martedì 11 ottobre 2016

{Recensioni film}
Truth - Il prezzo della verità | Café Society | Demolition - Amare e vivere

Ciao!
Finalmente parliamo un po' di cinema visto che fra quello che ho visto e di cui vi vorrei parlare, e fra quello che vorrei vedere viste le tantissime nuove uscite, sono sempre indietro. Anzi, iniziamo subito!

Truth - Il prezzo della verità (2015)

Risultati immagini per Truth - Il prezzo della verità

Titolo originale: Truth
Genere: drammatico, biografico
Durata: 125 minuti
Regia: James Vanderbilt
Uscita in Italia: 17 Marzo 2016
Paese di produzione: Stati Uniti d'America, Australia

Non ricordo le ragioni esatte che mi abbiano spinto a vedere Truth visto che non ne avevo letto recensioni né positive né negative. Probabilmente il fatto che fosse tratto da una storia vera ha avuto la meglio. 
In generale il mio pensiero su questo film è positivo. Lo si segue senza troppa noia, o meglio, c'è una prima parte in cui nasce e si sviluppa l'inchiesta volta a scoprire se l'ex presidente degli Stati Uniti, George Bush avesse o meno adempiuto ai suoi obblighi militari o se avesse avuto spintarelle, che può risultare un po' lenta o comunque poco interessante visto che vengono sciorinati una serie di nomi di persone più o meno note per noi italiani. Se considerate poi che la storia narra vicende accadute 12 anni fa, diventa un po' una challenge.


Ho apprezzato però che il film, tratto da un libro, non volesse santificare e glorificare l'operato di Mary Mapes, o il lavoro fatto dalla sua squadra, ma raccontare una storia, sicuramente da un punto di vista unilaterale, visto che il libro è stato scritto dall'ex produttrice, ma non mi è parso come un tentativo di raccontare una verità assoluta
Mi è anche piaciuto il fatto che non ci si fermasse solo alla protagonista da un punto di vista professionale, ma venisse raccontata anche una parte più personale che quantomeno dà un'idea più ampia della Mapes, e di cosa la spingesse nel suo lavoro.
Il cast è ricco e valido, la regia forse un po' antica ma il risultato è secondo me un film godibile, adatto alla tv, abbastanza coinvolgente e lineare, cosa non sempre da sottovalutare.
Il finale può sembrare forse un po' scontato ma ho visto che è andata davvero così.

Voto 6 e mezzo


***
Café Society (2016)

Risultati immagini per Café Society locandina

Genere: commedia sentimentale
Durata: 96 minuti
Regia: Woody Allen
Uscita in Italia: 29 Settembre 2016
Paese di produzione: Stati Uniti

Io e Woody Allen non andiamo esattamente a braccetto, ma potrei candidamente ammettere sia colpa mia per non essere in grado di decifrare i suoi lavori. Sta di fatto che ogni volta comunque non resisto alla tentazione di vederli e anche di farmi male, come con Irrational Man. Questa volta però con Café Society non mi son fatto proprio nulla. 


Ho visto il film, mi son compiaciuto dei colori brillanti e caldi, ho assaporato quella nostalgia mista a romanticismo che Allen ormai ha come firma, ma che con gli anni '30 nasce comunque spontanea, e alla fine non mi è rimasto nulla. 
Il film mi ha raccontato una storia, carina, piacevole, scorrevole, senza troppi sperticamenti di mascella, ma ad essere onesto non ci ho letto una sottotrama, non ho trovato un messaggio, qualcosa che mi facesse riflettere o che necessitasse tempo per essere metabolizzata. Nulla. 
Una visione gradevole, di una storia che vivrei bene anche senza conoscerla, ma che mi mette in dubbio. Perché da un lato dirvi che dovete assolutamente vedere Café Society sarebbe falso perché non mi pare che, in caso contrario, vi perdiate una pellicola unica e inimitabile; ma sconsigliarne la visione nemmeno stessimo parlando di un film muto giapponese, sarebbe forse disonesto o esagerato. Posso dirvi che va bene se volete trascorrere una serata al cinema piuttosto che star a casa, se volutamente cercate un film che non affatichi troppo le sinapsi ma che vi tenga compagnia un paio di ore, con un atmosfera un po' sognante. 

