodo vado praticamente a flusso a senso unico. Assorbo ma non rimetto in circolo. 
E se fino a poco tempo fa iniziavo a ribollire per non tacere, in questo momento della mia vita non me ne importa assolutamente nulla.
Strano in effetti comunicare per dire che non ho voglia di comunicare, ma forse è più giusto dire che non ho voglia di fronteggiare polemiche, e questo mi porta un po' a rallentare.
Sarà che è arrivato il caldo, o meglio sarà che ci sono 4 stagioni in una sola settimana, sarà che le zanzare quest'anno hanno deciso che sono la loro unica e sola fonte di cibo, saranno le giornate stancanti accompagnate da sonni non propriamente angelici, ma non ho voglia. 
Almeno per adesso in cui le mie energie sono rivolte ad altro, e anche solo se sarà una breve parentesi (e conoscendomi lo sarà), me la godo.
Non mi ero accorto che fosse già venerdì in verità. 
Comunque so che una mezza polemica ve la aspettate. 
Ricordate sicuramente la questione taglie di Zara e finalmente ho dissipato il mistero.
Sto cercando un completo per un matrimonio, che non è quello di Pippa Middlenton il cui invito pare sia andato perso.
Pippa, sei nel radar.
Mi sono recato nello store più vicino con le migliori aspettative ma ho avuto una mezza conferma di quanto pensavo: ovvero che le taglie fossero fasulle.
Sono ben conscio della mia fisicità che non è mai stata esile. La natura mi ha donato spalle larghe conscia che ne avrei dovute sopportare tante, ma mi sfugge il senso del fianco voluttuoso visto che non ho intenzione e non credo di poter restare incinta.
Insomma la mia reazione da Zara è stata più o meno questa:


Le intenzioni erano buone, ma i risultato sono stati scarsi.
Ho provato tutte le taglie dalla 50 alla 54 e nessuna mi stava. In realtà ho notato che in questo range di misure le differenze erano minime: entravo in tutte (strano, no?!), ma nessuna calzava bene.
Poi ho provato una 56, così per sport, perché era una giacca di un grigio chiaro che non mi faceva proprio impazzire. Beh, era larga.
In difesa di Zara devo dire che un po' questo difetto l'ho riscontrato anche altrove.
Ho fatto altri giri, in altri negozi, ho provato varie taglie.
Piccola, piccola, larga.
Piccola, piccola, brutta.
Piccola, larga, brutta.
Insomma credo che questo sarà l'andazzo dei miei pomeriggi, la pazienza è più calante della disoccupazione giovanile, ma tengo ancora botta. Non so fino a quando però, visto che ho solo voglia di tirare la coperta del silenzio e dire "dai, altri cinque minuti".








32 commenti:

  1. Io ho trovato il vestito su Zalando! La salvezza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo uso ogni tanto, ma avendo poco tempo e difficoltà con la taglia, non volevo uscir pazzo con ordini.

      Elimina
  2. direi che il post ha portato bene!!! :D

    RispondiElimina
  3. Ho avuto anche il periodo frenetico "ricerca vestito" visto che ho due matrimoni! Zara è stata una delusione totale. Fortunatamente per le femmine c'è Rinascimento e lì la mia ricerca si è conclusa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Voi donne in questo siete fortunate. Basta un vestito più morbido e magari nasconde qualche difetto o comunque metti una guaina e via. Noi più largo è peggio è. Una donna con un abito nero è elegante, un uomo pare un becchino o un cameriere XD È una vita complicata!

      Elimina
  4. Io invece ho notato che nell'ultimo periodo sono diventata più "social" e mi chiedo se sia un bene :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è male, specie se è una fase :D

      Elimina
  5. Non avevi un'opinione nemmeno sulla Blue Whale :p

    -zoM

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Comunque la vita al contrario ha i suoi benefici... l'unica cosa negativa è che la pensione te la sogni proprio... ahahahah

      Elimina
    2. Esatto, un'altra cosa di cui magari altre volte mi sarei informato meglio, e invece ora non me ne frega nulla xD

      Elimina
    3. Ma tanto noi la pensione ce la sogniamo lo stesso XD

      Elimina
  6. Virginia Raffaele è un mio mito, forse anche perché le ho visto muovere i primi passi nel laboratorio teatrale di comune appartenenza, ma riesco ad essere obiettivo e a farmi opinioni sensate. A teatro mi ha deluso, bloccata e circoscritta su una cerchia di personaggi limitante. In tv spazia alla grande invece, potendo gestire meglio trucchi e parrucchi.
    odio i matrimoni. Metterei lo stesso vestito per anni, le cravatte mi uccidono, le scarpe cerimoniose mi strangolano, vedere poi decine di femmine vestite a caxx ad ogni matrimonio, che manco Satana le farebbe entrare in una chiesa, mi fa ringraziare il cielo di non dover diventare scemo a cercare un vestito ogni volta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lei è bravissima, io ho seguito lo spettacolo a spizzichi e bocconi e ho trovato dei punti morti, ma sarà stata una mia impressione.
      Comunque non so te, ma io non vado ad un matrimonio dal 1600 quindi non mi pesa XD L'unica incognita era il vestito.

