lunedì 16 gennaio 2012

Mangia, Prega, Ama

Prendete una coppia: me e il mio ragazzo ( molto stanco).
Prendete un weekend a caso, piovoso e freddo.
Aggiungeteci parecchia noia, scarsa voglia di uscire e voglia di rilassarsi. 
Sommate il tutto ed ecco che si finisce per scartare DVD mai visti. Per noi è stato

Mangia Prega Ama


Trama: tratto dall'omonimo libro autobiografico, Elizabeth Gilbert ( Julia Roberts)  è una atea scrittrice in carriera e moglie affettuosa, che non si ritrova più nella vita perfetta che stava costruendo e decide di fuggire. Da amante dei viaggi nasconde sotto il letto una scatola con tutte le mete da raggiungere prima o poi, e tra queste c'è Bali. Passando per l' Italia per scoprire i piaceri del cibo, e l'India in cui ritroverà la sua vena spirituale, Liz 
raggiunge la meta tanto agognata in cui troverà l'amore di un caliente brasiliano ( Javier Bardem).

Qualcuno mi spieghi come fa un film pieno di stereotipi, banalità e i classici primi piano sul sorriso di Julia Roberts a guadagnar
e così tanto al botteghino! Due ore e un quarto in cui mancano momenti di riflessione, in cui una donna comune possa ritrovarsi. Una trama riassumibile in mezz'ora, senza colpi di scena, con dei vuoti di narrazione che fanno sembrare la protagonista una poco di buono. 
Chi ha capito perchè questa qui ha lasciato il marito? Perchè lui pensava ad un lavoro stabile e alla famiglia? Ah scusa cara se non pensa a mantenere il tuo sederone mentre tu viaggi per il mondo!
E perchè in un teatro è l'unica illuminata al punto tale da riuscire a flirtare con un attore sul palco?
Elizabeth si dirige a Roma e cosa troviamo? Ma ovviamente italiani gesticolanti, case fatiscenti nel pieno centro storico e piatti di spaghetti al sugo. Elizabeth va in India e cosa becchiamo? I classici quanto variopinti matrimoni in stile Bollywood. Ciliegina sulla torta affibbiano a Javier Bardem un doppiatore con una cadenza latina, perchè non bastano gli stereotipi messi in atto dalla storia stessa.  
Personaggi chiusi nella loro struttura, a cui è stata imposta una parte che non deve sgarrare di una virgola.
Mangio, prego e amo sperando paghino anche me così tanto.

Voto 6-

( scusa Amore, ma la prossima volta scelgo io il film )

3 commenti:

  1. Gli stereotipi sono troppo palesi. Eppure tutto sommato è uno dei pochi film poco impegnati che mi siano mai piaciuti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il problema è che si nasconde sotto le spoglie di "film impegnato" quando poi come dici tu lo è ben poco...

      Elimina
  2. Qualche bella riflessione c'è, a me piace tanto quella della lotteria in cui chi prega decide di comprare tre biglietti..."aiutati che dio t'aiuta"
    Però in effetti potevano approfondire, non hai neanche il tempo di ascoltarle che sono finite...come i grissini Torino XD

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...