mercoledì 26 dicembre 2012

Pensieri da una cattiva digestione.

Avete presente quando un piatto di vetro cade a terra?
È un casino.
Si divide in mille frammenti.
Tantissimi.
Schegge acuminate.
In quell'esatto momento il mondo sembra fermarsi.
L'unica cosa che si muove è quel piatto.
Cade.
Subito dopo silenzio.
Come se il piatto volesse farsi notare.
Un piatto.
Vi pare possibile?
In quel secondo, l'unica cosa che vorresti è che nessuno abbia visto o sentito.
Che nessuno si sia fermato nell'istante in cui il piatto ha toccato il suolo, infrangendosi.
E cerchi subito di raccogliere i cocci.
Nessuno deve sapere nulla.
Però finisci per trovare pezzetti ovunque anche giorni e giorni dopo.
Questo é ciò che accade quando ti si spezza il cuore.
Il tuo corpo si riempie di schegge che pungono acuminate.
Puoi provare a raccoglierle ma rischierai di pungerti ogni volta.
L'unica strada è trovare qualcuno, potrebbe essere chiunque, che ti aiuti a raccogliere i pezzi e prenda meticolosamente i piatti dalla credenza.

Il problema è capire chi sia.

60 commenti:

  1. ed ogni tanto ritrovi qualche scheggia nel posto più inaspettato, e quando proprio pensavi che non ce ne fossero più...

    RispondiElimina
  2. e a volte si riesce a rimetterlo insieme...

    RispondiElimina
  3. E' verissimo :( Diavolo quanto capisco..

    RispondiElimina
  4. Cavolo Pier...mi hai fatto emozionare!
    La metafora del piatto che si infrange e delle tante schegge è incredibile. Hai reso l'idea perfettamente di ciò che capita quando si soffre tanto.
    Certo, non è facile trovare la persona giusta che ti aiuti a raccogliere tutte le schegge, ma stai certo che c'è. Quella persona ti si paleserà quando meno te lo aspetti. E sarà bello riconoscerla.

    RispondiElimina
  5. Ad un certo punto, però, si raccoglie l'ultimo pezzo. Succede sempre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dici? buh... dipende anche fin dove sei deciso a spazzare

      Elimina
  6. raccoglili da solo quei cocci, ma soprattutto poi buttali e non cercare di rimetterli insieme!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche questa è una via possibile, ma lo si deve volere sul serio!

      Elimina
  7. Indossa i guanti e mettiti al lavoro. Non è facile, ma ricordati che hai gli amici che ti possono aiutare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mmmm ti rispondo con un mio post http://pier-ef-fect.blogspot.it/2012/09/uno-nessuno-centomila.html

      Elimina
  8. E se desiderassi che ritornasse tutto come prima, prima che il piatto si rompesse? Se nonostante ci sia gente che ti aiuti a raccogliere i pezzi, non ci sia più la forza di prendere altri piatti?
    Non sono mica sicuro che basti semplicemente trovare qualcuno che ti aiuti a raccogliere i pezzi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si può desiderare! la forza dipende da te, ma non solo a volte può semplicemente venire da se stessa...
      non basta, ma può aiutare!

      Elimina
  9. Ci vorrebbe l'aspirapolvere, certe volte. Ma tutto quel baccano... Ti mando un bacione col soffio, magari spinge più in là almeno le schegge più leggere! :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille Irene per essere passata :*

      Elimina
  10. Quella persona arriva sempre, fidati! :)

    RispondiElimina
  11. Dicono che quella persona arriverà, un giorno. E io voglio crederci, perché sono un'ottimista cronica in fondo. Mi chiedo soltanto come si fa a riconoscerla. Chissà.
    Spero abbia passato un bel Natale nonostante questi pensieri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille! diciamo che è passato!
      Anche io penso che arriverà, o tornerà ;)

      Elimina
    2. Io spero più nelle novità! :)

      Elimina
  12. Sono io quello che prende i piatti dalla credenza per teeeee :D

    RispondiElimina
  13. i cocci sono tali e non se ne può far molto, manco piangerci su...

