sabato 21 novembre 2015

{Aggiornamento #43}
L'opportunità di non tacere



Sono stati giorni intensi quelli che abbiamo trascorso, sia emotivamente che fisicamente.
Io ad esempio ho un anno in più adesso, ma nulla è cambiato, se non che la sera del 19 mi sono tronato di acido glicolico, sia mai.
Ho usato però il plurale perché ci siamo sentiti tutti coinvolti con la strage a Parigi.
Senza entrare troppo nella questione, già ormai trita, ma ho visto cose da far venire il prurito, e sapete a che conclusione (di carattere generale) sono arrivato? 
Che apprezzo molto di più, comunque, chi si esprime.

Ho visto molta gente galleggiare e giudicare quello che hanno fatto o non hanno fatto gli altri, nel tentativo, vago di sottrarsi ad un dilagante populismo.
Vago perché più provi a sottrarti, più ci cadi.

Ho visto persone criticare qualsiasi cosa, persino il "pray" dell'hashtag lanciato sui social, asserendo che essendo una "guerra di religione" non si dovrebbe "pregare". 
Vi devo elencare quante storture ci sono in questa esternazione?

Oppure chi ti ricorda che piangi solo per determinati eventi mentre nel mondo vige il caos.
Beh grazie, non ce ne eravamo proprio accorti di quello che accade nel mondo. 
Ma evidentemente nemmeno chi te lo fa notare se n'è accorto, ché non mi pare ci siano tutti questi dibattiti, articoli, post, link, immagini sul Beirut o sulla Nigeria o sulla Siria; però intanto te lo dicono.
La novità che non ti aspetti è che la guerra genera guerra e non è giusto che sia così, ma quale soluzione concreta fornisci se chiacchieri allo stesso modo di chi mette la bandiera sulla foto profilo?

C'è chi punta le armi e chi punta un dito: i fini, le modalità gli intenti sono diversi, e anche i risultati ma c'è comunque violenza anche nelle parole dei "pacifisti". 
Ma ognuno, dal proprio eremo, vede solo quello che gli pare.
Mi viene in mente quello che è successo a Gianni Morandi e il suo social media manager fantasma.


Voi giustamente direte che non ci azzecca nulla, ma quello che voglio dire è che appena c'è un bagliore di umanità, di sensibilità, di unione, ci sta sempre qualcuno che deve rompere le palle sventolando la propria superiorità, trovare il marcio sia ironicamente, come nel caso Lucarelli vs Morandi, che più seriamente.
E, non fraintendetemi, non intendo che ci si gira dall'altro lato e bona, semplicemente non giudicare sempre gli altri.
E poi si sa che gli esseri umani sono esseri poco coerenti, per quanto personalmente viva una lotta intestina per essere quanto più in linea con ciò che dico e che faccio.  
Sapete anzi se cercare di essere coerenti faccia bruciare calorie? Così, sia mai. 

Comunque ora che abbiamo la Carta dei diritti e dei doveri della rete sono sicuro che tutto si sistema.

Niente più polemiche, niente più troll, niente più litigi, sarà tutto un volemose bene. #credici 
Manco più un catfight per la cantante pop di turno.
Gnente
A proposito, andrete al concerto di Madonna?
Tutto Instagram era tappezzato di foto del biglietto del concerto.
Giustamente lei non si è fatta fermare dalla paura; essendo bionica, chi la smuove?


Ecco, io in questo caso somiglio più a Carmen Consoli che ha fermato il tour europeo.

Ma non che abbia paura di attentanti, è solo che Novembre è un po' la resa dei conti, un bilico fra il passato con cui ancora lotti e il futuro che non è poi diverso dal presente, e questo mi frena.
Un bilico anche fra quel +1, visto che è il mese del mio compleanno, e il -1, visto che un anno è quasi finito.
Ne parlavo proprio ieri sera, perché è una sensazione strana: ti sembra quasi di passare 2 anni nel giro di un paio di mesi, e questo mette una doppia ansia.
O comunque nel dubbio un po' di ansia in più ce la metto.
La cosa più bella è stata certamente la notizia che ci ha dato la nostra Rory (La Rockeuse).