      Elimina
    2. Franco, da me in alcune chiese c'è il prete che si mette stile guardia del corpo e se non sei vestita/o bene non ti fa entrare xD

      Elimina
    3. Tipo come in quelle chiese che se il vestito è due dita sopra il ginocchio sei una meretrice che non può entrare in chiesa?! D:

      Elimina
    4. Ahah e non solo la gonna xD niente scollature -e va beh, ovvio-, niente infradito, niente pantaloncini, niente pantaloni corti neanche per gli uomini, niente spalle scoperte..

      Elimina
    5. Io gli direi che ci vado anche col cappotto, basta che mi mette l'aria condizionata a palla XD

      Elimina
  7. Caro Pier, mi dispiace dirlo ma sono contenta che anche voi uomini abbiate problemi coi vestiti per i matrimoni :-D
    Di solito io trovo difficilissimo cercare vestiti perché ho gusti talmente semplici che non esistono quasi. Per non parlare della taglia :-O
    Ma perché si sposano e mi invitano, dico io?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah basta che si sposino GLI ALTRI e non io XD
      Comunque come dicevo a Mareva, ognuno ha i suoi pro e contro. Voi donne potete scegliere fra tanti tipi di abito ma siete costrette a cambiare spesso, noi uomini non abbiamo molta scelta, siamo costretti a patire il caldo ma possiamo usare lo stesso vestito fin quando ci entriamo XD

      Elimina
  8. Mi hai fatta morire con la tua perplessità sui fianchi voluttuosi.
    Zara, per quanto mi piaccia a livello di modelli (di vestiario), credo decida le taglie ad cazzum, e la fattura non è senz'altro delle migliori: volevo una maglietta bianca, basic, ma la S era larghina e con i lavaggi so già sarebbe diventata una tenda da campeggio a quattro posti.

    Mi spiace non leggere le tue considerazioni sull'Eurovision, immaginavo già i commenti sulla canzone rumena a base di Yodel :D

    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alice :D Secondo me Zara è confusa sul fatto che S significhi small e non "sono un po' in carne" e L significhi large e non "sto alla LARGA dal cibo". :D

      Ho sentito quella canzone e mi ha divertito in realtà XD

      Elimina
  9. Io sono sempre stata di questa idea: non è sempre necessario condividere la propria opinione. Il più delle volte preferisco tenermela, che mi sa tanto sia più ben riposta dentro di me che fuori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È anche vero che non tutti vogliono sentire la nostra opinione, non tutti sono poi predisposti a crearne un dialogo, per cui meglio tacere.

      Elimina
  10. Anch'io sono in un periodo in cui lascio molto correre per non avere discussioni...specialmente quando sono inutili e fini a loro stesse.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto spesso sono inutili, specie se hai certe persone davanti.

      Elimina
  11. Anche io riguardo alle discussioni, evito sempre, soprattutto con quelli che vogliono sempre avere ragione e non si può fare un discorso con obiettività, quindi meglio tacere! E poi penso che molte esperienze negative dopo un po' ti fanno arrivare a questo punto, e cioè fregartene di qualsiasi cosa, che è sicuramente un bene! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al contrario tuo non sono così zen di mio, ma in questo periodo ho meno voglia di scontri.

      Elimina
  12. Io credo che sia molto nobile, di tanto in tanto, lasciare le opinioni a chi ha voglia di sprecare il fiato. Per quanto sia altrettanto nobile mettersi in piedi e annunciare le nostre intenzioni, è altrettanto vero che non sempre è un "bene" farlo, e non è così facile da ammettere.

    Per quanto riguarda le taglie, beh, non posso che darti ragione. Col mio metro e sessanta scarso, abbondante seno e un po' di pancetta, non rientro in nessuna delle taglie presenti sul mercato. Sono un soggetto da estinguere, a quanto pare. I difetti del boom economico ;-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio, ci estingueremo??? Quando??? Meglio mangiare mi sa :D

      Elimina
  13. Storia della mia vita:
    (anni fa) taglia 40 (36) da Bershka e taglia 42 che mi era piccola da Zara, questo di jeans, invece di pantaloni, stesso modello solo colori diversi, in nero li ho 40 mentre in blu 42 e mi stanno anche strettini, per non parlare di un altro paio sempre 42 che mi stavano orribilmente e che mi comperò mia mamma ed ora ho rifilato non so a chi.
    Tutto questo per dire che come ben sappiamo, questi fanno taglie a cazzo!

    ps ai lov iu <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lov iu tuu ma non lov per niente quest tagl a cazz :D

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...