lunedì 8 giugno 2015

#backtoseries chapter 6
Alcune novità, addii e ritorni

Series addicted rieccoci assieme come alcolisti non molto anonimi a chiacchierare della ragione delle nostre occhiaie: le serie tv.
Come sempre state attenti allo spoiler, io seguo la programma zone americana e il primo che si lamenta offre un rosolio a tutti. 

Grandi ritorni con l'estate, ma anche addii.

Intanto Revenge che come saprete ci ha abbandonati per sempre con la sua quarta stagione.
Tutto sommato una Season Finale ben costruita secondo me, sintomo che la fine era vicina e si sapeva, e per fortuna direi. Francamente non era più una serie tv ma una soap opera, con trovate un po' stupide e chiaramente non stava più in piedi. Non mi è piaciuta la storia della donazione di cuore ad Emily con tanto di incubi. Evitabile.
Pare che l'attrice Emily VanCamp sia impegnata già in una nuova serie ma ancora non credo si sappia cosa sia.
Ben prima dell'estate avevo già detto addio a Cucumber e Looking.











Sono entrambe serie inglesi a tematica LGBT, la prima facente parte del trio di serie tv Cucumber Banana Tofu, l'altra invece era più una sorta di sit-com di 20 minuti. Entrambe poco significative e abbastanza perdibili. Vi avevo parlato proprio di Looking, la quale, dopo un iniziale infatuamento, è stata abbastanza sciapa. Entrambe le serie non hanno visto la luce di un secondo rinnovo, quindi non vi siete persi nulla.
Altro mezzo addio ma solo da parte mia a Supernatural.


Ho tentato, ragazzi, ma basta, non lo reggevo più e a metà della decima stagione ho salutato gli amati Winchester. Un continuo con le stesse dinamiche e gli stessi quattro personaggi tanto cari al fanbase. A me mette noia. Non sono nemmeno certo che ancora venga trasmesso in Rai.
Mò pure la undicesima stagione. Questi so matti.
Arrivederci invece a The Vampire Diaries e The Originals, che riprenderanno in autunno.









Non c'è molto da dire, chi le conosce sa di che parlo.
The Originals mi ha stufato. Klaus è pedante, Elijah è lagnoso, e Davina mi dà sui nervi con la sua vocetta. Sicuramente riprenderò a seguire la terza stagione, ma non è detto che non la abbandoni in corso d'opera. Troppo ripetitiva
The Vampire Diaries invece mi smuove ancora i resti delle turbe adolescenziali. Stupida l'idea si trasformare Elena nella bella vampira addormentata nella cripta. Se tanto non torna più perché fare 'sti balletti? Misteri.
Comunque vedremo come continua senza di lei, e come sconfiggeranno la congrega di vampirstreghe o stregampiri, che dir si voglia. Un inciucio fra Damon e Bonnie? Stefan e Caroline saranno un po' meno frigidi?
Speriamo! Ma speriamo anche che la settima stagione sia anche l'ultima.

Le novità invece sono tante. In primis 3 ritorni: Game of Thrones, Pretty Little Liars e Devious Maids.

Quest'anno GoT mi sta piacendo più del solito. Un po' più lente le parti di Arya con "l'uomo senza volto", ma per il resto trovo che le puntate sono ben amalgamate, scorrevoli, senza fissarsi troppo su un unico filone narrativo. 
Non ho capito la polemica su Sansa, la quale sta vivendo vicende diverse rispetto al libro. Voglio dire, se vuoi sapere cosa accade sul libro, leggi il libro, non guardare una serie televisiva che si ispira alla saga letteraria e che in linea teorica potrebbe usarne solo il nome e null'altro.
Ma, cosa ben più importante, dopo cinque stagioni abbiamo avuto la prova provata che l'inverno sta
arrivando ed è anche abbastanza incazzoso. E la nona puntata, assolutamente epica, ma non una grande svolta a livello narrativo secondo me.

Sono invece tornate da pochissimo la sesta stagione di Pretty Little Liars e la terza di Devious Maids. Capite bene il livello dei miei passatempi.







La prima la conoscerete già per il livello di trash che imperversa di puntata in puntata.
Dopo aver scoperto che Mona non ci ha lasciato le penne, adesso pare che a perseguitare le schiappe bugiarde sia un certo Charles diLaurentis. Che sia un qualche parente di quella chiattona di Alison che finalmente ha tagliato quella paglia in testa?
E chi è la matta che si aggirava nel bunker in cui le liars erano segregate? Non lo sapremo mai forse, ma almeno la storia dopo 5 anni è entrata nel vivo.

Devious Maids invece è relativamente più recente ma secondo me merita, come buon passatempo leggero. A me fa ridere, dico solo questo.
Ancora nessun avvenimento particolare: la storia riprende dopo quattro mesi dalla sparatoria che vede l'uscita di scena del marito di Zoila. E una nuova componente nel gruppo: Blanca, interpretata da Naya Rivera - che dovrebbe smettere di farsi metter roba in faccia.

Le altre due novità, almeno per me, me le ha suggerite la mia amica Simona (MissPenny09) e parlo di Outlander e Wayward Pines.



