giovedì 29 dicembre 2016

{Aggiornamento #56}
Ricordi e dimenticanze.



E quindi, avete passato un buon Natale?
Viste le varie critiche che leggo su questo giorno ho fatto un sondaggio su Twitter (quanto mi diverto con 'sti sondaggi!) e pare che sia andato bene, almeno per la maggior parte della trentina di persone che hanno partecipato.
Il mio è stato abbastanza tranquillo. Ormai da un paio di anni non facciamo più nulla di eccessivo, abbiamo anche impedito a mia madre di fare più di una seconda portata, così almeno non ci ritroviamo con avanzi per le scampagnate del 25 Aprile.
E sono stati anche tutti molto graditi i regali che ho ricevuto, cosa non poco importante alla fine ché riciclare brutti regali è sempre complicato. Di alcuni sono certo ne sentirete parlare anche qui!
In realtà, anche se non ho pubblicato qui nessuna wishlist, esiste una lista dei desideri che ho condiviso solo con gli amici. Nulla di speciale, si intenda, ma sicuramente efficace. 
Sono ancora un po' in modalità relax, sto iniziando e finendo nuove serie tv, e dormo tantissimo, che se il sonno si potesse vendere sarei sceicco in un qualunque paradiso fiscale.
In realtà sono anche concentrato al futuro e non pensate sia stato un periodo liscio liscio. 
Ad esempio, fra una cosa e l'altra, ho dimenticato che il mio blog ha compiuto 4 anni il 12 di questo mese!
Non che volessi organizzare un party itinerante per l'Italia, ma il fatto che mi sia sfuggito è un po' sintomatico di dove sia rivolta la mia mente al momento.
Dicembre non è mai un mese tranquillo, penso un po' per tutti ma non è che abbia molto capito questa ansia. Alla fine superato Natale ci sono stati diversi giorni feriali e nemmeno un misero ponte più lungo, per cui mi sembra si sia tornati subito alla normalità. 

Sempre più o meno agli inizi di dicembre, si è concluso il trono gay a Uomini e Donne. Non ho seguito il programma se non per alcuni stralci che magari mi fermavo a vedere dalla tv accesa, ma mi è parso di capire che le mie remore fossero infondate: non credo che il programma, nonostante sia quel che sia, è sceso a livelli tali di trash che possano averne inficiato quelle che erano le buone premesse. Anzi, parlare di omosessualità in un modo tutto sommato non eccessivamente spettacolarizzato, in uno show che ha un pubblico molto ampio, è stato secondo me incoraggiante. Quindi, che la coppia #Clario sia vera o meno, francamente poco me ne importa. Magari ha ragione Stefano Gabbana, ma se il messaggio è stato recepito, va benissimo così. 
Ancora comunque non è certo ci sarà un seguito al trono gay. 
Non si può dire abbia avuto la stessa accoglienza positiva il programma di Rai 3 Stato Civile, dove viene raccontata la vita di alcune coppie prima e dopo la celebrazione dell'unione civile appunto. Sulla pagina Facebook della emittente infatti sono volati commenti di gente che inneggia a propaganda omosessuale come se non esistessero miliardi di programmi in cui Enzo Miccio organizza matrimoni di coppie etero.


Ma nella parabola discendente di questo 2016 decadente e matto, dicembre ha fatto il suo, e dopo un attentato terroristico, su cui non mi soffermo, non perché voglia declassare l'evento ad un fatto di quotidiana amministrazione, ma perché cosa c'è da dire a riguardo?, abbiamo perso altri pezzi di storia della cultura pop mondiale: George Michael, Carrie Fisher e sua madre Debbie Reynolds.



Non vi sciorinerò storie su quanto fossi fan di questi personaggi, su quanto la cosa mi abbia distrutto, perché ridefinirei il concetto di Giuda.
Ma da fan in generale della musica e dell'intrattenimento, oltre all'umano dispiacere, posso immaginare come possa essere perdere qualcuno che, pur non conoscendolo, pur essendo lontano da te, e magari non avendolo mai incontrato, ha saputo farti emozionare, qualcuno con cui eri in qualche modo legato magari per un ricordo passato.
Ho ad esempio un ricordo di George Michael, quando nel 1998 uscì Outside.