Voto 6

***
Demolition - Amare e vivere (2015)

Risultati immagini per demolition locandina

Titolo originale: Demolition
Genere: drammatico
Durata: 101 minuti
Regia: Jean-Marc Vallée
Uscita in Italia: 15 Settembre 2016
Paese di produzione: Stati Uniti

Ancora una volta un film scelto a caso, nemmeno seguendo gli ormoni vista la presenza in carne (tanta carne) e ossa di Jake Gyllenhaal, ma andando proprio a naso. E restiamo anche in tema di film che io non ho capito. La storia di un uomo che a seguito di un evento traumatico si "risveglia" da una quotidianità che si è fatta routine, che non dà l'opportunità di guardarsi intorno e vedere oltre, e che lo porta a voler disintegrare quella realtà che lo aveva ingabbiato, non è indubbiamente originale. In questo film però non solo ho riscontrato una certa banalità di base, ma, ancora una volta, non ho trovato un messaggio, un link fra lui e me


Ok, ognuno elabora i propri traumi come meglio ritiene, ma penso che un po' tutti ci teniamo a non proseguire la nostra vita dopo essere passati attraverso un TSO. E mi sta bene la metafora del distruggere (anche fisicamente) tutto ciò che in qualche modo rappresenta quella quotidianità di cui sopra, ma poi perché riavvolgere il nastro e praticamente tornare sui propri passi quasi pentendosi?
Non so, come non so a cosa serva tutta la parte centrale di questo film che sinceramente ho trovato noiosa, e che mi sembra messa lì giusto per allungare i tempi, ma quel sapore di film introspettivo francese non lo gradisco.
In generale il tentativo di parlare in modo alternativo di tematiche interiori e delicate mi sembra sia fallito in questo Demolition. Ho apprezzato cast e recitazione, ma come vi dicevo, non c'è granché che mi abbia trasmesso e che io possa lasciare a voi.

Voto 5


Con questo finisco con i tre film visti nell'ultimo periodo. Ho alcune pellicole in mente che vorrei recuperare, ma se avete qualche suggerimento, lo accetto ben volentieri.
A presto!




16 commenti:

  1. Non hai scritto che in Café Society Blake si chiama Veronica y_y
    scemenze a parte, hai confermato il mio sentore, perciò lo vedrò ma senza grosse aspettative!
    un bacino da me e dalla creatura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah perché l'unica che conosco sei tu e il resto non conta ;)
      Baci!

      Elimina
  2. Nelle ultime settimane, passando davanti al cinema della mia città, mi sono soffermata più volte ad osservare la locandina di Café society con l'idea di doverlo recuperare.
    Forse, a suon di recensioni non propriamente positive, posso anche mettermi l'anima in pace e passare a qualcosa di più interessante.
    Grazie per le opinioni :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se lo guardi, come diceva Rory, senza troppe pretese, può essere un passatempo piacevole, altrimenti ti sembrerà secondo me un po' vuoto.
      Grazie a te di essere passata!

      Elimina
  3. Devo ammettere che anche io non ho mai avuto un gran feeling con Allen, non mi ha incuriosita per nulla Demolition (a me non piace manco lui:)) e guarderei Truth perchè come genere (come sai) mi attrae ed anche gli attori mi piacciono.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti potrebbe piacere in effetti. Gli altri due lasciali perdere ;)

      Elimina
  4. A me Woody Allen fa venire il latte alle ginocchia. Midnight in Paris un po' meglio. To Rome with Love una noia mortale.
    Questo non ci vado a guardarlo, penso che la mia fiducia in lui sia definitivamente manomessa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Midnight in Paris era piaciuto anche a me, sempre nello stile di raccontare una storia, il resto non mi ha convinto affatto.

      Elimina
  5. A me gli ultimi di Woody Allen non sono piaciuti (escludendo "Vicky, Cristina, Barcelona" e "Match Point") quindi non mi sconvolge che quest'ultimo non sia entusiasmante. Mi sa che non andrò a vederlo. Gli altri due non mi ispirano e la tua recensione non me ne fa pentire troppo!

    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo film tiepidi, almeno secondo il mio gusto!

      Elimina
  6. Non ho abbastanza tempo per andare al cinema quanto vorrei. Da Allen mi aspetto molto, spero di non rimanere delusa.
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fammi sapere se lo recuperi e che te ne pare :)

      Elimina
  7. Secondo m Woody Allen ha perso moltissima verve negli ultimi anni. I suoi film del passato sono davvero giganteschi, in fatto di arguzia e sottile comicità, adesso sembrano tutti un po' una copia sbiadita del precedente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non saprei rispondere sinceramente. Immagino tu lo dica da "fan" quindi hai una visione più ampia. Se dovessi giudicare io, da ciò che ho visto, darei una valutazione bassina.

      Elimina
  8. Robert e Cate sono tra i miei attori preferiti e me lo sono perso! :( Rimedierò :)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...