    RispondiElimina
  14. Difficile scrivere certi pensieri senza cadere nell'ovvietà, pur non essendo questi stati d'animo ovvi per nessuno. Mi hai trasmesso un'emozione leggendo queste righe. Ti ho davvero immaginato al buio con un riflettore puntato contro, un po' come quel piatto rotto nella tua immaginazione...un bacione..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un bacione anche a te!
      mi fa davvero piacere che un mio pensiero sia arrivato in maniera abbastanza chiara...

      Elimina
  15. Perchè trovare una persona che ti aiuti a trovare i cocci di un amore infranto quando potresti trovare una persona che concentra tutte le sue energie nel farti sentire il centro del suo universo? :)
    Sbarazzati dei cocci vecchi Pier, hai il diritto di mangiare in piatti nuovi e scintillanti e di non accontentarti di un servizio malconcio :)
    Un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahaha anche questo è vero! ma c'è da dire che possiamo anche avere un unico piatto... e per certo abbiamo un unico cuore....
      bacio :)

      Elimina
  16. I cocci per quanto tu possa raccoglierli sono sempre cocci,inutile aspettare qualcuno che ti dia una mano a rimetterli apposto...
    Ma sicuramente arriverà una persona che ti farà dimenticare completamente di quell' Amore andato in frantumi, scalderà nuovamente il tuo cuore e i pezzi dei piatti saranno solo un lontano ricordo...

    RispondiElimina
  17. e se quel qualcuno fossi direttamente tu? ;-)

    RispondiElimina
  18. il piatto cade e subito dopo silenzio ???

    se cade a me subito dopo parte con un rosario di tutti i santi e anche dei laici !!

    RispondiElimina
  19. Ma vafammocc tutt cos, tu sei troppo un bravo guaglione e meriti il meglio <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah non ci metterei la mano sul fuoco ma :*** grazie

      Elimina
  20. vedila così... si rompe un piatto.... ma di piatti ce ne è sempre bisogno.... finchè non si trova quello definitivo che non si romperà mai perchè troppo importante....
    hold on

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco questo risponde alla domanda di Principe Kamar! c'è sempre bisogno di piatti, purtroppo o per fortuna... benvenuto!

      Elimina
  21. No, va beh... ma se mi cade un piatto in terra io mica sto zitta e faccio finta di nulla... tiro giù tante di quelle bestemmie ;-P
    ...Dai su, dopo un po' di pezzi non ne trovi più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah non sei la sola a quanto pare :)
      speriamo!

      Elimina
  22. l'importante è che dall'albero di Natale non ti cadano anche le palle.. perchè li siamo fritti.. ricercarle poi diventa un'impresa ardua! ;D
    un abbraccio Pier, stai sù, miraccomando, sono già io un funerale.

    RispondiElimina
  23. anche a me è capitato il piatto per terra, e tutte quelle schegge minuscole sparse dappertutto... sono rimaste a lungo per terra, senza che la mia persona mi aiutasse a raccoglierle... poi ho deciso di raccoglierle da sola, e ho trovato inaspettatamente al mio fianco chi mi ha aiutato a farlo... nel momento in cui meno te lo aspetti, caro, quella persona ti aiuterà a rimettere insieme quel piatto, e non ti accorgerai mai quant'è semplice sistemarlo, con questa tua persona accanto!

    RispondiElimina
  24. I miei pezzi sono ancora a terra, ne ho raccolto qualcuno, ma da solo è difficile

    RispondiElimina
  25. Se le cose si rompono, magari si riesce a rimetterle insieme ma non sono più la stessa cosa... trovare però qualcuno che ti faccia compagnia in questi momenti potrebbe alleviare la tristezza del momento... :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. al momento by myself, in futuro si vedrà ;)

      Elimina
  26. i cocci del vetro vanno nel bidone verde, caro pier.
    poi vengono recuperati, riciclati e tornano ad essere piatti o bottiglie per chissà chi.
    ma tu nel frattempo avrai già un nuovissimo set di piatti indistruttibili.
    così ti auguro.
    buon anno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. qui in Sicilia non c'è la differenziata -.-
      ma se si potesse recuperare qualcosa?!
      Buon anno!

      Elimina
  27. Bella bella la metafora del piatto.. ci sono rimasto come un pesce lesso.. :S

    RispondiElimina
  28. io quest'anno ho già rotto due bicchieri

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...