Ricordo me, che ero un bambino di 9 anni, guardare il video con forse un po' di perplessità, ma incuriosito da quel fare provocatore, irriverente, al limite quasi del proibito per me. Non capivo all'epoca cosa significasse quel "Let's go outside" né da cosa provenisse ma rimasi sorpreso dal modo con cui si esprimeva nel video, non lo trovavo volgare ma liberatorio, leggero, divertente e autoironico.
Non so, mi piaceva quella sensazione e quel video, ed era un ricordo che avevo effettivamente sommerso.
Comunque adesso si guarda avanti.
Il 2017 alle porte, e, mi pare di capire che gli altri duemila anni precedenti ci abbiano insegnato che i buoni propositi non durano neanche fino a San Valentino e che ogni anno alla fine può portare cose belle e altre più brutte. Per questo ormai ho deciso di affrontare il capodanno col minimo sforzo.
Tirando le somme, questo 2016 per me è stato un anno ibrido che non mi ha lasciato molto. Non posso dire ci siano stati dei momenti bassi da incubo come gli anni precedenti, ma conto i momenti belli come si contano le stelle in un cielo annuvolato. Pochi e offuscati.
La cosa che forse ho imparato e che mi porto dal 2016 è certamente di smettere di guardare al passato, di rimuginarci sopra più o meno ogni ora del giorno.
A me poi il 17 è sempre piaciuto come numero, contro ogni regola e scaramanzia, ma se proprio devo chiedere qualcosa allo spirito del nuovo anno è che finalmente mi porti il coraggio di affrontare gli scheletri seppelliti in armadi, cassetti, valigie e beauty case.
Non so se ci leggeremo qui ancora, per cui colgo l'occasione per augurarvi non solo un buon 2017, ma soprattutto la forza per affrontarlo al meglio.
A presto!






30 commenti:

  1. Auguri al blog <3
    io ero fan di George Michael tra la fine degli anni Novanta e i Duemila, mi piaceva la sua musica sensuale, per me era qualcosa di nuovo. Ultimamente lo seguivo meno ma la sua morte mi ha colpito, così come quella di Carrie Fisher... e poi sapevi che è la mamma di Chanel numero 3???? Cos e pazz!

    baci dalla tua famiglia napoletana <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie :D
      Sai che l'ho scoperto in questi giorni? Non sapevo!
      Baci <3

      Elimina
  2. Riguardo al Natale tutto bene,il cenone era buono(cucina mia suocera per la vigilia,ed è abbastanza un terno al lotto),a Natale i miei non hanno litigato(stavano per cme ogni festa),i regali azzeccatissimi,successo!!!
    Riguardo a Giorgetto io ero ragazzina quando ebbe il suo periodo di maggior successo con gli Wham!,per me è davvero la perdita di un pezzo di gioventù.Auguro tanta salute a Tony Hadley e Simon le Bon,perchè se capitasse qualcosa pure a loro,non so se reggerei ;) Carrie Fisher era la principessa Leia,e per una fan di Star Wars come me,anche quello è stato brutto.
    Felice 2017!!!Sperando che sìa più bello di questo 16 :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai che è andata bene :D

      Quando muore qualcuno a me dà sempre la sensazione della fine di un'epoca, come se perdessimo pezzi del passato che però sono importanti per il futuro e penso che chi ha qualche anno più di me lo noti anche di più.

      Baci e buon anno :)

      Elimina
  3. Scrivi sempre benissimo, quella lettura che scorre via e sembra quasi parlata attentamente, ti sento un pò qui..
    ed in attesa di vederti in questo 2017, Pier, ti abbraccio forte forte e ti auguro un nuovo anno meno ibrido e più soddisfacente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio tesoro! Sei carinissima e spero che questo 2017 porti anche il nostro incontro :D
      Bacioni!

      Elimina
  4. Mi unisco all'ultimo ottimo proposito, che sia per tutti un 2017 libero da certi nascondigli (anche dai più "dorati"). Buon anno, Pier :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molti nascondigli come dici tu sono dorati, sono proprio comfort zone! Buon anno cara :*

      Elimina
  5. Anche a me il 17 piace tantissimo come numero. Lasciamo che faccia il suo corso ma non dimentichiamoci di dargli una spintarella se serve. <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che più che una spintarella, serve uno scossone!

      <3

      Elimina
  6. Anche io sto dormendo una cifra in queste feste, non sarà per caso un'epidemia?
    Comunque veramente, quest'anno è morta un sacco di bella gente. Altro che duemiladiciasssssette.

    E comunque auguri a te Pier ^^

    RispondiElimina
  7. Mi è dispiaciuto molto per George M.
    Non il mio cantante preferito, ma comunque uno di quelli che ascoltavo volentieri. E dev'esser brutto morire a Natale, perché a dirla tutta non è un giorno come gli altri. Il mio è andato bene, in allegria. Tranne che per una pessima notizia.
    Baci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi spiace per questa pessima notizia. Sì morire a Natale non è proprio il massimo (sempre se così si possa dire in queste circostanze) anche perché le due cose vengono subito ricolelgate.
      Baci!

