venerdì 26 aprile 2013

Non c'è Amore che superi Fiducia

Scappó, furente e sanguinante, nella foresta. Sperava che la pioggia avrebbe fatto svanire l'odore del suo sangue.
Correva, correva all'impazzata.
Annaspando cercava di spezzare il fiato per fuggire ancora e ancora.
La foresta buia, con i suoi arbusti intrecciati, i suoi nascondigli, la sua oscurità ne avrebbe occultato la vista.
E continuava la sua corsa, incurante del fango, delle foglie, della pioggia, di quella ferita che, sfregando, bruciava come il sole estivo su un volto troppo pallido.
Il freddo non gli permetteva di abbandonare il tremore, la pioggia non era abbastanza per nascondere gli occhi lucidi. Ma non c'era tempo da perdere: bisognava fuggire.
Poi, ad un tratto, si fermò.
Guardó indietro e si rese conto di non sapere più dove si trovasse.
Quella foresta nera era diventata un labirinto.
Ma un dolore ben più profondo si fece strada fra lo sconforto.
Aveva capito che quel colpo era costato più di quanto credesse.
Impiegó un po' a capire che quel colpo aveva strappato di netto il cuore.
Così si aggrappó all'ultimo respiro rimastogli nei polmoni.
Ma ormai era troppo tardi per recuperarlo.
Troppo tardi per tornare indietro.
Troppo difficile provarci.
Si accartoció fra le radici di un albero e le foglie secche bagnate, si avvolse nel silenzio della foresta, e aspettò tremante le luci di un'alba che non avrebbe mai sfiorato.








e non c'è Fiducia che sopravviva al Silenzio.

25 commenti:

  1. Siamo nostalgico-tristi?
    O pronti a reagire?

    Io invece sono senza connessione pertanto ti lascio un saluto... arrivederci alla settimana prossima.
    Like a prayer :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai colto il senso: non lo so nemmeno io.

      alla prossima settimana! bacio!

      Elimina
    2. Spero che il periodo di indecisione sia passato, in questi giorni :)

      Moz-

      Elimina
    3. non credo passi facilmente ;)

      Elimina
  2. Per quanto lunga è la notte, l'alba prima o poi arriva.

    Okay, questo era il commento banale che faranno tutti. Invece volevo aggiungere un'altra cosa. Che l'alba non arriva tutta insieme, di colpo: il cielo piano piano rischiara (si dice, "rischiara?"), e bisogna capirlo in quel momento che ci accingiamo ad accogliere tempi più luminosi.

    Nel dubbio, un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. come ho scritto, a volte ci sono foreste che non fanno penetrare alcuna luce.

      Abbraccio ben accetto :)

      Elimina
  3. Non è mai troppo tardi o troppo difficile... è solo che non ci si vuole più provare, perché sono cose che si dicono quando si rinuncia. E dunque chiedo: è davvero necessario il dolore? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel mio breve racconto forse non si intende, ma il dolore è spontaneo, non te ne accorgi; arriva e lo senti. Non è necessario ma è inevitabile

      Elimina
    2. E allora deve finire lì, senza esitazione :)

      Elimina
  4. Pier, un po' ti capisco, ma aggiungo una cosa. Le situazioni negative ci sono, ma se noi le osservassimo bene potremmo trovare anche del positivo, della luce tra il buio. Lo scrivo perché anch'io ho fatto tante volte questo errore.
    Ti abbraccio! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì è importante guardare da più fronti ogni cosa. certamente qualcosa di positivo ne verrà.

      Elimina
  5. Pier, mi ha colpito moltissimo la bellezza del tuo scritto, che è innegabile, nonostante i toni altamente drammatici.
    Il contenuto è forte, scuote il cuore e l'anima.
    La fiducia è indubbilamente qualcosa che è alla base dell'amore, perchè hai voglia di dire che c'è l'amore...se la fiducia viene a mancare l'amore resta come sospeso a mezz'aria, senza radici.
    Il tuo pensiero finale, sul silenzio...quello mi fa riflettere. Intendi che il silenzio può creare come un muro oltre cui neppure la fiducia può andare? Forse, anzi probabilmente, si, è vero. Ma se si provasse a scalfirlo un pò, quel muro? Vale la pena tentare, Pier? Questo puoi saperlo solo tu. Pensaci magari.
    O è un concetto generalizzato, che non fa riferimento ad una situazione specifica?

    In ogn modo...un bacio, Pier. Ti voglio bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Maris!
      Sì, credo che il silenzio possa creare un muro. Diciamo che ci si può provare ad abbatterlo ma non sempre ci si riesce.
      Mi riferisco un po' ad entrambi. E' un racconto, ma questo è pur sempre il blog di Pier ;)

      Un bacione, ti voglio bene anche io!

      Elimina
  6. Le tue parole mi sono arrivate dritte in quell'angolo dove spesso non guardo... che dire Pier, credo che se non c'è fiducia, non si può chiamare amore... e che le foreste in cui ci perdiamo diventano poi l'habitat in cui diventiamo forti... coraggio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non c'è fiducia credo non ci possa essere proprio nulla...

      Elimina
  7. ma lo hai scritto tu? bravo pierino :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Amoon ma non lo trovo così ben scritto anche se ho provato a rivederlo!

      Elimina
  8. Mi hai fatto piangere.
    Love u little P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma noo :( mi spiace! Non volevo! Love u too

      Elimina
  9. tu, ho letto, non lo trovi così ben scritto...
    io non sono una che fa della tecnica la sua bandiera, ma questo post mi ha regalato delle vibrazioni assolutamente up

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie cara, mi fa piacere che comunque trasmetta qualcosa!

      Elimina
  10. L'amore e fiducia connubio perfetto di un frastuono soave,
    quando la fiducia viene a mancare,l'amore si placa e genera in un silenzio assordante.
    Questo è quello che ho colto io (perdona l'ossimoro).
    Magari non c'ho azzeccato, ma questo è il blog di Pier col commento di Betty.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai colto bene! E i commenti di Betty sono sempre ben accetti sul blog di Pier :*

      Elimina
  11. Mi perdo nelle tue parole, nei commenti sotto queste parole, nelle opinioni della gente e nei consigli così genuini di Maris (mia grandissima amica)..
    io non sono in grado di darti consigli di questo tipo Pier e credo anche che nessuno sia in grado di farlo.
    Certe decisioni e certe emozioni si provano e si superano da soli.. con la forza che si crea nel tempo, nelle persone che ci circondano e nelle nuove conoscenze..
    Tu hai bisogno di Amore puro. Questo lo sò.
    Sò anche che ti voglio bene e tanto.. ed arriverà 'sto c..o di sereno! Ne abbiamo tutti davvero di bisogno.. anche la foresta può sembrare meno "nera"!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti voglio bene anche io :) grazie mille per esserci sempre, tu, come Maris, siete sempre in prima linea no matter what, e questo è importante per me! un bacione!!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...