Una nuova creatura è venuta al mondo e cose del genere saprebbero scaldare anche i gelidi venti di Attila. Io ovviamente sono già pronto a insegnarle come evitare i maschi stronzi e come leggere un INCI.

Certo, c'è stata una gitarella fuori porta del tutto inaspettata, ma c'è stata l'idea di un viaggetto decisamente meno alla portata di una macchina che non può essere portato a compimento.
Certo, c'è stata l'approvazione delle adozioni per le coppie omosessuali nel cattolico Portogallo.
Ma in Italia al massimo abbiamo la Melegatti, quelli dei pandori, che ci dice pure con chi fare colazione

Diciamo che mi aspettavo un po' di più da questo mese, maggiori soddisfazioni, maggiori opportunità, maggiori opzioni.
D'altronde sono sempre le aspettative a fregarmi.
Ed è vero che poi le opportunità te le devi creare, che ci vuole forza e sacrificio, ma una bella, gigantesca, mastodontica, botta di culo ogni tanto non è possibile, eh?!
Va bene, continuiamo ad aspettare, ché tanto nulla finisce finché non lo vogliamo.
E sognare resta sempre gratis, no?

Un bacio, buon week-end a tutti.




24 commenti:

  1. Ma io non ti ho fatto gli auguri quindi? Auguri in ritardo!
    L'unica cosa positiva di tutta sta cagnara post Parigi è che ora sappiamo un po' di più di quel che succede. O comunque ci informiamo, più o meno, anche solo per fare i saccenti. Meglio che niente. Poi è un proliferare di razzismo, qualunquismo e altre merdate, ma quelle le si può prendere in giro instaurando goduriose litigate. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille! Gli auguri vanno benissimo anche in ritardo :D
      Ecco, quello che dici tu è un altro aspetto positivo. Magari ora le gente tende ad informarsi un po' di più.

      Elimina
  2. La vedo come Cerv: se il casino scoppiato ha fatto informare la gente, anche solo quelli che -per non sentirsi da meno- hanno messo su il filtro francese alla foto... allora va bene così.
    Può darsi che gli occhi si aprano anche compiuti mille giri, chissà...
    Intanto, io preferisco Madonna, bionica... :)

    Moz-

    RispondiElimina
  3. Ridicola la Melegatti -_- Tra l'altro se ne sono usciti dicendo che loro non erano a conoscenza del post che è stato pubblicato. No cioè, parliamone. Oltre il danno la beffa? Come fa un'azienda a non essere informata della pubblicazione di un post del genere?!
    E comunque, anche se in ritardo, auguroni! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, ho sentito che non erano a conoscenza, ma è assurdo e poco credibile. Penso che tutto passi da loro perché ne va della loro immagine. Certamente una bella mossa pubblicitaria.
      Grazie mille :D

      Elimina
  4. Bellissimo post, Pier!
    E' verissimo, appena i sentimenti migliori si fanno spazio tra noi, lo snobismo di alcuni li bolla come mainstream e tutti sembrano quasi sentirsi in colpa, inferiori, perché hanno seguito "la corrente". Beh, se riusciamo a sentirci vicini, dovrebbero esserci più correnti come queste!
    Per la Melegatti...boh, non ho parole. Scaricare responsabilità così mi sembra una vigliaccheria non da poco, ma vabbè. Credo che la figura che hanno fatto si commenti da sola.

    E comunque.... TANTI AUGURI! Ti auguro tutto il meglio, con tutto il mio cuore!
    Un abbraccione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In primis grazie mille! Davvero :)
      Secondariamente posso dire che anche io cerco di andare contro corrente, altrimenti penso si finisca travolti. Però ci vuole anche capacità di discernimento a mio avviso, no!?

      Elimina
  5. Pier mettiamo da parte tutto per un attimo e pensiamo al fatto che anche se sei un anno più vecchio sei sempre più figo.