Per chi non la conoscesse, è la storia, anch'essa tratta da una serie di romanzi, dell'inglese Claire Randall, che dal 1945 si ritroverà nel 1700, con tutto ciò che quell'epoca comportava per una donna senza alcuna protezione. Qui vivrà letteralmente una seconda vita, ma non sarà facile dimenticarsi del "passato".
Il telefilm è stato diviso in due parti, la prima andata in onda in America nel 2014, mentre la seconda parte è stata trasmessa nel 2015. Da noi è stata trasmessa tutta quest'anno e deve credo ancora finire
E' certamente un telefilm un po' forte, avventuroso, non mancano le scene di violenza, ma pur superando i 50 minuti a puntata scorre molto bene. L'unica cosa che non ho apprezzato è stata un po' il ripetersi delle tematiche narrative dalla prima alla seconda parte - anche perché io avevo tutto più fresco, avendola recuperata d'un fiato. Inoltre anche le ultime puntate sono state un po' pesanti, ché la violenza su Sansa Stark mi è parsa una passeggiata sui monti con Annette. Resta una bella serie e sono curioso della seconda stagione.

Più inedita è invece Wayward Pines - provate a dirlo veloce - la quale è iniziata a Maggio ed è trasmessa in contemporanea in Italia.

Anche questa serie è tratta da una trilogia di libri e si coglie subito una qualche somiglianza con I segreti di Twin Peaks, che non ho visto, ma immagino ci si avvicini.
E' la storia di un agente dei servizi segreti, Ethan Burke che, per investigare sulla scomparsa di due agenti, si ritrova bloccato nella perfetta quanto fittizia cittadina di Wayward Pines. Ogni collegamento con l'esterno è impossibile, tanto che la città è circondata da un recinto elettrico.
Parecchio coinvolgente e inquietante, ma senza essere eccessivamente claustrofobica. L'unica cosa che mi ha fatto storcere il naso è la presenza di queste misteriose creature di cui ancora non si sa nulla. Avrei preferito un risvolto meno fantasioso.
Comunque è una miniserie di 10 episodi, del tutto fattibile anche solo per curiosità.

Queste sono state le serie che mi hanno tenuto compagnia negli ultimi mesi.
Le conoscete? Le seguite? Ne avete altre da suggerirmi?
Mi incuriosisce PennyDreadful ma vorrei avere una vita sociale e trovare marito entro i 35.




13 commenti:

  1. Ma a me con PLL sta venendo l'ansia, non lo so. Non si capisce niente, è tutto assurdo!
    comunque ti segnalo una serie che ho iniziato ieri "Jane the Virgin"... dacci un occhio, è un filo trash ma la adorerai <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho sentito nominare! Magari do un'occhiata alla prima puntata!

      Elimina
  2. PLL unico amore. Ma 'sto cercando un'altra serie! Darò un'occhiata alle serie che hai nominato u.u

    RispondiElimina
  3. Wayward la devo recuperare proprio perché l'autore dei romanzi decise di omaggiare TP (il telefilm è un po' diverso ma ha omaggi a gogo). Che sfiga però per WP, visto che TP vero sta per tornare^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che finirà uno e comincerà l'altro, no?

      Elimina
    2. Sì, sì... intendevo dire come impatto mediatico^^

      Moz-

      Elimina
    3. Finirà nel dimenticatoio? Po esse XD
      Magari stavolta mi decido a vedere TP

      Elimina
  4. Io SPN lo seguo ormai per affetto e basta. Anche da grande fan non ce l'ho proprio fatta a dire che questa è stata una bella stagione, perché non è così… ma come questa anche quelle immediatamente precedenti. Ormai si autocelebrano e si autocitano… 'nsomma, fortuna che so' bboni i figlioli, vah.
    GoT… Allora, ieri sera ho visto la famosa 5x09 e senza spoilerare niente dico che mi ha scioccata molto ma molto di più rispetto alla scena di Sansa. Io sono una fan della saga, non ho amato quella scena ma non tanto per la diversità col libro… anche perché, voglio dì, ormai è TUTTO diverso dal libro. Non mi è piaciuta, dicevo, perché l'ho trovata "troppo" per Sansa. Per il personaggio, dico, l'ho trovato un ricalcare inutilmente a livello narrativo le angherie che ha già passato con Jeoffrey, un castrare la sua crescita. Avrei preferito vedere una Sansa che cresce, diventa una donna, che riesce a riscattarsi. E invece rimane lì, a fare la donnina che subisce e deve venire salvata (da Theon? forse..) da altri.
    6x01 di PLL, una BOMBA. L'ho amata, brividi, un inizio col botto! E tanto epr fare l'angolo della portinaia pettegola, ma quanto s'è inquartata Alison? Sempre bella l'attrice eh, però è ben lontana dalla queen bee bitch che era prima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Invidio la tua costanza per Supernatural!
      Dici, troppe sfighe per Sansa? Beh, ma in una logica è anche normale. Sansa ha un nome ed è una giovane donna senza una protezione effettiva quindi è anche normale le capitino di ogni. Penso che il riscatto arriverà dopo!
      Alison si è ingrassata tanto! C'ha quelle braccia da impastatrice di sfoglia che levate!!

      Elimina
  5. io mi sto perdendo tutte le serie vado indietrissimo uffffiiiiii

    RispondiElimina
  6. io mi sto perdendo tutte le serie vado indietrissimo uffffiiiiii

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...