      Elimina
  8. Lunga vita al blog...
    Ciò detto, io che sono trash nel mio intimo, il trono gay l'ho seguito col cuore in gola... e ti debbo dire che mi sono (non poco) commossa alla fine... hai ragione, la professata normalità, lo diventa come vera e propria (giustissima e legittimissima) ed è bello. un messaggio bello.
    Il dolore per le morti celebri, è sempre un tantino poco spiegabile, eppure esse ci toccano nel profondo con reazioni sincere. George Michael, come per te, era il cantante trasgressivo e potente di "Outside", avevo qualche anno più di te, mi rifocillavo di MTV ed il video messo a rotazione frequentissima, mi affascinava un sacco.
    La principessa Leila non la conoscevo, la sua mamma invece mi era molto cara, in special modo per il simpaticissimo ruolo della mamma di Grace, nell'omonimo serial con Will... mi ha toccata molto di più la dipartita della Sozzani, che adoravo.
    Per il resto, il 2017 io lo attendo con aspettative che non sarebbe il caso di avere, lo so che le aspettative fanno male a chi le ha... ma non ce la faccio altrimenti... che possa investirci di cose belle, non tanto inaspettate, ma esattamente quelle che vorremmo accadessero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sempre lunga vita!
      Anche per me era poco spiegabile, poi mi son soffermato a pensare come sarebbe se perdessi i miei beniamini. In realtà non sono uno che si strugge, anche perché fortunatamente certi artisti grazie alla loro musica sono davvero immortali.

      Le aspettative, la curiosità mi sa che è umana, c'è poco da fare, ma possiamo sempre essere fiduciosi :D

      Elimina
  9. Beh, è stato un anno abbastanza di cacca e vorrei spingerlo al più presto fuori dalla porta. Di George che dire: il primo post nella mia camera durante l'adolescenza, indimenticabile primissimo amore. Buon tutto ragazzo, a rileggerci prestissimo😘

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buon anno nuovo bella donna, a leggerci presto :)

      Elimina
  10. Intanto auguroni sia per il blog che per il Natale ormai passato e il Capodanno imminente! :*
    Com'è stato questo 2016? Abbastanza strano, ma l'avrai capito in buona parte dalle disavventure che mi sono capitate e che ho narrato nel blog (anche se sono successe altre cose di cui non ho voluto parlare)! Però, sono riuscita a levarmi delle materie abbastanza pesanti che mai avrei creduto di dare! Quindi almeno sotto questo fronte son felicE :D
    P.s. il video di George di cui parli incuriosì anche me da piccola! Non lo capivo molto ma m lasciò particolarmente perplessa! Riguardandolo adesso, finalmente ho colto il messaggio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara!
      Strano è un termine azzeccato ma ti invidio le materie pesanti!! Sono il mio cruccio.

      Sei effettivamente mia coetanea quindi avrai più o meno le mie stesse impressioni da quel video :) ti ricordi quando mandavano tipo MTV sulle reti locali?

      Elimina
  11. Buon compleanno (un pò in ritardo) al blog e buon anno a te Pier!
    Sempre belli i tuoi post!

    RispondiElimina
  12. Tanti auguri al blog e a te auguro che il 2017 ti lasci di più e che, il prossimo 31 dicembre, tu possa contare le tue stelle in un cielo sereno :)
    Ti abbraccio!

    RispondiElimina
  13. Mi è spiaciuto per la morte di questi tre mostri sacri dello spettacolo, ma non ero fan di nessuno dei tre...
    Del trono gay dalla De Filippi ne ho sentito parlare a cose fatte, non ne sapevo nulla e non sapevo nemmeno della polemica dello stilista... Se hanno trovato l'amore... beati loro, che devo dire?? ;)
    Per il resto... Natale e Capodanno passati, mangiato il giusto e il troppo... ma da domani sono in ferie... e torno a correre!
    Buon 2017!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, anche a me comunque che la storia sia vera o finta non mi dà e non mi toglie nulla.
      Buona corsa e buon anno :D

      Elimina
  14. Il 2016 ci ha portato via troppi personaggi!
    L'unica che tiene botta è la Regina Elisabetta!
    Per Natale io mi sono imposta di non ingozzarmi come un maialino e, devo dire, sono stata brava! Onore a me!
    Buon anno Pier ❤️

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Facciamo gli scongiuri per Queen Elisabeth!
      Bravissima *-* Avrei dovuto seguire il tuo stesso modo di fare... invece xD Buon anno!

      Elimina
  15. Ehi Pier, arrivooooooo :D
    Buon anno, davvero di cuore! E il 17 piace anche a me, sai? Specie da quando alle ore 17 (si, ricordo l'orario dell'appuntamento!) del 17 dicembre di un bel pò di anni fa mi sono fidanzata con il mio amore e il 17 luglio di sette anni dopo l'ho sposato :-)
    E auguri anche per il quarto compliblog pur se è passato da un pochetto...ti seguo quasi dall'inizio io (se non erro, fin dall'estate successiva all'apertura) e continuerò con grande piacere a seguirti!
    Beccati un abbraccione :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maris allora deve portarci proprio bene questo anno :D
      Magari potrò dire pure io un giorno "era il 17 dicembre del 2017 quando ci ritrovammo innamorati" *-*
      Vero, sei una delle prime e storiche "follower" :D
      Un abbraccio!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...