mercoledì 29 giugno 2016

|Beauty Cues Update|
Oli vegetali per il viso Aroma-Zone.

Buongiorno a tutti!

Mentre stavo scrivendo della mia skin care routine super poraccia con poco più di 10 euro, sono arrivato ad un punto per cui ho visto che si andava per le lunghe, per cui ho deciso di farne una postilla.
Volevo chiacchierare un po' riguardo agli oli naturali per il viso, e di tre in particolar modo.
La questione oli sul viso è un argomento abbastanza ampio con vari schieramenti di chi è pro e chi è contro peggio che per la Brexit, soprattutto per un fatto di comedogenicità, ovvero della possibilità che siano troppo occlusivi e causino impurità. E, diciamolo, non a tutti piace la sensazione di unto.
C'è chi ha proprio paura persino a sentirne parlare, e chi, invece, li venera più di Lady Gaga ai tempi di Bad Romance.
Secondo me la verità sta nel mezzo. Nel senso che di favole sugli oli vegetali ce ne raccontano molte, ma non tutti sono validi e non tutti conservano quelle proprietà cosmetiche a cui tanto aneliamo, soprattutto a causa dei processi di lavorazione. Quindi ci sono differenze da fare.
In rete se ne parla moltissimo e si trovano tantissime informazioni su siti specializzati che chiariscono molto meglio di quanto io saprei fare, per cui, come sempre vi parlo della mia esperienza.

In generale, fino ad ora mi son trovato sempre abbastanza bene con gli oli vegetali sia per il viso che per il corpo. Ricorderete ad esempio l'oil cleansing method che faccio nella pulizia del viso. Oppure l'olio di Fitocose per il corpo.
Prima ancora, sebbene non ne parlassi sul blog, avevo usato l'olio di jojoba de La Tradizione Erboristica Forsan come idratante viso e contorno occhi, e mi trovai benissimo.
Di base mi piace l'effetto che un olio dà alla pelle, ma sono una persona pigra e star lì a massaggiare o peggio aspettare un po' più a lungo che l'olio si assorba, non mi è sempre favorevole e finisco per non essere costante.
Però, da un po' di tempo aleggiava fra le mie sinapsi l'idea di ordinare qualche olio sul sito di Aroma-Zone, dove si trovano materie prime a basso costo per la produzione di cosmetici.


Ne avevo in mente un paio, in particolare l'olio di Cranberry e l'olio di Rosa mosqueta poi ne ho scelto un terzo, dopo averlo sentito nominare su Youtube da Annarosa (Allegra1952), ovvero l'olio di Tamanu.
La cosa bella di AromaZone è che, oltre a spiegare bene le proprietà dei vari prodotti, ha delle minitaglie da 10ml di quasi tutti gli oli vegetali che vende così da poterli provare senza investire un capitale e senza poi ritrovarvi con litri di olio buoni nemmeno per friggere le patatine, quindi mi sono lanciato su quelle. Tra l'altro con 10ml ci farete parecchio tempo, considerando che bastano davvero poche gocce. 


aromazone oli vegetali


Il mio intento era quello di creare un mix di oli da mettere in una boccetta con contagocce, ma prima ho preferito provarli singolarmente quantomeno per vedere eventuali reazioni.


L'olio di Cranberry (Vaccinium macrocarpon, 10ml, 2.50€)  ha un colore ambrato e un odore che sì, tende ad essere sempre un po' erboso, ma con delle note più fruttate. Avete presente l'odore che si sente quando si lavora il mosto d'uva? Ecco a me sembra un po' simile a quello. Sulla pelle si assorbe bene, non è un olio molto pesante, e lascia una sensazione abbastanza setosa. Sul sito di Aroma-Zone elencano queste proprietà

  • Il suo naturale rapporto 1:1 di omega-3 e omega-6 conferisce proprietà altamente idratanti e emollienti: rinforza la barriera cutanea.
  • ripara e rigenera la pelle secca, ristruttura e tonifica la pelle matura.
  • Anti-aging: per il suo alto livello di antiossidanti, l'olio di semi di mirtillo previene l'invecchiamento della pelle.
  • Lenitivo, calma l'irritazione e ammorbidisce la pelle sensibile o danneggiata.
  • Aiuta la pelle a combattere contro le aggressioni esterne, secchezza, e lo stress ossidativo.
L'olio di rosa mosqueta (Rosa rubiginosa 10ml, 1.90€) invece ha un colore giallino e come consistenza è simile all'olio di cranberry: non molto pesante. L'odore è bruttino, ma non persiste, come nessuno per questi oli quindi ti tappi il naso un attimo e vai avanti. Anche lui dà una bella sensazione setosa sulla pelle e non impiega molto ad assorbirsi. Le sue proprietà dovrebbero essere:

  • Potente cicatrizzante, migliora l'aspetto delle cicatrici profonde: molti studi dimostrano che dopo l'applicazione regolare di questo olio, quali che siano le cicatrici, la pelle ritrova una texture e una colorazione naturale.
  • Questa attività rigenerante intensa accoppiata alla ricchezza di antiossidanti attenua le rughe e riduce le rughe superficiali.
  • Grazie alla sua elevata attività antiossidante, l'olio di rosa canina blocca la progressione delle prime rughe, in particolare le rughe causate da foto-invecchiamento .
  • Rassodante, l'olio porta tono e nuovo aspetto alla pelle.
L'olio di Tamanu (Calophyllum inophyllum 10ml, 1.25€) ha un color verde oliva, mediamente denso, e un po' più pesante rispetto agli altri due. Anche l'odore è abbastanza particolare e pungente, ma non mi dà fastidio. Si assorbe abbastanza bene, ma mi pare richieda un pizzico in più di tempo. Le proprietà di questo olio vanta su Aroma-Zone.com sono:

  • Circolazione e fluidificazione (???), fornisce una buona protezione dei vasi sanguigni e favorisce il flusso di sangue.
  • Cicatrizzante, promuove la rigenerazione del tessuto cutaneo danneggiato e fornisce morbidezza e l'elasticità alla pelle.
  • Il suo attivo anti-infettivo rende l'olio di Callophyla un olio potente contro le infezioni della pelle.
  • Antinfiammatorio e analgesico mite, l'olio vegetale Callophyla allevia il dolore articolare, muscolare e dei nervi.
  • Esso ha un effetto protettivo significativo contro gli effetti nocivi del sole.
I primi due oli hanno funzioni simili, l'olio di tamanu invece sembrerebbe qualcosa di abbastanza potente. 
Vi dicevo, ho messo questi tre oli in un contenitore con contagocce ed è venuto un olietto color verde/ambrato

Quindi: detergo il viso, spruzzo l'acqua termale, applico la crema notte Cien Nature alla rosa, e stop. Quando sto per andare a letto, a meno che non abbia applicato qualcosa sopra le crema o comunque non senta il bisogno di rinfrescarmi, non rilavo il viso, ma semplicemente applico circa 4 o 5 gocce di questo olio, dopo aver spruzzato abbondante acqua termale, oppure mixandole ad un po' di gel di aloe. 
I primi tempi, per un bel po' l'ho applicato metodicamente ogni sera, manco fossi una suora col rosario. Poi, ho iniziato ad alternare una sera sì ed una no. 
Non perché non mi piacesse questo mix di oli, chiariamoci. Su di me si assorbono abbastanza bene e difficilmente mi son risvegliato col viso unto. Sia nel periodo un po' più fresco che adesso con questo caldo micidiale, quindi sia con una pelle un po' più secca, che più mista, ogni mattina mi risveglio e la pelle risulta morbida, distesa, liscia e compatta. 
Però vi devo dire che non ho visto risultati così eclatanti per quanto riguarda la rigenerazione della pelle
Non avendo problemi così palesi come appunto rughe, macchie, acne o in generale grosse problematiche, è anche vero che non posso notare grandi migliorie. Non ho avuto nemmeno qualche brufolo più evidente da tenere sotto osservazione come cavia dei mie esperimenti cosmetici.

Però, come forse saprete, dall'acne adolescenziale, mi porto dietro alcune piccole cicatrici che mi hanno spinto ad usare l'acido glicolico. Già con quel trattamento avevo avuto buoni risultati, ma non ho ripreso ad usare quella crema ancora una voluta per pure pigrizia.  
E, seppur conscio del fatto che un olio non può avere un effetto esfoliante e rigenerante di un acido, mi son voluto lanciare e vedere che sarebbe venuto fuori. 
Il risultato è su di me, una pelle luminosa, e piacevole sia al tatto che alla vista, ma non ho notato granché cambiamento sulle cicatrici e in quei punti in cui la texture della pelle è disomogenea. 
Non so se dipenda dalla qualità dell'olio, dal mix o semplicemente dalla mia pelle, ma non mi sento di dirvi che questi oli vegetali, e in particolare il tamanu, mi abbiano svoltato la pelle;
Forse l'accoppiata vincente per un effetto WOW sarebbe stata appunto una crema che contenendo acidi, esfoliasse da un lato, e questi oli che rigenerassero e stimolassero la pelle; ma a quel punto tanto vale usare usare solo il glicolico o chi per lui perché non sono così disgraziato.
Credo però che in futuro magari prenderei solo uno di questi tre oli come semplice trattamento emolliente e idratante ed elasticizzante.

Qual è la vostra posizione riguardo gli oli per il viso?


Un bacio, a presto!




