martedì 9 luglio 2013

Anna Karenina (2012)

Prendete un quadro, di quelli in cui le dame indossano abiti pomposi, con la loro pelle diafana, con i loro gesti delicati ed eleganti. 
Dategli vita e immaginate attorno ad esso una storia di amore e sofferenza.
E' questa la suggestione dopo aver visto Anna Karenina di Joe Wright.

Nella fredda e ottocentesca Russia si consuma l'amore fra Anna, madre di Serëža e moglie dell'ufficiale Aleksej Karenin, e il fascinoso Conte Vronskij.
Fra i due scocca, fin dal primo incontro su un treno, la scintilla di un desiderio che inutilmente verrà nascosto sotto una cenere fatta di parole non dette, di sguardi che si cercano, di fughe e ritorni.
Lei, donna dall'indole irruenta e rivoluzionaria, è intrappolata in un matrimonio ormai stantio, freddo, noioso, ma verso cui è devota; in questo contesto, il conte diventerà una torcia per il cuore ormai spento di Anna, la quale tenterà di soffocare per molto tempo il suo istinto.
Non vi riuscirà, a causa anche dei continui corteggiamenti dell'ufficiale Vronskij, che la seguirà fino a San Pietroburgo pur di averla.
Intanto i pettegolezzi iniziano a susseguirsi insistenti, ma sarà poi la stessa Anna a palesare il suo amore per il conte durante una corsa di cavalli.
Karenin tenterà di porre fine alla relazione fedifraga fra i due, impedendo alla moglie di vedere il conte, anche per evitare che la donna possa essere stigmatizzata da una società fallocentrica che la considererebbe disonorata.
Nulla però fermerà la protagonista, ed il frutto di questa disobbedienza sarà una bambina.
Durante il parto però Anna ha delle complicazioni che la porteranno vicina alla morte, situazione che spingerà Aleksej a perdonarla. 
Ma nulla fermerà i due amanti dall'incontrarsi di nuovo e questa volta definitivamente.
L'attesa del divorzio da parte del marito, l'ossessiva gelosia di Anna, l'esclusione della coppia clandestina da parte di una società perbenista, trasformeranno però l'amore, in una follia.
Anna affogherà nel delirio di non avere potuto ottenere l'agognata felicità, di aver perso tutto e compirà il passo più estremo.
Quasi l'intera storia si svolge su un palcoscenico su cui le luci e gli occhi del pubblico sono perennemente puntati. 
Il teatro diventa il perno del film. E come in teatro, la scenografia, viva, in movimento, dai colori saturi, diventa simbolismo. 
Porte che si aprono, si chiudono, sbattono danno inizio e fine alle scene.
Bastano pochi elementi a richiamare alla mente i luoghi, o le emozioni. 
Gli interni di una carrozza nera diventano le soffocanti mura di un matrimonio vuoto;
Campi sconfinati e splendenti rispecchieranno l'amore che su di essi si consuma;
Il blu ottanio che si ripete su ogni singolo muro ci porterà in un fondale marino in cui manca l'aria.
A cornice di queste sequenze vi sono i suoni. Non solo musiche, ma anche rumori quotidiani. 
Dal fruscio degli abiti allo sventolare dei ventagli, dalla falce che taglia l'erba alla pioggia che cade sulle foglie.
Un'opera d'arte che, probabilmente si completa con la lettura del libro a cui è ispirata, ma che, sebbene manchi l'ultima pennellata che dia volume ai caratteri e alla storia dei suoi protagonisti quasi tipizzati, non lascia affamati i sensi dello spettatore.

Voto 8.

34 commenti:

  1. Ai miei era piaciuto molto, io me lo sono lasciato sfuggire. Ho un po' timore però nell'affrontarlo visto che non ho nemmeno mai letto il libro. Dici che ce la posso fare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ce la puoi fare... nemmeno io l'ho letto :D magari è uno stimolo per farlo!

      Elimina
  2. devo ancora vederlo ma mi sembra bello! un bacio bel pier!