    RispondiElimina
  6. Pier, purtroppo faccio parte della massa di cinici che non concepisce tutto questo "movimento"/clamore per la tragedia avvenuta a Parigi. Premetto che nonostante tutto anch'io sono stato colpito dalla notizia, e ho sofferto per tutte quelle vite, ciò nonostante non approvo questo sventolare bandiere sui social (ovviamente ognuno può fare ciò che vuole, e non sono nessuno per giudicare, diciamo che IO lo trovo inutile), quando sono anni che bambini e non di paesi più disagiati perdono la vita a causa della guerra, ma nessuno MAI ha detto/fatto qualcosa per queste persone. Passando ad argomenti più frivoli, tantissimi auguri, anche se in super ritardo ♡♡♡ Ah, e tantissimi auguri a Rory!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perdonami Giuseppe ma io dico solo una cosa: se hai a cuore questi bambini diciamo più della strage a Parigi, se senti che non vi è abbastanza clamore a riguardo, fallo tu (e con te non dico per forza tu, non lo so se tu lo faccia già), copri questo "ruolo" vacante. Questa è la mia idea.
      Grazie mille :D :**

      Elimina
    2. No Pier, non mi sarò spiegato bene xD Non intendo dire che le vite dei bambini/ o delle persone di questi paesi valgono più di quelle della strage di Parigi, hanno tutte lo stesso identico valore! Purtroppo però sembra far notizia, ci si rende conto della condizione del mondo, SOLO quando ci tocca da vicino. Non bisogna ricoprire nessun ruolo, non sono io, e non c'è bisogno di nessuna Maria Teresa di Calcutta, solo trovo sia un atteggiamento abbastanza ipocrita quello dell'italiano medio, tutto qui.
      Ps.: comunque vengo in pace, è un semplice scambio di opinioni!

      Elimina
    3. Anche io vengo in pace, ma non capisco.
      Se si parla di qualcosa è male perché è ipocrita. Se non se ne parla, allora non si è abbastanza sensibili.
      Se "ci si rende conto della condizione del mondo, SOLO quando ci tocca da vicino" probabilmente è perché ci sono persone che non ne parlano quando non ci tocca da vicino. Ma come non ne parlano quelle persone che mettono la bandiera francese sulla foto profilo, allo stesso modo non ne parlano le persone che poi ti dicono che sei ipocrita a pensare solo alla Francia.
      Ma, fra chi pensa solo alla Francia e chi non pensa e basta, preferisco i primi. Questa è la mia idea.
      Si spera che poi certi casi, come diceva Cervello, spingano le persone ad affacciarsi più spesso sul mondo.

      Elimina
  7. Auguri e perdona il ritardo. Io continuo ad andare ai concerti. Sono bionica più di Madonna e di quello
    che blatera in giro la gente continuo a fregarmene in buona pace :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Mariella :D Non preoccuparti del ritardo!

      Elimina
  8. Come ha scritto qualcuno nel blog di Zucchero Sintattico, nel bene e nel male Facebook è diventato un megafono di quelle che prima erano solo chiacchiere da bar. Quindi se prima si commentava la qualsiasi cosa tra un caffè e un cornetto o un'arancina, adesso lo si fa da casa con una punta di coraggio in più visto che dalla tastiera di un computer siamo tutti più spavaldi, in un senso o in un altro.

    Ps: La verità è che per noi ogni scusa è buona per mettere un pò di ansia nelle nostre vite :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, ma meglio così in parte. Ci fosse maggiore educazione sarebbe meglio, ma avere tutti la propria opportunità di esprimersi per me è solo che positivo!

      Elimina
  9. Sto sempre dalla parte di Gino Strada che si incazza come una bestia pensando che, mentre lui passa la vita a ricucire i disgraziati che saltano sulle mine, quelli in giacca e cravatta nei talkshow profetizzano che solo le bombe risolvono tutto.
    Sconcerto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarire la guerra con le bombe non funziona, è un dato.

      Elimina
  10. MA IO MI COMMUOVO.

    <3 grazie tesoro mio <3

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...