18 commenti:

  1. con questi tuoi post faccio dei ripassi, perchè ovviamente so già tutto :D non perchè sia tuttologa ma perchè me ne hai già largamente parlato XD ma come si dice.... repetita iuvant ahaahah

    RispondiElimina
  2. Io con gli oli ho un rapporto poco buono, ma non perché penso che siano eccessivamente occlusivi, ma perché non amo la sensazione tattile che mi danno sul viso, tuttavia credo che siano degli ottimi alleati, soprattutto nel corpo, dove applicando costantemente un olio pregiato ho riscontrato davvero un bel nutrimento, ma l'ho sempre veicolato su pelle umida. Ho amato anche l'olio equilibrante del Dr. Hauschka che mischiavo con il loro fluido da giorno e mi piacque tanto, pensa che hauschka sulle pelli grasse consiglia di usare solo quella boccetta che contiene un mix di oli su pelle umida e ho letto di esperienze positive, a dimostrazione che anche una pelle grassa, se scelti i componenti giusti può beneficiarne. Non amo invece applicarlo sul contorno occhi, perché anche se ho sempre inumidito la zona perioculare con l'idrolato di camomilla, ho notato che mi evidenza le borse, e informandomi so che lo fa a molte :-) Ciao Pier

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, la sensazione di unto non piace proprio a tutti anzi, non fa impazzire anche me.
      Ho letto che effettivamente gli oli tendono a trattenere liquidi e sul contorno occhi possono causare occhi gonfi o, come nel tuo caso, un aumento delle borse. Ciao :D

      Elimina
  3. A me gli oli sul viso piacciono, purché a piccole dose e solo al bisogno. Non ho mai utilizzato quelli di Aromazone.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono malaccio, ma non è che puoi capirne poi l'effettiva qualità, se non dal colore e dall'odore e da ciò che dice il sito.

      Elimina
  4. Mi domando sempre quanto ci sia di vero e fondato sul fatto che gli oli siano comedogeni, sicuramente la verità sta un po' nel mezzo, comunque su di me i danni peggiori in quanto a comedoni li hanno fatti prodotti che di oli non contenevano nemmeno l'ombra :D
    L'olio di tamanu sembra un portento da come lo descrivono, mi ha incuriosita proprio!
    Io ho usato un paio di olietti di Khadi, le minisize da 10 ml, non so se li hai mai provati ma anche quelli li ho trovati molto validi. Ciao! :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah secondo me sta tutto nella pelle, come nel tuo caso; se alla pelle non piace qualcosa, ce lo fa capire, ma andare per preconcetti non va bene secondo me :)
      Conosco quelle minitaglie ed effettivamente mi ci sono un po' ispirato :D Le proverò!
      Baci!

      Elimina
  5. Io sono una di quelle che apprezza gli oli su corpo e viso. Nonostante io abbia una pelle incline alle impurità, mi sono sempre trovata bene con gli oli (a parte con quello di mandorle, che mi è sempre sembrato "pesante" come vogliono le leggende).
    Insomma, il punto è che ci sono così tanti oli che è improbabile che non ce ne sia almeno uno adatto alle nostre esigenze :)
    Io ricordo di essermi trovata piuttosto bene con quello al germe di grano: leggero, ma davvero molto nutriente - perfino sui miei capelli ricciosecchissimi. Attualmente possiedo quello di rosa mosqueta. Sinceramente neanche io ho riscontrato i miglioramenti tanto decantati, anche se in generale mi piace perché dà nutrimento senza farmi sentire unta o "occlusa" (comunque non penso lo ricomprerò).
    Per il resto, olio di cocco tutta la vita, praticamente universale. Penso che lo riprenderò in autunno :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io penso che prima o poi uno che ti piaccia lo trovi, anche perché hanno tutti consistenze diverse.
      Sul rosa mosqueta sono d'accordo, diciamo che lo ricomprerei dopo averne provati altri :)
      A me l'olio di cocco non fa impazzire, ma lo amate in tanti :/

      Elimina
  6. Io fino a tempo fa pensavo che gli oli mi ungessero il viso e basta, ma ultimamente ne ho provato qualcuno che mi ha fatto cambiare idea, tipo quello di Kiehl's, che però è un po' caruccio. Non sapevo che Arome Zone facesse le mini taglie, ci farò un pensierino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne ho sentito parlare ma non lo conosco, son curioso dell'inci, poi lo cerco :)
      Sì, sono molto pratiche, specie se si usano per questi scopi e non per farci cosmetici, visto che non ne serve molto :)

      Elimina
  7. Io sto usando uno di Jojoba della Flora se non sbaglio,mi ci trovo davvero bene!E non mi fa comedoni o che,basta usarlo con parsimonia ;)
    Al contrario del siero Amore di Lush,che mi faceva venire grani di miglio a profusione O.o

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Jojoba è ottimo sulla pelle secondo me, infatti lo consiglio sempre a chi mi chiede un olio perché secondo me è quello che si gestisce meglio.
      Ho letto l'inci di Amore.... ma che è?!? Pare una roba pesantissima!

      Elimina
    2. Io Amore l'avevo preso perchè ho la pelle molto secca,sopratutto se vede un'idea di sole,ma alla mia pelle proprio non piaceva,ce l'ho sensibile e fastidiosa,e si imbizzarrisce subito! E poi appunto sti GDM che tormento...usato per le mani e mai più ripreso!
      Lush si spaccia per naturale,ma è quasi tutto marketing XD

      Elimina
    3. Mi sfuggono i GDM in questo momento o.o

      Elimina
    4. Grani di miglio di cui sopra XD

      Elimina
    5. Aaaaah e io chissà a che pensavo XD

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...