    RispondiElimina
  3. Mai cacato il romanzo, figuriamoci il film.
    Non amo l'ambientazione, tutto qui.
    Un saluto al sapor di lupo.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah, ok, però l'ambientazione può dire tutto e niente. Essere ambientato in un posto o in un periodo può non necessariamente essere sinonimo di una determinata storia.

      Elimina
    2. Lo so, non ci posso fare niente...

      Moz-

      Elimina
    3. Magari guardare anche altro che non sia ambientato negli anni '70 XD!?

      Elimina
  4. film visivamente splendido.
    forse un po' freddino a livello emotivo, ma pazienza...

    RispondiElimina
  5. Risposte
    1. Se lo vedi fammi sapere che te ne pare :)

      Elimina
  6. Sono contenta tu l'abbia visto. La realizzazione in versione teatrale di questo grande romanzo è splendida...

    RispondiElimina
  7. Devi sapere che quando l'ho visto avevo dietro di me delle Karenina's fans di età avanzata.
    Tralasciando la telecronaca diretta che facevano del film, il momento migliore è stato raggiunto quando Anna raggiunge il picco di vergogna a teatro. Momento drammatico, Anna derisa e dietro le vecchiette: "Oooh, ma guarda che bella collana!"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah è che loro ci saranno state quando venne pubblicato il libro, quindi la storia non gli interessava molto XD

      Elimina
    2. Pier, cento punti per questo commento!

      Elimina
    3. Ahaha mi sento Iva Zanicchi! 100 100 100

      Elimina
  8. Io con mio padre vidi anni fa il film omonimo con la divina Greta Garbo (1935). Ne conservo un bel ricordo, ovviamente anche perchè è legato alla presenza del mio papà, appunto.
    Appena posso vedrò anche questa versione qui, mi intriga!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere averti ricordato un bel ricordo del passato :)
      Te la consiglio ;) Un bacio!!

      Elimina
  9. Non ho letto il libro, ma ho come la sensazione che qualsiasi trasposizione cinematografica dello stesso rischierebbe inevitabilmente di diventare un polpettone assurdamente noioso. Questo film invece risulta nel complesso scorrevole, anche grazie a musiche e scenografia (♥) e quegli sparuti tentativi comici. Ah, e ovviamente quello stragnocco del conte Vronskij

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti dirò, il conte mi stava sulle scatole. Per ma Jude Law, anche stempiato, non si tocca!!

      Elimina
  10. Oddio che recensione splendida! Come hai saputo tradurre su "carta" le mie stesse impressioni.
    Io ho visto il film poco dopo aver finito di leggere il tomone e penso che l'espediente del teatro sia stata proprio un'idea geniale che ha consentito di trasporre al meglio questo romanzo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere aver colto anche la tua opinione :)
      Vero, è una tecnica interessante!

      Elimina
  11. Ero in dubbio se vederlo ma un 8 del mio Pier fuga ogni perplessità :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara! Se hai condiviso anche i voti delle altre recensioni te lo consiglio :) Poi però fammi sapere!!

      Elimina
  12. L'ho letteralmente amato e ho dispensato amore a profusione nella mia recensione qualche mese fa!

    RispondiElimina
  13. il libro, mio malgrado non l'ho letto, però l'ho comprato e prometto di metterci mano....
    il film l'ho trovato sensazionale, davvero una forza stilistica e di espressione paurosa...

    RispondiElimina
  14. non ci posso credere un voto positivo. Sai io leggo poco e devo dire che quel tomo del romanzo non mi attira. Però il film si...chissà. Buona giornata

    RispondiElimina
  15. Io amo Joe Wright e Keira Knightley...Hai mai visto "Espiazione"??? Amo quel film...Stasera guardo questo e vediamo come va!

    http://bionicgirl94.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Kate! Espiazione è nella mia lista dei film da guardare! Anzi è già sul mio pc, mi sa che se stasera ho tempo lo guardo :D Fammi sapere su questo che te ne pare!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...